Blu-ray 4K: prime conferme da parte di Sony

05 Maggio 2014 37

Periodo pregno di annunci e notizie importanti, per il mercato Blu-ray. Nell'ultima settimana, infatti, abbiamo parlato già due volte del supporto ottico in alta definizione: la prima è stata in occasione di alcune dichiarazione di Sony, legate all'andamento finanziario. Secondo il produttore giapponese, le vendite stanno subendo una rapida contrazione, e non vi sarebbero prospettive rosee per il futuro. Sabato, però, è stata diramata un'indiscrezione sul successore del Blu-ray, la tanto chiacchierata versione "4K", attualmente in sviluppo. La fonte francese riportata persino un possibile annuncio ad IFA 2014.

Di oggi, invece, è l'ultimo "aggiornamento": durante una conferenza, Sony ha esplicitamente parlato del Blu-ray 4K. I dettagli rivelati sono, in realtà, pochissimi: le specifiche sono ancora da definire, con riguardo a profondità del colore, frame rate, gamma dinamica, capacità dei archiviazione dei dischi e persino i coded supportati (probabilmente si sta decidendo se includere, oltre a HEVC, anche il VP9). Praticamente tutto ancora da definire, quindi, risoluzione a parte: per quest'ultima sono stati ribaditi i requisiti definiti da CEA, ovvero almeno 8 milioni di pixel, corrispondenti ad almeno 3840 x 2160 punti in 16:9.

In realtà qualche dettaglio è stato fornito sulla capienza dei supporti ottici: pare che ci si stia orientando verso una soluzione a triplo strato, capace di offrire uno spazio di 100GB. Secondo Sony, però, i lavori sarebbero ancora ben lungi dall'essere completati: l'uscita sul mercato sarebbe prevista per la fine del 2015, ben più tardi di quanto pronosticato dalla fonte francese, che parlava di un completamento entro il 2014. Va però precisato un elemento fondamentale: la conferenza Sony è precedente alla notizia riportata da 01net (la testata d'oltralpe che ha diffuso l'indiscrezione, sempre riferita a Sony tra l'altro, anche se parliamo della divisione europea, in quest'ultimo caso).

Al di là della confusione creata dalle tante notizie, un fatto è evidente: qualcosa, sul versante dei supporti ottici di "nuova generazione", si sta evidentemente muovendo. Probabilmente non ci sono ancora idee chiarissime su come muoversi, per varie motivazioni: i TV Ultra HD sono ancora agli albori, ed anche la progressiva crescita dei servizi video on demand crea, probabilmente, qualche indecisione. Puntare tutto sul supporto ottico, nuovamente? Puntare sullo streaming? O puntare su entrambi, decidendo in corso d'opera gli eventuali aggiustamenti? L'importante è che un supporto 4K Ultra HD giunga sul mercato, offrendo la possibilità di scelta, tra formato fisico e "liquido", offrendo sia qualità agli appassionati, sia versatilità.

A seguire il video della conferenza Sony (in inglese):


