Vitaminwater Bus Station Ads, la pubblicità che ricarica il cellulare!

17 Luglio 2011 2


Finalmente una pubblicità utile e che di sicuro gradirete vedere. Si tratta di un'iniziativa americana per coinvolgere tutti coloro che aspettano il bus e che magari hanno il cellulare scarico. Basterà collegarlo al tabellone pubblicitario e avrete corrente elettrica disponibile.

Vitaminwater ha installato "pensiline ricaricanti" a New York, Los Angeles, Chicago e Boston, con un una porta USB da 5 V. Utilizzando la porta, gli utenti possono caricare i loro telefoni, iPod, dispositivi di gioco e tutto ciò che può essere ricaricato tramite USB.

L'offerta di carica per i consumatori non è nuova. Samsung ha creato un qualcosa di simile negli aeroporti. Ma questo sistema nelle stazioni degli autobus è tutto nuovo e tra l'altro è distribuito sul territorio.

Una forma nuova di pubblicità in grado di stupire il consumatore e di renderlo felice. Un investimento importante ma potenzialmente redditizio. Di sicuro il consumatore quando inserirà la spina si ricorderà dell'azienda che gli ha permesso di farlo.

Condividi


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
massimo

Gia immagino...
- Napoli: migliaia di utenti ATAN col cellulare ultracarico, in attesa che arrivi l'autobus.
- Napoli 2: Chi ci attacca lo schermo per vendere i dvd, con annesso di bancarella. :laugh: :laugh: :laugh: :-D

Lele

Oh caxxo! Ho dimenticato il cell sotto carica alla fermata! :rotfl:
Ok, sorry per la volgarità. Comunque questa idea è davvero carina, utile, spero solo che si accorgano che una sola presa forse (soprattutto in megalopoli simili) rappresenta un numero meno che esiguo.

Sky TV e Sky Online in visione tramite tessere prepagate

Lanciata una petizione contro le funzioni "100Hz" dei TV

GoPro HERO, "il cambio di marcia": la Recensione di HDblog.it

GoPro HERO 4 BLACK: la Recensione di HDblog.it