Bowers & Wilkins P7 Wireless, le cuffie Hi-Fi più comode | Recensione

14 Febbraio 2017 128

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Sapevate che indossare le cuffie in-ear aumenta di 700 volte la quantità di batteri presenti nell’orecchio in una sola ora? No? Anche io non ne avevo idea ed è una cosa che ho scoperto di recente, facendo ricerche per scrivere proprio questa recensione. Non amo le in-ear, non le ho mai sopportate più di tanto, ma capisco anche che gli ingombri sono decisamente diversi rispetto ai modelli Hi-Fi, in certe situazioni sono quindi inevitabili. Penso allo sport su tutti.

Bisogna fare un'ulteriore distinzione per le Hi-Fi, categoria che comprende infatti due famiglie ben distinte della stessa specie: ci sono quelle con cuscinetti a diretto contatto con i padiglioni auricolari e ci sono le circumaurali, che circondano l’orecchio senza alcuna pressione diretta. Esattamente come queste P7 Wireless della Bowers & Wilkins che sto provando ormai da un mese, modello top del rinomato brand da cui difficilmente si può tornare indietro. 

COMODITA’, NON SOLO QUALITA’

I punti forti di queste cuffie sono diversi e voglio dirveli raccontando la mia esperienza d’uso diretta. Partiamo dalla confezione, estremamente curata nei dettagli, con tutta la cavetteria del caso e perfino un comodo custodia in pelle dove poterle riporre e proteggere, un tocco in più. Come del resto anche l’ingresso del cavetto jack da usare per le situazioni più classiche, quando il pairing tramite Bluetooth non è possibile. Bisogna rimuovere il padiglione sinistro per inserire il cavo, c’è infatti una piccola guida all’interno che permette di nasconderlo a dovere una volta riposto il padiglione. Un dettaglio che rivela l’attenzione che Bower & Wilkins ha messo nel realizzare le P7.

Non sono cuffie adatte a tutti, c’è anche chi le trova ingombranti, ma in viaggio fanno la differenza e una volta provate è davvero difficile pensare ad altro. Non parlo di un paio d’ore di uso continuativo, più che buone per creare dei fastidi non da poco se parliamo di in-ear, ma penso ad un viaggio più impegnativo che richieda 5-6 ore. Mi è capitato, ad esempio, di indossarle un mattino dalle 4.30 alle 9.30, senza toglierle mai di dosso, se non per quei pochi minuti ai controlli dell’aeroporto. Musica in riproduzione continuativa e comodità assoluta, nessun fastidio alle orecchie o alla zona circostante dove si appoggiano. Il tutto avendo consumato solo il 30% circa della batteria interna (unità da 370mAh). 

Pensate che sono perfino riuscito a schiacciare un pisolino appoggiandomi al finestrino dell’aereo, cosa praticamente impossibile con cuffie Hi-Fi tradizionali, che pigiano le orecchie. A rendere tutto così piacevole il rivestimento in pelle e schiuma di memoria per i padiglioni, morbidi quanto basta ed estremamente confortevoli. Più duro invece l’archetto, anch’esso rivestito in pelle e con belle cuciture più chiare a vista. Naturalmente si possono adattare alle dimensioni più comuni, l’archetto e i padiglioni sono collegati da uno scheletro metallico che scorre di 4-5 cm su entrambi i lati, allungandosi quanto basta in caso di necessità. 

L’AUDIO CHE NON TI DELUDE, MAI

Gli stessi ingegneri che realizzano gli eccellenti diffusori Bower & Wilkins hanno lavorato per realizzare queste P7, capaci di riprodurre un suono di altissima qualità e senza fili. A garantirla il codec audio aptX, e quindi, qualità praticamente identica a quella assicurata tramite il cavo jack diretto, una tecnologia ‘must-have’ per qualsiasi cuffia wireless di una certa elevatura. Nel trasferimento tramite Bluetooth 4.1 nulla viene perso e il pairing è davvero rapidissimo, non si disconnette mai e non incappa mai in momenti d’indecisione.