37

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Geko82

Quello che hai detto lo condivido... il mio intervento come hai ben capito, riguardava i mezzi odierni (reali) che si scontrano con tecnologie ad ora in via di sviluppo. E' ovvio che tira qui, tira la, l'utente un po' più ingenuo lo abbindolano. Ma ad essere onesti, la qualità che si prospetta (se veramente vogliamo parlare della qualità che dovrebbe essere) non è supportabile dai nostri mezzi.
Ovviamente è superfluo dire che il campo della tecnologia cresce in maniera esponenziale, tuttavia seppur in linea teorica ci fossero i mezzi per usufruire delle ultime tecnologie, è anche vero che attualmente i progressi tecnologici sono asincroni. Mi spiego: ci sono i televisori 4k ma nessuna trasmissione a parte i mondiali forse, che viene trasmessa nativamente in 4k. Le linee telefoniche sono obsolete e seppur ci siano soluzioni migliori, l'investimento da parte delle società non viene affrontato e quindi siamo 5 anni dietro alle nostre potenzialità (contenuti troppo grandi di dimensioni, per essere scaricati in tempi accettabili). Ora quello che prima veniva messo su un CD lo si mette su un DVD5 e quello che andava su un DVD5 ora va su DVD9 tuttavia anche se non ha ancora preso piede il bluray 25 /50 GB rischia di diventare obsoleto ancora prima che sia sfruttato. Questo perché come dicevo, per via delle multinazionali e grandi società l'avanzamento tecnologico è diventato asincrono. Ci troveremo ad avere televisori 8K con contenuti che sfiorano il TeraByte, nessun supporto oltre l' SSD per la memorizzazione, e trasmissioni che quando ci va bene sono a 1080p e dulcis in fundo connessioni che se un domani dovessero arrivare a 20Mega effettivi non serviranno comunque ad un piffero.

Diego De Vita

4k a 7Mb/s è un insulto ad un'attrezzatura 4k. Persino Netflix che già distribuisce contenuti originali lo fa a ben 15Mb/s ed è comunque fin troppo compresso. Posso supporre che un futuro brd 4K di discreta qualità conti un bitrate di circa 30Mb/s (tenuto conto di alcuni benefici di HEVC). Il punto è che se un colosso come Netflix non investe per offrire di più, significa che la banda costa e non conviene ERGO lo streaming sarà sempre di seconda classe rispetto ad altre strategie di distribuzione dove le major intanto si assicurano di piazzare master 4k su un aggeggio inizialmente resistente alle duplicazioni. Poi ovviamente verrà il transcoding ma 'sto maledetto mkv che ti sta tanto a cuore rimane un sottoprodotto e con un'inferiore qualità per ovvie ragioni di peso e agilità di diffusione. Insomma non diventa mai il prodotto venduto ma una sua rappresentazione possibile. Tornando allo streaming io ho parlato di numeri per discutere le possibilità. In ogni caso il 4k a compressione ragionevole ha un bitstream troppo esigente e chi distribuisce non si sforza di metterlo neanche a disposizione. Che poi all'utente x con poca banda serva solo più tempo per inizializzare il buffer a loro non interessa. E' tecnicamente possibile ma il fornitore moltiplica i costi di banda per ogni film consegnato. Non gli conviene e trovano un compromesso che accontenti comunque una grande fetta di pubblico. YouTube può avere alcuni contenuti originali ma non si tratta comunque di film la cui prima apparizione avviene in sala e poi nel 99% in bluray. Da un po' Netflix trasmette le serie tv in anteprima. Comunque il bluray 4k se mai esisterà rimane il mezzo con cui arriverà al pubblico il master a più elevata qualità dello stesso contenuto. Si la piratabilità è un discorso più ampio ma in ultima analisi è effettivamente un falso vantaggio.

