Eyejusters: occhiali da vista auto regolabili per i paesi in via di sviluppo (video)

31 Maggio 2012


Chiunque abbia problemi di vista si rivolge periodicamente al proprio oculista di fiducia, riadattando occhiali e lenti a contatto alle esigenze del momento. Un'operazione scontata nella nostra società che ha ovviamente dei costi importanti non sempre facilmente sostenibili da tutti, pensiamo soprattutto alle popolazioni che abitano in zone in via di sviluppo dove il cambio delle lenti non è il primo dei pensieri.

A questo scopo una azienda britannica ha sviluppato Eyejusters, occhiali da vista particolarmente economici e dotati di una apposita rotella laterale per modificare a piacimento la correzione più opportuna.


Un vantaggio non indifferente per chi non si può permettere di cambiare occhiali di volta in volta, con alcuni semplici passaggi che spiegano come auto regolare le lenti, sviluppate con tecnologia chiamata SlideLens. Esistono due tipologie di lenti (una per presbiti e l'altra per miopi), con potenza variabile da +4.5 a 0 diottrie per lenti positive e da -5 a 0 diottrie per quelle negative.

Il costo è di circa 40$ e la distribuzione sarà concentrata verso paesi economicamente più svantaggiati. Si calcola addirittura che nel mondo ci siano circa 670 milioni di persone che necessiterebbero occhiali da vista ma non ne possiedono, e il 95% di loro si trova nell'Africa subsahariana. Un  numero impressionante spiegato anche dalla mancanza assoluta di oculisti nel territorio (1 ogni milione di abitanti rispetto al 1 su 10.000 di Europa e America del Nord).

Gizmag

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Un ingegnere norvegese ha creato un robot a forma di sfera, capace di rotolare a comando e trasformarsi (video)

La stampa in 3D riprodurrà cellule tumorali per aiutare la ricerca

SRI ha realizzato micro-robot magnetici, molto veloci e capaci di operare in gruppo (video)

Scoperto un pianeta "cugino" della Terra, che potrebbe ospitare forme di vita (video)