La Consumer Technology Association definisce i TV HDR e con gamut ampliato

28 Aprile 2016 3

La video Division Board della Consumer Technology Association (CTA) ha aggiornato le terminologie ufficiali riguardanti i nuovi standard in uso sulle TV. Si parla, in particolare, di HDR (High Dynamic Range) e di gamut ampliati. Secondo quanto stabilito da CTA, un "HDR Compatible Display" è un TV, monitor o proiettore che soddisfa i seguenti requisiti:

  • Include almeno un'interfaccia capace di supportare i segnali HDR, come definito da CEA-861-F e CEA-861.3
  • Riceve ed elabora i metadati HDR statici in accordo con quanto stabilito da CEA-861.3 per i video non compressi
  • Riceve ed elabora segnali HDR10 Media Profile da IP, HDMI o altre sorgenti video; possono essere inoltre supportati altri profili
  • Applica un'appropriata Eletro-Optical Transfer Function (EOTF) prima di renderizzare l'immagine. EOTF è il processo tramite il quale i dati digitali vengono convertiti in luce visibile

La CTA definisce HDR10 Media Profile come un profilo che utilizza una EOTF che rispetta lo standard ST 2084, con campionamento del colore in 4:2:0 a 10-bit, il supporto allo spazio colore BT.2020 e con una gestione dei metadati (per HDR) conforme allo standard ST 2086.

Per quanto riguarda i gamut ampliati, CTA specifica che si definiscono Wide Color Gamut (WCG) i TV, monitor o proiettori capaci di ricevere e decodificare un segnale conforme allo standard BT.2020 (il più ampio tra quelli esistenti). Il segnale viene poi elaborato per adattarlo al display, in modo da eccedere una copertura pari al 100% dello spazio colore BT.709 (lo standard per l'alta definizione).

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 899 euro oppure da ePrice a 1,037 euro.

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nicola Buriani

Esatto: se "Tizio" si inventa un nuovo logo e lo applica secondo i propri criteri, nessuno lo può impedire.

IlRompiscatole

Perché purtroppo sono termini di marketing (prese di giro fatte per avere un numero più alto degli altri).
Puoi standardizzare la terminologia tecnica (hdr, 4k, full hd etc etc) ma non i termini inventati :-)

Thomas Turbato

Perchè questo "ente" non cerca di allineare tutte le varie sigle di tutti gli svariati brand di TV?

Ogni marchio usa le proprie sigle e si fa una confusione pazzesca

Recensione proiettore BenQ TK800, Ultra HD e HDR luminoso per l'intrattenimento

Recensione Sony KD-55XF9005, Android TV UHD con Dolby Vision ed elettronica top

RECENSIONE GoPro Hero 7 Black Edition, la stabilizzazione è il punto di forza

Recensione Sony Alpha 7 III: provate a prenderla!