Panasonic Lumix DMC-FZ72: fotocamera bridge con zoom ottico 60x

18 Luglio 2013 21


Panasonic ha presentato una nuova fotocamera bridge, la Lumix DMC-FZ72. Il cuore di questo modello è costituito da un sensore High Sensitivity  MOS da 16,1 megapixel, abbinato al processore Venus Engine, capace di garantire una raffica di scatti a 9 fotogrammi al secondo a piena risoluzione, oltre al Light Speed AF. L'obiettivo è un F2.8-5.9, che insieme al sensore è capace di ridurre il rumore video del 10-15%.

La vera peculiarità della DMC-FZ70 risiede, però, nell'escursione dello zoom, capace di estendersi da un grandangolo di 20 mm, ad una focale massima di 1200 mm, con un moltiplicatore pari a 60x.

Il gruppo ottico consiste di 14 elementi, suddivisi in 12 gruppi, con 6 lenti e 9 superfici asferiche, oltre a 3 elementi ED (Extra-Low Dispersion). L'escursione dello zoom può essere ulteriormente ampliata, in digitale, ricorrendo alla tecnologia Intelligent Resolution, che porta il moltiplicatore a 120x. Per la stabilizzazione delle immagini è presente il POWER O.I.S. (Optical Image Stabilizer), disponibile anche durante la ripresa dei video, che possono essere catturati a risoluzione Full HD, sia in formato AVCHD che MP4. Durante la registrazione la fotocamera si avvale della tecnologia Dolby Digital Stereo Creator, per migliorare la qualità dell'audio, sfruttando anche il Wind Shield Zoom Microphone, per abbattere il rumore del vento fino al 70%.


DMC-FZ70 mette a disposizione dell'utilizzatore 15 filtri creativi: Expressive, Retro, Old Days, High Key, Low Key, Sepia, Dynamic Monochrome, Impressive Art, High Dynamic, Cross Process, Toy Effect, Miniature Effect, Soft Focus, Star Filter e One Point Color. I filtri possono essere applicati sia prima che dopo lo scatto, e alcuni possono anche essere utilizzati in sinergia con la funzione Creative Panorama. E' infine disponibile la modalità iA (Intelligent Auto) Plus Mode, che regola automaticamente i principali parametri per consentire una fruizione semplificata ai novizi.

Disponibilità e prezzo della DMC-FZ72 non sono ancora stati annunciati.

Aggiornamento: abbiamo provveduto a correggere la dicitura col nome utilizzato per l'Italia, ovvero DMC-FZ72.

via

Condividi


21

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabrizio Ranieri

Scusate l'ignoranza, ma mi pare di capire che la differenza tra DMC FZ72 - FZ70 e sostanzialmente solo nella sigla , una identifica il mercato italiano e l'altro quello internazionale. Per cui non ci sono modelli differenti. ( FZ72 / FZ72K / FZ70 sono tutti uguali?)

Daniela Caneschi

Utilizzo da anni bridge panasonic e mi ci trovo molto bene, tanto da non avere nessuna intenzione di farmi un corredo reflex, come invece avevo in epoca pre-digitale. . Non è solo una questione di costo, anche se ciò ovviamente questo aspetto non è di poco conto, quanto di peso ed ingombro. Con poco più di 500gr mi porto sempre in borsa una macchina che mi consente di affrontare il 99% delle situazioni, con uno stabilizzatore veramente efficace per cui è minimizzato il rischio di mosso anche in condizioni di luce critiche oppure con la zoom alla massima estensione.
Quando alla spesa, dire che il costo di una bridge di fascia alta è anche superiore a quello di una reflex entry level rischia di essere fluorviante, dato che è inutile comprarsi una reflex se poi ci si limita all'obiettivo con cui è venduto solitamente il corpo macchina.
Certo la qualità offerta dal sensore di una reflex per ora non è paragonabile, ma questo vale in assoluto solo per i professionisti che non possono accettare compromessi - per i semplici fotoamatori come la sottoscritta, le bridge costituiscono un ottimo compromesso.

Francesco Miranda

Io ho avuto in passato un FZ-45 e per certi versi la
rimpiango ancora.

Da un anno sono passato a una reflex (Nikon 5100) ma è vero che la qualità (indiscutibile) di una reflex la paghi.

Non credete a quello che vi dicono che con 500 ne prendete una.

Si per carità, ci sono anche modelli di quella fascia di prezzo ma non sono un granchè. E poi dovete mettere in conto le (plurale) ottiche.