Diego De Vita

Ti spiego. Stavo attaccando la bocciatura categorica di una distribuzione 4K via streaming fin dal primo anello (dal produttore al consumatore senza passare per altri canali quali il brd). Tecnicamente andava detto che quella fosse già una prospettiva applicata sul campo. Il problema è la compressione. Perché si fa presto a parlare di 4K quando poi la qualità dell'immagine è pessima. Netflix nello specifico usa un fattore di compressione esagerato a dirla tutta, e che attesta il bitrate a circa 15Mb/s (che è paragonabile a quello di un 2K di media qualità). Insomma è già chiaro che il desiderio di un appassionato avrà spazio sul mercato solo per il bluray perché è questo ancora l'unico mezzo capace di soddisfare al massimo le potenzialità del suo apparato. Uno stream audiovideo 4K di qualità pesa assai sia in streaming che offline. Lo streaming sarà sempre un gradino sotto al mezzo fisico perché ha dei costi troppo grandi e chi distribuisce preferisce livellare verso il basso e accontentare la fetta più grande (anche io avessi la fibra 100Mb/s che sarebbe perfettamente adatta allo scopo loro non mi sarebbero utili perché dovrebbero dedicare a troppi pochi utenti qualcosa a un prezzo troppo alto). Lo stesso disco 4K mi pare non sia ancora una certezza e vedremo quando partiranno i primi titoli. Il punto però è che vogliano spingere come forsennati tutto il pacchetto per far partire l'industria e creare domanda anche usando qualche specchietto. E allora ci ritroviamo dei televisori scamuffi, curvi e con tanto ancora da dimostrare, ci troviamo i mondiali 2014 registrati (e forse trasmessi in qualche paese) ci troviamo qualche servizio di streaming 4k per fare il gesto e fomentare la domanda (ma celando la qualità). Ma tutto questo non è il top finché non partiranno i bluray 4k e finché non partiranno con la produzione di oled seri (che ora fa in modo paragnosta solo lg e gli altri hanno rimandato al 2016). Quel giorno si comincerà a parlare di 8K e si ricomincia aspettando le prossime console (che ora non escono neanche in 4K) e i prossimi contenuti. I produttori hanno una roadmap precisa e al netto di vari scenari mondiali incontrollabili, credo abbiano un piano di orchestrazione da qui ai prossimi 15 anni.

Filarono

Mai visto un video in 4k su YouTube? Con una 7 Mb/s basta aspettare qualche secondo che il buffer si riempia e il video gira fluido...

D: "come si garantisce il produttore che i contenuti non siano piratabili?"

R: Perché ora non lo sono? Non fa in tempo a uscire un Bluray, che su torrent già c'è l'mkv...

Geko82

Potrebbe essere .... non nego la possibilità che il file si possa visionare. Temo solo che le nostre connessioni non siano adatte. I tuoi conti (come li hai fatti tu) tornano, ma bisogna effettivamente vedere l'impatto sulla configurazione minima (in informatica si dice analizzare il caso pessimo).
Io in questo momento riporto i seguenti dati del mio modem.
Velocità di download: 5727 kbps
Velocità di upload: 478 kbps
Abbonamento standard 8 Mega Alice.
Secondo te io ce la faccio a reggere il 4k quando con il 1080p vado pelo pelo?

Diego De Vita

non esiste perché ora non è che possiamo cadere dalle nuvole ogni volta. OVVIO che chi diriga l'industria nei rispettivi ambiti cerchi il suo margine di profitto. ora nell'esempio specifico il problema non è tanto l'mkv ma su quale canale io debba distribuire questo benedetto mkv. mkv è un container che ospita il flusso audio video ma poi come ci arriva questo prodotto nelle mani del consumatore? te lo scarichi?? boh 100GB? e come penetra il mercato una fregatura del genere? e poi dove lo metti? come si garantisce il produttore che i contenuti non siano piratabili? e invece quello che si fa è mettere il flusso audiovideo in un diavolo di disco grande abbastanza che poi ti compri al negozio. Lo streaming doveva essere la prossima frontiera ma siamo ancora limitati da una diffusione di internet frammentata nel mondo con qualità non sempre in grado di sostenere il bitrate di un 4K non troppo compresso. Quello che ti volevo far capire con un po' di sufficienza è che tu non puoi sparare una cavolata del genere con tanta disinvoltura. Quando dici "e l'mkv te lo sei scordato?" mi costringi a risponderti "ma tu lo sai di cosa stai parlando???". se tu rientri nel profilo di chi può scariscarsi un file di quelle dimensioni e conservarlo, beato te. Ma sei lo 0.0001% del mercato. E non si risolve un problema per accontentare una nicchia. Siamo in un momento in cui bisogna orchestrare gli sforzi e costringere TUTTO il mercato a virare su 4K. Beh non noi ma quantomeno tutti gli attori dell'industria: la televisione, lo sport, chi fa cinema, chi costruisce tutti i dispositive etc... io la vedo dura. Le console next-gen pure non escono in 4k e sono sul mercato da pochi mesi. E forse in tempo 5 anni si comincerà a parlare di 8K. Insomma un macello però la sparata del mkv era proprio debole fattelo dire. Il file crudo sarà SEMPRE un sottoprodotto del primo anello della catena di distribuzione ufficiale: che sia il disco o lo streaming.

