Sony Alpha QX1: la video recensione di HDblog

17 Novembre 2014 65

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Sony Alpha QX1 è una vera e propria fotocamera autonoma. Questo va chiarito subito. Probabilmente l'avete sempre vista collegata a qualche smartphone perché, altrimenti, è priva di schermo, ma resta una camera che volendo può fare tutto da sola. Immaginatela come una GoPro più grande, non impermeabile, ma più buona e più flessibile.

Sony la chiama lens-camera, ovvero "camera a forma di obiettivo", perché il suo aspetto è quello di un'ottica fotografica. La sua particolarità è questa: permette di cambiare gli obiettivi. Usa l'attacco E di Sony, già usato nelle fotocamere full frame e aps-c dell'azienda. Con adattatore, sfrutta anche gli obiettivi per Canon, Nikon e Leica, proprio quelli delle reflex vere e proprie. In più è molto "potente" nelle sue funzioni fotografiche, perché usa sensori e tecnologie pregiate, di buon livello, nonostante sia progettata per il punta e scatta, per essere facile da usare. In breve, non è un giocattolo, è una macchina fotografica seria.

I vantaggi principali di Sony Alpha QX1 sono due: la portabilità e il controllo a distanza. Gli svantaggi sono le conseguenze degli stessi vantaggi. Ma ne parleremo dopo. Prima, una rispettosa premessa.


Premessa: non sono un fotografo. Voglio dire, neanche uno amatoriale. In questa recensione non troverete dettagli sull'aberrazione cromatica e croppate a diversi ISO. Il mio punto di vista è quello di chi improvvisa con una 600D durante i viaggi, chi si diverte soprattutto a fare video dentro casa. Io mi limito a cambiare ottica, uso un paio di vecchie vintage manuali, e al massimo apro Lightroom per correggere l'esposizione, nulla di più. Ma non sono il tipo che esce per fare foto. È per avvertirvi: se state cercando una recensione tecnica a Sony Alpha QX1, questo non è il posto per voi.

Portabilità ed ergonomia

Senza display e senza tutti i pulsanti di controllo, Sony Alpha QX1 pesa 216 grammi, batteria compresa. Il solo corpo è di 158 grammi, un niente. Unita all'obiettivo 16-50 fornito nella versione kit (QX1L) e al supporto snodato per il montaggio dello smartphone, pesa 399 grammi. Da questo punto di vista è come portarsi dietro un tablet 8 pollici.

Per farvi capire - e questo rende bene l'idea della portabilità di QX1: nella confezione Sony include un laccetto da polso, del tipo che ti aspetti di trovare in un ombrello, non in una macchina così. Sfrutta bene il suo essere una mirrorless. È vero che serve uno smartphone per completarla, ma tanto quello lo avete già in tasca. Vi basta mettere la camera nell'altra, e via.


È un dispositivo assolutamente robusto. È assemblato e costruito in maniera impeccabile, anche meglio di reflex come la mia Canon 600D che mi ha sempre dato un'idea di cheap, di economico. Qui le plastiche sono spesse, è tutto molto compatto senza flessioni, e lo stesso vale per i pulsanti di scatto, per il sistema di espulsione del flash, lo sportellino copri microUSB e tutto il resto. Ogni cosa torna al suo posto. Sony si conferma, anche qui.

Piuttosto è il sistema di incastri per agganciare i vari supporti (smartphone o mano che sia) che trovo un po' complicato. Sì, c'è una lineetta bianca che ci mostra dove far combaciare le due parti da ruotare un poco in senso orario per sentire quindi il click di blocco. Ma non è una cosa immediata o intuitiva, non si fa velocemente senza guardare la macchina, e questo vi rallenta quando il vostro soggetto è lì per andarsene.

Sony Alpha QX1L è la versione kit con obiettivo 16-50 f3.5-5.6. Anche lui, ovvio, è solido e robusto, niente plasticacce. I due innesti metallici (parte camera e parte lente) aiutano molto, ma l'interruttore a molla per lo zoom elettronico è preciso e la ghiera di messa fuoco (anche manuale) fluida e scorrevole. Potete farci video con effetti di profondità se volete, non si vedranno scatti o vibrazioni per colpa della ghiera. Parleremo dopo della qualità di questo 16-50 stabilizzato.

Controllo da remoto e versatilità

Ok, è piccola, è robusta, è costruita per durare nel tempo. Ma come si usa? Volendo, nel modo più semplice possibile. Si accende, si punta e si preme l'otturatore. Tutto qua. C'è anche il classico suono di conferma messa a fuoco e di scatto. Il problema è che in questo modo non vedete cosa state fotografando - e non potete avviare la registrazione video.

Vi serve l'app di controllo: Sony PlayMemories Mobile. È gratuita, la prendete da Play Store, Apple Store o Microsoft Store, oppure vi basta avvicinare la QX1 al vostro smartphone NFC per far partire la procedura che fa tutto da sola. Via NFC poi potete anche avviare l'app quando serve, è molto comodo. Attiva anche il WiFi se l'avete spento.

Da PlayMemories Mobile avete il controllo dei parametri della fotocamera: ISO, apertura, tempo di scatto, bilanciamento del bianco, esposizione e un sacco di altre voci e parametri. Da qui controllate anche le impostazioni della QX1, cose come il tipo di flash, il tipo di zoom, l'eventuale scatto ritardato e via dicendo. Ci sono 5 modalità di scatto: 2 completamente automatiche e 3 con regolazioni manuali. Tra quest'ultime, ci sono anche le famose priorità otturatore e priorità diaframma, quelle delle reflex.

Ma la parte più importante dell'app Sony è il mostrarvi cosa state riprendendo. Avviene in tempo reale, con una latenza minima, attraverso un collegamento WiFi che la stessa app avvia appena iniziate ad usarla.

Non c'è il lag visto lo scorso anno, non così eccessivo almeno. Io non ho trovato difficile scattare guardando il display dello smartphone. Non è una cosa "pro", fa molto effetto bimbominkia, ma quella leggera latenza non incide. Nei filmati è anche un po' più bassa, pena una qualità inferiore dell'anteprima.

I limiti dell'app, magari, sono nell'interfaccia di gestione, in alcune sue parti troppo piccole da premere con le dita. Ho fatto i primi test a Alpha QX1 con un iPhone 5S, e ho sofferto a regolare l'apertura o i la ISO. Meglio con il display del padellone Note 2, ma resto dell'idea che qualcosa di più comodo debba essere implementato. Quella finta ghiera e quelle due frecce sono troppo piccole. Punto.

L'app non serve solo a controllare e regolare, ma anche a condividere. Ogni volta che scattate una foto, la QX1 vi invia un'anteprima sullo smartphone (da 2 MB o alla grandezza originale di 5456 x 3632 px) così che possiate 1) vederla e capire se è da buttare 2) condividerla o salvarla. La foto originale (anche in RAW, volendo) restano nella microSD interna della camera, quindi questo è solo un modo per avere l'anteprima.

La condivisione istantanea è una funzione fighetta, ok, ma può anche essere utile in diversi contesti lavorativi. Penso al live blog o ad una conferenza, dove avete la Sony su un supporto in alto e voi sotto seduti a scattare, zoomare e condividere al volo. Mi avrebbe fatto comodo quest'anno ad IFA.

Lo scatto remoto non è solo questo. La natura da quasi-action-camera di Sony Alpha QX1 le permette di essere attaccata/installata/appoggiata in posti poco accessibili, troppo alti, troppo nascosti, troppo scomodi o dove comunque non vi sarebbe possibile arrivare con una normale reflex. È più grande di una GoPro, ma è di qualità superiore. Sul fondo ha un attacco a vite standard, quindi si presta a ogni tipo di accessorio per reflex, videocamere e tutto il resto.


Come fa le foto

Il sensore di Alpha QX1 è un Exmor 20.1 MP di tipo APS-C, che qui significa una moltiplicazione di 1.52x. Il 16-50 abbinato diventa un 24-76, quindi ancora molto grandangolare. È lo stesso corredo hardware di Sony Alpha A5000, una signora mirrorless, capace di valori ISO 100-16000 (fino a 3200 il rumore è tollerabile se l'obiettivo è pubblicare su web) e di uno scatto che va da 1/4000 a 30 secondi. L'autofocus riconosce 25 punti. Il corpo supporta microSD o M2, ha una batteria da 1020 mAh per 440 scatti o 150 minuti di video e microfono stereo frontale, ai lati del flash. Ho già citato NFC One Touch e WiFi, così come la microUSB 2.0 per caricare la batteria e collegare il tutto al pc. Trovate tutti i dettagli tecnici sul sito sony.

Nella pratica, è una strumentazione che permette di fare delle buone foto, che spesso azzecca i giusti valori di ISO e di apertura, con dei bellissimi colori soprattutto all'aperto e una certa nitidezza data anche dall'ottica con supporto BIONZ X. Quelle che vedete sotto sono foto prese direttamente dalla camera, nessun fotoritocco. Vi avevo anticipato che questa non sarebbe stata una recensione tecnica, quindi mi fermo qui. In linea di massima ho trovato facile scattare delle belle foto, senza treppiede, senza appoggio, semplicemente con la QX1 in mano. Anche al buio, ancora senza supporto, non ha fatto storie. Un fotografo con un occhio migliore del mio potrebbe ricavarne delle cose meritevoli. Idem per i video, 1080p AVC/H.264 a 30 fps salvati in MP4 con audio AAC-LC (trovate degli spezzoni sono nella video recensione).

Altre cose da sapere (aspetti negativi)

I RAW sono in formato Sony, quindi da convertire con certi programmi; Sony offre uno strumento gratuito (rawviewer) per farlo. Il Flash non esce da solo, può essere gestito via app ma l'apertura deve essere manuale. Passa qualche secondo tra accensione, collegamento e scatto - e questo è un problema se la scena che volete riprendere richiede urgenza. Non c'è un jack microfonico, e non c'è verso di aggiungerlo o rimediare in qualche modo; questo la rende inutile per interviste, eventi, conferenze e cose del genere. Inoltre è compatibile solo con apps Sony, e questo ad un anno esatto dalle prime uscite non è proprio un vanto; potrebbe interagire con altre apps, con altri servizi, perché non lo fa? Il mercato è ancora molto ristretto?

Possono capitare problemi di interferenza WiFi. Io ad esempio volevo usare QX1 come camera di supporto durante la recensione a Tronsmart T2000, ma dopo averci tribolato per una buona mezz'ora ho scoperto che il suo WiFi dava fastidio alla ricezione Miracast della chiavetta. Probabilmente un'interferenza simile mi impedisce a volte di collegare la camera al mio Galaxy Note 2 - non ho ancora trovato una soluzione. Immagino che ad un evento, una conferenza o una situazione affollata di reti wireless, possano venir fuori problematiche simili. In rete non trovo riscontri su questo. ​


Considerazioni finali

Sony Alpha QX1 fa il suo lavoro, e da quel che vede il mio occhio da aspirante-amatore, lo fa anche bene. È apprezzabile sia lato hardware sia lato costruttivo, è molto flessibile e molto curata nella parte software. Cose come l'Auto HDR, le operazioni di nitidezza post-scatto, l'autonomia che basta per un giorno qualsiasi tranne un matrimonio, sono riuscite. Ha un approccio molto smart, probabilmente il più smart che è possibile ottenere aggiungendo la qualità di vere ottiche all'immediatezza di smartphone e tablet. In breve, funziona bene.

Ma i prezzi e la natura incompleta del concept rendono lo scenario molto diverso.

Sony Alpha QX1 costa 299 euro in versione solo corpo, e 449 euro nella variante QX1L con ottica 16-50 - quella usata per questa recensione. Il kit con i supporti per smartphone e l'impugnatura da selfie costa 29 euro. La custodia dedicata in pelle 79 euro. La batteria di scorta 69 euro. Il caricabatteria esterno 49 euro. Il telecomando da scatto remoto con porta microUSB costa 25 euro. Parlo di listini Sony, al netto di promozioni, offerte e street price.


Chi non ha problemi di budget o chi possiede ottiche E-Mount, ed è proprio adesso in cerca di un secondo corpo macchina più leggero e compatto da portarsi dietro (anche solo come backup), può trovarla un buona idea. 299 euro di listino per il solo corpo sono un prezzo adeguato. Allo stesso modo, se la spesa non è un problema, chi deve fare scatti da remoto, comandare via WiFi ed avere al tempo stesso una qualità diciamo professionale, può trovarla una soluzione ai suoi problemi. Una soluzione da 450 euro per un professionista o un campo legato a qualche professione, è una soluzione che ci sta. Voglio dire: se è per lavoro, ci mancherebbe.

Il problema è per tutti gli altri. Anche per l'utente medio i 449 euro di listino non sono male, perché per salire ad una Alpha A5100 solo corpo servono 549 euro, 649 euro per una A6000. È vero che una Canon 600D con 18-55IS si trova ormai a 399 euro, ma portarsela dietro è tutt'altro tipo di affare. Se andiamo a guardare quel che offre, e mi riferisco alla parte tecnica, non è eccessivamente cara, non è troppo costosa.

Ma resta comunque una via di mezzo, per quanto buona. Usarla sempre in abbinata con lo smartphone significa scaricarlo e tenerlo occupato, e mi immagino una situazione in cui siete in vacanza lì belli rilassati a fare foto alle anatre, e vi trovate nel primo pomeriggio con il telefono scarico e nessuna possibilità di fare altre foto. Eppure questo (non le anatre) dovrebbe essere il contesto ideale per un oggetto così, no?

Sony QX1 mi è piaciuta per la qualità che permette di ottenere in rapporto al peso e all'ingombro, ma non la consiglierei ad un amico inesperto. Mi è piaciuta ed ho deciso di provare ad usarla nei nostri prossimi video, ma non posso ancora lasciare a casa la mia 600D.

Voto: 7.3

Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, compralo al miglior prezzo da ePrice a 610 euro.
Apple Iphone 8 256gb Argento Silver è disponibile da puntocomshop.it a 789 euro.

65

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mrtfm

Ciao a tutti! Sono interessatissimo alla famiglia QX, mi aveva stupito moltissimo alla prima uscita, per la particolarità dell'oggetto. Da subito ho immaginato che potesse essere montata su un monopiede usandolo come prolunga (diciamo tipo selfie stick, per capirci, ma non è quello l'uso) per essere utilizzata in certe situazioni di ripresa particolari, faccio un esempio più serio: riprese dall'alto o da un punto di vista differente in mezzo alla ressa.

Poi mi sono appassionato al mondo dei droni e qui salta fuori l'utilizzo più serio e concreto possibile: montare un qx su una gimbal e mandala in volo per fare riprese e foto con controllo da smartphone sfruttando la connessione wifi integrata, e il display di un tablet per controllare il tutto e dall'altro lato approfittare del peso ridottissimo di questi dispositivi senza rinunciare a qualità e ottiche pregiate (penso alla qx1 ma anche alle qx100) per usi professionali.

Qui viene il punto chiave:
Domanda 1: c'è qualcuno che mi sa dire la portata massima di questi dispositivi in campo aperto? Considerate che il cilindro d'aria di operatività (regolamentare) di un drone è di 500 metri di raggio e 150 metri massimi d'altezza (distanza massima 522 metri circa)
Domanda 2: questo tipo di wifi può interferire con il radiocomando che utilizza una frequenza a 2,4 GHz???

Mi rivolgo a Riccardo P che magari ha visto le specifiche tecniche quando faceva la recensione e magari mi sa dire qualcosa in merito (mi complimento anche per la videorecensione, fatta benissimo), ma anche a qualcun altro se sapete darmi una risposta, ve ne sono grato!

comatrix

Oh ma il Note 2 proprio non lo volete mollare eh ^_^

FedeC6603Z

review onesta! promosso!

Riccardo P

Sì, beh, di soluzioni per registrare esternamente ce ne sono molte.

Mimmo Switch

Il microfono si collega con il connettore jack 3,5, ma immagino che la QX1 non abbia l'uscita jack. Al limite si può collegare allo smartphone. Comunque è questo qui http://www.sonymobile com/it/products/accessories/stereo-microphone-stm10/

Riccardo P

Da collegare qui?

onsone

certo, in questo blog tra una caffettiere e una macchina fotografica non si fa differenza ....

theskig

in effetti...

......

Ero ironico anche io , insomma un insieme di ironia :)

Evviva J !!

si.... buonanotte col bluetooth... allora altro che lag nel farti vedere le foto....

Mattia P

Non capisco il prodotto, da amatore (Reflex) l'unico utilizzo che mi viene in mente è di comprarla per sfruttare i miei obiettivi sul telefono, ma visto l'ingombro diventerebbe scomodissimo e inutile... Ha tutti gli svantaggi di una reflex senza i benefici

Luigi

Prof. ti prego non mi mettere un brutto voto?!?!??! :( :(

ferragno

da felice possessore della qx 10, l'unica cosa che mi lamento é il metoto di connessione wifi...se era bluetooth era meglio...

Mattia P

il tuo commento invece mi illumina d'immenso...

Mattia P

come il tuo italiano più o meno ;)

alessandro

fossi stato in sony avrei fatto una versione con sensore aps-c meno performante ma più economica, e una versione con questo sensore ma porta per il microfono e perché no, anche una ghiera. cosi come questo prodotto è costoso, non soddisfa gli amatori che vorrebbero una reflex completa e lasciare a casa la vera reflex, e da ai principianti un prodotto di cui non hanno realmente bisogno per il loro utilizzo.....poi, su ebay e online ormai per 450 euro si trovano mirrorless che offrono molti più vantaggi

Luigi

Per me questo tipo di prodotti non hanno proprio senso!!!

Matteo85_b

l' idea del qx-100 era buona, avrebbero dovuto puntare a una versione rivista di quello, più leggero, più piccolo e con flash...
qui hanno voluto metterci l' attacco e ma almeno per me che ho comprato il qx-100 non serve a niente, se devo cambiare ottiche ecc mi prendo una reflex tanto uno zainetto mi servirebbe comunque...
Ritenta sony... punta di più sulla portabilità!

FCava

dovrei provare le 4/3. ma con la bridge (fz-200, quindi sensorino piccolo) faccio una fatica superiore rispetto alla reflex soprattutto con soggetti in rapido movimento

simomura

a 345 su amazon prendi la Nex a5000 , stessa ottica, stesso sensore e connettività Wifi con NFC

Aglieglie

Al di là della recensione, eccellente, complimenti per la qualità del video! Thumbs up!

Riccardo P

Sì, intendevo l'integrato, è fisso anche sulle pro, quello volevo dire. Comunque siamo d'accordo, con uno snodo era risolta.

sfn

come questo commento...

Raffael

Serve ad utenti che non conoscono il prodotto e possono, quantomeno, capire di cosa si tratti e quali possono essere gli ambiti di utilizzo.

onsone

ha detto bene ... recensione da amatore, cioè non serve a nulla!

Raffael

Davvero ottima recensione e ottimo prodotto...Purtroppo il prezzo è elevato, altrimenti risulterebbe essere, a parer mio, un tool molto comodo....Per evitare di portare macchinette reflex (anche se questa, di fatto, non è chiaramente una reflex) molto molto più ingombranti....

FCava

intendevo, visto che hai accennato al fatto che anche le reflex pro hanno un flash simile, sulle quest'ultime hai comunque la possibilità di usare uno o più flash esterni. Logicamente, con un flash orientabile, il vantaggio è di non abbagliare il soggetto ed in alcuni casi (giocando con la luce riflessa sul muro), cambiare la direzione dell'illuminazione. Su un accessorio simile, montare il flash su uno snodo (che lo renderebbe più fragile) permetteva di guadagnare un po' di versatilità

Riccardo P

Sì certo conosco l'esistenza di flash esterni :D Ma parli di modelli per queste NEX?

Gark121

recensione bellissima, prodotto bellissimo, ma purtroppo l'utilità è quella che è. un costoso gadget, ancora con qualche miglioria necessaria (non so, mettere una 1000mAh da smartphone in quel supporto, con un banale micro usb oppure on l'attacco magnetico per gli xperia (visto come si monta), ovviamente il jack per il microfono, una limatina sul prezzo....
diciamo che è un accessorio migliorabile, a cui secondo me andrebbe ancora affiancata (nel listino) una versione, a metà tra quelle dell'anno scorso. magari il sensore curvo per smartphone abbinato a lenti migliori e zoom (ip68 sarebbe il massimo) potrebbe essere quello giusto, per chi cerca solo una via di mezzo tra la gopro, lo smartphone e la compatta.
comunque meglio della re-camera, ma non è che ci voglia molto.
al solito, grandi idee in casa sony, ma la messa in pratica non sempre perfetta.

Rebe72

Mancherà sempre qualcosa, è la brutta legge di mercato, il prezzo calerà, però stanno andando in una bella direzione secondo me.

