Sony Ultra HD KD-65XD9305 Android TV: la nostra recensione | Video

15 Settembre 2016 135

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Aggiornamento

Aggiorniamo la recensione con il video che inizialmente era stato tolto per un problema tecnico.

Sony ha recentemente lanciato la nuova gamma di Android TV Ultra HD. Il produttore giapponese ha proseguito nell'opera di razionalizzazione dell'offerta già avviata lo scorso anno. I modelli proposti sono ridotti di numero (anche se recentemente sono state annunciate alcune novità) e offrono numerose funzionalità. Per il 2016 Sony ha deciso di puntare nuovamente sulla tecnologia LCD, sulla risoluzione Ultra HD e su HDR. Il modello di cui parleremo in questa recensione è il KD-65XD9305, un 65" di fascia alta che nella gamma Sony si posiziona subito sotto la serie XD94.

Scorrendo le specifiche non manca sostanzialmente nulla: troviamo il supporto a tutti i nuovi standard (compresi i gamut ampliati) e ai formati più efficienti come VP9 e HEVC. La Smart TV segna un punto di continuità con il 2015. Sony ha nuovamente scelto di proporre Android TV, il sistema operativo sviluppato da Google e utilizzato da un numero sempre crescente di marchi (Sharp, Philips e a breve anche Bang & Olufsen). La serie XD93 propone inoltre una novità assoluta a livello tecnologico: Sony ha sviluppato un nuovo tipo di retroilluminazione. L'intento è quello di abbinare uno spessore molto ridotto a prestazioni di livello superiore, normalmente non raggiungibili con una semplice retroilluminazione LED Edge. I risultati saranno all'altezza delle premesse? Nel corso della recensione andremo a valutare le prestazioni e la qualità offerta da questo TV.

Caratteristiche tecniche e dotazione


Il design "Slice of Living" e le tecnologie utilizzate per realizzare la serie XD93 sono il frutto di scelte volte a raggiungere un duplice risultato: offrire prestazioni di livello superiore, rispetto alla media dei TV LED Edge e contenere al massimo lo spessore. Il TV è quindi un sostituto di due serie del 2015: X90C e X93C. Rispetto alla sottilissima X90C lo sviluppo in profondità è superiore, seppur non di molto. Sony ha scelto di utilizzare un design semplice, pulito e minimalista. Lungo il bordo della cornice troviamo una scanalatura che spezza la continuità delle linee. La rientranza presenta una finitura "Champagne Gold". Questo particolare non risulta eccessivamente visibile e riesce a donare un tocco di eleganza al TV.


Nonostante lo spessore sia aumentato, Sony ha studiato una staffa da parete capace di posizionare il TV più vicino al muro, in modo da ottenere un risultato esteticamente molto appagante. La staffa, fornita in dotazione con la TV (e molto semplice da montare), colloca XD93 a soli 36,7 mm dal muro contro i 40 mm di X90C. Un altro elemento estetico completamente rinnovato è la base, ora composta da un solo blocco centrale (i modelli 2015 utilizzavano due elementi separati) inclinato verso il frontale.

Rispetto ai TV X93C salta all'occhio una mancanza decisamente vistosa. Sony ha scelto di non inserire i "magnetic fluid speaker". La loro presenza, sulle due serie di fascia più alta lanciate lo scorso anno, aveva sollevato più di qualche critica da parte del pubblico. Se infatti la qualità audio traeva sicuri benefici dalla loro presenza, è altrettanto indiscutibile che a farne le spese era l'ingombro, sensibilmente aumentato (gli speaker erano collocati ai lati). Erano stati inoltre sollevati dubbi sulla pulizia del design (i diffusori erano lasciati a vista). La nuova sezione audio utilizza quattro speaker capaci di erogare 7,5W ciascuno.


