Vivendi tenta la scalata a Mediaset - quasi raggiunta la quota del 30%

22 Dicembre 2016 546

Aggiornamento 22/12/2016:

La scalata di Vivendi a Mediaset procede come da programma. La compagnia francese ha già ottenuto il 28,8% delle azioni e il 29,94% dei diritti di voto. Siamo quindi ormai ad un passo dall'OPA (Offerta Pubblica di Acquisto) obbligatoria. Nel mentre la Consob ha avviato le audizioni delle due parti in causa. Oggi è stato ascoltato Marco Giordani, direttore finanziario di Mediaset e presidente di Premium. Domani sarà la volta di Arnaud De Puyfontaine, l'amministratore delegato di Vivendi. Segnaliamo inoltre un incontro tra Consob e AgCom per esaminare la vicenda sotto il punto di vista normativo (molto complesso poiché coinvolge vari settori).


Aggiornamento 19/12/2016:

La situazione è ulteriormente mutata. Vivendi ha dichiarato di voler aumentare ulteriormente la propria quota. L'obiettivo è ora fissato al 30%. Andando oltre scatterebbe l'OPA (Offerta Pubblica di Acquisto) obbligatoria. Ad autorizzare l'operazione è stato il consiglio di amministrazione di Vivendi. Fininvest (la controllante di Mediaset) non è comunque rimasta inerte. E' stato infatti presentato un esposto alla Consob riguardante le azioni compiute dal colosso francese. Si parla di manipolazione del mercato e abuso di informazioni privilegiate.


Aggiornamento 14/12/2016:

Vivendi si sta muovendo molto rapidamente: dopo aver annunciato di aver raggiunto una partecipazione in Mediaset del 12,32%, nella giornata di ieri (Martedì 13), è riuscita oggi a conseguire l'obiettivo menzionato nelle prime dichiarazioni. Vivendi detiene ora il 20% del capitale.


La vicenda che da mesi vede coinvolte Mediaset e Vivendi si arricchisce di un nuovo ed importante capitolo. Tutto nasce lo scorso Aprile, quando le due compagnie sembravano aver concluso una trattativa per il passaggio di Premium ai francesi. Vivendi si è poi tirata indietro scatenando le ire di Mediaset e Fininvest e le relative azioni giudiziarie. L'emittente italiana aveva anche da tempo paventato l'ipotesi di una scalata ostile da parte di Vivendi. Nella giornata di ieri questa possibilità si è effettivamente concretizzata. La compagnia di Vincent Bolloré ha acquistato azioni Mediaset sul mercato e ha raggiunto il 3,01% del capitale del gruppo televisivo.

Si tratta solo di un primo passaggio, stando alle inequivocabili dichiarazioni rilasciate dalla stessa Vivendi:

L’ingresso nel capitale di Mediaset è in linea con le intenzioni di Vivendi di sviluppare la propria attività nell’Europa meridionale e con le proprie ambizioni strategiche quale primario gruppo internazionale con sede in Europa nel settore dei media e dei contenuti. In conformità con la normativa applicabile, Consob e Mediaset sono state entrambe informate del superamento di tale soglia. Vivendi intende continuare ad acquistare azioni Mediaset in base alle condizioni del mercato, fino a diventare, ove possibile, il secondo maggiore azionista industriale di Mediaset, con una partecipazione che, in un primo tempo, potrebbe rappresentare tra il 10% e il 20% del capitale di Mediaset

Vivendi vuole quindi perseguire il progetto paneuropeo come alternativa a Netflix e Sky. Mediaset è evidentemente vista come una delle chiavi per raggiungere l'obiettivo desiderato. Proprio per questo motivo Vivendi intende acquisire tra il 10 e il 20% di Mediaset, una quota molto superiore a quella che le due compagnie avrebbero dovuto scambiarsi in virtù dell'accordo concluso in Aprile (si parlava del 3,5% delle rispettive quote).

