Tutte le novità della gamma audio-video 2017 di Samsung

12 Giugno 2017 12

Samsung ha ufficialmente lanciato la nuova gamma di prodotti audio e video 2017. La parte del leone è affidata ai QLED TV, i nuovi top di gamma che hanno sostituito i precedenti SUHD. I QLED TV si suddividono in quattro serie: Q9F, Q8C, Q7F e Q7C ("F" indica un TV piatto, "C" un TV curvo). Tutti i QLED sono LCD Ultra HD che utilizzano la tecnologia Quantum Dot. Si tratta però di una soluzione differente rispetto a quella implementata sui precedenti modelli. Samsung ha impiegato nuovi materiali: nello specifico si parla di nuove leghe metalliche capaci di migliorare sensibilmente le prestazioni.

Samsung dichiara che i QLED TV sono in grado di riprodurre il 100% del volume colore relativo al DCI-P3 (la misura è certificata da Verband Deutscher Elektrotechnieker, VDE), lo standard di fatto per l'Ultra HD (il più ampio Rec.2020 viene ora utilizzato come "contenitore", dato che nessuna tecnologia è attualmente in grado di coprirlo adeguatamente). In termini di picchi di luminosità i QLED TV garantiscono 1.500 cd/m2 - nits su Q7F, Q7C e Q8C e 2.000 cd/m2 - nits su Q9F.

Samsung Q9F

Una delle principali novità apportate dai nuovi TV Samsung riguarda l'angolo di visione. Creare TV LCD che possano essere visti anche da posizioni decentrate è da sempre un compito ostico. La problematica è particolarmente presente sui pannelli di tipo VA, quelli usati da Samsung sui prodotti di fascia alta per via dei vantaggi nella riproduzione del nero e quindi anche in termini di contrasto.

I QLED TV Samsung si prefiggono l'obiettivo di risolvere proprio questo limite, andando ad espandere significativamente l'angolo di visione. I miglioramenti dichiarati da Samsung sono legati alla struttura dei pixel. La disposizione dei sub-pixel presenti nei QLED TV non è del tipo RGB tradizionale (quindi con tre sub-pixel, rosso, verde e blu per ogni pixel). La struttura di ciascun pixel è denominata Dual Pixel Structure. I QLED TV utilizzano anche un nuovo telecomando. L'unità nera che equipaggiava i precedenti (ovvero gli attuali) modelli SUHD è stata sostituita da un telecomando color argento, dotato di una finitura metallica. La disposizione dei tasti non presenta particolari modifiche. Il numero dei pulsanti è sempre ridotto al minimo indispensabile ed è presente un microfono integrato per i comandi vocali.

Samsung Q8C

Tra le novità introdotte sulla gamma 2017 c'è poi una maggiore versatilità e facilità in fase di installazione dei TV. Gli schermi sono sempre più grandi ed è quindi necessario fornire facilitazioni per gli utenti. I cambiamenti apportati da Samsung iniziano dal nuovo cavo "Invisible Connection" che collega i TV e il box esterno che contiene l'elettronica e i connettori. Il cavo in fibra ottica è spesso 1,8 mm ed è trasparente. Risulta quindi molto facile da occultare alla vista e contribuisce a mantenere l'installazione ordinata e pulita.

La serie Q9 sarà disponibile nei tagli da 65" e 88", entrambi disponibili con schermi piatti. I miglioramenti apportati a livello di contrasto e riproduzione dei colori sono riportati con le diciture "Q Color" e "Q Contrast Ultimate". Viene confermata la gestione di HDR (HDR10) con picchi di luminosità compresi tra 1.500 e 2.000 cd/m2 - nits. Si parla poi di gestione del moto tramite "Supreme Motion", di "Q Engine" (per l'elaborazione delle immagini), di "Q Viewing Angle" (l'angolo di visione è tra i principali miglioramenti presenti sui QLED TV) e di PQI (Picture Quality Index) 3300 / 3400.