L'estrema semplicità e ordine regnano anche sul lato posteriore del TV. Sony ha infatti studiato un sistema molto intelligente per occultare cavi ed ingressi. I connettori principali sono dislocati lungo due rientranze: una è sul lato destro del TV (visto da dietro) mentre l'altra è verso il centro. A destra sono collocati un ingresso HDMI (sono in versione HDMI 2.0a con HDCP 2.2), due porte USB 2.0, una porta USB 3.0 (capace di erogare 900 mA), l'uscita cuffie, l'uscita digitale ottica e una porta Ethernet. Verso il centro troviamo invece gli altri tre ingressi HDMI e i connettori per l'antenna terrestre e satellitare. Lo slot Common Interface è invece posizionato su una rientranza più in alto, dove il pannello si inspessisce per contenere meglio l'elettronica.

Entrambi i vani possono essere coperti da coperchi in plastica. Il vano al centro permette di organizzare i cavi e di indirizzarli verso il fondo della base dove è presente un'apposita apertura. In questo modo la maggior parte dei fili resta completamente celata alla vista anche quando si guarda la TV sul retro. Oltre a conferire un aspetto più gradevole, questo sistema aiuta anche a mantenere tutto più ordinato. Restano invece allo scoperto gli ingressi analogici (scart e component), collocati tra i due vani e posti dritti verso il retro (non è quindi facile sfruttarli quando si fissa il TV a parete).


L'unico elemento che stona parzialmente con il quadro appena descritto è l'alimentatore esterno. Sony ha evidentemente dovuto scendere a compromessi per realizzare una retroilluminazione più evoluta in uno spessore molto ridotto. Il frutto delle scelte effettuate in sede di progettazione si è concretizzato in un blocco dalle dimensioni non trascurabili. Non si tratta sicuramente di un elemento che si può definire come un difetto vero e proprio, ma è aspetto che va preso in considerazione in fase di installazione.

Passiamo alle specifiche tecniche: il pannello LCD è un AMVA a 10-bit prodotto da AU Optronics. La retroilluminazione prende il nome di Slim Backlight Drive e offre varie novità che tratteremo in un approfondimento dedicato. L'elettronica, sviluppata internamente da Sony, applica un triplo trattamento alle immagini. Alla base di tutte le operazioni c'è il 4K Processor X1, lo stesso dello scorso anno. A cambiare sono gli algoritmi preposti a regolare la riproduzione dei colori, il livello di dettaglio e l'upscaling. XD93 può ovviamente adattare tutti i segnali SD e HD alla risoluzione nativa. La precisione dei dettaglio si può incrementare tramite il Reality Creation, una funzione che accorpa una maschera di contrasto e vari filtri (tra cui la riduzione del rumore).


Il TV è anche in grado di ampliare il gamut delle sorgenti tramite Triluminos Display. Il supporto a HDR (High Dynamic Range), nello specifico al formato HDR 10, permette di riprodurre una più elevata gamma dinamica e colori più ricchi tramite sorgenti esterne (come gli Ultra HD Blu-ray), dal media-player integrato o ricorrendo ai servizi in streaming (come Netflix). Grazie a X-tended Dynamic Range Pro è possibile convertire i contenuti SDR (Standard Dynamic Range) in HDR. In sostanza il TV può operare un "upscaling" sulla risoluzione, sui colori e sulla gamma dinamica.

A gestire tutte le funzionalità "smart" è un processore dual-core MediaTek MT5890. La piattaforma Smart TV utilizza Android TV e offre l'accesso a vari servizi e applicazioni (ne parleremo approfonditamente in un capitolo dedicato). La connettività comprendere il Bluetooth e il Wi-Fi. Il media-player integrato supporta numerose tipologie di file. I formati compatibili sono i seguenti:


Sono inoltre supportati i file system FAT16, FAT32, exFAT e NTFS, HEVC e VP9. I sintonizzatori DVB-T2 e DVB-S2 permettono di ricevere trasmissioni a risoluzione Ultra HD sul digitale terrestre e sul satellite (il TV è certificato tivùsat UHD). I programmi TV possono anche essere registrati su hard disk USB. La compensazione del moto viene gestita tramite il Motionflow XR1000 Hz. Le impostazioni a disposizione dell'utente offrono quattro possibilità: Standard, Fluido, Nitido e Personale. Standard utilizza l'interpolazione dei frame con una certa moderazione. Fluido incrementa l'intervento e rende più evidente sia la natura artificiosa dell'elaborazione (si genera in modo più evidente il cosiddetto effetto soap opera) sia gli artefatti. Nitido aggiunge la backlight scanning all'interpolazione, incrementando notevolmente il dettaglio in movimento a discapito della luminosità delle immagini. Personale, infine, permette di regolare in maniera indipendente fluidità e nitidezza (interpolazione e backlight scanning), in modo da poter trovare il giusto compromesso.


Il telecomando è stato ridisegnato ed è ora realizzato con una copertura in gomma su tutto il lato superiore (dovrebbe quindi resistere molto bene a modeste quantità d'acqua). Sono presenti i tasti per accedere direttamente a Netflix e Google Play e il microfono per i comandi vocali (che meritano una menzione a parte: ne parleremo nel capitolo riguardante la Smart TV). L'ergonomia è buona ma è necessario un breve periodo per memorizzare la posizione dei tasti. Il rivestimento in gomma rende infatti più difficile riconoscere la forma dei pulsanti al tatto.

KD-65XD9305 è anche compatibile con le sorgenti 3D. Sony ha però scelto di non includere gli occhiali nella dotazione, un chiaro segno della scarsissima appetibilità esercitata al momento dalla visione stereoscopica.


Il TV LCD KD-65XD9305 è disponibile al prezzo di listino di 3.499 Euro. In rete è possibile trovarlo a partire dai 2.600 Euro circa.

La tecnologia Slim Backlight Drive


Come abbiamo menzionato in precedenza, la serie XD93 utilizza una retroilluminazione particolare denominata Slim Backlight Drive. In cosa si differenzia questo tipo di tecnologia? Un TV LED Edge con LED collocati lungo il bordo inferiore dello schermo (come si vede nella documentazione ufficiale Sony) utilizza un unico modulo LED e un singolo elemento per la diffusione della luce. I TV XD93 (che ricorrono ad una configurazione differente rispetto a quella mostrata negli schemi: questi ultimi servono unicamente per esemplificare il concetto alla base) montano invece due moduli a LED su ogni lato dello schermo, quindi quattro in totale.


La luce emessa dai LED viene portata sullo schermo tramite due elementi di diffusione paralleli. Sony è quindi riuscita a creare un sistema per controllare la retroilluminazione (parliamo quindi di local dimming) su 32 zone indipendenti. Si tratta di un numero piuttosto consistente rispetto alla media dei TV LED Edge. Come vedremo il sistema si rivela efficace anche durante la visione di contenuti, andando ad impattare positivamente sul rapporto di contrasto percepito.

Le misure e i consigli per regolare la TV


I menu del TV Sony mettono a disposizione un buon numero di regolazioni. Tra le modalità video presenti la più corretta è la "Cinema Pro" ma si può utilizzare anche la "Cinema Casa" se si desidera un'impostazione orientata alla visione in ambienti più luminosi e più "spinta" per quanto riguarda i colori e la brillantezza delle immagini. Per l'accesso rapido alle principali impostazioni è consigliabile utilizzare l'Action Menu, accessibile premendo il tasto posto sopra la croce direzionale. Il suddetto pulsante apre un meno ad accesso rapido visualizzato lungo il bordo superiore dello schermo. Selezionando "Immagine" si apre una finestra lungo il lato destro. Le voci presenti consentono di selezionare la modalità video, regolare colore e luminosità, abilitare il sensore luce ambiente e accedere alle impostazioni avanzate.

