Parrot Zik, le cuffie audio wireless progettate da Philippe Starck, disponibili da luglio

24 Maggio 2012


Delle Parrot Zik, le cuffie audio wireless con controllo attivo dei rumori esterni progettate dal famoso Philippe Starck, ve ne parlammo già ad inizio anno quando videro la luce per la prima volta durante il CES tenuto a Las Vegas lo scorso gennaio, ed oggi finalmente siamo in grado di fornirvi maggiori informazioni a riguardo.

Le cuffie Parrot Zik offrono un design unico associato ad un'elevata qualità di ascolto grazie ad una concezione totalmente tecnologia con la quale sono state create: controllo attivo dei rumori esterni altamente performante, immagine musicale “spazializzata, pannello touch che agevola il controllo, sensore di presenza per la testa, sensore di conduzione attraverso la struttura ossea, cinque microfoni e un potente processore per il segnale digitale.


In quanto estensione per smartphone e tablet, Parrot Zik è dotato della tecnologia wireless per cui è compatibile con tutte le marche di telefoni cellulari disponibili sul mercato e può essere utilizzato con un ampio numero di sorgenti musicali: audio con stereo Bluetooth o attraverso cavi con mini jack a 3 ingressi per connettersi a tutti i sistemi audio e video. Non manca nemmeno la tecnologia NFC implementata grazie ad un sensore posizionato sull’auricolare sinistro.

Nel nostro paese le cuffie progettate da Philippe Starck saranno disponibili a partire da luglio ad un prezzo non ancora confermato ma che, probabilmente, non sarà dei più accessibili.

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Un ingegnere norvegese ha creato un robot a forma di sfera, capace di rotolare a comando e trasformarsi (video)

La stampa in 3D riprodurrà cellule tumorali per aiutare la ricerca

SRI ha realizzato micro-robot magnetici, molto veloci e capaci di operare in gruppo (video)

Scoperto un pianeta "cugino" della Terra, che potrebbe ospitare forme di vita (video)