Guinness trasforma un piccolo sottomarino in un bar esclusivo | Curiosità

21 Maggio 2012 2


Duecentocinquanta anni fa il produttore di birra Arthur Guinness firmava il contratto di locazione per il suo primo locale di Dublino, un posto di successo che ha segnato l'inizio per un marchio storico del settore. Per festeggiare questo evento, la compagnia Guinness ha deciso di fare le cose in grande personalizzando niente meno che un piccolo sottomarino, ribattezzato subito "deep sea bar".

150 mila dollari di investimento per trasformare gli interni in stile futuristico a trama golfistica, lavoro che ha portato a termine splendidamente lo Jump Studios di Londra. Per il restyling è stato utilizzato GRP (Glass-Reinforced Plastic) che costituisce l'intero guscio interno del sottomarino, materiale che soddisfa tutti parametri di sicurezza e assicura il massimo del confort ai fortunati ospiti.

Il guscio è stato fabbricato in sei diverse parti che mettono insieme i tavoli, posti a sedere e bar per cinque persone. La superficie interna è caratterizzata da bolle, incavi grandi come CD che possono essere utilizzati anche come porta bicchieri, altri ospitano invece i LED che danno al "bar" un aspetto più da club. Il sottomarino si trova attualmente nelle acque di Stoccolma, Svezia, e mostra fiero all'esterno il logo dell'anniversario numero 250.

Gizmag

Condividi


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Angelo Sbrissa

sbaglio o manca il bagno? se uno gli scappa che fa? :D :D
apre il bochettone? xD

zato78

La prima cosa che ho pensato appena ho visto la foto:
"Il Korova Milkbar vende latte più,
cioè diciamo latte rinforzato con qualche droguccia mescalina, che è
quello che stavamo bevendo. È roba che ti fa robusto, e disposto
all'esercizio dell'amata ultraviolenza."

Lanciata una petizione contro le funzioni "100Hz" dei TV

GoPro HERO, "il cambio di marcia": la Recensione di HDblog.it

GoPro HERO 4 BLACK: la Recensione di HDblog.it

Nilox F-60 Evo Action Cam: la Recensione di HDblog.it | Video