Google e Foxconn partner nello sviluppo di Robot

11 Febbraio 2014 7


Google non scherza affatto sul fronte della robotica, la cosa è stata chiarita oltre ogni ragionevole dubbio dopo l'acquisizione eccellente della Boston Dynamics avvenuta a metà Dicembre. Come sottolineato in quella occasione, la casa di Mountain View aveva già accorpato altre sette aziende minori impegnate in questo campo, messo insieme tutto questo know-how dunque cosa manca?

A differenza dal "blockbuster" Io Robot (2004) non esiste una US Robotics pronta a soddisfare un eventuale produzione di massa di simili terminali "Google", dieci anni fa non si era ancora manifestato lo strapotere cinese nella produzione di elettronica di consumo; pensiamo quindi alla Foxconn capace di generare un fatturato annuo di oltre 113 miliardi di dollari (2011) e mantenere una forza lavoro di circa 1 milione di persone, distribuite in tutto il mondo. Dal Wall Street Journal apprendiamo così che l'interlocutore di Andy Rubin, promotore della robotica proprio nella sua Google, pare sia stato di recente proprio il Presidente della Foxconn Terry Gou, sul tavolo una possibile collaborazione futura per lo sviluppo e produzione di robot presso gli stabilimenti della "Hon Hai". 


I colloqui sono cominciati da poco e come priorità per entrambe le parti ci sarebbe una creazione di nuova forza lavoro specializzata proprio nella robotica, campo in cui la stessa Foxconn ha da imparare; anche se, ricordiamo, a guidare il tutto ci potrebbero ovviamente essere le più valide menti della Boston Dynamics e altre simili neoacquisite. Alcuni analisti credono che Google possa fornire un nuovo sistema operativo per la gestione dei robot, da testare e produrre poi presso le linee della multinazionale taiwanese: importante particolare da sottolineare è che entrambe le società vantano un grande stato di salute e tanto denaro in cassa, due ottimi motivi per portare a termine gli obiettivi. Forse non a caso la Foxconn ha annunciato un investimento di 40 milioni di dollari per aprire un centro di ricerca e sviluppo in Pensylvania, USA.

Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Amazon a 158 euro.

7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
glukosio

io sono della generazione più nuova e mi sono beccato l'isdn e il 56k! che nostalgia! quando apriva una pagina si staccava la connessione per non spendere i megabyte! :D

alystra

Bhe e chiaro che la Robotica (che vogliamo o meno) rappresenta il futuro. Ma la vera l'incognita e (che credo non riguarderà la nostra generazione) : Una volta che abbiamo acquisito la tecnologia e l'esperienza necessaria per creare dei veri Android questi come saranno utilizzati ? Asimov insegna con le sue 3 oppure 4 leggi della Robotica. Per ora e una pura Fantasia ma sicuramente un giorno (lontano spero) la cosa puo diventare realtà.

Maurizio Mugelli

non mi pare di aver mai avuto un usr, anche se ovviamente me li sono fatti tutti, dai 300 bauds ai 9600, 14.400, 28.800 e 56k passando per isdn
dopo un po' riconoscevi a rumore che stava facendo il modem, che protocollo aveva trovato disponibile sull'altro lato e perfino la velocita' di donwload :D

R4nd0mH3r0

fu il mio primo modem 56k seriale. Che ricordi quando partiva la cantilena della connessione....

Maurizio Mugelli

la US Robotics esiste, faceva degli eccellenti modem analogici negli anni 80 <.<

Giorgio

Skynet in realtà è la Foxconn :)

Crocodilly

@ Redazione ..
http://mytech. panorama. it/Google-hangar-one-NASA-aeroporto-militare

Recensione Android TV Ultra HD TCL U55C7006: dotazione completa a meno di 1000€

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole

TV LG OLED 55E6V con webOS 3.0: la nostra recensione

TV OLED Sony KD-65A1: la nostra Recensione