Netflix ha iniziato a bloccare i servizi che permettono di superare i confini territoriali

22 Gennaio 2016 48

Netflix lo aveva dichiarato circa una settimana fa, utilizzando le pagine del proprio blog. I servizi che permettono di superare i confini territoriali, ovvero proxy, VPN ed i cosiddetti "unblockers", non avrebbero più avuto vita facile. Il testo faceva riferimento alle "prossime settimane" e così è stato: sono infatti arrivate le prime segnalazioni di utenti non più in grado di accedere a Netflix, quando vengono abilitati i servizi utili per superare il "geoblocking" (i blocchi relativi al Paese dal quale ci si collega).

Il messaggio visualizzato è il seguente:

You seem to be using an unblocker or proxy. Please turn off any of these services and try again.

Ad inviare le prime segnalazioni sono stati soprattutto gli utenti Australiani, da sempre uno dei Paesi con la più alta diffusione degli "unblockers". In realtà, scorrendo i forum in rete, oltre alle pagine internet dei vari servizi attivi, si può notare facilmente come le segnalazioni non sembrino limitate all'Australia, ma si presentino, a macchia di leopardo, a vari utenti (apparentemente non ancora molto numerosi, nel momento in cui scriviamo: la situazione potrebbe però evolvere rapidamente).

E' quindi tempo di scrivere la parola "fine" su questo tipo di servizi? In realtà sembra molto presto per dirlo: una delle piattaforme utilizzate dagli australiani, uFlix, ha già riconosciuto il problema e, in poche ore, ha già messo in campo le prime contromisure, come si può leggere da questo messaggio inviato tramite Twitter:


Anche altri "unblockers" sembrano già al lavoro, per arginare le problematiche segnalate dai primi utenti colpiti ed evitare che i blocchi riescano a raggiungere la maggior parte degli abbonati (l'avvertimento di Netflix, del resto, doveva aver messo tutti i diretti interessati in allerta). Difficile fare una previsione su come evolverà la situazione, nel prossimo futuro, ma non ci sorprenderebbe se la questione dei blocchi divenisse una rincorsa continua, tra Netflix ed i fornitori dei servizi.

L'attuale situazione ci sembra comunque una palese dimostrazione di come l'attuale modello per la distribuzione dei contenuti sia ormai obsoleto. Le colpe non sono da imputare a Netflix (che, anzi, avrebbe tutto l'interesse ad offrire lo stesso catalogo in tutto il mondo, ampliandolo il più possibile), ma alla cessione delle licenze, ancora fortemente legata ad una gestione nazionale, anche per via delle esclusive territoriali: emittenti televisive e servizi in streaming sono ovviamente disposti a pagare somme più elevate, se possono disporre di contenuti pregiati, escludendo tutti i concorrenti. Il modello appena descritto è in netto contrasto con il processo di globalizzazione che ha investito tanti altri aspetti della vita quotidiana. E' evidente che molti utenti vorrebbero pagare per poter accedere a determinati contenuti, ma, stante l'attuale sistema, sono impossibilitati a farlo (bisogna anche considerare che alcuni contenuti non sono disponibili in determinati Paesi, su nessuna piattaforma o servizio), se non ricorrendo a vie "non ortodosse", come gli "unblockers". Fortunatamente qualcosa sta cominciando a cambiare: Netflix è riuscita ad assicurarsi alcune licenze a livello globale, e anche se quantitativamente il numero è molto basso, è comunque un inizio.