Nel menu avanzato si trovano le regolazioni per tutti i principali parametri e anche i settaggi per il Motionflow, il Reality Creation e il Mastered in 4K (utile per sfruttare le peculiarità delle omonime edizioni Blu-ray di alcuni titoli). In condizioni di fabbrica il TV mostra un comportamento molto buono per quanto riguarda il gamma. L'andamento è molto regolare e mediamente molto vicino al valore di 2.2. Meno corretto il bilanciamento del bianco che mostra una certa carenza sul rosso e una deviazione dal riferimento soprattutto dal 70% in su, rendendo visibile ad occhio lo scostamento. Il DeltaE, l'errore rispetto al risultato ottimale, si attesta ad un massimo di 5 (ricordiamo che per l'occhio umano la soglia critica è 3).

La luminosità del pannello è elevata: la retroilluminazione, regolata al massimo (non in modalità HDR), fa registrare valori poco distanti dalle 400 cd/m2 - nits. Si tratta quindi di un TV che si trova a proprio agio anche in ambienti luminosi. Per la visione in ambienti oscurati o comunque tendenzialmente più bui si deve necessariamente intervenire sulla Luminosità. Questo parametro va impostato su una singola cifra (nel nostro caso è 5, corrispondente a circa 120 cd/m2 - nits).


La riproduzione dei colori, con le impostazioni di partenza, rivela una tendenza a riprodurre i primari (rosso, verde e blu) con una discreta precisione. Sono invece meno precisi i secondari (ciano, magenta e giallo) che vengono riprodotti con una soglia di errore visibile anche a occhio nudo. Come sempre consigliamo di regolare almeno le principali impostazioni: contrasto e luminosità. Non si tratta di un'operazione difficile: è sufficiente aiutarsi con alcune delle tante schermate che si trovano gratuitamente in rete.


Utilizzando i controlli presenti nella modalità Cinema Pro abbiamo effettuato una taratura con la sonda X-Rite i1 Display Pro. Il TV Sony mette a disposizione un numero di controlli non molto elevato. Il gamma si può regolare alzandolo o abbassandolo ed è possibile anche eseguire il bilanciamento del bianco a 2 o 10 punti. Non è invece presente un CMS vero e proprio: la regolazione avanzata dei colori non è quindi possibile. Fortunatamente la calibrazione del Sony XD93 da 65" è un'operazione piuttosto semplice anche per chi non è molto esperto. Anzitutto consigliamo di disattivare la "Luminosità automatica per aree (dimming)", ovvero il local dimming. Questa operazione è necessaria per via dell'influenza esercitata dal local dimming sulle misure: alcune schermate vengono palesemente alterate e quindi rilevate in modo erroneo dagli strumenti.

Dopo aver regolato le impostazioni principali occorre agire sostanzialmente solo sul bilanciamento del bianco, un'operazione che non comporta particolari problematiche. Segnaliamo solo che, in un paio di occasioni (su decine di regolazioni), pur impostando il TV su un determinato segnale (dal 10% al 100%) abbiamo riscontrato come in realtà il valore mostrato a video non fosse quello su cui stavamo realmente agendo. In pratica il TV continuava a legare le impostazioni al valore precedentemente selezionato (ad esempio: si seleziona il livello al 70% ma in realtà si sta agendo sul 60% precedentemente regolato). Nulla di grave (ripetiamo che si è presentato un paio di volte su decine di interventi), ma consigliamo di prestarvi attenzione nel caso in cui si dovessero registrare misure anomale.


Le misure a TV tarato riportano un bilanciamento del bianco davvero ottimo: il DeltaE medio è intorno a 1 mentre il valore massimo si attesta a 2,2. Eccellente anche il gamma: il valore medio che abbiamo misurato è 2,34 (vicinissimo al riferimento di 2,4) e con un andamento molto regolare. Migliora sensibilmente anche la riproduzione dei colori, soprattutto per quanto riguarda i secondari, molto più precisi non solo secondo gli strumenti, ma anche ad occhio. Il massimo scostamento che abbiamo registrato si attesta su un valore di 2,5. Per quanto riguarda il livello del nero, il valore che abbiamo rilevato (a local dimming spento) si attesta a circa 0,04 cd/m2 - nits con un rapporto di contrasto pari a circa 7.300:1 (con local dimming attivato). In modalità HDR abbiamo invece rilevato picchi di luminosità molto vicini alle 1.000 cd/m2 - nits.

