Panasonic mostra i pannelli OLED concavi e convessi

10 Gennaio 2014 17


Gli OLED sono stati probabilmente i "grandi assenti", nell'edizione 2014 di CES: presenti in gran spolvero lo scorso anno, soprattutto con i prototipi di Sony e Panasonic, dotati di risoluzione 4K, sono finiti fuori dalle luci della ribalta quest'anno, sostituiti dagli LCD a LED con schermi curvi. L'unico produttore a continuare a dare un notevole risalto alla tecnologia OLED è LG, che ha infatti mostrato numerosi modelli (maggiori informazioni le potete trovare qui).


Questo non significa che tutti gli altri produttori non abbiano presentato alcun OLED: Panasonic, ad esempio, non ha abbandonato la tecnologia, ma ha mutato la destinazione d'uso, realizzando pannelli di questo tipo solo per il mercato B2B (Business to Business, per gli utenti professionali insomma). Il motivo è presto detto: i costi vengono ancora ritenuti troppo elevati, il che impedirebbe di realizzare un modello per il mercato di massa, dato che il listino lo porrebbe su una fascia eccessivamente elitaria. Al CES erano comunque presenti alcuni prototipi, ovviamente non destinati a concretizzarsi in prodotti reali nell'immediato futuro. Gli OLED mostrati sono dotati di un pannello con risoluzione 4K curvo (elemento ormai quasi imprescindibile, a quanto pare). La curvatura non è però quella tradizionale: i pannelli mostrati sono, infatti, sia concavi che convessi, allineati l'uno affianco agli altri per formare una sorta di grande "S". L'effetto complessivo è davvero impressionante, e mostra quanto potenziale sia insito nei display OLED, per ora limitati unicamente dalle difficoltà produttive.

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Tiger Shop a 355 euro oppure da Amazon a 406 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nagash

;) i panasonic plasma rimarranno nella storia, come sempre le cose migliori vengono eclissate per colpa dell'ignoranza.

Un 55" o 60" sarebbe stato pazzesco, ma costava troppo :P

Anche io ho preso questo in attesa degli OLED sapendo che meglio di così tecnologicamente non ci sarà niente fino a che gli OLED non scendono ad un prezzo abbordabile.

Gli OLED mi piacerebbe vederli anche sugli ultrabook per avere degli schermi ottimi che consumano pochissimo!

Nicola Buriani

Perfetto: sai, non vorrei che passasse il messaggio "Io so la verità, quindi ho ragione io", che è proprio il contrario di quello che vorrei :).

Comunque è proprio probabile che ci siano dei problemi E che ci siano motivazioni più "commerciali", non possiamo escluderlo.
Del resto anche il costo dei pannelli Ultra HD di ampia diagonale non è direttamente legato solo a costi produttivi, ma anche all'esclusività del prodotto.

Dio

Non la vedo assolutamente come un tentativo di plagiarmi il pensiero. Solo come scambio di opinioni. Per di più tu stai dicendo tutte cose corrette e documentate, quello che avanza ipotesi sono io. Lo faccio su basi vere, ma potrei ovviamente sbagliare. Non sono un complottista però una tecnologia nata e sviluppata (ormai ultimata) per abbattere i costi, scarti e smaltimento della tecnologia attuale mi sembra strano che, dopo anni, presenti problemi ancora più gravi della tecnologia attuale. Quindi mi sorge il dubbio che si vuole vendere una tecnologia migliore con costi minori a un prezzo elevato. lndi come novità, come direbbero molti: l'iPhone del tv. Gustificando tale prezzo con problemi di realizzazione. Poi mettiamo che il 4K tira, e quindi ecco la nuova gallina dalle uova d'oro che dà tempo per lanciare la rivoluzione.
La verità, decisamente, potrebbe essere in mezzo.
Saluti.

Nicola Buriani

Ma certo, però, ripeto, il prototipo del Kuro a contrasto infinito è stato mostrato all'inizio del 2008, era in sviluppo da anni (per forza di cose), quindi era come minimo tecnologia del 2007, e come è finita?
Mai arrivato, troppo caro da produrre fino all'anno scorso.
E parliamo di tecnologie pensate per una TV e realizzate direttamente da un produttore.

