Netflix dichiara guerra ai servizi che permettono di superare i confini territoriali

14 Gennaio 2016 260

Brutte notizie per tutti gli utilizzatori di proxy o servizi che permettono di sbloccare i contenuti di Netflix, superando i limiti imposti dal catalogo disponibile nel Paese in cui si risiede. Ad intervenire su questo punto è un intervento di David Fullagar, Vice President of Content Delivery Architecture presso Netflix.

Fullagar inizia scrivendo che, se i contenuti di Netflix fossero disponibili in tutto il mondo, non ci sarebbe la necessità di utilizzare servizi che permettono di superare i vincoli territoriali. Netflix è ora disponibile in 190 Paesi, ma c'è ancora molta strada da fare, prima di poter offrire gli stessi film e le stesse serie TV in tutto il mondo. Il colosso dello streaming è comunque sicuro di poter raggiungere questo obiettivo (evidentemente sul lungo termine). Per il momento si deve fare affidamento sul sistema vigente, che prevede di dover negoziare le licenze, per i vari contenuti, nei singoli Paesi. Netflix ha intenzione di continuare a rispettare (e di far rispettare agli utenti) questo sistema.

E' qui che cominciano le note dolenti: Fullagar scrive che alcuni utenti utilizzano servizi per accedere a contenuti indisponibili nel proprio territorio. Per impedirlo vengono impiegati strumenti in continua evoluzione (come del resto si evolvono i mezzi per superare i blocchi). Nelle prossime settimane, gli utenti che utilizzano i suddetti servizi potranno accedere unicamente ai contenuti presenti nel Paese in cui si trovano. Netflix si dice fiduciosa di non causare alcuna problematica a tutti gli altri utenti.

Fullagar conclude così:

Ci auguriamo di poter offrire tutti i nostri contenuti ovunque, in modo che tutti gli utenti possano sfruttare Netflix al pieno delle potenzialità, senza ricorrere a proxy. Questo è l'obiettivo che continueremo a perseguire.

Netflix ha quindi dichiarato guerra a tutti i numerosi servizi che consentono di eliminare il "geoblocking". A motivare la decisione potrebbero essere state le pressioni dei detentori dei contenuti, da sempre decisamente contrari a questo tipo di utilizzo (spesso definito come identico alla pirateria, almeno a livello concettuale). Nelle prossime settimane scopriremo se e quali conseguenze porterà questa dichiarazione.

Poca spesa per massima resa? Meizu m3 è in offerta oggi su a 113 euro.

260

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maurizio

però si perdono dei soldi
esempio, io vivo in Germania ma vorrei tanto vedermi i film in lingua italiana. Sarei disposto pure a pagare di più. Ma non è possibile. Quindi mi tengo i mei soldi.

abbobba

grazie

matteventu

Scusa per la risposta in ritardo lol
Comunque, mediamente mi fa dai 15 ai 20Mbps con VyperVPN attiva.

(Senza VPN 78Mbps)

Matteo Fringuelli

Da oscar.

StriderWhite

Non è solo questione di "giovinezza" del reato, il download illegale non è nemmeno percepito come tale, in molti (la maggior parte) dei casi!
Ed il fatto che il download illegale possa essere paragonabile al furto di un bene materiale è altresì fuori questione, infatti se rubando un disco fisico provochi un danno al venditore facilmente quantificabile, scaricando lo stesso disco dal web è alquanto più difficile da quantificare (non che non ci sia, sia chiaro).

p4bl0

basata sulle loro stime

takaya todoroki

Netflix non ha mai detto quanti abbonati ha in Italia.
Le tue sono solo ipotesi senza alcuna base.

p4bl0

è davvero difficile usare una calcolatrice?
è ovvio che non costano uguale ma in usa il 15% della popolazione (compresi i neonati) ha un abbonamento a netflix, in italia se va bene si arriva all'1%.
se sull'isola di pasqua che non arriva a 4000 abitanti si abbonano in 600 probabilmente ce la faranno a comprare molti più diritti che con 600.000 abbonati in italia

takaya todoroki

Stanno usando una blacklist che andranno a popolare man mano che le cose si evolveranno.

Il tutto diventerà completamente inutile quando si userà ipv6 (hai voglia a farti un DB con la blacklist..)

takaya todoroki

certo che glieli diamo noi i soldi, l'abbonamento costa uguale.
E i diritti nazionali costano in base alla popolazione eh, ma da sempre... LOL...
Secondo te i diritti per la Svizzera e per Gli USA costano uguale? LOL

takaya todoroki

Tu credi che i diritti di pubblicazione/streaming nell'isola di Pasqua costino come in China?

Davvero credi che non costino in proporzione al mercato?