Sony ha deciso di non utilizzare la certificazione Ultra HD Premium per i propri TV, preferendo la dicitura "4K HDR". I dati che abbiamo rilevato, non ultima la copertura dello spazio colore DCI-P3 (rappresentata nel grafico posto qui sopra), indicano che il TV XD93 da 65" è pienamente in grado di rispettare tutti i requisiti di Ultra HD Premium. Prima di concludere questo capitolo riteniamo utile ricordare che, per poter sfruttare HDR, è necessario accedere ai menu "Impostazioni", poi "Ingressi esterni" e infine "Formato segnale HDMI". Si dovrà quindi scegliere l'opzione "Formato avanzato". Diversamente il TV non riconoscerà i metadati di HDR in ingresso e non passerà all'apposita modalità video. L'operazione non è sicuramente complessa, ma riteniamo che la procedura non sia esattamente intuitiva specialmente per utenti non esperti, che potrebbero non capire come mai il TV non supporta adeguatamente un lettore Ultra HD Blu-ray (il Panasonic che abbiamo collegato ci ha avvertito del mancato supporto a HDR, la prima volta che lo abbiamo collegato, proprio perché avevamo dimenticato di eseguire i passaggi riportati sopra).

La Smart TV


La versione di Android TV in uso sui TV XD93 è la 5.1.1. A livello di UI non si riscontrano differenze sostanziali rispetto ai TV Sony usciti nel corso del 2015. L'interfaccia è ben realizzata e si mostra piacevole alla vista. Nella home page troviamo alcuni contenuti consigliati, le applicazioni presentate, l'elenco degli ingressi, le applicazioni effettivamente installate sugli 8GB di memoria integrata (espandibile tramite un hard disk esterno) e il menu che permette di accedere a tutte le impostazioni del TV (lingua, rete, account di Google, tastiere a joypad eccetera). Tra le applicazioni già presenti troviamo il web browser Opera. Il caricamento dei siti è sufficientemente rapido (anche se alcuni elementi più pesanti impiegano più tempo) mentre l'utilizzo è solo relativamente comodo se non si dispone di altri mezzi in un determinato momento.


La causa è da ricercare soprattutto nel telecomando: l'unità di controllo fornita in dotazione non può controllare un puntatore a video. Muoversi solo con le frecce direzionali rende l'utente più impacciato del necessario (anche se come vedremo c'è un rimedio per chi dispone di smartphone o tablet). La funzione di ricerca vocale risulta utile per trovare contenuti, anche se Opera non permette di eseguire ricerche mirate (ad esempio includendo i soli siti internet). Il microfono si rivela utile in varie applicazioni poiché i comandi vocali sono contestuali. Quando si esegue una ricerca vocale su Netflix, Play Store o altre applicazioni si apre direttamente la funzione integrata nell'app. In questo modo si può ad esempio evitare di dover digitare il titolo di un film o di un'applicazione con le frecce direzionali. Poter sfogliare solo i contenuti relativi all'applicazione che si sta usando permette anche di risparmiare tempo, poiché non occorre consultare anche risultati sicuramente inutili (quando si vuole vedere un filmato su Netflix non si è sicuramente interessati a sfogliare anche contenuti correlati su YouTube o sui siti internet).