Mediaset ha risposto dichiarando di non aver ricevuto informazioni sull'operazione portata avanti da Vivendi. La notizia è giunta tramite lo stesso comunicato stampa rilasciato dai francesi. La posizione della compagnia italiana è la seguente:

Si confermano le intenzioni di Vivendi già segnalate da Mediaset in data 26 luglio 2016 di passare da un accordo industriale a un tentativo di scalata. Già oggi la società francese ha dichiarato di voler raggiungere il 20% del capitale di Mediaset. Un disegno che appare ancora più grave oggi in quanto il voltafaccia estivo ha provocato una perdita di valore di Borsa della società di circa il 30%, perdita di cui Vivendi si avvantaggia oggi investendo massicciamente sul mercato. Il comunicato emesso oggi dalla Società francese conferma la validità del contratto firmato l’8 aprile, compreso l’acquisto del 100% di Premium, e giudica fondamentale per lo sviluppo strategico di Vivendi in Europa il contributo di Mediaset. La prima preoccupazione di Mediaset in questo momento è tutelare gli interessi di tutti gli azionisti della società, proseguire nel contenzioso in atto aggiornato alla luce degli ultimi sviluppi e valutare il reale obiettivo delle generiche mosse francesi. Nonché la loro coerenza con le strategie di Mediaset.

Anche Fininvest si è espressa con toni molto duri:

Vivendi deve sapere che Fininvest non intende arretrare neppure di un passo dalla sua posizione di azionista di riferimento di Mediaset, e che si tutelerà in tutte le sedi e con tutti i mezzi per bloccare quello che ritiene non una normale operazione di mercato ma un gravissimo inganno che delle leggi del mercato fa scempio. Vincent Bollorè e Vivendi hanno mostrato quelli che erano fin dall'inizio i loro veri progetti su Mediaset. L'accordo strategico raggiunto in primavera e seguito pochi mesi dopo dall'incredibile voltafaccia, con la violazione di un contratto preceduto da lunghe e dettagliate trattative e assolutamente vincolante, facevano parte di un disegno ben preciso che Vivendi svela con la mossa odierna: creare le condizioni per far scendere artificiosamente il valore del titolo Mediaset e lanciare a prezzi di sconto quella che si presenta come una vera e propria scalata ostile. Senza avere neppure la decenza di risparmiarsi l'ipocrita giustificazione di voler portare avanti quel progetto industriale che con motivazioni assurde solo pochi mesi fa Vivendi aveva calpestato.

Due fotocamere sono meglio di una, meglio Plus? Huawei P9 Plus, compralo al miglior prezzo da ePRICE a 505 euro.

546

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Simone

Il nostro codice penale non le prevede.

Walter

E allora le foibe?

Simone

Il rendimento è direttamente proporzionale al rischio.

Walter

Tranquillo che se avessero scritto sui contratti: "titoli tossici", ci sarebbero cascati in pochi, e non saremmo qui a parlarne.

Simone

Se sull'etichetta c'è scritto che è avariato non posso...

Jil.10

Che fanno boom di ascolti ogni giorno...

Walter

Ma se l'oste ti da del vino avariato tu non lo denunci?

Antonio Mariani

li potrebbero pure pompare per quello che ne sappiamo

Roky

ma lei ha prove a riguardo?
"italioti" "vostra bravata" "Berlusconi si fonda sui soldi della mafia"
ti ho appena segnalato all'avvocato di berlusconi, speriamo che con una denuncia per calunnia pubblica le diano una bella lezione

AleG

Danno il nuovo DragonBall!!! SHARE ALLE STELLE ORA!

Masashi Kishimoto

e perche dovrebbero cedere le quote Telecom ad Orange? Non seguo il senso dell'operazione.

Body123

Naah neanche tanto Auditel, semplicemente il successo che hanno sui social e di cosa sento i ragazzi e le ragazze parlare riguardo la TV. Se il tronista X aveva 1000 seguaci su Instagram, poi va a fare il programma e ne ha 1 milione dopo che il programma è finito, vuol dire che almeno un milione di persone guardano e sono appassionate di quel programma al punto di seguire la vita di X soggetto anche fuori dal programma.