Poveretti quelli dell'isola di Pasqua allora, non potranno mai permettersi di vedere nulla!

takaya todoroki

...e nel frattempo ogni contenuto che non si può più vedere lo si vede 'dall'amico', alla faccia dello sceriffo a cui non rimarrà che rosicare

p4bl0

Sì, sono d'accordo. Non ero d'accordo sulle uguaglianze mancato guadagno = perdita e copia = furto. Volevo solo chiarire questa cosa :)

Gianluca DS

Onestamente no, non te lo dirò, perché non ho idea di quante persone facciano uso di simili servizi... certamente non un numero enorme, siamo d'accordo. Per il momento. Ma se io lascio entrare dal retrobottega anche una sola persona ogni notte, prima o poi quella persona farà girare la voce.
Netflix deve arginare il problema adesso, PRIMA che la percentuale arrivi alla doppia cifra. Altrimenti le case di produzione non si fideranno più e preferiranno servizi concorrenti, o aumenteranno il prezzo delle royalty. Nel primo caso Netflix perderebbe utenti a causa di un catalogo sempre più scarno, nel secondo i suoi guadagni si ridurrebbero.
Non sei d'accordo?

Gianni Alberto Passante

l'industria musicale va a gonie vele? o sei scemo o non sai leggere i dati evidentemente perchè l'industria musicale è in una crisi spaventosa in tutto il mondo soprattutto per quelli non famosi, è tutto il contrario di quello che dici, ed è in crisi assoluta anche il cinema a meno che tu non guardi il giro di soldi di quei dieci film all'anno. l'industria è fatta di 99% di persone che non conosci, e la colpa non è di gente come me. ma di gente come te che semplicemente ruba. e non vale la scusa che non hai soldi perchè sono certo che se scrivi qui tu abbia i soldi per smartphone, internet, e quelli non li rubi, mentre la musica si.

p4bl0

Certo, adesso magari mi dirai che la percentuale di chi usa questo servizio sul totale di utenti netflix si avvicina alla doppia cifra... Siamo seri, non è che se esiste un servizio allora automaticamente lo usano tutti. O per continuare il paragone, anche se hai la porta aperta e qualcuno entra, non potrai vendere a quei pochissimi (che al 99% non avrebbero comprato comunque), ma a tutti gli altri sì

Gabriel.Voyager

Ma se questa è l'età d'oro delle serie, mai state così tante di così alto livello con così tanti registi famosi a realizzarle.

Gabriel.Voyager

Quindi ne fai una questione di giovinezza del reato?
Visto che il download illegale non è presente nei 10 comandamenti allora non può essere paragonato al furto?
Stai davvero affermando questo?

Gabriel.Voyager

E tu chi sei capran ovvio?
Benvenuto nel mondo reale

Gabriel.Voyager

Ma lol! Allora se non ti pagano lo stipendio fanno bene, tanto non hai perso nulla, semplicemente non hai guadagnato lo stipendio IN PIU che volevi :D

Gianluca DS

E invece non posso, perché chi dovrebbe pagare per fruire di quei prodotti si è introdotto nel retrobottega e col cavolo che paga per avere qualcosa che già ha...

p4bl0

in USA possono permettersi di comprare più diritti perchè hanno 45 milioni di utenti, nel resto del mondo 25 (in italia non si arriva di certo al milione). ti è più chiaro perchè il catalogo è inferiore?
e nonostante siano in perdita (fuori dagli USA) offrono un catalogo che continuano ad espandere.

p4bl0

Correggiamo il paragone: se qualcuno entra dal retrobottega e COPIA i tuoi prodotti (perché di questo si tratta, non di SOTTRAZIONE di cose) i soldi non ce li hai persi per niente, perché quei prodotti puoi ancora venderli.

Gianluca DS

Se vendo un bene a prezzo di costo è mancato guadagno. Se qualcuno entra dal retrobottega e si frega i miei prodotti ci ho perso il prezzo di costo. E non conta se ho venduto altra merce restando coi bilanci in positivo: se guardo a ciò che mi è stato sottratto, i soldi ce li ho persi eccome.

italba

Non so niente degli Apple ma direi proprio di si, al limite usandolo come remote desktop.

italba

Non consuma un botto, e comunque il display può rimanere spento.

Acquariocapri

Ho un MacBook Pro Retina (dici sarà la retina a consumare un botto?:)

Acquariocapri

Ah si? Funziona?

Desmond Hume

Barbone

GTX88

ahahah ma te vivi nel mondo dei sogni, l'industria musicale va a gonfie vele l'unico problema sono il numero eccessivo di cantanti e gruppi tutti uguali che si fanno concorrenza, le app e il software hanno sempre ottimi incassi, il cinema è massacrato dai blockbuster che guardacaso sono quelle più scaricate, le serie tv ormai sono a un livello talmente alto che con la televisione non hanno più a che fare se non come mezzo di fruizione, gli unici ebeti siete voi che vi preoccupate di chi non diventa ancora più ricco per colpa di gente che non ha soldi ;)

Blackhat Dog

purtroppo non sono più in italia ma gennaio scorso netflix non mi andava senza proxy.