Comunque a porte chiuse vengono anche fatte confidenze (logicamente fino a quando si tace, perché immagino che se si spifferasse poi tutto alla prima occasione, allora le confidenze finirebbero in fretta) che non avrebbero assolutamente interesse a fare, e tra parentesi metto la mano sul fuoco sulla buona fede di certe persone, quindi è sicuramente come dicono.

Tra parentesi Sony ed altri produttori hanno anche più volte illustrato il perché i metodi di produzione erano troppo inefficienti (si sprecavano troppi materiali nel processi che portavano a depositare i materiali organici). Poi ripeto, non vorrei ingenerare l'impressione di volerti convincere a forza (anche perché nemmeno io dispongo di tutti i dati necessari: non li divulgano), ed è possibile che la verità stia anche nel mezzo.

Dio

Sì, ricerche nei laboratori però del 2006 ;)

Ecco perché deduco che gli abbattimenti dei costi dovrebbero essere ad un punto tale da assicurare margini anche vendendola a costi medi. Infondo i risultati di durata del signolo polimero blu ha raggiunto una durata altissima. Per quanto l'entropia sia rapida da 400 000 ore anche se arrivassero a 40 000 sarebbe un risultato ottimo. Infondo garantirebbero 8 ore al giorno per più di 10 anni.

Purtroppo ho finito l'università e il mio compagno di stanza, che era un ricercatore del laboratorio dell'unviersità (io sono un semplice ingegnere), non lo vedo da anni, altrimenti ti saprei dire di più sui nuovi progressi nel campo. Quello che dicono le aziende io non tendo a crederci perché potrebbero anche voler giustificare il prezzo, come la LG con l'OLED 50 " a 5000€.

Poi quoto il discorso sui Crystal LED etc tramontate per impossibilità di riprodurli su larga scala con costi bassi.

Ovviamente per la scala cromatica intendo quello nativo del cinema. DCI.

Ricambio il piacere. Ogni tanto è bello poter parlare con una persona competente ed educata. :)

Nicola Buriani

Appunto: tu parli di ricerche nei laboratori, sei in grado di stabilire se il risultato tenga conto della copertura del gamut degli spazi colore DCI, NTSC o di quello che è inserito nelle specifiche dell'Ultra HD, il BT.2020?
Il bilanciamento del bianco com'è? La linearità dei pannelli?
Non basta avere la durata per rendere la tecnologia adatta ai pannelli di TV di alto livello, questo senza contare i costi.
Il Plasma a contrasto infinito è tecnologia del 2007, ancora oggi non sarebbe mai conveniente a livello commerciale, per dire.

Credimi, capisco il discorso, e lo condivido, però tieni presente che chi produce deve fare i conti con i costi, non basta che la tecnologia sia disponibile, deve esserlo a certe condizioni, altrimenti conviene lasciar pendere.
E' poi il motivo per cui non abbiamo mai visto i SED, FED e Crystal LED.
PS: gran bella chiacchierata comunque :).

Nicola Buriani

Ma ci posso anche credere che Kodak si faccia pagare, ma se NESSUNO cita la questione nemmeno a porte chiuse, evidentemente non è quello il problema.
Poco "casualmente" citano ben altro, anche a porte chiuse :).

Lo spettro cromatico, se parli di TV, è lo spazio colore, non ce n'è uno solo, ce ne sono vari: a quale ti riferisci?
E comunque davvero no, non è quello il problema.

Dio

Non intendevo che hanno abbandonato per mancanze sulla copertura dello spettro, anzi volevo dire che hanno raggiunto un livello talmente alto che non potevano superare. Il costo eccessivo e le poche vendite hanno costretto ad abbandonare il plasma.

Il consumo disomogeneo è l'entropia del blu, ovvero il blu si consumava praticamente in metà del tempo. Ma hanno raggiunto un limite di 400000 ore in laboratorio, e su un panello funzionante, quindi un vero display, circa 90 000 ore.

Non so quanto siano applicabili alla fascia bassa di mercato, infondo non sono in possesso della veirtà assoluta, però questi risultati sono stati raggiunti nel 2008. Dopo 6 anni credo che l'abbattimento dei costi sia stato tale da permettere la produzioni di massa. Dico e ripeto credo.