Body123

Il problema è che questi programmi non sono volutamente trash come ad es. Geordie Shore, quindi sono peggio

22luca22

Su che basi dici che questi programmi piacciono e che la gente vuole quello ? Sugli ascolti ? Sai come funziona L'auditel? Un sistema ormai poco credibile basti pensare il recente scandalo che lo ha coinvolto!! è stata svelata l'identità delle famiglie che compongono il campione si è parlato di «inquinamento dei dati» e timori per eventuali tentativi di «corruzione» delle famiglie che detengono il meter ...infatti pochi mesi fa hanno dovuto riorganizzare tutto! Adesso è così sicuro che il sistema sia così chiaro e limpido??
In molti paesi europei e anche in America questo sistema è stato abbandonato da parecchi anni ...si basa su UN CAMPIONE che ovviamente non rappresenta 60 milioni di italiani! Quindi prima di dire che la gente vuole quello INFORMATI

Astroturfer_pro

in pratica secondo i piani di Bollorè si sfrutta la scalata facile di mediaset per cedere le quote telecom a Orange (una specie di cofano ammaccato francese )

Gabriel #JeSuisPatatoso

perché mai? io sono sicuro di essere circondato da ritardati, non mi stupisce che certi programmi siano seguitissimi mentre RAI Storia non sia considerato da nessuno.

Gabriel #JeSuisPatatoso

Mediaset trasmette il peggio del peggio e all'estero sono semplicemente ignoranti in maniera diversa. Inutile prenderla sul personale: è una gara a chi ha meno neuroni e con Quinta colonna e Dalla vostra parte direi che siamo comunque tra i vincitori.

Masashi Kishimoto

Cioè?

Luca

Io mi sono SEMPRE dispiaciuto per ogni cessione all'estero di un'azienda italiana, sia essa grande che piccola, di qualunque settore. Rammaricato e preoccupato quando sono le aziende strategiche e le migliori ad essere cedute: vedi Telecom, vedi quote Enel, quote Eni, ecc.

Luca Lindholm

Stranamente voi italioti vi state tutti scandalizzando per Mediaset, però quando Letta vendette per 300 milioni di € l'intera rete telefonica nazionale agli spagnoli... quello andava bene!

Faccio notare che l'impero di Berlusconi si fonda sui soldi della mafia (varie sentenze passate in giudicato), operando in maniera illegale (trasmettendo per 18 anni illegalmente su tutto il territorio nazionale, dal 1976 al 1994), violando varie leggi e direttive europee (che impedivano a un privato di poter concentrare nelle proprie mani 3 reti nazionali) e utilizzando lo Stato PURE per violare la legge in maniera clamorosa, come quando, nel 1998 l'asta per il 4° canale nazionale fu vinta da un onesto imprenditore, che voleva trasmettere Europa7, ma si continuò a tenere Rete4 su quel canale, in barba a ogni minimo ritegno e senso del pudore!

E da un po' di anni paghiamo pure una bella multa annuale all'Europa per la vostra bravata!

-.-

Body123

E invece al 99% delle persone non importa nulla del documentario su Hitler, sulla prima guerra mondiale, sui romani ecc. Che vuoi fare, incollarli al divano davanti RaiStoria?

Body123

Quindi che fai? Lasci RaiStoria come unico canale e chiudi tutti gli altri così obblighi la gente a guardare quello?

Menthis

esatto, e sempre con un pubblico italiano devono avere a che fare

Body123

Mai detto che siano capolavori, però spesso subito presume che su Mediaset trasmettano il peggio del peggio quando all'estero sono peggio di noi.

E poi a molti il trash piace ed è proprio quello che cercano.

Body123

Ma stica, non puoi obbligare la gente a guardare programmi "educativi" se non vuole. C'è un canale gratuito che trasmette 24h su 24 programmi culturali ma se le persone non vogliono vederli e preferiscono pagare Sky per vedersi Riccanza su MTV o Masterchef non puoi obbligarli a guardare RaiStoria con la forza.

Body123

Scherzi? Mediaset ci campa su quei programmi.

Body123

Ma cosa ti cambia se la società è francese, italiana o tedesca? Tanto sempre avranno bisogno di X dipendenti per mandarla avanti, mica la comprano per chiuderla.

Simone

No che non ci sta, "Oste, il vino è buono?"

Simone

No, l'espertone sarai sicuramente tu...

Astroturfer_pro

Credo che a questo punto il progetto assalto alla Mediaset risulta molto chiaro.
In pratica il governo francese vuole inkularsi la telecom tramite Orange e utilizza Vivendi come ariete di sfondamento per poi cedere le quote telecom a orange con la scusa della legge Gasparri....

guasta

Si vende e si compra, unicredit ad esempio possiede moltissime banche estere. È il libero mercato.

