Un nuova tecnologia potrebbe permettere di produrre 24.000 vinili al giorno

30 Gennaio 2017 87

Il vinile sta attraversando un periodo molto positivo. Le vendite sono in crescita in tutto il mondo (nel Regno Unito sono ai massimi da 25 anni) e si prevede un ulteriore incremento nel corso del 2017. C'è però un elemento che potrebbe operare come un collo di bottiglia. Le tecnologie utilizzate per la produzione dei vinili non si sono evolute significativamente nel corso degli anni. I macchinari utilizzati sono praticamente sempre gli stessi che venivano usati molti anni fa. L'incremento nella domanda potrebbe venire limitato proprio dall'arretratezza del processo produttivo.

A proporre una possibile soluzione è la canadese Viryl Technologies. Per incrementare la produttività è stato realizzato un macchinario chiamato WarmTone. I miglioramenti apportati sono consistenti: si parla di maggiore affidabilità, maggiore semplicità d'uso e la possibilità di gestire la produzione su larga scala con migliore efficienza. I macchinari vengono controllati tramite un touchscreen e dispongono di vari sensori integrati, capaci di monitorare numerosi aspetti del processo produttivo (temperatura, pressione, timing eccetera).

Al momento è attivo solo un WarmTone presso il produttore di CD e DVD Microforum. L'obiettivo di questa compagnia consiste nel rendere operativi 6 macchinari simultaneamente, in modo da raggiungere una produzione di 24.000 vinili al giorno.

Top gamma Samsung 2015 al giusto prezzo? Samsung Galaxy S6, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 349 euro.

87

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Noret

Io non ho piu molto tempo e alla fine la musica la sento per lo più in macchina alla fine... Cmq non serve tanto, con un finale da 300 euro di qualità come un Rotel affiancato ad un pre passivo da 50 euro la differenza si sente eccome. Il suono digitale del cd spiazza perchè ha una dinamica pazzesca e il primo impatto è sicuramente positivo, è questo il guaio... Io il mio lettore di sacd l'ho preso tanti anni fa per 300 euro, è un lettore DVD multi-standard, niente di esoterico... ;)

Noret

Ahaha, magari.. La foto è di una dimostrazione Kiom dove sono stato invitato. Il mio costa quanto un paio di cavi Kiom...

Noret

Non è mio l'impianto era una dimostrazione. Il mio l'ho preso usato e anche se piccolino nn suona niente male e costa quanto un paio di cavi Kiom... xD

maxforum

premetto che non sono così un intenditore del vinile, nonostante abbia una collezione di tutto rispetto costruita in svariati anni.. ormai decenni ahime. ma credo che ancora oggi il vinile con un buon impianto, regali la musica come una vera restituzione delle frequenze e non come una reinterpretazione digitale seppur di altissima qualità come quella di un cd, e questo anche solo mentalmente se così vogliamo dire, riesce a donare quel calore che un cd non può dare. è come paragonare una foto su pellicola o una foto digitale... a parer mio ancor oggi, una fotocamera digitale, non ci da quella magia della pellicola. Tutto questo per dire che la tecnologia non c entra nulla.... è solo come recepiamo la musica... e può fare la differenza

Polezzz

Ma infatti sotto la pressa tutte le auto e moto e vespe di pupù. ;)

Polezzz

E' questione di abitudine, l'orecchio umano è sensibilissimo si abitua a tutto.

Perry

Se non avete mai ascoltato un vinile stampato come d10 comanda da un impianto come d10 comanda, perché parlate?

Sistox

Fino a che ti piace quale è il problema, però probabilmente quelli che tu pensi siano bassi non sono altro che rimbombi o artifici digitali. Un woofer per scendere vicino ai 20 hz di frequenza ha bisogno di una cassa dal litraggio considerevole e spesso impossibile da tenere in casa, da li tutta l'infinita offerta di diffusori caricati a tromba, linea di trasmissione, etc etc. Vedi quanto è grossa una klipsh La Scala (prezzo variabile tra i 3000 e 6000 euro in base al modello) che secondo gli audiofili non ha bassi neanche tanto eclatanti.
Secondo me è tutto un fattore psicologico, c'è chi si fa bastare un determinato strumento e vive felice e chi non ci riesce ed apre diversi mutui....