Le contraddizioni sono molte ed evidenti: possiamo fare l'esempio di chi si reca all'estero, magari per lavoro (e quindi di frequente). Teoricamente non sussisterebbe alcuna problematica nell'accedere al catalogo presente nel Paese di residenza, ma al momento non è possibile farlo. Chi si reca all'estero è costretto a visionare i contenuti disponibili nello Stato in cui si trova in quel momento. Viene quindi negato l'accesso ai contenuti per i quali è stato pagato l'abbonamento (fortunatamente, anche da questo punto di vista, qualcosa comincia a muoversi). Sottolineiamo anche il fatto che, nel momento in cui il supporto fisico ha abbandonato ogni tipo di blocco (gli Ultra HD Blu-ray potranno essere riprodotti ovunque, indipendentemente dal Paese in cui è stato acquistato il titolo o il lettore), per lo streaming ci si muove (ancora) nella direzione diametralmente opposta. Riteniamo comunque che, nonostante le resistenze dei detentori dei diritti, la strada sia ormai tracciata: la distribuzione dei contenuti sarà sempre più regolata a livello internazionale, come dimostra anche Sky, ormai proiettata verso una struttura paneuropea. E' solo questione di tempo: come è stato per la musica, ormai fruita prevalentemente in forma "liquida", anche per i contenuti video si tratta di superare modelli di business ormai desueti.

Una scelta che vi fa onore? Huawei Honor 5c, compralo al miglior prezzo da Monclick a 189 euro.

48

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ratchet

Ovvio..

Thomas Turbato

Son del vostro stesso avviso peró spesso mi chiedo, se fossi un regista e mi prendessero il mio film, dal quale devo tirar fuori dei ricavi, e lo mettessero free su internet, un po' mi turberebbe, no?

Ratchet

La libertà sta scomparendo..

sgru

in realtà è stato abbastanza chiaro, credo che tu abbia letto male:"ok non far vedere la roba di cui non disponi i diritti in quel determinato paese, ma almeno lascia scegliere la lingua all'utente". Rileggi e capirai, ed ha ragione.

Filo

Purtroppo si sta chiudendo sempre di più e controllato sempre più dai governi....

Ratchet

E Internet sarebbe un posto libero??

Andhaka

Ah, non le avevo ancora notate.. tengo tutto in inglese in automatico.

Come non detto allora e grazie per l'info.

Cheers

GTX88

sei tu che parli tanto per

Giardiniere Willy

Se Netflix ha davvero a cuore gli utenti può anche bloccare gli unblockers con meno impegno, in modo da dimostrare che sta affrontando la cosa, ma non riesce a tenere testa alla situazione. Se invece, si mette d'impegno, beh, allora è stronz@

GTX88

si può scegliere dove? in germania puoi scegliere l'italiano? o in italia il francese?

OutOfUser

Anche i sottotioli sono soggetti a diritti regionali, e capita spesso che debbano usare quelli forniti dalla casa produttrice/di distribuzione senza poterli cambiare/migliorare.

takaya todoroki

1) L'unico interesse di netflix è prendere gli euro di abbonamento, quindi se uno si abbona dal paese 'sbagliato' è un vantaggio per loro.
2) chi reputa di essere imbrogliato è il detentore dei diritti che è stato pagato per un territorio e giudica 'pirata' la trasmissione altrove.
3) la multa per una legge che non esiste non si può fare, l'unico che può procedere contro Netflix è il detentore dei diritti che dovrà dimostrare il danno in tribunale e dimostrare che Netflix non ha fatto nulla per evitarlo, poi il giudice deciderà eventuali risarcimenti

takaya todoroki

se usi TOR non può vedere che sei in Italia.

Probabilmente si limita ad usare il tuo catalogo di default.

takaya todoroki

Netflix lo sa perfettamente che è una rincorsa infinita e che di fatto chi vorrà continuare a bypassare i blocchi riuscirà a farlo.
Ma non è affatto preoccupata, anzi... lo scopo di Netflix è fare contenti i signori del copyright.

Nix87

Invece guardando bene in alcune serie TV o anche Film si può scegliere più di una lingua, ad esempio con Breaking Bad esce pure francese, spagnolo e Tedesco...Questo su Netflix Italia.

Simtopia23

Dovrebbero creare un'offerta per chi viaggia.

valerio

Quello sì, ma perchè vede che sono in italia, se ne è accorto anche attraverso Tor.

Adriano

Puoi provare ad entrare in netflix di un altro paese però e vedrai che senza proxy ti ridirige in automatico a netflix Italia.

valerio

A me sembra di aver capito funzioni così, comunque sono troppo lontano dal confine per verificare empiricamente.