Dio

Ah, hai aggiunto dopo. Però la Kodak ha un accordo con LG da circa 5 anni per l'OLED. Per dirti la Kodak, lungimirante, ha depositato 1900 brevetti sugli OLED.
Ed ha proposto, nonostante ciò, un 50'' a 5000€. Praticamente quasi il triplo del costo di una qualsiasi tecnologia. Basta pensare che un LED Sony triluminos 55" sta 2000, o un VT Panasonic di quel taglio costa 1499

Lo spettro cromatico sono tutti i colori visibili e riproducibili, e la Panasonic ZT60 ne riproduce il 98%. Mentre LED riescono a malapena raggiungere il 70%, la Sony triluminos arriva a poco meno del plasma ma a un prezzo alto e senza i neri del Pana.

Nicola Buriani

Ma non c'è solo il problema del consumo disomogeneo: tutte le componenti organiche degradano, e questo perché tutti faticano a sigillare i pannelli. E non esiste nessuna durata certificata per i pannelli delle TV, zero studi, capisco che gruppi di ricerca abbiano ottenuto certi risultati, ma quanto sono applicabili ad un modello commerciale?
Perché è quello il punto: potenzialmente potrebbero realizzare TV a contrasto infinito già con i Plasma, solo che poi dovrebbero venderle a prezzi totalmente folli, il che rende il prodotto non gestibile a livello commerciale. Ripeto: il problema non è realizzare un OLED oggi, il problema è farlo con costi compatibili con il mercato di massa. L'LCD permette di realizzare TV Ultra HD a prezzi molto contenuti, l'OLED pone problemi già per un Full HD. Che ci sia una strategia è certo, ma è la più lineare che esista, ovvero privilegiare il prodotto che consente di realizzare margini.

Per i Plasma non è quello il problema: anzitutto non vendevano più niente (ormai erano ridotti a percentuali bassissime, e sempre in calo), in secondo luogo erano diventati troppo stringenti i requisiti di riduzione dei consumi, il che, unito alla difficoltà nel realizzare modelli Ultra HD, ha portato all'abbandono, esattamente come è accaduto prima per Pioneer. Sicuramente non li hanno abbandonati per presunte mancanze relative alla copertura di uno degli spazi colore.

Dio

La CDT, l'università di Cambridge, ha risolto il problema dell' entropia del blu. Infatti hanno ottenuto una durata di 400 000 ore del blu a polimeri. Ma questo già anni fa.
Gli oled non hanno problemi di durata, non più. Infatti sempre la CDT ha pannelli funzionanti per 90 000 ore. Quasi quanto i migliori LED.
Sui numeri di scarti non ti contraddico perché non so in quali quantità li producono.
Su Panasonic: non produce più i plasma perché la tecnologia in sé ha dei limiti e sono stati raggiunti. In poche parole hanno ottenuto il massimo.
Poi metti che il mercato non funziona come dovrebbe, ovvero si vendono novità non tecnologie migliori. Quindi i LED la fanno da padrona, pochi comprano plasma. Ecco perché non investono più.
I plasma ormai hanno raggiunto il top con lo ZT6O e anche la Samsung col F8500. Non è più un mercato competitivo, chiunque ci entra può solo raggiungere la Panasonic.

Nicola Buriani

Perdonami, ma non vedo assolutamente il nesso: il primo problema inerente ai TV OLED è la durata, chiunque potrebbe realizzare una TV domani, ma senza garantirti una durata soddisfacente.
E' un problema che definire rilevante è poco.
Il secondo problema è il numero di scarti, elevatissimo ancora oggi, il che rende inapplicabili le economie di scala.
Questi sono fatti.