Filarono

Non esiste, è proprio quello che sto dicendo io.
Perché non esiste? Perché poi Sony cosa vendere più?

Diego De Vita

Questa è una tua supposizione. Però non capisco come si coniuga questa affermazione con il tema. Se invece mi sai fare un esempio di content provider che prende il master del girato e distribuisce DIRETTAMENTE l'mkv al pubblico senza inserire altri anelli nella catena di distribuzione (bluray/streaming/broadcasting) sarò lieto di ascoltare.

Filarono

Io parlo di mkv legale.

Il fatto che tu sappia che l'mkv viene utilizzato dagli "scaricatori sanguisuga" la dice lunga su chi è davvero lo "scaricatore sanguisuga" qui...

Diego De Vita

l'mkv non è una scelta che l'appassionato può fare perché il master di maggior qualità a cui il comune mortale può accedere è ad ora solo il bluray. Tutto il resto viene dopo ed è sempre un sottoprodotto della distribuzione del bluray. Il tema dello streaming qui cambia il gioco perché diventa il primo anello della catena e parte direttamente dal publisher. Però lo streaming per ovvie ragioni continua a perdere rispetto alle potenzialità offerte dal supporto fisico. Se poi esisterà o meno il supporto fisico anche per il 4K lo vedremo, ma se così sarà, quella rimane la scelta top per l'appassionato in termini di qualità. La sparata su mkv è una sciocchezza da scaricatore sanguisuga che si infila in una discussione senza avere la comprensione di cosa sta parlando.

Diego De Vita

io questo non credo :P non solo c'è netflix che già ora offre quello che stai bocciando, ma dovresti approfondire alcuni concetti di base che evidentemente ancora non comprendi. In soldoni, uno stream video riproduce una certa quantità di informazioni nell'unità di tempo in funzione di molte variabili quali: risoluzione, spazio colori, compressione etc.. In genere un tipico bluray 2K ha un bitrate intorno ai 15Mb/s ad esempio. Se hai una connessione stabile con banda da 10Mb/s (adsl2 congestionata) il buffering durerà 2 secondi a dir tanto. Per il 4K moltiplica *4 e stai già largo. Tutto a patto che il fornitore dei contenuti non sia l'imbuto. Il punto è che sia del tutto trascurabile considerare il peso del video completo.

Geko82

Streaming 4k? Non scherziamo... nemmeno con la fibra 100 Mega effettivi. Si parla di un peso superiore a 300 GB per un singolo film. Il tempo di scaricamento non coprirà mai il tempo di visione... per cui sarà necessario restare 20 minuti o più in attesa di un po' di buffer e non è detto che basti.

Giacomo

con alice costa circa 10 euro in più... Tuttavia ho trovato un offerta molto allettante di infostrada (absolute adsl) che con 27 euro al mese mi offre 20 mbps in down e 1 in up... (ho sentito con alcuni vicini di casa e a detta loro viaggiano sui 15 mbps effettivi)

Filarono

Se non lo rendono disponibile, è ovvio che non lo possiamo comprare...

Ma tu hai perlato di "scelta che un appassionato può fare", non di acquisto.