Gabrix93

Certo perchè uno fa politica per i propri interessi...la situazione in italia purtroppo non può essere risanata da una sola persona

Gabrix93

Ma chi la guarda più la tv...il 95% sono programmi inutili al genere umano

mikele

Rai storia per il principio detto prima dovrebbe avere il 89% di share.. E invece...

mikele

Canale 5, documentario passato alle 10.30della domenica: Share del 0.8%...é inutile chiedere documentari se, quando li trasmettono non fanno share...e senza share chi paga l'inserzione(pubblicità)?!

mikele

Un business plan é una previsione di business.. Ovvio che sia positiva.. Ma éun documento legato alla previsione..

Luca

Può non piacervi Berlusconi e famiglia, non può piacermi i contenuti Mediaset me non per questo non potete criticare l'atteggiamento di Vivendi e il "dramma" che le aziende italiane stanno vivendo. Libero mercato, va bene, ma qui stiamo veramente vendendo tutto. E non mi dite che è meglio una svendita che un fallimento perché sono poche le aziende che vendono per rischio fallimento: il passaggio di proprietà implica una vera e propria mutazione dell'identità aziendale, con il rischio di un futuro non su terra italiana.

Luca Lindholm

Faccio notare che l'OCSE ha lanciato un grave allarme l'anno scorso, pubblicando un dossier che conferma L'analfabetismo funzionale nel 53% degli italiani.

Senza contare la mancanza di cultura etico-civile, etico-sociale in generale.

Prima che la situazione degeneri ulteriormente a livello sociale, occorre assolutamente un cambio di rotta, incentivando quanto più possibile la cultura e la conoscenza (in ogni ambito) il più possibile.

Luca Lindholm

Ma lei è folle???

O.o

Gabriel #JeSuisPatatoso

Solo perché esista m3rda peggiore non vuol dire che GF e Uomini e donne siano capolavori della TV italiana. Non viviamo in un mondo binario.

simone pnacciah

Ti sei domandato se magari tutta questa cosa sia premeditata?

simone pnacciah

alla fine dopo lo sconquasso dei conti mediaset premium, (champions, rosso di bilancio, ecc) non sarebbe difficile da provare che il titolo si é abbassato per motivi strutturali e non per vivendi.... con Silvio che passa dal 43 al 33 l'anno prima....
B. é furbo....é capace di aver fatto anche tutto all'insaputa dei figli, per avere meno rogne con eredità...

simone pnacciah

Non serve che compra.fininvest, basta che un'altra società d'accordo con loro compri il 10% ed é saldissima. Berlusconi ha socio Ennio Doris che ha 'una banca'......

Pure new wool

E sbagli, perché così hanno fatto.

Pure new wool

Mah... In generale, quando vado in banca e parlo con un consulente penso: questo fa solo gli interessi della banca, non i miei e perciò prima di firmare qualcosa o acquistare un prodotto finanziario mi leggo parecchie volte la documentazione, spesso non troppo "chiara"... Obbligazioni bancarie e prodotti legati a obbligazioni bancarie, prodotti non "rivendibili" in fretta li rifiuto a prescindere.

Birdwatcher

Dimostrare il contrario sembra quasi una probatio diabolica! Comunque, in linea teorica, un postulato prodotto con metodo induttivo é difficile da assumere come prova... Ci può stare, come no, ma bisogna valutare caso per caso, tendo in massima considerazione il contegno e la condotta dei soggetti. L'aggiotaggio si configura solo in caso di dolo, in un contesto di causa effetto premeditatamente criminoso. Sono elementi che non vengono consideri nella (pur precisa) descrizione giornalistica dei fatti che ha riportato mds.

Nus

meglio della tua repressa, ahahah

Nus

Un espertone...simone si si ahahah

Nus

GOGO PER IL NANO BWHAHAHAHA

Passante

Sono tutte citazioni tendenziose le tue. Ringraziamo cosa ha fatto la tv privata contro quella pubblica piuttosto. Altro che spostarla di canale per metterci rai4. Figuriamoci.

TV OLED Sony KD-65A1: la nostra Recensione

DJI Phantom 4 Advanced: la nostra Recensione

ACTION CAM DA 19€: Vale la pena? | Recensione

Hasselblad X1D e la sfida con la fotografia di strada | il nostro Test