Rebe72

Qui secondo me oltre alla novità paghi la versatilità, potrà anche sembrare scomoda, però secondo me non lo è.
Già il fatto di poter impugnare l'obbiettivo e fare filmati o foto tenendola dall'alto guardando il display del telefono e scattare, anche se un pò ingombrante la si può usare come una goPro (beh non proprio), io lo schermo che si stacca lo trovo un valore aggiunto, poi non la acquisterei comunque.
I prezzi caleranno sicuro e si troverà sul web a meno.

pisqua187

finalmente una recensione per utenti normali! grande riccardo!(come al solito) ;)

Pink

No dico sia piacevole ma se ti da fastidio nessuno ti obbliga a continuare a usare le reflex, oppure comprati un bell'obiettivo tuttofare e risolvi

Giardiniere Willy

Tu invece l'ironia no eh? Era ironico anche lui ;)

Alessandro Piccinini

Secondo me dovevano studiare meglio la qx100 ! Quella era una buona idea con un buon sensore è magari se fatto più piccolo della dimensione giusta!

FCava

La mia era pura curiosità :) . Dubito di pensionare tanto presto la fz200 e la 60d (presa da poco ed a cui, molto piano, vorrei aumentare o migliorare il parco ottiche)

Davide Mosezon

Effettivamente hai ragione! Dovrebbe essere un piacere portare chili di attrezzazatura sulle spalle per svariate ore al giorno. Ora vendo tutto e mi compro una kodak usa e getta

theskig

Ancora che ce lo hanno messo il flash!

gp 1

beh le nuove nex le puoi controllare con Sony PlayMemories Mobile così come controlli questa qx1... una Alfa ILCE 5000 di cui condivide l'hardware costa 330€ obiettivo compreso!

Alessandro Piccinini

Oddio la trovo estremamente scomoda! Troppo grande e poco funzionale!
A quel punto meglio una mirrorless.

Comunque per lasciare a casa la 600d basta una gx7 una panasonic g6 una gh4, ma quella é grossa come la reflex!:D

theskig

Ahahah :)

theskig

Non avevano il flash e uno zoom ottico limitato per la versione più bella (3x) mentre la scrausa aveva 10x

......

Riccà certo che autoironia portami via proprio

albet thoreau

come compatibilità con gli altri obiettivi, ti conviene cercare sul web adattatori da E-mount a ...quello che vuoi. Ce ne sono molti, comparsi già con la NEX-3. In fin de conti ne condivide un gran numero di caratteristiche, compresi molti accessori. A me non convince ancora il "corpo macchina". visto cosi sembra più stretto, ma anche più profondo rispetto a quello delle mirrorless sony. Certo ha molti altri vantaggi rispetto alle primissime: autonomia, ISO, manegevolezza...da vedere lo stabilizzatore. Mi piacerebbe provarla per capire con quanta facilità di passa tra le varie impostazioni. Sulle prime NEX era tutto abbastanza macchinoso, troppi pochi tasti e menu mal organizzato. Chissà se hanno adeguato il menu dell'app Sony a quello delle NEX più recenti.

FCava

Per il discorso flash, alla peggio sulle reflex si possono prendere dei flash esterni orientabili (tipo il mio metz che non sarà il top, ma fa il suo sporco lavoro). In questo modo, si evitano i.fastidiosi occhi rossi e simili. Avendo un prezzo simile (se non superiore) alle entry level, come hai detto nella rece, rischia di essere un costoso plus e basta

Nicola Pace

diciamo che quello lo diamo per scontato che uno lo abbia, se no, l'acquisto risulta essere nella terra dello scaffale :D

Nickg126

da mediaworld a 299 danno una nex 5, stessa ottica e mi pare anche stesso sensore

Pink

Se trovi scomodo trasportare le lenti allora mi sa che le reflex non fanno per te

Claudio_Antonetti

Quoto ogni singola parola

Simone

Tra l'altro devi spendere altri 600€ per un buon telefono...

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?

LG mostra il TV arrotolabile che sparisce all'interno della sua base | Aggiornata

"Stranger Things" 2 è disponibile su Netflix | 7 COSE DA SAPERE | Video

Recensione TV OLED Panasonic TX-65EZ1000: il Plasma ha trovato il suo erede