Fabrizio Vassallo

Ricordami dove posso comprare un film in MKV legalmente perfavore..

carlomangano

anche se costano 5 euro non li comprerò perchè ci stanno tanto per rippare

carlomangano

tanto questi cd non li comprerò mai 192 khz al secondo
li avrò in mp3

carlomangano

io sono contro i cd, i dvd e i bluray.
altro che pcm da 50 gb un cd

carlomangano

100 mb un film in 4k il bitrate deve essere di 80 mbps circa troppi per il 4k. Il bitrate giusto per il 4k in HEVC è di 16 mbps.

a parte che il mio pc non è adatto (i3,2,1x4) il disco fisso non reggerebbe.
è un pò uno spreco

45 gb ogni ora

Nicola Buriani

Perché parli solo di audio e non di video?
C'è una differenza molto consistente, in termini di bit-rate, tra streaming e Blu-ray.
Nessun servizio si avvicina alla qualità Blu-ray: basta guardare scene sulle basse od alte luci, dove somatizzazioni e dithering sono ben visibili.

Filarono

E l'mkv te lo sei scordato?

Fabrizio Vassallo

La metà dei film che ho in BD sono DTS-MA in italiano. E spesso poi io li guardo anche in inglese, poichè preferisco la lingua originale.
Inoltre non conti il discorso qualità video, io uno streaming a 1080p come si deve non l'ho ancora trovato. Spesso si trova qualità più alta tramite canali di pirateria, che però depreco, e uso solo quando non è disponibile un modo legale.

Davide Nobili

Dipende dal bitrate, comunque sui servizi di streaming no, visto che richiedono una 5Mega per sfruttare l'HD. Non arriva neanche a 5GB. (a meno che non sia mooolto lungo :))

LeChuck

Con che compressione? E con quanti artefatti? Insomma, con che qualità (dimm*rda)? La risoluzione non è tutto, è solo un fattore nell'equazione generale della qualità…

Squak900O

Comunque il film + una sola lingua non pesa molto piu di 10GB...

Squak900O

Capirai in Italia l'80% dei film su BD sono in Dolby come sui DVD... DTS e master HD solo in originale o in francese...

Davide Nobili

No, ho una ADSL 7Mega, già sufficiente per vedere streaming in 720p su Netflix e Hulu

Davide R

5€ IN PIù AL MESE

Emanuele Ciotti

Te hai quella a 30 della Telecom?

Pantheon

Quanto costa passare alla 20 mega ? Io pure ho la 7

Davide Nobili

Con una 100Mega puoi vedere tranquillamente anche i 4k streaming.
Considera che 100Mega(bit) equivale a scaricare 45GB in una ora.
A 100 è difficile arrivare, ma personalmente ho visto 2 fibre 100 (una aziendale e una privata) ed entrambe superano i 90Mega senza problemi.

Giacomo

beato te, io con una 7 mega di alice carico bene solamente i 720p... Prossimamente passerò alla 20 mega per vedere se il salto vale la candela

Fabrizio Vassallo

Il bluray al momento è l'unica scelta che un appassionato può fare. La bassa compressione e i codec audio HD al momento sono solo su BD. Non escludo che in futuro la situazione dei film in streaming migliorerà, ma al momento secondo me vanno bene solo per chi "si accontenta".

Emanuele Ciotti

Li vedi senza che si blocchino mai?

matz

io non riesco a caricare i 720p :(
nelle grandi città la situazione è meglio ma appena ti sposti ti assicuro che è un disastro :/

Fede

No dai..qui a Milano con la fibra i video in FHD li carico abbastanza bene..più che altro non so quanti Giga devo avere disponibili per scaricare un film in 4K..;-)

matz

streaming 4k... già, con la connessione media che abbiamo in italia in un mesetto dovrei vedere tranquillamente mezzo film :/
forse in giappone, sud corea e qualche altro paese nel mondo... beati loro

Canon PowerShot G7 X Mark III: come va la compattina per gli YouTuber | Recensione

Canon EOS RP: la mirrorless full frame si fa leggera (anche nel prezzo) | Recensione

Recensione TV LG OLED55B8PLA: il campione del rapporto qualità/prezzo

Recensione TV Sony KD-65AF9: OLED e Android TV ai massimi livelli