Horatio

No, se sei un vero hipster ti prendi il betamax :D

Horatio

Concordo, senza contare che più li ascolti, più si degradano. La qualità può solo peggiorare

Horatio

Sono un amante della musica, ma tutte ste pippe mentali non le capisco, i campionamenti seri tolgono suoni che comunque non sentiresti, in compenso non hai degrado nel tempo. Sono d'accordo che un mp3 sotto i 256 kbps faccia schifo, la differenza si sente, ma un cd audio, di cosa stiamo parlando. Il suono caldo, freddo, bla bla bla, è tutto placebo. O casse diverse ;)

redicic

A udine c'è il Wizard in centro che da decenni è meta di collezionisti e non di vinili 33/45/78

densou

tuttavia: Super Audio-Cd o formato ATRAC (/caduto in disgrazia :( ) per veri intenditori ;)

Starnat

Sarà, ma una volta sentii una sound bar Bose da tipo 300€ senza neanche il woofer separato per i bassi al centro commerciale e ne rimasi estasiato, il suono era caldissimo ti riempiva i polmoni che sembravano vibrare. Sarà che sono nato nell'epoca sbagliata (o giusta, chi lo sa)

Rosario Elia

cosa significa questa ironia?

Sistox

Il fatto è che nessuno ti regala niente al mondo e non è normale che da un impianto iper professionale non provi la stessa soddisfazione che ti da la tua soundbar Bluetooth.

radios

La musica è un linguaggio universale
E non va tradotta
Ed è X questo che parla all'anima . ...
In qualsiasi modo esse viene ascoltata l'importante è che vi offra emozioni . ....
E smettetela di fare gli ignoranti e discutere di cosa è meglio o è peggio ,
In base alle nostre esigenze e alle nostre orecchi ascoltiamo in modi e musiche diversi ma la sostanza non cambia .....

Il cervello è come un paracadute ,
Funziona quando è aperto ...
Ma di gente che c'è l'ha chiuso è pieno

DKDIB

Beh: se non li si tiene bene, una cimice rinsecchita la si trova anche, dentro la custodia.

tommaso

ah, ma esistono ancora i vinili?!? ahahahha!

B3rg3Ru5

"l'orecchio esperto" o ce l'hai o non ce l'hai, come il talento con i piedi. Ecco perché non ci sono più i Maradona

qandrav

grazie mille ancora, scusa se ho chiesto di londra ma le altre volte cui sono andato non ero nemmeno lontanamente appassionato di vinili (da qualche mese sono venuto in possesso del giradischi di uno zio, la qualità è quella che è ma almeno è anni 70/80 (non sono hipster, semplicemente provo repulsione per i giradischi "moderni")

ahia 10000 euro sono indubbiamente fuori margine eheheheh

Dani

E' più semplicemente un oggetto da collezione sicuramente più interessante del CD medio. Dà una sensazione diversa, forse anche solo per il cartoncino, perché diciamocelo, quello che ha davvero tolto la "magia" al supporto fisico non è tanto il CD in sé, ma piuttosto il classico jewel case, quello che si sbriciola a guardarlo, e che anche prima di aprirlo ha qualche dentino rotto, di quelli che bloccano il disco. Io ascolto quasi solo musica da servizi digitali oramai, ma dei dischi che mi piacciono di più mi piace avere una copia fisica, e di solito opto per il vinile perché quasi sempre trovo il packaging semplicemente più curato e appagante, a meno di non trovare qualche cofanetto interessante e ben confezionato anche in CD(poi ovviamente un fattore determinante per la scelta è anche il genere, ma quello è un altro discorso).

Bat13

xP

Starnat

Nono, assolutamente, come detto le prende e le rivende, quando trova quelle perfette le usa per la sua stanza, questa persona non sa neanche cosa siano i centri commerciali, figurati la trust (avrà sulla sessantina d'anni).
Non saprei fare una stima del valore ma dentro c'era anche roba artigianale costruita da lui stessa, fa passare la migliore componentistica in circolazione e la assembla, se lo soddisfa la rivende se no sostituisce i pezzi. Non ho mai visto né sentito di una persona ad un tale livello di fissazione della musica

Starnat

Ahahahah diciamo, artefatti

Lucaa

Vabbè, magari non hai l'abbonamento del "Tube" ;-)
timeoutDOTcom/london/music/londons-best-music-shops
/londonistDOTcom/2012/04/top-ten-record-shops
recordshopsDOTorg/welcome

