Sony HT-MT500, una soundbar compatta ma convincente

11 Luglio 2017 16

Che il mercato TV sia uno dei più prolifici per quanto riguarda l’universo tecnologico non è certo un mistero. Sono sempre di più le persone che hanno all’interno della propria abitazione un televisore di ultima generazione, curvo o piatto che sia, 4K, HDR e in grado di riprodurre nel migliore di modi qualsiasi tipo di contenuto in alta definizione.

Pannelli di dimensioni sempre più elevate, con strutture sempre più sottili e cornici ormai inesistenti. Il tutto però a discapito di un altro elemento molto importante quando parliamo di intrattenimento multimediale, ovvero l’audio.

Ecco perché ormai tutti i produttori di televisori si sono dati da fare per portare nelle case dei propri clienti non soltanto la miglior esperienza visiva possibile, ma anche sistemi audio da abbinare al TV che soddisfano l’orecchio degli utenti essendo allo stesso tempo meno impegnativi dei vecchi sistemi home theatre.

DESIGN E DIMENSIONI

Parliamo delle soundbar; sistemi solitamente composti da due componenti, la soundbar stessa e un subwoofer, che riescono nel tentativo di migliorare l’esperienza d’ascolto con un ingombro contenuto.

E ci riferiamo proprio a questo tipo di prodotti quando citiamo la Sony HT-MT500, annunciata lo scorso gennaio in occasione dell’ultimo CES di Las Vegas e mia fedele compagna nelle serate Netflix da circa un mese.

Una soundbar che mi ha subito colpito per una delle sue caratteristiche, forse quella principale, ovvero la compattezza. Pensate che la soundbar stessa misura solo 50 x 6.4 x 11 cm e quasi sparisce quando la posizioniamo ai piedi di un televisore da 49 pollici in su.

Disponibile in bianco o nero, per meglio abbinarsi all’arredamento di casa, si completa di un subwoofer, anch’esso molto ridotto, misura 9.5 x 38.3 x 38 cm. Dimensioni che permettono di posizionarlo in verticale a fianco della nostra TV oppure, collegandosi al sistema in modalità wireless, addirittura sotto la maggior parte dei divani, facendolo scomparire completamente alla vista.

Il design è molto semplice ed essenziale e nella parte superiore della soundbar troviamo una serie di tasti touch capacitivi per il controllo del volume, la selezione dell’input, l’attivazione del Bluetoooth e, ovviamente l’accensione. Una piccolo display a LED inserito direttamente dietro la griglia frontale indica poi esattamente quale input è attivo e quale tipologia di equalizzazione è impostata durante l’ascolto.


Nella parte posteriore abbiamo invece tutte le porte di connessione con il nostro sistema da amplificare. In particolare questa MT500 offre una HDMI (ARC), un connettore ottico, un connettore Ethernet e un classico jack da 3,5 mm. Il tutto oltre, ovviamente, al connettore jack per l’alimentazione.

SETUP

Il setup del sistema è estremamente semplice, particolare da non sottovalutare perché, pur offrendo una qualità del suono decisamente buona, si tratta pur sempre di un prodotto dedicato ad un pubblico consumer e quindi non per forza esperto in materia.

Una volta posizionata la soundbar è infatti sufficiente alimentarla, individuare il connettore ottico sul nostro TV, e collegare le due porte con il cavo che troviamo in confezione. Fatto questo, basta selezionare la HT-MT300 come output audio nelle impostazioni del TV e il gioco è fatto.

Ma ancora migliore è il setup via HDMI (ARC) che ci permette di controllare la nostra soundbar direttamente con il telecomando della TV e di fare in modo che si accendano e si spengano insieme, senza quindi intervenire con il telecomando dedicato.

Non manca la possibilità di connettere dispositivi tramite Bluetooth, e abbiamo anche l’NFC che garantisce un pairing sicuramente più rapido e semplice con il nostro smartphone Android.

Per concludere la sounbar Sony HT-MT500 è dotata anche di connettività WiFi 802.11 a/b/g/n che permette di sfruttare servizi musicali come il Chromecast integrato e Spotify Connect.

PRESTAZIONI

Sin dal primo momento in cui l’ho vista in azione a gennaio in occasione del CES questa soundbar mi ha stupito per quanto riuscisse ad offrire in termini di qualità e di potenza del suono, nonostante le dimensioni estremamente compatte.

Impressioni pienamente confermate anche nell’utilizzo di tutti i giorni. Rispetto agli speaker standard della TV di casa, per quanto si tratti di un TV di fascia alta, l’esperienza audio cambia in maniera radicale. Il suono è molto più corposo, le frequenze sono coperte in maniera più completa e corretta e abbiamo in generale una sensazione di coinvolgimento estremamente maggiore.

Le scene più movimentate dei film d’azione sono sicuramente quelle che più godono dei miglioramenti portati da questo setup; esplosioni, spari e colpi di vario genere possono godere del supporto del subwoofer per la componente dei bassi e di un range molto più ampio di frequenze per alti e medi.

