Bowers & Wilkins P5 Wireless: la recensione di HDblog.it

24 Settembre 2015 47

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Qua facciamo a gara ogni volta che c'è un dispositivo Bowers & Wilkins da provare. Questa azienda produce accessori audio di qualità mirabile, ed è difficile trovare qualcuno che non ne sia realmente interessato. Tutti vogliono sentire come suona quel nuovo diffusore, quelle cuffie, quella dock per iPhone.

Le B&W P5 Wireless sono toccate a me. Sono cuffie senza filo di fascia alta, sorelle di quelle B&W P5 Series 2 che tanto hanno fatto bene alla categoria. Le nuove ereditano design e materiali, restano ugualmente lussuose e confortevoli, ma aggiungono al collegamento via mini jack da 3.5 mm, 2 microfoni, pulsanti on-ear, la connettività Bluetooth 4.1 con supporto aptX e una batteria da 17 ore di ascolto.


I componenti extra portano un bagaglio da 28 grammi (223 grammi contro 195) e 100 euro (399 euro contro 299) ma ci sta. Io continuo a ritenere le P5 S2 "un filo" più eleganti per via di quel bordino lucido cromato che separa la parte fissa del padiglione dai cuscinetti rimovibili, e forse la plastica nera usata nelle P5 Wireless in questa zona - la stessa che integra i pulsanti di controllo, il bottone di accensione, i microfoni e la microUSB - è la nota meno pregiata di tutta la costruzione. Credo che il mezzo centimetro di spessore richiesto da questi componenti non abbia reso possibile la finitura lucida di P5 S2. Di fatto, il loro corpo è di 6 mm e magari farlo in alluminio cromato sarebbe stato visivamente pesante.

Le cuffie si reggono su un archetto in alluminio. La loro lunghezza si può regolare fino ad un massimo di 4 cm per lato, mentre gli stessi padiglioni ruotano di 90° abbondanti ciascuno. Riesco ad aprirle senza metterci troppa forza fino a 29 cm, un buon risultato. La forma ad S del telaio nel suo complesso fa si che la loro posizione standard sia leggermente inclinata verso avanti, verso il vostro naso per capirci, o meglio che l'archetto sia 3 cm avanti rispetto ai padiglioni.

Ma purtroppo essere così descrittivo non mi aiuta a farvi capire quanto sono comode le P5 Wireless. Da qualche parte in rete ho letto che vengono considerate delle "vere e proprie poltrone per le orecchie" ma voglio aggiungere poltrone in pelle, soffice e liscia al punto giusto (quindi anche un po' porosa, non affatto plastificata) e ancora profumata, di un odore che ricorda le pelletterie, che non va via e che vi mette bene anche quando le tenete solo al collo.

Se andiamo a guardare lo spessore della spugna verde che fa da cuscinetto scopriamo che non è nemmeno così alto: 1.5 cm, quasi 2 cm per l'archetto, quindi il confort generato non è dovuto all'imbottitura ma alla qualità dei materiali usati nel rivestimento unito alla pressione leggera e lineare che l'alluminio fa. Davvero un lavoro pregevole. Così come è di valore la qualità audio fatta uscire dai driver integrati. Ma, qui serve qualche dato in più.

Specifiche tecniche P5 Wireless

  • Driver: 2x 40mm Full Range
  • Frequenza: 10Hz - 20kHz
  • Impedenza: 22 ohms (passivi)
  • Distorsione (THD): <0.4% (1KHz/10mW)
  • Sensibilità: 109dB/V a 1kHz
  • Codec Bluetooth: aptX, AAC, SBC

A questa scheda bisogna aggiungere i 2 microfoni con algoritmo CVC2 per la riduzione del rumore, il jack stereo da 3.5 mm e ovviamente la microUSB 2.0 per caricare la batteria e aggiornare il firmware. Tutti dettagli che trovate nel manuale utente in PDF. Magari, visto il prezzo e la fascia di riferimento, mi sarei aspettato un microfono e una pulsantiera per rispondere alle chiamate anche nel cavo incluso nella confezione, questo sì. E magari anche un cavetto più lungo.