Andhaka

Beh, questo è purtroppo ovvio. Avendo il servizio impostato a livello nazionale ci sarà la lingua locale e l'originale, per cui in Spagna ci sarà sono spagnolo e inglese.

Molto probabile che non abbiano i diritti per fare il master italiano in un altro paese o che serva pagare extra (onestamente non so le regole precise).

Cheers

Adriano

Non credo che funzioni... Devi creare un nuovo account, perché i prezzi cambiano da paese a paese.

valerio

Anche netflix, ma se lo avvi in Germania visualizzi i contenuti legalmente visualizzabili in Germania.

Squak9000

No perchè per esempio infinity riesco a vederlo in tutta europa...

valerio

Netflix resiste a tor, alla fine mi fa vedere in italiano anche con poxy in culonia

Nicola Buriani

Ah certo, cambiare normative è possibile, non a caso ne ho fatto riferimento anche nell'articolo (si parla almeno di chi si trova all'estero temporaneamente).
Però non potrà comunque cambiare tutto dall'oggi al domani: sono già in essere contratti di esclusiva pluriennali, non si possono cancellare per legge.

Adriano

Ma anche tu non puoi impostare la lingua tedesca o francese ad esempio.

Adriano

No, multa no. Ma imporre a questi servizi di cambiare regole sì. Se voglio comprare una BMW e in Germania mi fanno pagare la stessa vettura 50.000€ in meno, ho il diritto di comprarla in quel paese e portarla in Italia senza pagare 1 solo centesimo. Stesso discorso dovrebbe valere anche per Netflix.

valerio

Non ho mai parlato di altri stati, lui ha negato la possibilità di cambiare lingua, io ho fatto notare che la lingua si può cambiare.

Alberto bille

ciao,mi sa che ha ragione GTX88 ,metti che io italiano vivo a londra ,ovvio che se faccio netflix come lingua originale ho inglese ,e non e detto che ho anche l'italiano .ho fatto le prove sono andato in spagna netflix spagnolo e in nessuna serie c'ere l'italiano

Nicola Buriani

Se speri in una multa, ti consiglio di non trattenere il fiato nell'attesa.

Adriano

Ora metto il tuo commento tra i favoriti... Tra 6 mesi ti dirò: "te l'avevo detto" :D

camo

complimenti per il minestrone. SKIAVI DELLA MERKELLLLL hai dimenticato!

Nicola Buriani

Veramente no :).
Tanto è vero che la legislazione non è armonizzata sotto tanti punti di vista (fiscale, ad esempio).
Ad oggi una norma per un mercato unico non esiste, del resto, se esistesse, di cosa dovrebbero discutere?
In assenza di una norma tu vorresti multare qualcuno per avere infranto cosa, esattamente?
Ti faccio anche notare che, se anche domani venisse approvato il mercato unico, non verrebbero di sicuro cancellate tutte le licenza acquistate fino a oggi: la norma avrebbe validità "pro futuro".

Adriano

Ti rispondi da solo?
Ora va in Austria e abbonati a Netflix in quel paese. Prova poi a impostare la lingua italiana.
Quando te ne esci così, mi chiedo se hai mai provato Netflix in altri paesi o se parli tanto per.

Adriano

L'Europa sarà uno Stato di diritto. L'UE non lo è mai stato! La democrazia non esiste, esiste solo quello che viene imposto e dettato dalla Germania (ma è un altro discorso). Le basi dell'Unione Europea impongono stessi diritti ad ogni cittadino, indipendentemente da dove questo abita o proviene. Se io, cittadino Italiano, voglio andare in Germania devo poter avere gli stessi diritti come qualsiasi altro cittadino tedesco. E questo non avviene con Netflix.
Che poi venga bloccato al di fuori, è normale, ma all'interno dell'EU non possono esserci discriminazioni del tipo: "solo questo paese può averlo".