Samsung Q7F

Anche per la collocazione a parete ci sono novità sostanziali. Proporre TV sempre più sottili può risultare solo relativamente utile, in termini di design, se il sistema per fissarli a muro non consente di ridurre lo spazio tra la parete stessa e il televisore. Samsung ha quindi introdotto il sistema "No gap Wall-Mount", progettato per semplificare e migliorare proprio questo tipo di installazione. La staffa da muro è più semplice da montare e posiziona i TV praticamente a filo con la parete retrostante, riducendo a zero lo spazio.

I QLED TV permettono inoltre di scegliere tra tre tipi di supporto. Oltre all'ormai classica base a "Y" sono presenti il "Gravity Stand", una soluzione che viene descritta come una scultura contemporanea, e lo "Studio Stand", un treppiede da pavimento che riprende i cavalletti utilizzati per i quadri.

Samsung QLED Studio Stand

Q8 (ritratta nella foto in apertura) propone unicamente schermi curvi. Sarà disponibile nei tagli da 55", 65" e 75". La dotazione è molto simile ai Q9 ma con alcune significative differenze. In HDR si avranno picchi fino a 1.500 cd/m2 - nits e si parla di "Q Contrast" e PQI 3200. Su un gradino più in basso si posiziona la serie Q7, caratterizzata dalla presenza di modelli sia piatti sia curvi. I TV curvi sono caratterizzati dalla sigla 7C e saranno disponibili nei tagli da 49", 55"e 65". I TV piatti sono identificati dalla sigla 7F e saranno disponibili nei tagli da 49", 55", 65" e 75". Anche in questo caso la dotazione non differisce significativamente rispetto ai modelli superiori: cambia solo il PQI che qui è compreso tra 3200 e 3100.

Completano il quadro le nuove funzioni offerte dalla piattaforma Smart TV Tizen. Le nuove funzioni sono "Sports", "Music" e "TV Plus". In Sports vengono raggruppate tutte le informazioni relative ai risultati e alle statistiche delle proprie squadre preferite. L'utente può consultare tutti i dati all'interno di un'unica pagina, senza dover scorrere vari menu e senza dover seguire vari canali televisivi. I contenuti offerti variano in relazione ai partner con cui il colosso coreano ha stretto accordi (per il mercato USA si parla di NBC Sports, UFC eccetera).

Samsung QLED Gravity Stand

Music offre una funzione simile a quella di Shazam. Il TV potrà infatti riconoscere i brani riprodotti all'interno dei programmi televisivi. Vengono inoltre forniti consigli nella sezione "Preview" dello Smart Hub per spingere gli utenti a scoprire nuove canzoni. I partner per il servizio Music includono Spotify, iHeartRadio, Napster, Deezer, Sirius XM, Vevo, Melon e Bugs. TV Plus, infine, offre la possibilità di accedere a contenuti premium in streaming. Il servizio è integrato con una nuova EPG (la guida elettronica ai programmi). I contenuti vengono veicolati grazie ad accordi con partner come Fandango e Rakuten.

I QLED possono infine interfacciarsi con il software CalMAN e utilizzare la funzione AutoCal. CalMAN è l'applicativo utilizzato da molti tecnici professionisti quando si tratta di calibrare TV, proiettori e monitor (lo usiamo anche per le nostre recensioni). La funzione introdotta sui QLED permette di eseguire una calibrazione automatica dei TV anche in HDR. La vera novità riguarda proprio l'elevata gamma dinamica: è la prima volta che un sistema di auto-calibrazione permette di intervenire su HDR.

Invisible Connection

A seguire i prezzi di listino:

  • Q9F 88": 19.999 Euro
  • Q9F 65": 5.499 Euro
  • Q8C 75": 6.999 Euro
  • Q8C 65": 4.199 Euro
  • Q8C 55": 3.199 Euro
  • Q7C 65": 3.699 Euro
  • Q7C 55": 2.699 Euro
  • Q7C 49": 2.399 Euro
  • Q7F 75": 5.999 Euro
  • Q7F 65": 3.499 Euro
  • Q7F 55": 2.499 Euro
  • Q7F 49": 2.199 Euro