O davvero pensate di poter fare tutto con il 18-55 che vi danno in kit?

Insomma sono due mondi diversi.

Le bridge (di fascia alta, sopra i 400 euro) sono delle ottime tuttofare.

Ve la portate appresso tutti i giorni e ci scattate in praticamente tutte le condizioni (un po' meno in notturna).

La reflex (non entry level) corredata da almeno un paio di ottiche vi permette di affrontare "con coscienza" il mondo della fotografia.

Ma mettete in preventivo un migliaio di euro tra corpo macchina, ottiche e borsa/zaino per portarvi tutto appresso.

Il mio consiglio?

Fatevi le ossa con una bridge. Se poi vi va stretta allora pensate a una reflex (con annessi e connessi).
Altrimenti restate con quella.
:-)

Nicola Buriani

Ti compri il corpo macchina e l'obiettivo a parte, fai prima se ti serve proprio un'ottica con zoom così generoso.

Marcomanni

È quale reflex viene venduta, o é disponibile da acquistare a parte, con un 24-mille qualcosa???

slvrkt

il 1020 e' piu' veloce della porsche 911

alexleon

fatti il nokiotto e vivi contento, ops..la nokiotta

slvrkt

1020 e' la marca migliore

cmq sei ot

IsaiahEdwards

la samsung è la marca più migliore della galassia

slvrkt

ma zoomati le mucche, va'. niente e' meglio del 1020.

slvrkt

la abarth ss, si

cmq e' LA porsche, quindi UNA porsche, non UN porsche

Dirlea Cosmin

Risposta soddisfacente :D

alexleon

si...e la 500 abarth è meglio di un porsche...

IsaiahEdwards

le bridge montano i sensori delle compatte (quasi tutte) con un potente zoom ottico. Prestazionalmente parlando non sono "una via di mezzo tra compatte e reflex" ma sono delle compatte con megazoom. Niente a che vedere con le repflex sotto il punto di vista prestazioni.

Parlando di prezzo ci sono bridge da 150 euro fino anche a 500 (ogni tanto oltre) una reflex entry level con obiettivo in kit la paghi intorno ai 4/500 euro.

alexleon

non si sa il prezzo, ma su queste macchine c è un abisso tra prezzi nei negozi e webstore, anche nell'ordine del 40%

alexleon

hanno spinto inutilmente le caratteristiche (marketing) , ma alla prova dei fatti un 60x su quel corpo macchina è semplicemente inefficace e ridicolo. l'apertura del diaframma non è costante, ed è la vera pecca di queste macchine. i controlli sono poco pratici, molto ma molto meglio quelli presenti sulla fz50 di 5 anni fa...tant è che faceva foto decisamente migliori.

il programma automatico è invece settato a puntino, in quasi tutte le occasioni imposta da solo i parametri migliori per quelle condizioni, salvo nei casi estremi ..ma dubito che uno che sappia lavorare in manuale prenda mai una bridge.

il peccato originale delle pana lumix sta nell aver tolto il focus manuale.

quando le si trova sotto i 300€ sono cmq la prima scelta per chi voglia una bridge...

IsaiahEdwards

che è peggio di galaxy zoom

Dirlea Cosmin

Ma non penso che questa sarà proprio economica tipo sotto i 300

alexleon

le bridge sono delle tuttofare che ti evitano di portarti in giro 10 obiettivi. per alcuni non sono ne' carne nè pesce, per altri fanno tutto cio' che serve. dipende dall uso e dalle aspettative.
ho la fz65 e come tutte le pana lumix è uno spettacolo, ma non aspettarti lo stacco di messa a fuoco tra un soggetto e lo sfondo che ti da la profondità di campo, per quello ci sono le reflex con buone e costose ottiche.

Nicola Buriani

Sì, esatto, nel senso che si posizionano idealmente a metà, ma non tanto come prestazioni, quanto a livello di alcune caratteristiche, vedi lo zoom ottico.

Dirlea Cosmin

Scusate la mia demenza, ma le bridge non erano a metà tra le compatte e le reflex, anche come prezzo intendo... Ripeto scusate ancora se ho detto una stronsata... Aspetto chiarimenti

Sky TV e Sky Online in visione tramite tessere prepagate

Lanciata una petizione contro le funzioni "100Hz" dei TV

GoPro HERO, "il cambio di marcia": la Recensione di HDblog.it

GoPro HERO 4 BLACK: la Recensione di HDblog.it