I padiglioni circumaurali sono stati pensati per aderire in maniera confortevole e non lasciar passare l’aria, isolandoci allo stesso tempo dai rumori esterni. Un isolamento consistente ma non completo, non c’è infatti la riduzione del rumore attiva come su altri modelli competitor di questa fascia alta. Le principali caratteristiche tecniche:

  • Ingressi - jack da 3.5mm
  • Trasduttori - 2 x 40 mm full range
  • Gamma frequenze - da 10 Hz a 20 kHz
  • Impedenza - 22 ohm (passiva)
  • Distorsione - <0.3% (1 KHz/10 mW)
  • Sensibilità - 111 dB/V a 1 kHz
  • Massima potenza in ingresso - 50mW
  • Peso - 323g
  • Batteria - 370mAh polimeri al litio
  • Microfoni - 2 compatibili con algoritmo CVC2
  • Bluetooth - v4.1 classe 2
  • Codec - aptX (latenza standard)

 

NEI MICROFONI L’UNICA PECCA

Le P7 Wireless sono davvero formidabili nell’ascolto, ma non si può certo dire la stessa cosa se le pensiamo anche per un utilizzo ‘auricolare’ senza fili. Mi spiego. Ci sono due microfoni che registrano la nostra voce, ma oltre quella raccolgono anche tanto rumore ambientale, questo significa che parlare in un ambiente affollato, come una metro o un autobus, recherà non pochi fastidi a chi sta ascoltando.

Se vi trovate in ambienti più silenziosi la cosa non si nota molto e la conversazione sembra del tutto normale, ma non appena entrano in gioco dei rumori esterni allora la cosa ci complica

CONCLUSIONI

Sono estremamente soddisfatto di questo mese di utilizzo delle P7, metterle è un piacere e pian piano mi sono abituato a portarle sempre di più con me. I motivi sono quelli che vi ho già elencato, su tutti la comodità e l’estrema limpidezza del suono, associati ad una batteria che assicura 17 ore di utilizzo con singola carica (secondo la casa, ma 15 ore sicure).

Peccato per i microfoni che non assicurano il meglio nelle conversazioni telefoniche, ma non sono cuffie che si acquistano di certo per gestire telefonate e lunghe parlate, per quello ci sono altri prodotti. L’unico vero problema è che dovrò restituirle dopo questo periodo di prova e tornare indietro non sarà facile, anzi, sarà davvero complicato. Ecco, ora sono triste.

Bowers & Wilkins P7 Wireless - Acquista su Amazon.it 

DESIGNCOMODITA'AUTONOMIAQUALITA' AUDIO
MICROFONI
Poca spesa per massima resa? Meizu m3, compralo al miglior prezzo da Amazon Marketplace a 162 euro.

128

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
axoduss

Esteticamente non sono il massimo purtroppo

axoduss

Confermate che i microfoni non sono direzionali e catturano tutto il rumore ? Inoltre è vero che non supportano il cosec AAC?

signornò

enoooormi

capitanharlock

Manca la cancellazione del rumore, per una cuffia di questo costo...
Sony MDR-1000x tutta la vita.

Lorenzo Blangiardi

le migliori per rapporto qualità-prezzo, con 19-29 euro perfette per la tv, ma bassi scarsi

dylan81

grazie, davvero. :)

SteveMcQueer

edco, questo è il genere di descrizione di una cuffia che cerco. non è necessario dilungarsi sugli aspetti prettamente tecnici per dare la propria opinione su un prodotto!

Benedetto

come le vedete le Sennheiser hd201?

dylan81

Io le posseggo da 2 settimane, e ho provate diverse, da momentum 2.0 over ear, a p7 cablate, a oppo Pm-3 (magnetoplanari) a bose quietcomfort 35, alle beyerdynamic dt 770 pro da 16 ohm. Il mio utilizzo è vario film/musica, e maggiormente in movimento (iPad, iMac, e talvolta a casa). Non sono un audiofilo nel senso stretto, non amo una cuffia fedele al punto di restituire solo un suono "flat", ma amo il suono emozionante, che coinvolge, per me una cuffia "bensuonante" deve riprodurre bassi profondi, ma composti, mai sciolti, e rimbombanti senza definizione, i medi devono essere nitidi ma leggermente arretrati per non sovrastare la scena, creando un teatro di posa ampio. Gli alti acuti ai limiti della definizione, per dare aria alla riproduzione audio....ognuna di queste cuffie rappresenta la soddisfazione dei "requisiti" sopracitati, ma quella che li coniuga tutti, addirittura migliorandoli è proprio questa p7 wireless, perché oltre ad eseguire magnificamente tali "calibrazioni" è dotata di una tecnologia, molto simile a quella dei diffusori di casa Bowers & Wilkins, che rende l'audio riprodotto una vera e propria "proiezione" è talmente definirà, che si riesce ad ascoltare il suono come singoli fasci che in sincrono perfetto mettono su una scena estremamente coinvolgente, un po' come il proiettore del cinema, dove i fasci di luce danno vita allo spettacolo sul grande schermo. È piacevole sentire anche la musica classica (che non amo particolarmente) perché il suono è così ricco di dettagli, ma al tempo stesso così arioso, che sembra di stare nella galleria di un grande teatro. Questa è la mia esperienza, non mi dilungo sulle altre, altrimenti ne verrebbe fuori un esposizione lunga e forse noiosa.

Babi

Sarà che a me la francy non mi fa impazzire ma non è quello che sposterebbe il discorso.
A parere mio, salta proprio all'occhio questa cosa e francamente mi fa un po' sorridere...
In ogni caso non c'è nulla di male, lui può fare come crede...io l'ho soltanto notato e scritto.
Amen

MestiereMan

capisco, anche se per uno standard musicale non reputo utile dei parametri simili.

MestiereMan

capito grazie mille

matteventu

Hai ragione.

Sono pazzi.

Oliver Cervera

Bluetooth®: Bluetooth® v4.2 (SBC, LDAC)
Mi riferisco al NW-A35, appena uscito

erdarkos

è un codec di compressione di formati audio che viene utilizzato dal bluetooth per far passare più dati sostanzialmente per perdere meno possibile la qualità audio, per funzionare devi avere sia il dispositivo sorgente che ricevente collegati tramite BT e tutti e due omologati per funzionare con APTX ...

matteventu

Scarica il white paper ;)

Oliver Cervera

Sostanzialmente permette audio a 24 bit / 96 kHz, con un bitrate di 990 kbps.
SBC, il profilo standard BT, permette solo 16 bit / 44.1 kHz con un bitrate di 328 kbps. Più o meno è abbastanza per una qualità standard da CD audio o da MP3. Il CD audio è proprio a 16 bit /44.1 kHz, i bitrate però sono diversi dato che SBC è una compressione diversa.
Non trovo specifiche riguardo l'aptX, so solo che raggiunge i 24 bit.

Oliver Cervera

Non lo sapevo, ma questo punto renderlo una esclusiva Sony è davvero stupido...

Oliver Cervera

Il sito Sony non ne fa menzione, cita solo LDAC

signornò

o.t. quale spedizione va scelta per una consegna decente, nell arco di 7 / 10 gg diciamo, da gearbest?

Dorian Gray

Non sono intenditore, però la recensione deve descrivere come suonano bassi, medi, alti, ampiezza soundstage, quali sono i generi musicali più adatti a questa cuffia... ha una equalizzazione lineare oppure viene data enfasi ai bassi...?
Dopo un mese di prova si dovrebbe poter dire parecchio su un prodotto...la maggior parte di quello che hai scritto si trova sul sito delle cuffie stesse

Felix

Premetto che non vorrei essere nei panni di Gabriele, perché recensire prodotti hi-fi di marchi blasonati è sempre difficile e la paura di dire castronerie la fa da padrona. Detto questo, tuttavia, per convincermi a spendere 300 e passa euro, scrivere "altissima qualità audio" non è sufficiente. Stiamo parlando di un prodotto teoricamente di discreto livello, abbandonarsi ai tecnicismi da audiofilo è praticamente obbligatorio.

Sistox

Però la marca in questo caso mi da abbastanza fiducia per una buona qualità

Sistox

Non so come siano le cuffie ma i diffusori b&w so che sono estremamente buoni (e costosi)

MisterWU

Audio Technica Pro ATH-M30X

MisterWU

Non forse, sicuramente.

MisterWU

Bhe meglio che non le siano arrivate le p7 allora.

MisterWU

Non vorrei scoraggiata.. ma le ricordo che è una recensione di HDblog perciò nulla di anormale che non si parli delle cose importanti riguardanti un prodotto.

vincenzo francesco

Le ho provate dopo averle regalate, mica prima! =)

matteventu

Quando ci sono le zinne della Francy non vi lamentate però.

masked?who

aspetta, perchè non fai qualche critica a Trump? ci vorrebbe

Babi

Miseria che vanitoso che sei Gabriele...ogni volta che fai un articolo c'è sempre il tuo faccione in primo piano!!

matteventu

Lo so. Non volevo dirlo, ma é chiaramente così XD

Avrebbero dovuto farla fare a Nicola...

Svasatore

Forse non lo sa.

Svasatore

Ma scusa devi fare un regalo e le provi?

Axel

differenze principali rispetto alle p5?

vincenzo francesco

Queste qui, le b26.

https://uploads.disquscdn.com/...

ilmondobrucia

Non ho internet, sono sordo cieco muto, non ho scritto io questo messaggio ma un amico di mia zia della svizzera e tradotto dal il mio insegante di matematica, neppure seguo questo sito ma qualcosa volevo dire

matteventu

Le ho anche io da qualche mese.
A me piacciono molto anche esteticamente.
I materiali non sono una favola però (rispetto alle altre che avevo come opzioni, ovvero B&OPlay H7 e Sony MDR-1BT).

Però confermo, non solo suono ottimo, ma anche una marea di funzioni REALMENTE utili e di cui ora purtroppo non posso più fare a meno, se solo penso a comprare una qualsiasi altra cuffia senza quelle features mi sembra di tornare all'età della pietra.

dg1974

Plantronic BackBeat Pro. Un po' ingombranti, non bellissime da vedere, suonano una favola e hanno una batteria infinita. io mi ci trovo benissimo (tranne in estate: impossibili da usare, fanno "sudare" da matti le orecchie! isolano "troppo"!) con la musica che ascolto (principalmente vari generi di metal, progressive, death, ecc).

Zhuravlyk

Le ep-b4?

Zhuravlyk

Aahhahahahaha

matteventu

Se non altro ti ho spoilerato che neanche nel video dice qualcosa di più

SteveMcQueer

non ci credo, bastava facessi +1 qui invece di scrivere il mio commento...

matteventu

Eh ma sono AIFAI.

SteveMcQueer

premetto che ho solo letto la recensione, e non ho guardato il video.
ma... che recensione è se non descrivete neppure l'esperienza uditiva?
non si capisce come suonino, a quali frequenze rispondano meglio, per che genere di ascolto siano più adatte... ci sono solo i dettagli tecnici di bluetooth, durata batteria, comfort... tutte cose interessanti ma a cosa servono se non si parla del suono?????

matteventu

Concordo sulle AKG Y50 allora.
O Sony MDR-10RC.

matteventu

Ma so' sciallo zio.

MestiereMan

Si ma stai calmo

MestiereMan

Ah scusa ero quasi sicuro di aver letto in ear, maledetta vecchiaia ;)

Hasselblad X1D e la sfida con la fotografia di strada | il nostro Test

Recensione Zhiyun Crane, stabilizzatore elettronico per reflex e mirrorless

FUJIFILM GFX 50S, X-T20 e X100F: prime impressioni | Foto da HDblog

Droni: regolamentazione, guida al volo, patentino, posizione Enac #report #regole