Sony mette in vendita la sede storica di Tokyo

01 Marzo 2014 8


Sony ha deciso di mettere in vendita la sua precedente sede di Tokyo, quella occupata dal 1990 al 2007. Ricordiamo che non si tratta della prima operazione di questo tipo: il colosso giapponese ha infatti già ceduto il quartier generale Usa, per 1,1 miliardi di Dollari, ed un altro edificio a Tokyo, sempre per la stessa cifra. L'edificio in questione si trova nell'area di Shinagawa che viene chiamata Gotenyama, ed ospita, al momento, il settore medicale ed altri non correlati a segmenti consumer.

Sony ha messo in vendita la sua vecchia sede per una somma di circa 15 miliardi di Yen, pari a 146,5 milioni di Dollari. Si tratta ovviamente dell'ultima mossa, in ordine di tempo, che va ad inserirsi nel quadro della ristrutturazione globale della compagnia, che in settimana aveva anche annunciato la chiusura di circa 20 dei suoi punti vendita negli USA (pari a più o meno il 75% del totale), con il licenziamento di circa 1.000 dipendenti (ovviamente non occupati solamente nei suddetti negozi). Il risultato finale a cui la compagnia aspira è ridurre le perdite, che, stando a quanto dichiarato a Febbraio, dovrebbero ammontare, per l'intero anno fiscale, a circa 1,1 miliardi di Dollari.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 899 euro oppure da ePrice a 1,037 euro.

8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ushirogami

ma infatti non hanno risarcito nulla a nessuno, sono stati solamente multati per 300.000 euro

Andrea Barx

Ho cercato su internet ma di questo risarcimento miliardario non ho trovato tracce? hai una fonte?

soxxoz

Si, senza dubbio una società di qualità. Mi ci sarei potuto affezionare di più se non fosse stata sempre in prima fila nel creare sistemi il più possibile chiusi. Negli anni si è verificata la politica più remunerativa, ma comunque non apprezabile.

Dio

Naaaaa, nel 2011 la Sony ha subito un attacco hacker che ha rubato l'identità e carte di credito di 77 milioni di utenti.
Ovviamente la Sony ha dovuto risarcire gli utenti per un totale di 24 MILIARDi di dollari e ha perso più di 30 MILIARDI totali in borsa.
Infatti stavano vicino al fallimento.
I prodotti Sony non c'entrano, sono sempre stati sinonimo di eccellenza e affidabilità.

alystra

Si diciamo che e stato supratutto negli anni "80 e "90 il Marchio per Eccellenza del ELETRONICA di consumo assieme alla olandese Philips che si sono contraddistinti per i loro prodotti sempre all'avanguardia. E sicuramente e uno dei pochi Brand che rimarranno per SEMPRE nell'immaginario collettivo come la Stella del ELETRONICA del XX-mo Secolo. IMMENSI !

mikiblu

a me è sempre piaciuta un sacco:dai walkman ai televisori (che effettivamente costavano piu degli altri) ai vaio. ovviamente il mercato cambia e loro ne risentono molto

andryuz

situazione creata da loro...vendono a prezzi esagerati...molto presto altri gli faranno compagnia

alystra

Beh che dire se e arrivata a tal punto di fare questa scelta (chiamiamola conservativa per non dire estrema) vuol che sono arrivati alla Frutta. Insomma la Sony ultimamente va din male in Peggio. Peccato Davvero.

Recensione proiettore BenQ TK800, Ultra HD e HDR luminoso per l'intrattenimento

Recensione Sony KD-55XF9005, Android TV UHD con Dolby Vision ed elettronica top

RECENSIONE GoPro Hero 7 Black Edition, la stabilizzazione è il punto di forza

Recensione Sony Alpha 7 III: provate a prenderla!