Ovviamente la gamma 2017 non si comporrà solamente di QLED TV, esattamente come quella 2016 non proponeva solo i modelli SUHD. Tutte le serie Ultra HD saranno contraddistinte dalla sigla "MU". Pariamo dalla fascia più elevata con i TV MU9000, dotati di schermo curvo da 49", 55" e 65". Le specifiche riportano la certificazione Ultra HD Premium, l'utilizzo di "Dynamic Crystal Color" con supporto ai 10-bit, la presenza del filtro Ultra Black, la gestione del moto "Supreme Motion" e la tecnologia "Supreme UHD Dimming". I TV saranno dotati del box esterno One Connect Mini (era già presente su vari modelli del 2016) e potranno gestire HDR con picchi fino a 1.000 cd/m2 - nits. Completano la dotazione il telecomando One Remote (non la versione Premium presente sui QLED TV), il PQI 2700 e le funzionalità Smart TV.

Samsung MU9000

Subito sotto la MU9000 si posiziona la serie MU8000, composta da un 49", un 55", un 65" e un 75" con schermo piatto. La dotazione è praticamente identica a quella degli MU9000 fatta eccezione per il PQI 2600. Scendendo ancora troviamo la MU7000, composta da pannelli piatti da 49", 55", 65", 75", e 82". Anche in questo caso troviamo caratteristiche simili agli altri TV MU. L'unico cambiamento rilevante è il PQI 2300.

A completare la gamma Ultra HD sono le serie MU6500, MU6400, MU6200 e MU6100. Anche questi modelli sono tutti Ultra HD Premium. MU6500 e MU6400 proporranno varianti piatte e curve dai 49" ai 65" con supporto a HDR, PQI 1500 / 1600, One Remote e Smart TV. Anche MU6200 e MU6100 saranno disponibili con modelli piatti e curvi e tagli dai 49" ai 75". Rispetto ai modelli di fascia superiore è presente il PQI 1300 / 1400.

Samsung MU8000

La gamma 2017 di Samsung si completa poi con lo speaker H7, la soundbar MS750 e il nuovo lettore Ultra HD Blu-ray M9500. Samsung si sofferma in particolar modo sulla tecnologia proprietaria UHQ a 32-bit. Si tratta sostanzialmente di un'elaborazione che viene applicata a tutte le sorgenti in ingresso. Viene quindi eseguito quello che tecnicamente si definisce un "upsampling": il suono in uscita viene ricampionato in modo da incrementarne la risoluzione. In pratica qualsiasi sorgente (sia con cavo sia wireless) in uso viene elaborata e convertita a 32-bit. Gli algoritmi utilizzati sono stati sviluppati dalla stessa Samsung presso l'audio lab negli Stati Uniti.

Le altre novità per il 2017 sono "Distortion Cancelling", Wide-band Tweeter" e "Crystal Amplifier". Distortion Cancelling riduce le alterazioni indesiderate operando in particolar modo sul controllo dei woofer. I Wide-band Tweeter espandono il cosiddetto "sweet spot", ovvero il punto ottimale di ascolto, mentre il Crystal Amplifier riduce il rumore.

Samsung MU7000

Passiamo quindi ai prodotti veri e propri. Lo speaker H7 include la tecnologia UHQ 32-bit ed è capace di scendere fino a 35Hz, secondo quanto dichiarato da Samsung. Il design utilizza una finitura in metallo mentre per i controlli è presente una manopola che permette di regolare il volume, selezionare la playlist eccetera.

La nuova soundbar MS750 si differenzia dagli altri modelli Samsung per la presenza di un subwoofer integrato. Anche in questo caso troviamo la tecnologia UHQ 32-bit. Sul lato superiore sono presenti due tweeter posizionati per diffondere il suono verso l'alto. Samsung non parla di Dolby Atmos, anche se la configurazione è molto simile a quella che troviamo sulla HW-K950. Sono invece presenti le funzioni di upmix che consentono di espandere il suono (sfruttando tutti gli speaker presenti). La connettività è stata studiata per semplificare al massimo tutte le operazioni: si parla infatti di una soluzione che consente di utilizzare un solo cavo di alimentazione per TV e soundbar.