Android TV in versione 2016 si è dimostrato più stabile rispetto all'esordio sui modelli del 2015. L'unica applicazione che ci ha dato qualche problema è stato il media player integrato. In un paio di occasioni abbiamo riscontrato una sorta di blocco (il video da riprodurre rimaneva in perenne caricamento) e l'impossibilità di visualizzare video (il TV provava a lanciarli ma restituiva ogni volta un messaggio di errore). Niente di particolarmente grave quindi, ma sicuramente si tratta di un aspetto su cui si dovrà ancora lavorare. E' pur vero che i nostri sono sostanzialmente "stress test" (vengono aperte e chiuse decine di video in tempi relativamente brevi), ma ritrovarsi a dover spegnere il TV per poter utilizzare nuovamente un video su USB non è piacevole.

Per quanto riguarda la velocità abbiamo verificato qualche miglioramento nell'utilizzo delle funzioni di base. E' sufficiente scorrere i menu e la home page per percepire una maggiore fluidità. Permangono però alcune problematiche che si riscontrano soprattutto quando si aprono troppe applicazioni. Il processore dual-core non è probabilmente ideale per gestire carichi di questo tipo. Va precisato che non bastano una manciata di app per mandare in crisi il sistema, ma se la parte "smart" viene utilizzata spesso e senza mai provvedere a chiudere ciò che si era aperto, è probabile incappare in rallentamenti ben percepibili. Consigliamo dunque di eseguire una periodica chiusura delle applicazioni al momento inutilizzate.

Le applicazioni si possono naturalmente scaricare da Google Play. Sono presenti numerosi giochi e anche utility di vario tipo. Su un TV è però fuor di dubbio che le applicazioni più interessanti siano quelle multimediali. Tra le app più interessanti citiamo Spotify, Kodi, Netflix, Premium Online, Premium Play, Infinity, Wuaki.tv, Chili, Rai.tv, YouTube e VLC. Nel corso dei nostri test abbiamo installato anche ES File Explorer, utile per gestire vari aspetti con maggiore efficacia e versatilità. Il parco di applicazioni per Android TV non è ancora particolarmente ampio: vi sono vari software non disponibili sullo store. Questo non significa però che vi si debba rinunciare. E' infatti possibile installare anche APK dalla rete. Normalmente i TV XD93 impediscono di eseguire app da fonti sconosciute. E' però possibile disabilitare questa limitazione: si deve accedere al menu, andare su "Personali" e poi su "Sicurezza e limitazioni". A questo punto si può spuntare la voce che consente l'installazione da fonti che non siano il Play Store. E' inoltre possibile abilitare anche la modalità sviluppatore (che però non è necessaria per l'installazione di applicazioni). Per compiere questa operazione occorre accedere al menu, passare a "TV", andare sulle informazioni ed evidenziare i dati relativi alla build. A questo punto è sufficiente premere ripetutamente "ok" sul telecomando fino a quando non comparirà una scritta che confermerà l'attivazione.

Ci siamo anche divertiti ad installare software non presenti in Italia, come Amazon Video. Assolutamente consigliato l'uso di Kodi. Rispetto al media-player integrato fornisce un'interfaccia a nostro giudizio più chiara ed immediata. Purtroppo non è però possibile riprodurre i video in HDR (almeno non con la configurazione di base). Quando si tenta di avviarne uno si ottiene solo una schermata nera con l'audio in sottofondo. Come molti lettori già sapranno, Android TV permette di utilizzare Google Cast, una funzione che sostanzialmente permette di inviare streaming da dispositivi mobili o da browser Chrome come se vi fosse un Chromecast integrato. L'utilizzo è sicuramente molto comodo e non abbiamo riscontrato alcuna problematica di sorta.

Una menzione particolare la merita anche l'applicazione "Video & TV SideView" di Sony. L'app, disponibile per dispositivi mobili, consente di consultare una guida TV ben fatta con notifiche sui programmi più interessanti. Sono inoltre integrate tutte le funzioni disponibili sul telecomando e la capacità di controllare un puntatore a video. E' quindi molto più semplice muoversi all'interno del browser o interagire con alcune applicazioni

