La Blu-ray Disc Association discute sull'implementazione dei formati a 48 e 60 fotogrammi al secondo

25 Giugno 2012


Per chi segue il cinema, la notizia di cambiamenti del numero di fotogrammi al secondo, contenuti nelle riprese cinematografiche, non sarà una novità: è da tempo noto che alcuni registi non vedono più di buon occhio il formato a 24 fotogrammi al secondo, che viene ormai ritenuto una reliquia del passato, un compromesso che sostanzialmente non ha più alcuna ragion d'essere in virtù delle tecnologie utilizzabili ad oggi.

Il formato attuale mostra effettivamente alcune limitazioni sotto certi punti di vista: anzitutto la fluidità non ottimale, causata dal basso numero di fotogrammi contenuti nella sorgente, in secondo luogo, sempre per le stesse cause, si ha una maggior presenza di motion blur, che riduce il dettaglio nelle immagini in movimento.

Il primo a rompere definitivamente gli indugi è stato Peter Jackson, utilizzando la tecnologia HFR (High Frame Rate) per girare il film Lo Hobbit, in uscita a fine anno, a 48 fotogrammi al secondo (anche se, stando ai risultati di alcune proiezioni a porte chiuse, non tutti gli spettatori hanno apprezzato la maggiore fluidità, che a detta di alcuni snatura la resa cinematografica). Jackson non è comunque il solo ad avere intrapreso questa nuova via: James Cameron, già pioniere del cinema in 3D, ha dichiarato che intende girare il sequel di Avatar addirittura a 60 fotogrammi al secondo.


Potremmo dunque trovarci di fronte ad un cambiamento radicale, che non può non riguardare anche il mercato dei supporti casalinghi, specialmente quella che è per antonomasia la miglior sorgente che è possibile sfruttare tra le mura domestiche: il Blu Ray.

A questo proposito la Blu-ray Disc Association si sta interrogando sulle possibili implementazioni di questi nuovi formati, oltre che sul supporto alla risoluzione 4K. Al momento nessuna di queste tecnologie sembra poter arrivare in tempi brevi. Per quanto riguarda il 4K, i problemi riguardano un aumento della capacità dei dischi ottici, nonché una maggior velocità di lettura, in modo da consentire un transfer rate più elevato senza contare che si dovrà aver a che fare anche con i nuovi codec. Si tratta, insomma, di definire le specifiche e soprattutto approntare nuovi hardware, dato che gli attuali lettori non sarebbero compatibili.

Complessa è anche la situazione sul fronte High Frame Rate: attualmente il formato Blu Ray non prevede la risoluzione 1080p a 60 fotogrammi al secondo, per ottenere pari fluidità occorre scendere a 1280 x 720, per le risoluzioni progressive, o 1920 x 1080 pixel interlacciati. Si dovrebbero, quindi, ritoccare sensibilmente le specifiche di base del formato, e si incontrerebbero nuovamente problemi a livello hardware. Non è meno complessa l'adozione dei 48 fotogrammi al secondo, che richiederebbe sostanzialmente lo stesso iter.

Per il momento, quindi, la situazione è in una fase di studio preliminare: il fatto che i nuovi formati vengano vagliati, onde capire se è possibile arrivare ad includerli nello standard, è sicuramente un fatto positivo, in quanto si tratta di possibilità aggiuntive, non resta che attendere per vedere come evolverà la situazione e se ci sarà spazio per una revisione dei supporti ottici in alta definizione.

via

Condividi


Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.

Un ingegnere norvegese ha creato un robot a forma di sfera, capace di rotolare a comando e trasformarsi (video)

La stampa in 3D riprodurrà cellule tumorali per aiutare la ricerca

SRI ha realizzato micro-robot magnetici, molto veloci e capaci di operare in gruppo (video)

Scoperto un pianeta "cugino" della Terra, che potrebbe ospitare forme di vita (video)