StriderWhite

In realtà credo che la questione sia un pò più complessa: prima di parlare di equiparare download illegale al furto, bisognerebbe pensare ad educare le persone, soprattutto i più giovani, che probabilmente non comprendono a pieno la conseguenza dei loro gesti. Dato che la proprietà privata esiste da un bel pezzo, ed il concetto di furto di un bene è ormai consolidato da millenni, mentre la copia (o il download) illegale di vari media è una cosa molto più recente, e non può essere paragonato al furto.

asd555

Toh, se un giorno il weba avrà bisogno di uno sceriffo sapremo chi chiamare.

Gianni Alberto Passante

perchè rubi, se no devono darmi la possibilità di poter rubare, e allora viviamo in un mondo dove tutto è permesso

Gianni Alberto Passante

la pirateria ha distrutto l'industria musicale se non te ne sei accorto, abbassa a dismisura la qualità e il guadagno di chi produce app e software, ha massacrato il cinema e la qualità lo dimostra, come le serie tv di m..a che vi guardate, schiavi televisi inebetiti. generazione abituata a rubare e che vuole continuare a rubare.

Gianni Alberto Passante

no, ma rubi, come rubi altro. tu che lavoro fai. se facessi il falegname e venissi a rubarti una sedia non vorresti che io fossi denunciato?

Gianni Alberto Passante

in che senso, non posso sperare che chi ruba il lavoro e il sudore degli altri paghi? evidentemente sei tra quelli allora.

italba

ESAGERATO! ma che razza di computer hai, un Cray? Anche se è un PC fisso consuma meno del frigorifero.

Body123

Se magari avessi letto le condizioni..

Body123

Poi torna a casa e si fa il mutuo per pagare la bolletta dell'elettricità.

Body123

La stu*idit* italiana si è raccolta sotto questo articolo.

" IO DEVO "
" IO VOGLIO"
" NETFLIX DEVE "

Oooh, ma chi c**** siete? Per quei 7€ scarsi che gli date al mese? Non vi abbonate, chi se ne importa. Manco Netflix fallisse per voi.

Netflix Italia compra i diritti di Checco Zalone, PAGANDO, perchè sa che che in Italia le persone vorranno guardarlo.

Netflix India magari le persone guardano tutt'altro tipo di programmi, non guarderanno mai Checco Zalone perchè magari lì le persone preferiscono programmi diversi, ipotizziamo programmi di cucina.

Quindi in India comprano i programmi di cucina perchè il pubblico indiano vuole quelli, in Italia comprano checco zalone perchè il pubblico italiano vuole questo.

CI ARRIVATE SI O NO ?

E se io viaggio in tutto il mondo? Sì come no, te vorrei proprio vedere che ogni giorno fai il giro del mondo ma pure se fosse..Non ti abbonare! Semplice. Non è il servizio adatto a te, ma semplicemente PER LE LEGGI CHE CI SONO (e le leggi non le fa Netflix ma gli Stati Uniti e l'Europa) non può esistere al momento un servizio come lo volete voi.

italba

Lascia acceso il computer a Londra e adoperalo come "proxy".

italba

In effetti la "rottamazione" dei vecchi CD e DVD in cambio dei nuovi supporti non sarebbe una cattiva idea, dal punto di vista commerciale. Solo commerciale, comunque, perché se c'è un nuovo supporto c'è sicuramente una differenza tecnica nel contenuto (maggior risoluzione, differenti contenuti aggiuntivi, ecc.). Il prezzo del supporto fisico non è sicuramente un problema, costa poche decine di centesimi DVD o Blue-ray che sia. Quello che gira in TV è tutt'altro che gratis, le televisioni continuano a pagare i diritti ogni volta che trasmettono un film, fino a 70 anni dalla morte dell'autore, secondo la legge italiana.

Body123

Sei tu una presa per il c**o .. VIVENTE !

Body123

E' dal 2012 che leggo sta storia del roaming, e siamo al 2016. Ogni anno rinviano. Vuoi vedere che a dicembre diranno "non siamo ancora pronti, per l'annullamento del roaming in Europa ci rivediamo nel 2020" ?

Oliver Cervera

Diciamo che se si mettono di impegno e controllano gli IP dei servizi VPN più utilizzati, potrebbero bloccarli, ma questi servizi hanno un largo range di IP e non ci metterebbero nulla a cambiarlo.
In ogni caso, usare un VPN non implica per forza che tu lo stia usando per cambiare nazione (parlo in termini generali), l'utilizzo più frequente è quello di oscurare il proprio indirizzo IP (Esempio, torrent)

Florosco

Miei soldi valgono tanto come quelli degli americani. E voglio il giusto per quel che pago. Non di più ma neanche di meno.

a'ndre 'ci

come no, è scritto nei TOS...

Acquariocapri

Assolutamente no

sardus

inoltre la sessione via proxy è facile da identificare, quella tramite VPN la vedo effettivamente dura.

GoPro Hero 5 BLACK: quasi perfetta | #RECENSIONE

Recensione Parrot Disco, il drone ad ala fissa per riprese aeree

Magic Leap: il futuro è nel Mixed Reality | Video #Storie

HDblog @ PHOTOKINA 2016: Live Blog continuo