Lucaa

Londra è.... ma dai, nemmeno ti rispondo ;-)
Se mi dicevi "Reggio Calabria.... Udine....." ma Londra non si puo leggere, davvero! ;-))
Bhè in Italia ci son le "fiere del disco" in ogni provincia per dire anche se, un po' mercanteggiano... ma devono vivere anche loro.
Riguardo le ristampe: occhio che "digitalizzate" non è per forza uno sch1fo... no: in un impianto "normale" (oltre le chiacchiere..) se la fonte è digitale o no, non lo capisci... credimi.
Anzi: per rimanere sui VH, un CD suonato su un impianto "top" suona meglio che la versione originale su vinile e per tanti motivi... ma sempre se abbiamo un sistema che te lo fa sentire....
Collezionare è bello e divertente se non altro per le copertine; se poi si vuol sentire bene... bisogna sistemare un imoianto con cura ed esperienza e non serve per forza avere 10mila euri a disposizione, vinile o digitale che sia.
Chi ce l'ha più lung0... è questione da ragazzini delle elementari... qua... si tratta di "usarlo" ;-))

qandrav

prima di tutto grazie veramente per il tuo messaggio, sei molto gentile e mi hai dato una marea di informazioni.
confesso che ign oravo completamente che le ristampe provenissero da digitale, a sto punto non mi interessano nemmeno...

riguardo i mercatini ne ho girati un paio (milano e torino) constatando quello di cui mi lamentavo sopra (ovviamente dipende dai miei gusti, se mi piacessero altri generi probabilmente troverei vinili a prezzo inferiore a "quelli che voglio io")

dei beatles ho solo i soliti due copertina rossa e blu con loro affacciati alle scale...(o meglio ce l'hanno i miei ma non me li regalano)

però se mi dici van halen a 8 10 euro muoio istantaneamente perché è uno di quelli che mi interesserebbe avere.

anyway grazie ancora, mi permetto un ultima domanda: sai di qualche posto a londra che venda vinili usati? so che esiste google ma sicuramente tu ne sai molto molto di più sull'argomento.
ps scusa lunghezza del mio messaggio

saetta

sei un fanatico audiofilo, non puoi essere preso ad esempio o le tue riflessioni essere generaliste.

Lucaa

..dipende, è tutto molto relativo.
Rimanendo in Italia, ci sono negozi virtuali e non dove la media di un vinile usato è 10/15 euri. Poi ci sono i mercatini domenicali e le fiere specializzate dove la media addirittura scende.
Certo, serve "esperienza" ecc. per capire se il disco è ancora buono e non segnato senza rimedio. (Obbligo è dotarsi comunque di una "lavadischi" una "Knosti" per spendere poco, circa 30/40 euri...)
All'estero è un altra (bella!) faccenda... molti negozi...club.... eccetera, senza scomodare il Giappone e gli USA.
Il nuovo è tutta un altra storia: le ristampe (quello di cui oggi si parla anche a vanvera delle vendite eccetera...) ed i cofanetti sono...copie da riedizioni digitali: ok, bellissime copertine eccetera, ma qualità audio mediamente bassa o poco meglio.
(Es. la nuova e bella uscita in edicola del cof. Beatles!).
Poi ci sono i dischi "audiophile" da 30/40 e 80 euri ma è un altra "storia", dove spesso abbiamo registrazioni su master analogico (bobina eccetera...).
C'è il collezionismo (etichetta e stampa originale, produzioni di nicchia, rari... come la cerniera dei Rolling o la Banana di Warhol ma anche qua.... altro mondo. C'è "Discogs" sì...dove c'è l'impossibile e.....
I "rokkettari" sono avvisati! Sveglia domenicale prestino :-O... mercatino di zona.... e i "Van Halen" a 33 giri a 8 o 10 euri! Un rapida occhiata ai solchi.... e via: una lavatina... e vai di Rega Planar 2.... di Thorens dello zio sistemato....di Dual... di Project....di.....

darione75

Non capisco perchè state tutti a criticare chi scopre o riscopre il vinile. E' un modo come un altro di fruire della musica. E' come se criticaste chi stampa le foto da smartphone o dalla fotocamera solo perchè preferisce la carta.

Dark Entries

I vinili non si sentono meglio dei cd, hanno un suono diverso.
Per quanto riguarda l'uso di spotify e i suoi possibili nefasti effetti collaterali, ti consiglio di leggere questo articolo "Vinile, cd / blu-ray, musica liquida e streaming" su estatica it

qandrav

il problema dei vinili è il prezzo, se vi accontentate di sanremo 1970 lo trovate a 2 euro ma un bel vinile degli iron maiden a meno di 30 è difficilissimo trovarlo -_-

Sistox

Lo spessore di uno solo di quei cavi non permette posizionamenti facili.

Lolloso

qualcuno tempo fa avrebbe dovuto brevettare quella della duplicazione del pane e dei pesci

Lolloso

... e poi trasformarli in orologi, vedo che vanno di brutto

Giulk since 71'

Concordo al cento per cento, ma in tanti ti daranno torno ;)

Rieducational Channel

I 10 lavoratori non mi servono perché... la produzione attuale di VHS è zero e 0x10 fa...