Ancora: Panasonic produceva già LCD Ultra HD, e non ha mai puntato su quella tecnologia, ha dovuto cambiare perché i Plasma sono ormai spariti (solo LG ha presentato qualche modello di fascia medio-bassa), ma avrebbe tutto l'interesse a bruciare sul tempo gli avversari, perché con gli LCD non ha mai avuto molto successo (lo dimostrano le vendite), ed arrivare primi sugli OLED farebbe un'enorme differenze, perché ormai fare la differenza sugli LCD è dura (il mercato è consolidato).
Ancora: LG arriverà con un OLED sui 5000€, quindi è evidente che i brevetti Kodak c'entrano poco, del resto tutti utilizzano tecnologie proprietarie e forse proprio LG potrebbe aver trovato la quadratura con la WRGB.
Questa è la verità che tutti gli addetti ai lavori sanno, poi per carità, libero di credere che ci siano altri interessi sotto, ma questi sono fatti verificabili (anche perché non si capisce a che pro si sentano, da tempo, dichiarazioni non positive, quando sembrava che i TV OLED dovessero arrivare a breve).
PS: non ho capito il discorso 98% dello spettro cromatico (di quale spazio colore, tra l'altro?).

Dio

Sì, è strategia. Quando andavo all'università nel 2005 il laboratorio di nanotecnologie aveva in commissione i LED dall'Audi e anche gli schermi organici.
Già allora avevamo un panello funzionante. Dopo nove anni non credo che non abbiano risolto il problema dell'entropia precoce. Infatti l'hanno risolto (non la mia università ovviamente).
Il VERO problema degli oled sono le royaties, perché il brevetto è Kodak e la Kodak essendo quasi fallita pretende di ripianare le perdite con i diritti intellettuali sugli Oled. Per questo non ci saranno a breve gli oled a basso costo.
Discorso Panasonic: come tutte le altre case hanno sempre avuto patti di non belligeranza e le tecnologie si fanno uscire insieme (o si rendono inaccessibili, ex:15000 euro) . Inoltre la Panasonic non poteva più sviluppare i plasma, perché riproducono il 98% dello spettro cromatico e hanno basato la loro tecnologia sui Pioneer (acquisita dalla Panasonic) Kuro, quindi i neri sono quasi perfetti.
Avendo la Panasonic un assortimento di tv Led ottimo, hanno presentato la 4K proprio adesso. Ritardano gli oled per tenere sotto-scacco la Kodak, e anche per vendere rimasugli di tecnologia vecchia. Potrebbero vendere anche gli OLED ma perché rovinare un mercato, a livello di evoluzione intermedio, se ci si possono fare bei soldi. (io preferirei un oled a 5mila euro piuttosto che un 4k).
Infatti secondo me l'accordo PanaSony -non rinnovato perché, dicono, non riescono a produrre oled a basso costo- è stato sciolto perché sono già pronti con la produzione ma non hanno interesse investire più al momento, essendo il mercato attratto dal 4k.
Poi la vera verità non so quale sia, lo sanno loro...

Nicola Buriani

No, non è strategia: i problemi di produzione degli OLED sono noti e documentati.
Tra parentesi Panasonic tutto questo interesse negli LCD non l'ha mai avuto, ed avrebbe tutta la convenienza ad anticipare i concorrenti sugli OLED.

Dio

Fantastico, il GT è eccezionale. Come del resto tutti i plasma Panasonic, partendo dall'ST.

Io ho il 50VT60 e non ho voluto prendere il 65 perché dicevano che ci sarebbero stati gli Oled. Quindi ho risparmiato un po'.

Decisamente lascio i LED 4K in attesa di un OLED, magari in 4K.

Nagash

Comprato il panasonic GT60 50" pochi giorni fa.
Un'altra dimensione..
Lasciamo che i babbi comprino gli LCD e i LED 4K, così finanziano gli OLED fino a che non si abbasseranno di prezzo

Dio

Tutta strategia.
Perché mettere sul mercato 2 tecnologie insieme se si può vendere prima una e poi l'altra?
Le case prima vogliono vendere una tecnologia vecchia con 4k, "perché tira quest'ultimo", e dopo metteranno sul mercato gli oled 4k.

Da un lato sono deluso perché volevo un 4KOLED, dall'altra parte sono contento perché il mio plasma durerà ancora qualche anno.

Recensione TV OLED Sony KD-55AF8, alta qualità audio-video e Dolby Vision

Recensione QLED TV Samsung QE65Q9FN, nero profondo e ideale per i videogiochi

Recensione TV Hisense 55U7A, Smart TV HDR con buon rapporto qualità/prezzo

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB