Nuovi TV SUHD Samsung: la video anteprima di HDblog.it

17 Marzo 2015 183

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Samsung è ormai quasi pronta a lanciare la nuova gamma di TV per il 2015. Al vertice dell'offerta si porranno i modelli SUHD. Che cosa significa questa sigla? La "S", posta davanti all'abbreviazione di Ultra HD, sta ad indicare che questi prodotti sono, in sostanza, la summa di quanto di meglio Samsung è in grado di offrire al momento, utilizzando la tecnologia LCD. E' quindi un modo per identificare le serie di maggior pregio (o premium, se preferite), quelle realizzate con le migliori soluzioni e tecnologie, tutte "made in Samsung", per poter creare un insieme di componenti opportunamente messi a punto per lavorare in sinergia, in modo da ricreare la miglior qualità che il colosso coreano è in grado di offrire.

Samsung ci ha offerto la possibilità di vedere in anteprima la serie JS9500, quella che si posizionerà al top della gamma. Rispetto all'anno scorso è stata rinnovata la quasi totalità della dotazione. Cambiano i materiali, cambia il pannello e cambia il processore. L'estetica, come è ormai tradizione in casa Samsung, è estremamente curata. L'estetica è determinata da quello che viene chiamato Grand Chamfer Design. La cornice è in metallo, con una base curva molto più sottile e minimalista, rispetto ai modelli del 2014. Il retro presenta una finitura curata, e grazie anche i due soli cavi da collegare (alimentazione e One Connect Box: su quest'ultimo torneremo in seguito), si può pensare di collocare il TV non solo a ridosso di una parete, ma anche al centro di una stanza, o comunque in una posizione tale da rendere il lato posteriore ben visibile. Il TV è quindi molto ben costruito, ma non è di certo l'estetica il suo solo punto a favore.


Sono davvero molte le tecnologie che Samsung ha integrato. Una delle novità più consistenti è la Nano-Crystal Color, capace di espandere il gamut di circa il 20%. Questa soluzione era stata indicata, in precedenza, come una semplice implementazione dei Quantum Dot, ma in realtà è una versione proprietaria progettata direttamente da Samsung. La base è molto simile: nano-cristalli, di differenti dimensioni, sono integrati all'interno di un sottile strato, collocato tra la retroilluminazione e il display LCD. I nano-cristalli fungono da semiconduttori, permettendo di ottenere una fedeltà cromatica che Samsung definisce 64 volte superiore, rispetto a quella dei TV "tradizionali" (quelli sprovvisti di soluzioni simili). Nano-Crystal Color è anche rispettosa dell'ambiente, poiché non utilizza cadmio (presente in altri tipologie di retroilluminazione).


Il pannello è un LCD Ultra HD a 10 bit con schermo curvo (la curvatura è la 4200R, corrispondente ad un cerchio con un raggio pari a 4,2 metri), dotato di una retroilluminazione Full LED molto evoluta. La gestione del pannello è affidata ad una serie di tecnologie: Precision Black Pro, UHD Dimming, Peak Illuminator Ultimate ed un processore completamente rinnovato. Le prime tre tecnologie operano in armonia, agendo sulle basse luci (scene scure), sulle alte luci (scene luminose) e sul controllo della retroilluminazione. Quest'ultima viene regolata per garantire il miglior livello del nero possibile, con lo spegnimento dei LED corrispondenti alle zone che devono visualizzare le porzioni più scure (è il cosiddetto local dimming). Al contempo, Peak Illuminator Ultimate analizza automaticamente la luminosità, grazie al processore octa-core, aumentandola dove occorre.


E' proprio la luminosità un'altra delle novità portate dai TV SUHD. Rispetto allo scorso anno l'aumento è nell'ordine delle 2,5 volte. JS9500 può infatti raggiungere circa 1.000 cd/m2, un dato utile per due motivi. Il primo riguarda l'HDR: quale membro promotore di UHD Alliance, Samsung ha voluto adeguare i suoi TV di punta alle specifiche che verranno ratificate nel prossimo futuro. Tra queste vi sarà l'High Dynamic Range, che permetterà di riprodurre più dettagli sulle alte luci, al momento solo approssimati sui TV in commercio, a causa della luminosità non sufficiente. Va sottolineato che non si tratta di un incremento indiscriminato e sempre presente: è una caratteristica che si sfrutta solo quando serve, e che, idealmente, comporterà la creazione di contenuti ad hoc, in modo da permettere al regista di utilizzarla quando lo ritiene utile.


L'elaborazione video, chiamata UHD Upscaling, opera in quattro fasi. Inizialmente viene analizzato il segnale video in ingresso, al quale viene poi applicato un filtro di riduzione del rumore. Viene quindi applicato l'upscaling, per adattare la risoluzione in ingresso a quella del pannello. In ultima istanza si procede ad applicare filtri per aumentare il livello di dettaglio. Con l'arrivo dei TV SUHD cambia anche la dicitura utilizzata per la compensazione del moto: la nuova dicitura è Picture Quality Index (PQI), che sui JS9500 è presente nella versione 2400 PQI, la più evoluta. Altre tecnologie presenti (già dallo scorso anno) sono PurColor, che ottimizza la riproduzione delle sfumature e dei colori, e Auto Depth Enhancer, che conferisce al quadro un maggior senso di profondità e tridimensionalità.


L'ultima novità riguarda la piattaforma Smart TV. Come già ampiamente annunciato, da quest'anno Samsung utilizza Tizen, un sistema operativo inedito, sui TV. A cambiare è, in primo luogo, l'interfaccia, che ora si sviluppa in orizzontale, lungo il bordo inferiore del TV. Vengono qui riportate le ultime applicazioni utilizzate (compresi anche i canali TV), con a sinistra l'accesso a tutte le applicazioni. Molto interessante la funzione Quick Connect, che permette di utilizzare la connettività Bluetooth in modo intelligente. Una volta abbinato un dispositivo, il TV provvederà a connettersi automaticamente ad esso, ogni volta che questo entrerà nel suo raggio di azione. In questo modo si potranno condividere i contenuti (da e verso la TV) in maniera più rapida, potendo anche caricare le impostazioni su altri televisori (o ricaricale sullo stesso, se sono state modificate).


Per controllare tutte le funzioni si utilizza il nuovo telecomando Smart Control, un'unità dotata di Voice Interaction (comandi vocali) e di puntatore a video. I tasti presenti sono ridotti al minimo indispensabile: troviamo accensione/spegnimento, selezione sorgente, menu, regolazione volume, cambio canale, croce direzionale e tasto conferma centrale, return/exit, play/pausa, extra e Smart Hub. La novità è pointer, che è un tasto con doppia funzione: appoggiandovi sopra il pollice, si attiva un cursore a video, che si controlla tramite accelerometri e giroscopi integrati. Il funzionamento è analogo al Wii di Nintendo. Cliccando sopra pointer, si confermerà un comando (comodo per non dover ogni volta spostare il pollice verso il centro della croce direzionale).

A completare la dotazione sono la videocamera integrata (collocata, a scomparsa, lungo il bordo superiore), il 3D con occhiali attivi, le funzionalità Multi-Screen (lo schermo si può suddividere fino a quattro aree) e il doppio sintonizzatore DVB-T2 e DVB-S2 (due per ciascuno), con slot CI+ e la possibilità di registrare i programmi TV su hard disk USB.

Che impressioni abbiamo ricavato, da questo primo contatto? La cura costruttiva sembra davvero ottima, e non ci riferiamo solamente alla cornice in metallo. Anche il pannello appare decisamente più uniforme, tanto che, pur cercando di mettere in difficoltà il TV, ponendoci in posizioni angolate, non siamo riusciti ad individuare aloni, molto spesso presenti, soprattutto quanto di tratta di riprodurre particolari luminosi su sfondi scuri. La demo dei fuochi d'artificio è stata molto convincente, da questo punto di vista, mostrando anche un livello del nero che, pur in ambiente non completamente buio, sembrava migliore di quello esibito dai modelli dello scorso anno.


L'aumento della luminosità è visibile ad occhio: basta una rapida occhiata, con alcuni dei filmati demo, per apprezzare la notevole differenza che intercorre tra JS9500 e qualunque TV uscita negli anni precedenti. Se l'industria deciderà di puntare con decisione su HDR (come sembra: produttori di TV e contenuti stanno lavorando di comune accordo), questa caratteristica rivestirà una notevole importanza, nel prossimo futuro. Nel mentre si può apprezzare una maggiore semplicità nel gestire ambienti molto luminosi, grazie anche ad un efficace filtro posto sul pannello.

Tutte queste caratteristiche portano a percepire un maggior rapporto di contrasto, con una dinamica delle immagini più elevata, in ambo i sensi (sia verso il nero, sia per quanto riguarda i particolari più luminosi, che in precedenza potevano venire "bruciati", ovvero persi perché visualizzati come un bianco indistinto). Difficile trarre conclusioni dopo una singola visione, ma non si può negare che il salto di qualità, rispetto ai modelli del 2014 (e non necessariamente Samsung), sembra essere oggettivamente presente.


La Smart TV basata su Tizen non era in versione definitiva (arriverà solo quando i TV giungeranno nei negozi), e risultavano mancanti anche alcune applicazioni o servizi. Il giudizio completo deve quindi essere rinviato ad un test completo del TV. Si può comunque giudicare l'interfaccia nel suo complesso: l'aspetto appare più razionale, intuitivo e piacevole alla vista. L'organizzazione in orizzontale permette di non occupare un'intera schermata solo per accedere rapidamente all'ultima applicazione utilizzata. La reattività ci è parsa buona (ma sicuramente verrà ulteriormente rifinita nella versione definitiva), e anche il caricamento di pagine web o di YouTube è piuttosto rapido. Molto buono il telecomando: il puntatore a video è preciso e comodo, mentre l'unità si impugna bene, con una buona ergonomia (soprattutto per le funzioni di puntatore: è evidente che tutta la progettazione ha posto questo elemento al centro dell'esperienza).


Connessioni ed elettronica sono contenuti sul One Connect Box, una soluzione già vista lo scorso anno. Questa piccola "scatoletta" permette di mantenere più pulita l'installazione (come dicevamo in precedenza, alla TV arriva un solo cavo), semplificando i collegamenti (è sicuramente molto più semplice agire sul box, piuttosto che sul retro della TV) e rendendo possibile una futura espansione. One Connect Box, infatti, agisce anche come Evolution Kit. Un domani si potrà acquistarne una nuova versione, ricevendo in dote un processore più veloce, una Smart TV rinnovata e ingressi aggiornati. Questa soluzione ci piace molto: permette maggiore versatilità (si può anche pensare di nascondere tutti i cavi all'interno di un mobile) e consente di espandere le funzioni della TV, una possibilità che è preclusa con la quasi totalità dei prodotti sul mercato. Naturalmente non manca il supporto a HEVC, VP9 (YouTube in 4K), HDMI 2.0, HDCP 2.2 e naturalmente alla connettività Wi-Fi.


Samsung ci ha anche comunicato interessanti novità, per quanto riguarda le sorgenti Ultra HD. Anche per i nuovi TV sarà disponibile, prossimamente, l'UHD Video Pack, un hard disk con integrati alcuni film a risoluzione Ultra HD. L'hard disk potrà essere utilizzato anche per memorizzare altri titoli, messi a disposizione da servizi di terze parti. Per queste ultime non c'è, al momento, un elenco completo, ma è noto che sia Chili che Wuaki.tv saranno tra i fornitori di contenuti a risoluzione Ultra HD.

Il modello che abbiamo potuto vedere è il 65" JS9500, che non sarà l'unico SUHD disponibile. Samsung ha realizzato altre due serie: JS9000 e JS8500. Partiamo da JS9000, che è un "parente molto prossimo" di JS9500. L'estetica utilizza lo Shirring Design, che si differenzia principalmente per la finitura del pannello posteriore.


Pannello, elettronica e gran parte della dotazione sono in comune con JS9500, ma vi sono alcune differenze. Anzitutto la retroilluminazione, che passa da Full LED e LED Edge. Cambia poi il Precision Black (che non è in versione Pro), ed anche il Peak Illuminator, che è in versione Pro. Samsung dichiara che il rapporto di constato è inferiore, rispetto a JS9500. Il Picture Quality Index è presente come 2000 PQI, mentre la videocamera non è più integrata (è un accessorio opzionale). I tagli disponibili saranno tre: 48", 55" e 65".

Sulla fascia "più bassa" (relativamente: parliamo pur sempre di prodotti di alto livello) si posiziona la JS8500, visibilmente differente dalle altre due. L'estetica si basa sul Round Metallic Design, che ricorda i TV HU8200 dello scorso anno.


La compensazione del moto è la 1900 PQI, mentre il pannello è sempre un LCD LED Edge Ultra HD. Sono presenti le tecnologie integrate sui JS9000, ma cambia il processore, che qui è un quad-core. L'ultima differenza riguarda il box esterno, sempre presente, ma sotto forma di One Connect Mini, quindi in una versione semplificata.

Samsung ha voluto posizionare i TV SUHD (specialmente i JS9500, che non saranno TV per "la massa") come prodotti di fascia alta. I prezzi non saranno quindi bassi, una scelta dovuta sia ai contenuti, sia all'intenzione di proteggere il valore di queste proposte. Per chi desidera spendere cifre più basse, saranno presenti altri prodotti, anche Ultra HD, con un listino più aggressivo.

I prezzi di listino:

UE65JS9500TXZT

LED Curvo, SUHD, Peak Illuminator Ultimate, 2400 PQI

6.499€

UE65JS9000TXZT

LED Curvo, SUHD, Peak Illuminator Ultimate, 2000 PQI

5.499€

UE55JS9000TXZT

LED Curvo, SUHD, Peak Illuminator Ultimate, 2000 PQI

3.499€

UE55JS8500TXZT

Curvo, SUHD, Peak Illuminator,Pro, 1900 PQI

2.999€

UE48JS9000TXZT

LED Curvo, SUHD, Peak Illuminator-Pro, 2000 PQI

2.999€

UE48JS8500TXZT

Curvo, SUHD, Peak Illuminator,Pro, 1900 PQI

2.499€


183

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabio

Sì ma fa cagare l'oled LG . Visto dal vivo pessimo, 100 vote meglio gli uhd samsung, figuriamoci il suhd. OLed è eccelso su schermi piccoli e per immagin statiche, nei video sul telefonino lascia a desiderare.

Fabio

Ci sarà una bella guerra tra questo è l' X94C di Sony... son proprio curioso quando li avranno testati a fondo tutti e due di scoprire quale sarà il migliore

Alex-Mann

A parte lo schermo curvo che può piacere o meno, non si può negare che questo TV sia tecnologicamente avanzato rispetto a tutto quello visto fino ad ora. Non si può negare che l'immagine "sembra" di livello superiore.
Mi sono meravigliato però del tremendo, secondo me, errore di progettazione che hanno fatto sul box di controllo esterno.
La posizione della presa ottica è al di fuori di ogni logica di praticità e di estetica, primo perchè gli spinotti di una certa qualità sono ingombranti, secondo il cavo ottico non si può piegare come gli altri cavi, terzo anche prendendo uno spinotto a "T", essendo davandi alle porte usb darebbe comunque fastidio. Ergo la posizione laterale per questo tipo di connessione in un box che serve a nascondere i cavi è doppiamente sbagliata.
Scusate la pignoleria ma se dovessi scegliere un prodotto del genere e spendere una cifra "folle" al giorno d'oggi per portarmelo a casa guarderei anche questo.
Saluti a tutti.

Pepinho Stile

lol

Nicola Buriani

Tutte e tre le serie.

Progressive

Concettualmente son d'accordo dopo che hai speso quel che hai speso, ti tocca spendere inutilmente di nuovo per avere quello che prima era all-in. ASSURDO!! Per fortuna che qualche corrente fuori dal coro c'è (sony n.d.) Il prossimo passo sarà comprarsi il cavo d'alimentazione?!

Progressive

Grande Enrico... ;)

Progressive

È l'unica chicca per cui far un applauso a Samsung... Per il resto visto il flop oled samsung giustificano la minestra riscaldata Lcd con l'aggiunta di qualche condimento di qualità ma solo i poteci che comprano a occhi chiusi nei centri commerciali possono credere... Noi appassionati e più o meno esperti non cadiamo nel tranello commerciale di Samsung.

Cristiano Cambarau

ma è quantum dot a 10 bit solo la 9500,od anche la 9000 e la 8500?

Banjo

Ne hai praticamente e giustamente decretato la totale inutilita.Non conosco nessuno che veda a un metro la tv, e da 65 poi, non conosco nessuno che veda da solo tv (per carità capita ogni tanto ) ma volutamente(comprarla) per mettersi al centro(da soli o relegare ragazza moglie amici e parenti ai lati) è da piangere....la tv è per la famiglia, con gli amici questa è la norma, la bellezza ,il divertimento e il piacere di stare insieme e goderne tutti (cinema compreso)! Io (e la stragrande maggioranza delle persone che conosco) vedo la tv a 3m, da due persone fino a 4 o 5 e più con ospiti ( e l'ospite si tratta come cacchio si deve ).Per una volta finisco di esser diplomatico come lo sono sempre stat in tutt gli altri commenti:capisco solo chi lo compra perché dice gli piace design curvo e basta, ma mi auguro non sia un mio amico o conoscente e che non mi inviti mai a casa sua per una serata alla tv.Infine per questa politica di marketing samsung (il curvo lo puo pure fare e vender ma il concetto è quello che ho scritto nel commento precedente e completato con questo post) e con questi prezzi....mi auguro passi gli stracapi guai commercialmente!

Nicola Buriani

Se è vero quello che ho saputo sui prezzi degli LG di pari fascia (per fortuna gli Ultra HD un po' più semplificati dovrebbero costare meno), ci sarà un ulteriore salto in avanti con i prezzi (ma quest'anno si dovrà fare i conti con rincari generalizzati, a causa del cambio dollaro - euro).

Davide Polez

Beh, sono d'accordo:

"In fondo il punto che vorrei passasse è questo: un OLED è superiore ad
un LCD, per nero e contrasto, ma un LCD ben fatto può comunque essere
un'ottima TV."

Ma dovrebbe costare anche molto meno, rispetto ad un Oled. Ma tanto il problema non si pone, tanto le persone ignoranti sono più di quelle che sono realmente appassionate a queste tecnologie. L'importante è avere un tv ultrahd anche se ci guardi il digitale terrestre in SD, tanto l'utente medio di artefatti digitali, vertical banding, ed altre schifezze digitali, non ha cultura per capirle e quindi vederle, magari ci guarda i div-x screener. ;)

Ngamer

io sta immersione nella scena non la percepisco quindi per me sono inutili :P

Davide Polez

Se è un'anteprima è chiaro che ci sia un pò di sana propaganda da parte di Samsung, giusto un minimo di marketing con Samsung, HDBlog deve concedere, perlomeno in questa anteprima. Poi nella recensione si vedrà. ;)

Davide Polez

5K sono tanti per una gpu notebook. ;)

Davide Polez

Io farei anzi un pensierino ad un iMac 5K con gpu un pò più spinta, i 5k si faranno sentire:

Riepilogo
€ 3.079,00

Specifiche

Intel Core i5 quad-core a 3,5GHz, Turbo Boost fino a 3,9GHz
16GB di SDRAM DDR3 a 1600MHz - 2 x 8GB
Fusion Drive da 1TB
AMD Radeon R9 M295X con 4GB di memoria GDDR5
Apple Magic Mouse
Apple Wireless Keyboard (Italiano) & Manuale utente (Italiano)
Kit di accessori

Seo

lo schermo curvo da l'impressione di immersione nella scena molto superiore allo schermo piatto. Il problema è che per "sentire" l'effetto, non è assolutamente sufficiente la dimensione di un tv (anche da 65".. a meno di non stare a 1 metro di distanza). Sarebbe interessante vedere l'effetto al cinema. Ma non è possibile farlo perché ne gioverebbero solo i posizionati al centro.. e anche in quel caso bisognerebbe comunque stare abbastanza vicino..

Accirt

io sono contentissimo dei curvi, speriamo che parta la moda, mi compro un bel 60 piatto a metà prezzo grazie a sti curvi ahahahah

Filo

Ma il browser del TV è Project Spartan?!?! O.o Gli somiglia tantissimo

Nicola Buriani

In Germania ci sarà UF675V, se non ricordo male. Bisogna anche vedere a cosa si riferisce l'assenza di HEVC, perché a volte le schede non sono chiare e si riferiscono, magari, al tuner TV (e se non c'è DVB-T2, non mi stupisce che HEVC non venga decodificato per il sintonizzatore: sarebbe inutile).

riccardopse

ma invece di spedere tutti questi soldi in giocattoli tecnologici.. perche non li investi in qualche corso di dizione e grammatica??? perche ne avresti bisogno...!!

riccardopse

se devo spendere tutti questi soldi per un TV.. col caxxxxo che compro samsung!!!

Banjo

Controllato in Germania su sito ufficiale LG.Per i modelli UF671V, quelli no smart, viene riportato niente hevc ne dvbt2 e niente ethernet quindi niente upnp/dlna.Non so ora se per noi Italia le cose cambiano, visto che qui esempio viene riportato si hevc, ci spero ma dubito alla grande! Certo io ho un tv lg vecchio di due anni pagato 350€ che ha ethernet e dlna...qui bisogna veramente controllare il pelo che anche con 1000€ di spesa ti ritrovi gravi mancanze !

Nicola Buriani

Se non capisco male, è una questione che si riassume nel vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.
Tu vedi il local dimming come qualcosa di tendenzialmente poco utile, quindi dai meno valore al fatto che la misura ANSI non ne tiene conto.
Io, pur riconoscendone i limiti, mi sento di dire, per esperienza diretta con vari modelli, che il suo impatto si sente e serve, quindi a meno di non trovare una versione che funziona male (ce ne sono, anche se gli ultimi modelli di fascia alta che ho visto, Panasonic, Sony, Samsung, vanno piuttosto bene), lo ritengo utile e penso che la sola misura ANSI non sia molto indicativa (non perché non è indicativa la misura, lo ripeto, ma perché non può dare un quadro globale).
Sono semplicemente punti di vista differenti :).

Madcat

Si come vedi ho scritto che ANSI è una misura al netto del local-dimming, ma credo di aver spiegato anche in maniera esaustiva del perchè secondo me è una misura che ha ancora molto senso. Andando avanti ripetendo le stesse cose non serve, si rischia solo di esser stucchevoli agli occhi di ci legge. Alla prossima

Nicola Buriani

Che la scacchiera ANSI sia valida per tutto quello che non è local dimming è verissimo.
Con i local dimming, però, ormai non è più granché valida perché ti misura solo il contrasto senza local dimming.
Il motivo è che il local dimming non è più quello di qualche anno fa: anzitutto non è necessariamente più solo ON/OFF, in più c'è spesso un intervento "intelligente" (almeno sulla carta, nei fatti non è proprio così, in molti casi), che mira ad intervenire solo in certe zone (le bande nere, ad esempio) e/o in determinate situazioni.
Tra le situazioni dove alcune TV non intervengono c'è la scacchiera ANSI, ed il motivo è che tanto una schermata così non trae benefici dal local dimming (ma potrebbe causare blooming).
Ora, cosa dice la misura ANSI, a questo punto? Riporta il nero nella condizione peggiore, quella con local dimming spento.
Ovviamente il local dimming è una coperta corta, come l'iris dinamico di un proiettore: non è possibile che nella stessa zone ci sia il nero più profondo e il bianco più luminoso, o si privilegia l'uno, oppure l'altro.
E' però un fatto che, in varie situazioni, il local dimming migliora visibilmente nero e contrasto. Ovviamente è un artificio, perché magari i LED non vengono spenti del tutto, quindi si compensa e si cerca di "ingannare" l'occhio, ma, ripeto, in diverse situazioni funziona ed è per questo che non basta più la misura del nero ANSI. Quella non ti dice cosa succede quando subentra il local dimming.
Il local dimming ha poi dei limiti? Ma certo, li abbiamo anche già nominati, ma nell'uso comune non è sempre al limite e spesso è godibilissimo (ecco: magari non è il caso di spingere il funzionamento al massimo, se è disponibile la regolazione, in genere si creano più problemi se si esaspera l'intervento), motivo per cui ritengo che una misura che non lo contempla in toto sia sì utile (indica chiaramente il nero che il pannello è in grado di esprimere, senza ricorrere ad elaborazioni), ma che dica solo una mezza verità :).
PS: giusto per farti capire che non ritengo il local dimming assolutamente una tecnologia senza limiti, da qualche parte in rete ci deve ancora essere una mia pseudo-recensione amatoriale del Samsung F96, il primo local dimming in assoluto, e quella del Sony X3500 (ormai sono ere geologiche di distanza :D). Alla fine preferii X3500, che come nero percepito era inferiore, ma come gestione delle basse luci mi aveva convinto di più (ed era il local dimming a penalizzarle su F96).

gabrix1983

quanta umiltà

Madcat

Allora, vediamo se riesco a spiegarmi meglio. Partiamo dall'assioma che una scacchiera ANSI è attualmente il sistema più valido per misurare il contrasto nativo di un pannello, affidabile e universale, giusto? Anche se al netto dell'intervento del local-dimming, perchè è da tenere ancora molto in considerazione? Perchè mi dice sostanzialmente che quello è il contrasto massimo esprimibile dal pannello in grado di garantirmi una riproduzione fedele delle immagini. Per comprendere questo bisogna capire come interviene il local dimming sulle singole zone (quindi parliamo di full led). Prendiamo come riferimento una singola zona che nel caso di questo JS9500 avrà un area di 256x216px. A seconda dell'Apl della porzione d'immagine che interesserà questa zona, il local-dimming opererà (a grandi linee), variando dinamicamente retroilluminazione e contrasto. Quindi dov'è l'inganno? Se la porzione d'immagine da riprodurre è a basso-bassissimo Apl e sempre nella stessa porzione vi è una parte ad alta luminanza (80-100ire), il pannello dati i limiti intrinseci di contrasto nativo, non riuscirà a rendere quella zona con fedeltà perchè spegnendo quasi completamente quella zona non c'è più dinamica sufficiente per riprodurre le alte luci. Discorso inverso, per zone ad alto APL e la basse luci. Complessivamente avremo un immagine si più pop, ma piatta e privà di qualsivoglia fedeltà, in quanto tutti i discorsi sul gamma con questo sistema attivo vanno a farsi benedire. E' più difficile spiegarlo che rendersene conto con alcuni test empirici. Quello che vorrei farti capire Nicola, è che se è vero che da un lato il local-dimming opera al fine di produrre un contrasto percepito superiore, dall'altro lato ci sono delle controindacazioni che a mio parere (e non solo) son ben superiori rispetto ai reali benefici. E non parlo dei Led Edge perchè li c'è da mettersi le mani nei capelli in quanto il controllo singolo di una zona è impossibile.

Nicola Buriani

LG ha UB850V in quella fascia, ma secondo me va un po' peggio dei due che ti ho citato.
Sharp non ha niente di così interessante (si concentrano molto sui tagli grandi ormai), Panasonic, invece, me la ero scordata, mannaggia a me (non so perché, ma avevo pensato ad AX800 e AX900 e quindi l'ho scartata, ma non sono gli unici Ultra HD).
Ha il 48AX630, che è valido: dovrei solo controllare se lo hanno poi aggiornato per il discorso HEVC in streaming.

Per i Full HD controllo un po' i prezzi, non me li ricordo.
PS: arriveranno più recensioni (e i video delle recensioni), ci stiamo attrezzando :).

DavyDax

Ok!

No certo, sui prezzi si sa questa cosa...infatti ti chiedevo più un parere tecnico...

I pannelli che mi hanno sempre di più colpito sono quelli di Sony e Panasonic, ok non facciamo un discorso di brand, ma guarda caso il modello di Sony che mi hai nominato è uno dei 2/3 che stavo tenendo d’occhio…

LG? Sharp? Panasonic?

Sorvolando sul 4K e anche sui prezzi (poi l’occasione si trova…o si aspetta che scenda un po di prezzo..), invece quale “semplice” FHD mi consiglieresti?

Grazie ancora, spero ci saranno sempre più tue recensioni in futuro!!

Nicola Buriani

Il curvo è indubbiamente uno dei cavalli di battaglia, è innegabile.
Non a caso è aumentata l'offerta, anche perché a quanto pare piace (le vendite sono buone).

Banjo

Infatti io lo noto, e propio di fianco al piatto quest ultimo ne esalta la sua bruttezza e peggior visione. Come sempre mia opinioni e a chi piace curvo buon per lui.Il fatto come scritto sotto è che gia la vedo triste per Samsung a vender questi tv, l'onda dei milioni di cambi tv è finita ( l ha saputa cavalcare da fenomeno ) e questo puntare tutto sul curvo (non mi dire ci son anche i modelli piatti...quello che conta e che da voi e col marketing e presentazioni si presenta solo col curvo al top di tutto, tutta la linea suhd presentata curva, a margine si dice i piatti (a volte) vuole far creder di avere un nuovo bisogno e passare tutt al curvo. Questo, e il curvo stesso, a me fa....!

Nicola Buriani

Allora: per i modelli attualmente in circolazione, io terrei in considerazione il 48HU7500, se vuoi un Ultra HD, è praticamente a cavallo della misura che vuoi, e si trova già sotto i 1.000 Euro.
Non fa troppo rimpiangere le prestazioni dei modelli di fascia più alta.
Ci sarebbe anche il 55", ma è decisamente più grande di quello che chiedi e con il budget non ci rientri.
Per i nuovi bisogna aspettare un attimo, anche perché i prezzi della gamma 2015 di molte marche ancora non ci sono (ma c'è un motivo ben preciso: il cambio Euro - dollaro, si sta arrivando alla parità e tutti dovranno alzare i listini, motivo per cui aspettatevi prezzi che, in generale, vi sembreranno cari per tutti, perché rispetto anche solo ad un anno fa, la quasi parità pesa parecchio).

Nicola Buriani

Grazie!

Nicola Buriani

Il pannello curvo lo puoi considerare, prima di tutto, come un modo per differenziare l'offerta: messo vicino ai TV piatti risalta perché si distingue subito (lo nota anche chi non se ne intende, per capirci).

Luigi

Ok capito, comunque Auguroni per l'entrata in HdBlog, mancava una figura esperta e competente in questo campo. Buon lavoro!!!

Ngamer

sembrano ottimi dal punto di vista della qualità dell immagine ma non riesco a farmi piacere le tv curve e non trovo l utilità di avere una tv curva . le ho viste e riviste nei vari centri commerciali e per quello che mi riguarda sono solo un modo per aumentare i prezzi perche non ne vedo alcun vantaggio

Nicola Buriani

Ciao, purtroppo le misure precise non le ho, posso chiedere.
Per il discorso Bluetooth, dovrebbe funzionare con qualsiasi smartphone (ci sarà l'applicazione ad hoc per gestire l'importazione dei settaggi).
PS: non credo che un pannello 5K aumenterebbe il prezzo significativamente, sono più che altro formati diversi per usi diversi (su computer è utile perché, se devi montare video o ritoccare foto, puoi farlo a tutto schermo, con piena risoluzione, avendo anche l'interfaccia dei programmi a video).

Nicola Buriani

Allora mi scuso, ho capito male.
Però non mi torna più il discorso sull'inesattezza riferita al discorso ANSI: se c'è differenza tra Full LED e LED Edge, come fa a non essere corretta la considerazione sulla misura ANSI?
La scacchiera non tiene minimamente conto del local dimming, per come è realizzata, è per questo che più di qualcuno ritiene che non sia più un sistema così valido, per i TV con local dimming evoluto.

Madcat

Non è vero che metto sullo stesso piano un Led Edge e Full led, e nei commenti precedenti dove parlavo di HDR ho messo subito in chiaro che la differenza c'è, anche se con appena 150 zone, compromessi da accettare ce ne sono anche qui, e parliamo di un tv da oltre 6000€.

M.

A me non sembra tutto così drammatico, anzi Lg ha dichiarato che i prezzi degli oled nei prossimi 1-2 anni scenderanno parecchio. Ad esempio solo a dicembre non mi ricordo quale modello è sceso di 500€.

Nicola Buriani

Come appunto?
Dalla sola misura il bug non risultava presente, a dimostrazione che, se non contestualizzi, i numeri ed i grafici ti possono anche portare fuori strada.
E' lo stesso identico discorso che fai tu col nero: non consideri affatto (zero proprio) il local dimming di un Full LED, come se l'impatto che ha sulla resa a video fosse zero.
Lo paragoni ad un LED Edge, quando i LED Edge hanno un sistema molto meno evoluto, da essere definito, più o meno universalmente, pseudo-local dimming.
La resa non è uguale, non serve a niente attaccarsi pretestuosamente ad un numero. E' un fatto inequivocabile che non le immagini non siano uguali.

Madcat

Appunto era un bug. Facciamo così guarda, la prossima volta che hai l'occasione di poter analizzare un JS9500, fallo sapere, così magari porto i miei strumentini e ci si contronta di persona che è meglio.

Nicola Buriani

Ma guarda che il tecnico ISF non sono io :D.
E' quello che hai citato per la recensione del JS9500: è attendibile (la recensione la riporti, si direbbe di sì) o dice inesattezze?
Scegli e nel caso spiega e di nuovo occhio ai termini: non essere d'accordo è un conto, dire che gli altri dicono inesattezze, con fare puntiglioso (quindi attenzione anche sul discorso di chi fa gara a fare cosa ;) ), è un altro paio di maniche.
Tanto per chiarire: il TV col clipping era un Plasma Panasonic, VT50 o VT60, non ricordo, bug noto e poi corretto, ma se guardavi solo il grafico del gamma non te ne accorgevi di sicuro.

Madcat

Dai su Nicola, anch'io un background in fase di produzione video e competenze in ambito di calibrazione proiettori e tv, quindi so di cosa parlo, non scendiamo così in basso nel fare la gara a chi ce l'ha più lungo. Avrò il diritto di essere in disaccordo su alcune cose da te espresse, o preferisci solo chi ti da sempre ragione? Ho capito che non accetti critiche e d'ora in poi eviterò di commentare, se ti fà piacere.

Nicola Buriani

Sono inesattezze (quali poi?) che ti riporta anche un tecnico ISF, vedi un po' quanto sono inesatte :D.
Occhio che seguendo la tua logica un LED Edge si vede uguale a un Full LED, perché il local dimming, non lo si deve considerare (non si sa perché).
Il clipping lo misuri col gamma? Dimmi di no ti prego.

Madcat

continuo a rilevare delle inasettezze in ciò dici in merito al discorso ANSI, ed anche sul gamma che se correttamente restituito dal display è impossibile che generi clipping sulle alte luci (a meno che non ci sia di mezzo il local-dimming), ma direi di piantarla qui altrimenti non se ne esce più, quando c'è da approfondire certi tecnicismi, una chat purtroppo non basta.

Gio

ciao nicola. prenderei questo tv ,proprio del video, per natale.... ti volevo chiedere la gentilezza di farmi sapere : lo metterei su un mobile laccato bianco di altezza cm 49.5 profondità cm 55 e lunghezza cm 1.35. quanto è lunga la base del tv? non vorrei uscisse fuori.... e quanto pesa il tv? lo stesso mobile regge sui 41-42 kg..... E poi la cosa più importante nicola: ho sentito del discorso di avvicinare lo smartphone e il tv si configura da solo. ma funziona solo con gli smartphone samsung?? perchè io ho appena comprato l'iphone 6 plus e spererei funzionasse pure con quello. mi sembra infatti di aver capito che configuralo io stesso sia un bel macello....e io non sono molto ferrato in materia... grazie mille ,se puoi rispondermi, per la tua disponibiltà e buon lavoro con altri servizi simili. servono molto per chi come me non ci capisce molto..... (una ultima curiosità: per pasqua ho l'i mac 5k retina. prezzo 2800. ci ho aggiunto la ram a 16. so che non sono paragonabili le cose....ma se questo tv fosse 5k.... quanto arriverebbe a costare? ciao salutoni!)

Nicola Buriani

Se solo LG continua a produrre i pannelli, non ce la potrebbero fare, non basterebbero per tutta la fascia alta.
Non a caso LG sta cercando di formare "un'alleanza" per gli OLED.

Per il discorso ANSI, non è un metodo che non va bene (per gli OLED va benissimo), ma per certe tipologie di pannelli dice forse metà di quello che servirebbe sapere. A che ti serve sapere solo il livello del nero di un LCD local dimming con LED accesi?
Gli hai praticamente tolto la sua ragion d'essere. La misura serve per sapere che quello è il nero che il pannello esprime quando il local dimming non può intervenire, ma poi va sottolineato molto bene che l'immagine viene pesantemente influenzata dal local dimming, e quel singolo numero questo non lo dice.
E' la stessa cosa delle misure stupende del gamma che ho visto su alcune TV. Belle, peccato che chi le aveva rilevate si era dimenticato di dire che, con quelle impostazioni, le alte luci clippavano visibilmente. A quel punto è inutile avere un gamma del genere, meglio un po' meno perfetto, ma senza clipping. Questo per dire che il numero o il grafico va poi interpretato e contestualizzato, perché spesso è anche ottenuto tramite compromessi (la taratura lo è sempre, di fatto). Se preso in assoluto rischia di diventare addirittura fuorviante.

Per gli OLED, beh, di articoli in merito ne ho scritti parecchi io stesso, anche sulla differenza tra Quantum Dot (che poteva sembrare una nuova tecnologia) e OLED, quindi tra pixel retroilluminati e pixel con illuminazione indipendente. Non credo ci sia bisogno di tornarci sopra per ogni nuovo LCD o OLED in commercio, specialmente in un'anteprima. Trovo più interessante presentare le caratteristiche del prodotto in esame e sviscerare quelle (con disamina approfondita in sede di recensione). Magari un confronto nelle conclusioni di una recensione ci può stare, ma ogni TV dovrebbe essere trattato come prodotto indipendente e valutato essenzialmente come tale (funziona, non funziona?).

Banjo

Grazie per queste info.O..Nicola complimenti per il video,l'hai fatto parlare cosi ha detto tutto quello che doveva dire ed è filato tutto liscio e chiaro e quando c'era da intervenire l'hai fatto con le tue competenze.Criticare per partito preso non serve,ammetto che anche io a volte ci casco, serve la tua conoscenza tecnica e passione tecnologica !

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?