Al test audio, una volta portate alle orecchie e collegate ad una sorgente degna di essere ascoltata (se siete al pc magari un .flac, ma ovviamente un ampli o uno smartphone con aptX sono consigliati), le P5 Wireless si mostrano per quello che realmente sono: delle cuffie neutre e nitidissime, appena cristalline, equilibrate nella gestione dei bassi nel senso che non accentuano mai quel range lì ma al tempo stesso lo coprono tutto e bene.

Ascoltarci "musica analogica" che abbia il gusto e la sensibilità di non appiattire tutto con compressore e auto-tune, è una goduria. Non voglio star qui a dirvi che sono cuffie per jazz, ma che tendono ad essere talmente pulite da risultare calde, ma non calde offuscate o calde mediose, calde perché lineari in tutto lo spettro. Arricchiscono la resa con la qualità, ecco, non con un'equalizzazione per questo o per quello. Inoltre quel centimetro abbondante di imbottitura isola bene l'ambiente.



Non ho avuto problemi con la connettività Bluetooth. Anzi, sì. Due volte, su Macbook e MacPro, ho sentito degli strappi, delle perdite di segnale che mi hanno fatto pensare ad una batteria scarica. In realtà si è corretto tutto dopo un riavvio. Si possono memorizzare fino a 8 dispositivi, ma solo il 1° sarà quello associato in automatico. L'abbinamento è velocissimo. Una serie di fortunate casualità mi ha permesso di provare le cuffie wireless di B&W con dispositivi di età variabile: un HP Chromebook del 2013, un iMac 21.5 del 2014, un Macbook Air, un Macbook 12 Retina, un Aspire Switch 11V di prossima uscita e un paio di Mini PC Android. Oltre al mio Wiko Pure.

TIPS! Si può cancellare la memoria dei dispositivi associati tenendo premuti i tasti Volume- e Bluetooth per almeno 2 secondi. Ci sarà un flash del LED integrato e un riavvio a confermare il reset.

I tasti integrati controllano il volume, e la riproduzione. Con un doppio click veloce fanno cambiare traccia. Collegare il cavetto stacca immediatamente la connettività wireless, disabilita il circuito Bluetooth e questo da una lato preserva la batteria e l'autonomia dall'altro impedisce di fare giochetti da DJ o fonici facendo "girare" due sorgenti contemporaneamente. Le 17 ore dichiarate dall'azienda posso essere raggiunte se il volume non è elevato, ma in linea generale posso garantirvi due giorni pieni di ascolto, anche più se le usate a mo' di monitor per l'audio del laptop. Inoltre il draining della batteria è ininfluente: potete lasciare le P5 sulla scrivania un weekend e trovarle comunque cariche il lunedì dopo.


Il miglior consiglio che posso darvi è: provatele. Le cuffie Bowers & Wilkins hanno un listino che non va preso alla leggera, e per questo credo sia necessario un test di ascolto. Io le adoro, ma potrebbero essere davvero sprecate in certi contesti e per certi generi. Ad esempio non sono le cuffie che porterei d'estate in vacanza, per dire. E immagino che sotto al sole, o comunque con clima caldo e umido, possa essere "pesante" quella pelle nera. In 223 grammi restano delle cuffie da viaggio, questo sì, ma di un tipo diverso.

Costruzione, design ed ergonomia sono comunque al top della categoria. Quel design anni 50 da barbiere o da aviatore o da sartoria di quartiere snob, quel profumo di pelle che sbuffa lì ogni volta che le schiacciate con i polpastrelli, quel contatto avvolgente e al tempo stesso familiare sull'orecchio, sono un bel effetto placebo per una resa sonora che, poi, alla resa dei conti, non delude. E non credo si possa chiedere di più a delle cuffie wireless.


47

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
stuck_788

ti ringrazio per la risposta... sono indeciso tra queste 3... pero se mi dici cosi riguardo le Sony, tenderei ad escluderle... questa cosa del codec proprietario non mi va molto a genio...
le Sennheiser esteticamente le trovo meravigliose... pero non so se come qualita sono a livello delle P5

Ivan Tronci

e mi pare anche che le momentum 2.0 wireless non esistono, wireless sono state prodotte solo nella prima serie. online almeno non riesco a trovarle.

Ivan Tronci

me lo sto domandando anche io, mi è stato detto però che le Sony sono molto più impostate sui bassi, per intenderci un po stile beats e che sono quindi un po inferiori come qualità e nitidezza del suono.
considera anche che per sfruttarle a pieno dovrai usare un lettore walkman che include il supporto al codec bluetooth proprietario visto che non supportano l'aptx.

insomma non conosco le altre ma partendo dal tuo stesso dubbio sto via via escludendo le sony per queste ragioni.

stuck_788

tra queste, le Sony Wireless MDR-1ABT / S
e le Sennheiser Momentum 2.0 Wireless, quale consigliate? come prezzo sono simili

Svasatore

Come spesso critico quando non si raggiunge la sufficienza negli articoli o altro, oggi mi devo complimentare con Palumbo che ha una presenza scenica naturale e spontanea.
Mi piace come scrivi e come ti muovi all´interno dei video. Ovviamente sei un po´ egocentrico (piu´ a livello fisico) ma non e´propriamente un difetto e per fare dei video aiuta quasi sempre se non e´ molto marcato.
Complimenti, svetti su molti.

DjL4S3r

Hola a todos, x cortesia, consigliatemi un paio d cuffie da studio, prevalentemente dance/trance, le preferirei chiuse, così solo x sentire il suono chiaro in cuffia, spesa max 100€. Le collegherò ad una scheda audio esterna, con jack preamplificato. Attualmente ho delle AKG (nn ricordo il modello), buone ma ormai hanno qualke annetto...
Complimenti x la recensione, cuffie spettacolari, le prenderei solo se avessi a disposizione quella cifra, ma nn le utilizzerei gran kè, nn ascolto più molto la musica in giro, purtroppo...

Grazie in anticipo, salutoni a todos :-)

Stefano Caliò

Aiutare aiutano, però è bene non illudersi di fare il salto di qualità andando a toccare esclusivamente il lato finale della catena, perchè se il segnale fa schifo rischi solo di spendere un botto di soldi per niente...
Peraltro ci sono molti lettori che costano cifre abbordabilissime ed offrono una qualità sonora superiore a smartphone/iPod ormai fonte pricnipale di molte persone, oltre ad offrire la riproduzione di formati lossless, come il FLAC (che magari in movimento perde abbastanza d'importanza).
Comunque mai scendere sotto i 320kbps! LOL

Stefano Caliò

In linea di massima hai ragione, però c'è da dire che in realtà buona parte delle cuffie chiuse finiscono per essere discretamente "isolanti" da fuori a dentro, non fosse che, in fondo, stai pur sempre chiudendo una parte di padiglione che diversamente farebbe fluire suoni da e verso l'orecchio.
Sì, tendenzialmente il contro è che il suono rimane più "inscatolato" e meno arioso e naturale, rispetto ad un'aperta. Le 25 comunque le apprezzo molto ugualmente (anche se sono abbastanza sbilanciate verso i bassi, visto che in fondo sono cuffie dj, per quanto usate in molti ambiti audiovisivi). Tra l'altro coi cuscinetti in velluto sono una goduria e, pesando poco, si trasportano anche bene!
Io preferisco delle in-ear (ora ho delle Shure SE215), che alla fine pesano ed ingombrano nulla ed isolano in maniera quasi eccessiva..meglio tenere bene aperti gli occhi quando si attraversano le strade ahah

Fabrizio Trani

stiamo parlando delle Samson RTE2 giusto? io le ho trovate su amazon a 123€ . te invece? io oggi invece ho provato le momentumiv, urbanite, bose qc25, beats (i 4 modelli di punta), akg y50blk. purtroppo c'erano solo queste. mi ha colpito l'abbattimento sonoro di BOSE il quale è davvero pazzesco ma nessuna per come suona

Cosimo Marafioti

Prese questa mattina in pre-ordine mi arriveranno presto come sempre accade con il mio negozio di fiducia... (anche se è il piu' grande di roma e forse di italia) Sono sempre io a segnalargli le novità interessanti. Ti faro' sapere.

Cosimo Marafioti

Stefano sempre meglio usare gli mp3 che la scadente compressione di iTunes :D cmq... io ancora come Walkman uso il mio eterno e bellissimo minidisc sony. Sicuro è però che delle cuffie buone aiutano.

radios

Saggio.

Roberto Pellegrini

si anche io uso le p7 a casa, le p5 le porto in viaggio perché occupano meno spazio, la qualità scende ma non tantissimo! Sono un'ottimo compromesso dimensioni/qualità

Giovanni Coclite

Ho le p3 per quando sono in viaggio e le p7 per casa....cuffie divine...il Bluetooth invece non mi garba molto

boosook

giustissimo, comunque aperta o chiusa non cambia molto per quanto riguarda l'isolamento dall'esterno, ma solo *verso* l'esterno (per chi ti ascolta, per capirsi). Ho sia le HD25 che le akg k141s, e non c'è praticamente differenza fra quello che senti tu come rumore ambientale. Naturalmente c'è molta differenza per quanto riguarda quello che sentono gli altri. :) Insomma, se uno deve prendere una cuffia chiusa perché pensa che così sarà isolato e potrà ascoltare la musica in treno potrebbe rimanere deluso... e le cuffie chiuse suonano molto peggio IMHO. Sono utili nei luoghi di lavoro per non disturbare gli altri o per guardare la televisione mentre la tua ragazza dorme.

Stefano Caliò

Guarda che l'isolamento c'entra relativamente con la forma dle padiglione. Esistono molte cuffie on ear con isolamento eccellente (una su tutte, l'immortale Sennheiser HD25) ed almento altrettante over the ear non destinate ad isolare.
Quello che cambia è il tipo di cuffia: aperta o chiusa.

Stefano Caliò

Se volete fare un upgrade...cominciate a cambiare sorgente.
Comprare cuffie di livello ed usare con degli mp3 scadenti su smartphone equivale a buttare soldi.

Fabrizio Trani

utilissimo. grazie mille. ;)

Cosimo Marafioti

Ho letto dei commenti molto positivi, ma devo ancora provarle sulle Samson RTE2, domani mattina andrò a vederla e forse comprarla al negozio di fiducia, offre la possibilità BT e cavo. Samson è una marca che riesce sempre a portare il rapporto qualità - prezzo a livelli altissimi. Una tra le cuffie più usate in studio ed in radio è la SR850 che costa poco più di 30 euro, io ne ho 4 (le uso per lavoro) e quando qualcuno mi vede girare con quella vuole fare un test restandone ammaliato, ha una resa che tiene il passo con concorrenti che costano almeno 5 volte il suo prezzo. Poi dipende dal tuo budget, dal genere musicale che ascolti, dalle caratteristiche che pretendi da una cuffia, ovviamente non esiste una cuffia migliore in assoluto, io consiglio sempre di scegliere in modo intelligente, spesso marca modello e prezzo sono solo specchietti per le allodole, fidati del tuo orecchio e delle tue sensazioni. Prova, scegli tra quelle che reputi un giusto prezzo quella che ti aggrada di più, magari pero' portati il telefono con degli mp3 con la massima qualità per renderti conto del suono realmente. Buona notte spero di essere stato utile

Fabrizio Trani

si infatti cercando un pò sony mdr-1rbt è quella con caratteristiche stratosferiche.. ma vorrei prima provarla. te invece quali modelli mi consigli?

Cosimo Marafioti

Se non le cerchi BT lascia perdere i negozi di elettronica e buttati in un negozio di strumenti musicali, vai li con il tuo S6 e provi un po' di soluzioni. Ovviamente ricordati che una cuffia da studio, nasce per essere clean, in modo da permetterti di sentire realmente le frequenze. Mentre le cuffie in commercio normalmente hanno bene o male una propria equalizzazione. Poi ovviamente puoi provare le cuffie per Dj anche in un negozio di musica, ma ovviamente hai anche li delle forzature sullo spettro di frequenza.

Luca

Se vuoi fare un ulteriore passo in avanti si certo conviene, un qualsiasi DAC esterno da 150/200€ sarà sicuramente migliore di un qualsiasi altro integrato in uno smartphone o PC, però considera che già ad esempio collegandole direttamente ad un S6 se non hai avuto o provato cuffie di qualità sarà una sensazione tutta nuova, dove in una traccia percepirai suoni e dettagli che non sapevi neanche essere presenti, tutto ciò per farti capire che si un DAC dedicato è la soluzione migliore, ma già da se una cuffia come questa è 100 passi avanti ad una qualsiasi altra da 100€.

Vrss98

Allora prova a vedere la versione k545 o anche 550 , si trovano sotto i 200 e sono molto bilanciate(se ti piacciono parecchi bassi forse meglio le 545 o le momentum) , sono tutte cuffie facilmente pilotabili, non c'è bisogno di un dac, anche se ovviamente migliorerebbe le cose, ma diciamo che non varrebbe la pena prendere dac eccessivamente costosi per quelle che ti ho elencato :D

Fabrizio Trani

no il BT non mi convince ancora. le utilizzerò principalmente con Samsung S6 e un PC.Conviene prendere anche un DAC ??

Fabrizio Trani

grazie mille.. le utilizzerò principalmente con Samsung S6 e un PC.
Conviene prendere anche un DAC ??

Vrss98

Akg 845bt se le vuoi bluetooth

Black_prime

over... ti isoli completamente e non rompi le scatole a chi ti sta accanto. Le uso tutti i giorni con batterie ricaricabili. Suonano bene ma sicuramente non saranno ai livelli di questi mostri.

Comunque sono gusti. Cerca di andare a provarle in un negozio. A meno di porcherie suonano tutte bene quindi dipende da cosa piace.

Luca

Sono cuffie over ear tanto quanto le beats studio, quindi si chiudono intorno il padiglione auricolare, il comfort è altissimo sia per la qualità dei materiali che per la costruzione, siamo su un livello totalmente diverso dalle beats, stesso discorso vale per la qualità dell'audio che riproducono, stiamo mettendo a confronto una cuffia "seria" nelle alte gamme delle cuffie che non richiedono amplificazione esterna (un buon dac è sufficiente) ed un prodotto commerciale totalmente sbilanciato che al massimo è funzionale in situazioni ben specifiche.

stei21

io devo sostituire le mie beats studio ...le tue cuffie riescono a non appoggiarsi sul orecchio ?ma soprattutto le tue sono superiori ?

Simone

Io ti consiglio le Sony MDR-1A BT, associate ad un Walkman con codec LDAC suonano una favola anche wireless, Bluetooth, Nfc, comandi touch sul padiglione, comode e molto belle esteticamente, le ho da un paio di giorni, le consiglio.

Roberto Pellegrini

Io ho sia le p5 che le p7, queste ultime sono spettacolari! per ora le uso con l'uscita cuffie del marantz cd-6003, e con la audioquest dragonfly 1.2 + mac.. potreste recensire anche la P7..

Luca

Naturalmente le mie P7 allora! Con un po' di fortuna riesci a portarle a casa con 350€ e non credo te ne pentirai per almeno 10 anni.

Fabrizio Trani

A me non serve bluetooth e preferisco le over ear. Cosa proponi?

Luca

Se ti piacciono queste e ti interessano con il filo a 300€ ci sono le P5 S2 (citate anche nell'articolo) che sono praticamente equivalenti a quelle della recensione però non integrano tutta la parte bluetooth, io starei lontano da Bose comunque.

Fabrizio Trani

Queste però sono on ear e non over. Te cosa consigli?

Thranduil Vala

assolutamente, non ho avuto modo di provare, ma questo è quello che ho letto. Se potessi permettermelo, io fare uno sforzo e prenderei queste della recensione ;-)

Fabrizio Trani

Cosa mi consigli quindi?

Black_prime

dicono lo stesso delle Momentum con abbattimento... costano di più e si spaccano in 2 mesi.

Thranduil Vala

io sulle bose non ci torno più, qualità pessima (finta pelle che si squaglia dopo qualche annetto, e i ricambi dei padiglioni costano una cifra), e uno dei due auricolari è andato. Leggendo un pò in giro, si è molto molto svalutata rispetto agli anni che furono. Dalla recensione queste sembrano un altro pianeta.

Black_prime

fantastico abbattimento le bose.

Fabrizio Trani

Chi mi consiglia delle cuffie con un budget di 300 euro? Bose qc25 o altro?

Simone

Stupende, ma due giorni fa mi sono arrivate le Sony MDR-1 ABT, non c'è proprio paragone...

SmogX

Adoro l'aggancio jack e le giunzioni dell'arco, davvero belle :O

Axel

Che differenze principalmente rispetto alle harman kardon soho wireless?

ç

Zoro HD a poco più di 30€... il mio miglior acquisto!

Ho anche delle Momentum... ma il rapporto qualità prezzo delle Zoro è imbattibile!

Certo queste B&W sono un'altra categoria... semplicemente spettacolari!

Luca

Ho le P7 ma giuro che questa recensione mi ha fatto salire la scimmia. Complimenti

Carburano

spettacolari.

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?