Ecco le motherboard ASUS per Intel Sandy Bridge, full-optional e belle da vedere

17 Novembre 2010 1


Con l'arrivo del 2011, verranno presentati i nuovi processori Intel Sandy Bridge, il nome in codice della prossima microarchitettura di CPU che andrà a sostituire Nehalem, caratterizzati da un processo produttivo a 32 nanometri e compatibili con socket LGA 1155. Sarà quindi necessario, qualora si desiderasse aggiornare il sistema, cambiare anche la scheda madre.

ASUS ha svelato 17 differenti modelli della nuova gamma di motherboard con chipset Intel di sesta generazione che debutteranno tra dicembre e gennaio. Dieci di queste nuove motherboard utilizzeranno il chipset P67 che non offre supporto al core grafico integrato in Sandy Bridge. Sei utilizzeranno invece il chipset H67, questa volta con pieno supporto alla GPU integrata ed una sola il chipset Q67, maggiormente orientato al segmento business.

Tutte le nuove schede avranno l'EFI, il "nuovo BIOS", che in un'interfaccia grafica rinnovata offre maggiori funzionalità, supporta il mouse e consente di sfruttare hard disk con capacità superiore a 2,2 TB; disporranno di tecnologia USB 3.0 e di un modulo Bluetooth che permetterà di controllare i parametri ed eseguire l´overclock tramite smartphone compatibili con l'applicazione ASUS BT Go!.

Le schede madri di fascia alta (famiglia Deluxe) saranno dotate di una serie di tecnologie concepite per fornire stabilità al sistema in ogni momento, risparmio energetico costante, maggiori capacità di overclock e perfetta dissipazione del calore con monitoraggio continuo della temperatura di ogni singolo componente.

Tra le schede in arrivo c'è la Sabertooth P67 della linea TUF (The Ultimate Force), con componenti certificati per sostenere carichi e temperature elevatissime, rivestita da una particolare lega ceramica indicata come "Tactical Jacket" utile a far arrivare il flusso diretto dell'aria sui componenti.


La Maximus IV Extreme della serie Republic of Gamers Asus, ha quattro slot DDR3, quattro PCI Express x16 per SLI e CrossFire, quattro SATA 6.0 Gbps, quattro SATA 3.0 Gbps e 8 USB 3.0.


Le soluzioni P8P67 Deluxe e P8P67 Pro hanno rispettivamente tre e due slot PCI-Express x16, due SATA 6.0 Gbps e sei SATA 3.0 Gbps. Il primo modello ha due porte USB 3.0 sul pannello frontale.


La P8P67-I è infine una soluzione mini-ITX che non adotta il chipset P67. La scheda madre è fornita di due slot SO-DIMM, uno slot PCI-Express x16, due SATA 6.0 Gbps e due 3.0 Gbps. Presenti anche due porte USB 3.0, Gigabit Ethernet, WiFi, Bluetooth e uscite video D-Sub, DVI e HDMI.


Condividi


1

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Realizzato un display virtuale che crea forme fluttuanti nell'aria (video)

Superconduttore da record, con una forza di 3 tonnellate nello spazio di una palla da golf

Uno scienziato propone di costruire muri alti 300 metri, per fermare i tornado

Sharp realizza un pannello AMOLED da 13,3" con risoluzione 8K