Nicola Buriani

Multano per una norma che non è in vigore? Mi risulta che l'Europa sia ancora uno Stato di diritto.

Posto che, anche quando l'Europa farà qualcosa a livello di mercato unico, tutto quello che è fuori continuerà ad essere bloccato.

Adriano

La commissione europea sta già lavorando a questo problema. La multa ci sta tutta :D

torrentfreak. com/eu-proposal-bans-netflix-style-geo-blocking-and-restrictions-151209/
Se l'Europa deve essere unita, non puoi dare qualcosa solo ai tedeschi e impedire agli italiani di poterlo avere. E' contro le regole europee.

valerio

Quando la gente se ne esce così mi chiedo se lo ha mai provato o se parla tanto per

Nicola Buriani

Multa? Per cosa scusa?
Qui non è questione di legge: nessuna legge impone di vendere i diritti nazione per nazione.
Il problema è che il modello di business è quello, quindi quando vai a negoziare i diritti è praticamente certo che vorranno venderli solo per determinati territori, tanto più che la licenza per distribuire quel determinato contenuto potrebbe già essere stata venduta ad altri servizi, in Paesi diversi.
Netflix non può farci niente: se qualche Major o qualche servizio nazionale ha protestato (magari facendo pressioni indirette sulle Major), Netflix o dimostra di provare a fare qualcosa per far rispettare i limiti delle licenze che detiene, o rischia conseguenze, sia a livello giudiziario, sia nei rapporti con le stesse Major.

valerio

La lingua si può scegliere

Adriano

In tutti!

Adriano

Sarà una zona grigia... Persino la Sky "perde" le chiavi una volta all'anno, facendo vedere tutti i canali per 3 mesi. Di solito queste tattiche fanno guadagnare soldi, non perderli. Sanzioni non li prendi dai produttori, se ci sono hacker in giro. E' un po' come scaricarsi i divX... Lo combattevano all'inizio, poi hanno scoperto che chi scarica i film è più propenso ad andare al cinema quando ci sono film belli. Persino su Windows, puoi indicare il tuo paese e quasi tutti all'estero impostano "Italia" per avere Cortana. Perché un italiano non può vedersi i canali italiani se è all'estero? Non ha senso, i diritti li pagano in base alle persone che guardano un canale, non in base alle persone presenti in quel paese con questi sistemi!

GTX88

cmq anche quelli di netflix sono un po' str.... ok non far vedere la roba di cui non disponi i diritti in quel determinato paese, ma almeno lascia scegliere la lingua all'utente

Squak9000

Ma tipo: Netflix Italia in quale paese è bloccato?

valerio

Il fatto è che i diritti sono comprati nazione per nazione, se non fanno nulla per impedire che io italiano guardi qualcosa sul loro portale in Italia per cui loro non hanno pagato i diritti rischiano sanzioni dai produttori del film/serie

Adriano

Quante balle che scrivete!!! Come se Netflix non abbia l'interesse a bloccare i proxy!!! Certo che lo bloccano perché é loro interesse farlo, non perché una corte suprema glie l'abbia imposto! E' ora che l'UE gli dia una bella multa di un paio di miliardi, poi vedi come sia possibile abbonarsi ad un paese e non ad un territorio!
In Svizzera posso solo vedere i film in lingua tedesca e francese... A cosa mi serve se la mia lingua (che é poi una lingua ufficiale e nazionale) é l'italiano?

Alex

Qualcuno sa come aggirare questo blocco ? Per chi viaggia all'estero e vuole vedere netflix Italia senza più vpn che funzionino è obbligat vedere il catalogo del paese senza magari la lingua in Ita.

Fra86

Una guerra senza fine, perché tanto i cosidetti servizi che abbattono i confini territoriali faranno un fix per arginare i controlli di Netflix e così via.

DJI Phantom 4: la nostra recensione

Twin registra video a 360° in 3K a 249€: anteprima Computex | Video

L'Europa pronta ad imporre una quota di produzioni europee ai servizi in streaming

Meizu HD50 cuffie Hi-Fi: la nostra recensione