Turbine di 30 metri per sfruttare le correnti sottomarine (video)

18 Giugno 2012 6


Alcuni mesi fa cominciarono i primi test nel mare del Regno Unito per lo sfruttamento delle correnti e maree ai fini della produzione energetica; un progetto che sta cominciando a dare i primi frutti con le installazioni delle imponenti turbine che è già cominciata. A poca distanza dalle coste dell'isola di Eday (Scozia), porta d'ingresso verso il Mare del Nord, sorgerà ben presto un network di impianti capaci di produrre fino a 10 MW sfruttando le portentose forze delle acque.

Le strutture non si trovano a profondità eccessive, i costi di messa in opera sono già molto costosi e difficili, considerate le condizioni metereologiche proibitive in questa precisa zona d'Europa, la più adatta per lo sfruttamento dell'energia elettrica da correnti e maree. La prima turbina Strom HS1000 da 1 megawatt è già in funzione 24 ore su 24, con il completamento dell'intero parco atteso entro i prossimi 2-3 anni. Ecco alcune immagini della BBC:

Energia rinnovabile di estremo interesse ma che lascia aperte numerose questioni come la salvaguardia dei fondali e costi di smantellamento precisi in caso di dismissioni.

inhabitat

Condividi


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
MrSnurbs

Io preferisco che si spendano soldi per la manutenzione di turbine eoliche o di questo tipo rispetto a centrali inquinanti, anche se fossero maggiori.

L'unico modo per diminuirlo è usare queste tecnologie fino a renderle sempre meno costose grazie agli sviluppi.

Matteo Dal Bosco

Fantastiche!!

zafferano

Mi domando quali saranno i costi, di manutenzione, di simili impianti. Quelli dell'eolico sono molto alti(molto superiori a quelli preventivati).

noez88

nutro dei dubbi riguardo la manutenzione... il mare non PERDONA mai i metalli :(

gioka

No, sono troppo calmi, servono correnti molto intense e costanti che è in grado di fornire solo l'oceano e quella parte di mare specialmente, dove spesso si verificano forti tempeste e il mare è sempre molto mosso

Marco

Notevole! In effetti non avevo mai pensato all'utilizzo di turbine per sfruttare le correnti marine per produrre energie.. sotto qualche mare italiano si potrebbe fare?

Netflix: tempi non maturi per l'Italia, tra banda larga e timori per le emittenti

Cuffie Philips a IFA: ecco NC1,Fidelio M2 e Fidelio X2

Philips A1-PRO: le nuove cuffie da DJ | foto da HDblog

Philips B5: la soundbar con surround on demand si aggiorna