Pentax annuncia la reflex K-70 con Pixel Shift Resolution System

12 Giugno 2016 17

Pentax ha annunciato la reflex K-70, un modello dotato di un sensore CMOS da 24 megapixel in formato APS-C. Il processore d'immagine PRIME MII consente di catturare immagini a 14-bit e di scattare raffiche a 6 fotogrammi al secondo. La sensibilità si estende da ISO 100 a ISO 102.400. Il corpo della K-70 è stato costruito per resistere a temperature fino a -10°C, a polvere e condizioni climatiche difficili.


L'autofocus utilizza un modulo SAFOX X con 11 punti di rilevazione, 9 dei quali sono a croce. La messa a fuoco automatica è in grado di operare fino a -3EV e utilizza un algoritmo migliorato per l'inseguimento di soggetti in movimento. La riduzione delle vibrazioni è affidata al sistema Shake Reduction. La nuova reflex è inoltre dotata dell'AA Filter Simulator (non è presente un filtro antialiasing) e del Pixel Shift Resolution System, già presente su altri modelli.


Il Pixel Shift Resolution System cattura quattro immagini, tutte riferite alla stessa scena, spostando (tramite lo Shake Reduction) il sensore di un singolo pixel per ogni immagine scattata. Le immagini vengono poi ricomposte, ottenendo un'unica fotografia. Rispetto ad un sistema Bayer convenzionale, nel quale ciascun pixel dispone dei dati relativi ad un solo colore, il Pixel Shift Resolution permette di ottenere i dati relativi a tutti i colori, per ciascun pixel. Il risultato sono immagini a più elevata risoluzione, capaci di riprodurre colori più fedeli ed un maggior numero di dettagli.

La ripresa dei video non offre particolari spunti tecnologici: i filmati possono essere registrati a risoluzione Full HD fino a 30 fotogrammi in progressivo o 60 interlacciati, sempre in H.264. Con Interval Movie si possono catturare sequenze di immagini a risoluzione 4K per realizzare time-lapse alla stessa risoluzione. Il mirino ottico è un pentaprisma con copertura del 100% del campo inquadrato, mentre sul retro è presente uno schermo LCD orientabile da 3" con una risoluzione pari a 921.000 punti.

Completano la dotazione la connettività Wi-Fi, il modulo GPS opzionale, una porta micro USB 2.0, un'uscita mini HDMI e l'ingresso microfono. La K-70 misura 126 x 93 x 74 mm e pesa 688 grammi. L'uscita è prevista per Luglio, al prezzo di 649,95 dollari.

Il piccolo della gamma Xperia con un grande cuore? Sony Xperia Z5 Compact, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 503 euro oppure da Amazon a 707 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Guido

Se fotografi case o oggetti, non è difficile ottenere una risposta positiva :)

Guido

Non è proprio così. In studio fai foto anche a nature morte, oggetti, ecc. ecc.. In questo caso il pixel shift è un di più importante e i professionisti possono andare di top gamma Pentax se interessati....

Il pixelshift non ha mai sfondato semplicemente perché a Canon e Nikon non conviene svilupparlo (e comincerebbero da 0). Si tratta di una tecnologia che si basa su quella della stabilizzazione in camera. Canon e Nikon stabilizzano sulle ottiche. In alcuni generi di fotografia (nature morte, architettura) il pixel shifting permette alla K-1 (non alla K-70, ovviamente) di superare alla grande la d810 (con cui condivide il sensore). Come fotocamera...... semmai, chez Pentax per questo tipo di foto (vedi l'architettonica) non si trovano spesso le ottiche più adatte.

boosook

beh, ma penso che l'hardware sia lo stesso del sensor shift...

CariatideX

Si, se fotografi oggetti immobili. Già con modelli e modelle avresti dei problemi, senza considerare il fatto che ha delle limitazioni nei tempi di posa.
Magari per le foto in studio fatte da professionisti, si deve andare su un'altra fascia di prodotto, come le top di gamma sony, canon e nikon.

CariatideX

Si, il pixel shift è in giro da un po', però non ha mai sfondato veramente per via dei vari limiti di utilizzo.
Sul fatto che sia meglio averlo, non avendo un impatto così eclatante sulle foto, mio nonno direbbe che quello che non c'è non si rompe...

CariatideX

Invece da varie prove sul campo, pare proprio che questo sistema, anche con piccolissimi movimenti dia dei risultati veramente pessimi.
Il sensore ed il corpo macchina di per sé non sono male. Anzi per la fascia di prezzo sono ottimi.

fausto madrepavia

è comunque un qualcosa in più quando si può usare, e pare che il software che unisce le foto riesca anche a comportarsi abbastanza bene con le zone soggette a movimento

boosook

hai ragione, l'ho confuso col sensor shift, fra l'altro la sapevo anche questa cosa del pixel shift, che e' in giro da un annetto almeno. Beh, e' comunque qualcosa che e' meglio avere che non avere, no? ;)

ramones1985

.....sostituirà la Mia K-50 fra un paio di anni però eheh

Bat13

Anche per foto in studio secondo me

CariatideX

Il pixel shift non è un sistema di stabilizzazione. Quello è lo shake reduction. Leggi l'articolo, c'è tutto spiegato.

boosook

Un peccato che le pentax siano cosi' poco considerate, perche' offrono un rapporto fra prezzo e prestazioni/qualita'/funzionalita' veramente buono.

boosook

in che senso? vale per qualsiasi stabilizzazione ottica, che sia pixel shift o nell'obiettivo...

IlRompiscatole

Basta chiedere al mondo di star fermo per 4/6 di secondo, che sarà mai ^_^

B3K

È la prima Reflex che mi piace come design! forse è per quei cerchi verdi..

CariatideX

Pixel shift ha campi di utilizzo veramente limitati.
Va bene se si fanno paesaggi (sperando che non ci sia vento....)

bliss

Pixel Shift tanta roba

Recensione Zhiyun Crane, stabilizzatore elettronico per reflex e mirrorless

FUJIFILM GFX 50S, X-T20 e X100F: prime impressioni | Foto da HDblog

Droni: regolamentazione, guida al volo, patentino, posizione Enac #report #regole

Recensione GARMIN VIRB ULTRA: parola d'ordine Telemetria | Video