Samsung H7

Il lettore Ultra HD Blu-ray M9500 è dotato di Bluetooth Wireless Streaming Support e della possibilità di utilizzare il Samsung Smart Remote per controllare tutti i dispositivi compatibili (come i TV). La connettività Bluetooth consente di sfruttare il Private Cinema Mode, una funzione che permette di inviare l'audio a cuffie Bluetooth. Ci sarà inoltre una maggiore integrazione con i dispositivi mobile. Gli utenti potranno vedere i film in Blu-ray sui proprio smartphone o tablet (tramite streaming su rete locale) e si potranno anche riprodurre foto e video a 360° sul grande schermo (in questo caso saranno i dispositivi mobile a fungere da strumenti di controllo).

Samsung MS750

La novità più interessante, almeno sulla carta, consiste nella possibilità di ottimizzare tutti i parametri audio e video in modalità automatica. Sarà il lettore a determinare le impostazioni migliori per il TV e per l'impianto audio eventualmente presente. L'attivazione di HDR e la selezione della regolazioni audio avverranno in automatico. Samsung non scende nei dettagli, motivo per cui non è possibile farsi un'idea precisa sul funzionamento. E' comunque probabile che si tratti di una selezione della migliore modalità audio-video tra quelle presenti.

Samsung M9500
Il best seller rinnovato in chiave 2016? Motorola Moto G4, compralo al miglior prezzo da Amazon a 176 euro.

12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco -

Ho ordinato un b7 65". Spero mi arrivi settimana prossima!

Marco -

Visto vicino ad un lg oled dell'anno scorso...imo differenza abissale, oled forever.

luigiesse21

Ma sono davvero molto diversi i tv QLED dai top di gamma MU o si tratta solo dello stato dell'arte della fuffa, marketing con mille nomi altisonanti, ma zero sostanza?

Babi

W7

momentarybliss

Molto probabilmente non sono il primo a notarlo ma chiamare QLED la propria linea di TV top di gamma a mio avviso mira a confondere le idee all'utenza media, che può tranquillamente confondere con OLED, la differenza è solo un piccolo segno di sbieco

Nicola Buriani

L'unico che è probabile si possa testare a breve è il W7, gli altri non credo arrivino prima di agosto-settembre.

Ajeje Brazorf

PS: quando avrai modo di recensire i nuovi OLED Lg? Immagino se ne riparli da settembre in poi?

Nicola Buriani

Non metto in dubbio che possa non esserci un passo in avanti netto: credo sia il punto più critico per i pannelli VA, non è facile ampliare l'angolo preservando il rapporto di contrasto.
Per quanto mi riguarda li ho visti troppo di sfuggita per potermi pronunciare.

Ajeje Brazorf

Sì quello è vero, però anche i modelli piatti nelle recensioni stanno ricevendo gli stessi voti e critiche sull'angolo di visione come le serie precedenti. Ci tengo a dire che per me non è mai stato un problema, però non mi sembra ci siano stati i miglioramenti di cui tanto parlavano. La serie Q7 piatta l'ho vista di sfuggita al MW in ambiente semibuio dedicato alle tv Samsung, e le impressioni sono state le stesse della serie Q8 che ho avuto modo di vedere in maniera più approfondita. Sinceramente non capisco il perchè abbiano aumentanto i prezzi di listino, io non vedo nessun miglioramento degno di nota.

Nicola Buriani

Sui curvi l'angolo di visione è sempre più critico. Ti saprò dire quando ne potrò testare uno a fondo comunque, vedremo se i pixel "a rombo" sono una soluzione effettivamente funzionante.

Ajeje Brazorf

"Una delle principali novità apportate dai nuovi TV Samsung riguarda l'angolo di visione."
Io tutto questo miglioramento non lo vedo. Basta spostarsi di mezzo metro verso sinistra o destra e diventano un disastro... Visti frontalmente invece non sono male, ho visto un 65Q8 e frontalmente il livello del nero non era niente male, peccato che bastava spostarsi leggermente per vederlo peggiorare in maniera netta.

hmm...

insomma...

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole

TV LG OLED 55E6V con webOS 3.0: la nostra recensione

TV OLED Sony KD-65A1: la nostra Recensione

DJI Phantom 4 Advanced: la nostra Recensione