Lucaa

..e ti (Vi) faccio un esempio pratico, no chiacchiere di che significa avere un piccolo budget ma ricavare un buon ed oltre ascolto. Il tuo sistema:
hai un pre e due finali mono "importanti", sicuramente fuori portata per il 90% dei lettori under 30 qui.
Ebbene, se il tuo sound ora è per esempio 100, con un costo di 300 euri scendo a 65/70 per cento.
Eh sì, perchè "la scala audio" comporta che per aumentare la qualità di ascolto raggiunto un certo livello, bisogna spendere "tanto" per fare "step" piccoli, a partità di stanza di ascolto, ovvio...(stessa registrazione).
Infatti, tornando al tuo sistema, se permetti, un integratino ben scelto magari un usato od un "classe A" da 20W addirittura una provocazione come un T-amp ma modificato (ne volete uno? ;-) produrrebbe sulle tue Kiomenti quello che ho detto... "perdo un 30%" di bontà.... livello il budget di.... un risparmio che è meglio non dire!
(Per ora basta...qua siamo su HDblog :-)

Lucaa

Complimenti per l'impianto audio, per il video sei al MP3 ;-)
Sebbene questo "non è il forum gusto", a me da un certo fastidio quando si deve parlare di "buon ascolto" mostrare sempre impianti ultra costosi, come se per ascoltare bene si debba per forza spendere cifre molto importanti: questo scoraggia il giovani e li riporta alle cac4te cinesi....

A parte che è le registrazione e la cultura musicale e la stanza che la fanno da padrona (il 60 ed oltre per cento del buon ascolto!) dove il supporto è relativamente importante (nel digitale un DAC da 200 euri è la morte del buon ascolto...) un impianto da "1000" euri può suonare bene e molto bene:
la cultura qui è necessaria per sistemare l'impianto, dove la compatibilità di un prodotto e la sua sistemazione con un altro è fondamentale, analogico compreso...
"tnt audio" per gli italiani... "6moon" per tutti gli altri...
E' un buon inzio!

Phabio Mocci

Stessa cosa potresti dirla per le auto d'epoca, che hanno un mercato incredibile... Di certo se i vinili vendono non è perché in c'è uno standard digitale unificato, ma semplicemente perché pur non essendo una riproduzione perfetta ascoltare un "caldo" vinile non è solo sentire una canzone.

Polezzz

Fammi capire, impianto in classe A ed tv display del 15/18?! XD Sei cieco ma ci senti benissimo. :D

Polezzz

Da 5000€ in su, molto in su. ;)

Polezzz

Tecnologia obsoleta ed inquinante, il futuro dev'essere il digitale (lo era già il passato), solo perchè non si vogliono mettere d'accordo per creare uno standard preciso.

Luca

hahahah i bug dei vinili! ahhaaha

Michele Gurrado

Ma non è che le tue sensazioni sono ascrivibili alla catena di equalizzazione/amplificazione/compressione che viene utilizzata nei tempi moderni?
Probabilmente registrando secondo i parametri che si usavano ai "vecchi tempi" su un buon registratore digitale si otterrebbero risultati quanto meno paragonabili al passato. Fermo restando che la dinamica di un analogico non è raggiungibile da nessun digitale, per ovvi motivi.

Bat13

I bug dei vinili............. <3

B3rg3Ru5

Non è questione di mancanza di cultura, è proprio la mancanza di capacità. Ci sono molte persone (me incluso) che non distinguono la qualità dell'audio da un vinile ad un CD ad esempio.
Tutti questi epiteti che vengono accostati al vinile (suono caldo, pulito, dinamico), per la maggioranza delle persone non ha alcun senso. Gli audiofili sono una minoranza, così come lo sono gli amanti della fotografia (tralasciando gli pseudofotografi dei social che spendono 1000 euro in una reflex e poi condividono quelle foto su Facebook) o dell'arte.
Puoi documentarti e studiare tutto ciò che vuoi sulla musica, ma se non hai un orecchio sviluppato, non ha senso spendere tutti questi soldi in campo audio, visto che già alcuni cavi costano cifre spropositate

vincenzo francesco

E dire che mi facevo problemi per la selva di cavi dietro il mio mobile TV.. Paragonata alla tua diventa un cespuglietto.. =)

punk3r

Da totalmente ign0rant3 in materia ti chiedo quanto può costare tutto quel ambaradam?

TV OLED Sony KD-65A1: la nostra Recensione

DJI Phantom 4 Advanced: la nostra Recensione

ACTION CAM DA 19€: Vale la pena? | Recensione

Hasselblad X1D e la sfida con la fotografia di strada | il nostro Test