Certo non siamo ai livelli di un impianto 5.1 o delle soundbar molto più costose (leggi, ad esempio, HT-ST5000, per restare in casa Sony), con certificazioni Dolby Atmos e audio sorround 3D. In quel caso il coinvolgimento è sicuramente ancora maggiore e la sensazione di essere veramente al centro della scena è ulteriormente accentuata. Riprodurre correttamente fonti sonore che nella realtà sarebbero poste dietro l’osservatore non è del resto per nulla semplice quando si è di fronte ad un sistema 2.1; occorrono tecnologie che fanno lievitare il prezzo e che avrebbero sicuramente reso molto meno accessibile questa HT-MT500.

L’effetto stereo sorround è sufficiente ma non eccezionale e forse avremmo preferito una maggiore separazione dei canali proprio per meglio distinguere la posizione di provenienza dei vari suoni.

Decisamente particolare è poi l’esperienza d’ascolto che deriva dal posizionamento del subwoofer sotto il divano di casa. In questo caso i bassi sembrano essere ulteriormente amplificati e l’effetto nelle scene con maggiore presenza di queste frequenze è sicuramente molto interessante.

Se vi dovesse poi sembrare eccessiva la quantità dei bassi stessi o, al contrario, troppo poco evidente, allora ricordatevi che è comunque possibile regolarne l’intensità tramite l’equalizzatore integrato.

CONSIDERAZIONI

In definitiva possiamo comunque affermare di essere di fronte ad un ottimo prodotto in relazione a prezzo, caratteristiche fisiche e tecniche, e anche all’esperienza di ascolto che è in grado di offrire.

Il prezzo di listino è infatti di 600 euro, un buon compromesso se si vuole ulteriormente giustificare la presenza di un TV di qualità all’interno del salotto di casa. L’esperienza di ascolto che ne deriva non è infatti nemmeno paragonabile e nettamente superiore a quella dell’audio integrato nel TV.

Se poi si vuole comunque provare ad avere un’esperienza di ascolto molto simile con una spesa ancora inferiore, ecco che Sony propone anche la sorella “minore” MT300, che perde la connettività Chromecast e Spotify Connect oltre alla possibilità di connettersi al TV via HDMI (ARC).

PRO E CONTRO:

Design minimaleCompattezzaFacilità installazionePrezzo
Suono un po' chiusoEffetto sorround poco limpido
Spendere poco per avere tanto? Huawei P9 Lite, compralo al miglior prezzo da Amazon a 194 euro.

16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex4nder

Io per una Sounbar non spenderei più di 150 euro e ci sto rimettendo!

Vittorio

su amazon! Ora però è tornata sopra i 500

gaelom

Allora, se adesso questa si trova a 399 il discorso cambia. La Playbar l'ultima volta l'avevo vista a 600 euro in offerta, senza sub, e già faceva paura per come si sentiva. Certo col sub cambia il discorso. Diciamo che a parità, 600 euro per 600 euro, avrei optato per Sonos a occhi chiusi, anche senza sub. A 399.....ok

il Gorilla con gli Occhiali

Molto meglio la Bose Solo 15, capolavoro!

Qubit

600 euro?

Qubit

li puoi lasciare quelli se non ti piacciono...

Vittorio

Ho letto bene ma se ti riferisci alla Playbar online la vedo intorno ai 750€ senza sub e 1500€ con sub.
Questa si trova a 399€ col sub.

sardanus

corniciony*

gaelom

Se leggi bene ho scritto senza sub, ma fidati, non ho sentito questa, ma ho sentito la sonos senza sub e già fa paura

momentarybliss

Anche se il design sembra sia stato curato da un discendente di Leonida, come dotazione e dimensioni non è male, sarebbe interessante però avere un parere anche sulla qualità della riproduzione di brani musicali da smartphone

Vittorio

Beh questa al momento costa quasi la metà della Sonos, non proprio "poco più".

Vittorio

600 di listino, si trova già a 400. L'Onkyo costa più del doppio.

gaelom

Allora, fio al prezzo ero quasi stupito. Dopo mi sono cadute le braccia
Ma vogliamo metterla con la Sonos che si trova a poco di piu??????
Abbiamo il coraggio di paragonarle, anche senza sub....
Scaffal One

Zhoth

Da come ne viene parlato ad inizio articolo sembrava fosse venduta ad un prezzo stracciato ed invece 600 sacchi.. lol

N#R#S©

600 euro questo giocattolo? spendere per spendere meglio con qualcosa in più un vero kit 7.1 (5.1.2) onkyo S9700 con DOLBY ATMOS....saluti

jerei

no no,assolutamente no.....ha i cornicioni....

Recensione Android TV Ultra HD TCL U55C7006: dotazione completa a meno di 1000€

RECENSIONE DJI SPARK: tutto quello che dovete sapere | Limiti volo e Regole

TV LG OLED 55E6V con webOS 3.0: la nostra recensione

TV OLED Sony KD-65A1: la nostra Recensione