La prova di visione


Il KD-65XD9305 è caratterizzato da un ottimo livello di dettaglio. La bontà dell'elettronica realizzata da Sony non è del resto una scoperta dell'ultima ora. Il produttore giapponese realizza da anni TV e proiettori dotati di processori e algoritmi piuttosto prestanti, da questo punto di vista. La presenza del Reality Creation permette di incrementare il numero di particolari a video e la loro incisività. Si tratta però di "un'arma a doppio taglio". La maschera di contrasto, se dosata sapientemente, permette di donare una maggiore compattezza e "tridimensionalità" al quadro. E' però innegabile che un abuso di questa tecnologia, durante la regolazione dei rispettivi parametri di intervento, genera fastidiosi artefatti e rende l'immagine poco naturale e scarsamente equilibrata. Consigliamo quindi di utilizzare il Reality Creation con la dovuta cautela, onde non inficiare l'equilibrio che il TV è in grado di assicurare anche con le impostazioni di fabbrica (in modalità Cinema Pro).

Il rapporto di contrasto è elevato grazie al buon funzionamento del local dimming. Il controllo a zone della retroilluminazione si è infatti dimostrato piuttosto efficace, anche per via di una tendenza a non esasperare l'intervento. Il TV tende ad attenuare l'emissione di luce dei LED con moderazione, senza ricercare necessariamente un intervento troppo aggressivo. Sono quindi rari i casi in cui l'elettronica interviene privilegiando il livello del nero a discapito dell'equilibrio complessivo del quadro. Quanto appena descritto è valido con la regolazione impostata sul livello "Basso". I livelli superiori possono essere utili per mascherare meglio l'uniformità del pannello. Come praticamente tutti i LED Edge sono infatti presenti alcune luci spurie, ovvero porzioni più luminose su schermo.

L'uniformità perfettibile non ha però un'incidenza tale da causare fastidi realmente consistenti. Parleremmo, per l'appunto, di imperfezioni, motivo per cui non consigliamo le impostazioni più aggressive del local dimming. Il motivo è presto detto: a fronte di una migliore gestione dell'uniformità, i livelli di local dimming superiori a "Basso" generano effetti collaterali di maggiore entità. A risentirne è anzitutto l'intelligibilità delle basse luci, ovvero delle porzioni più scure dell'immagine. I dettagli che contengono finiscono spesso per perdersi nel nero, impedendo allo spettatore di cogliere tutti i particolari che dovrebbero risultare visibili su schermo. Impostare il local dimming a livelli superiori a "Basso", inoltre, rende più evidente l'intervento sui LED. Si nota di più il "blooming", l'alone di luce che si crea intorno ad oggetti luminosi posti in scene molto scure.

Nessuna sorpresa anche per la compensazione del moto: il Motionflow è ormai da tempo tra le migliori tecnologie disponibili sul mercato. Il livello di dettaglio con le immagini in movimento varia in relazione alla modalità scelta. Con l'interpolazione dei fotogrammi si ottiene un incremento dalle circa 300 linee di partenza. Tra i due livelli di interpolazione non c'è molta differenza: con Standard il TV si attesta sulle 600 linee e con Fluido tra le 650 e le 700 linee. E' quindi preferibile la prima delle due modalità, poiché ad un non marcato incremento del dettaglio si accompagna anche un maggior numero di artefatti e un più percepibile effetto soap opera. Il dettaglio aumenta significativamente con l'impostazione Nitido: il TV si attesta intorno alle 1080 linee. Cala la luminosità, a causa della backlight scanning, ma è difficile considerarlo un problema per via degli alti valori che il pannello riesce ad esprimere. E' quindi sufficiente intervenire manualmente sul relativo parametro per compensare l'intervento del Motionflow.

L'impostazione migliore è però quella Personale. La possibilità di regolare separatamente fluidità e nitidezza permette di raggiungere un miglior compromesso per (quasi) tutti i gusti, senza sacrificare eccessivamente né il livello di dettaglio né la fluidità. Il livello di dettaglio varia ovviamente in relazione alle impostazioni scelte e può raggiungere le 1080 linee.

XD93 gestisce bene i servizi streaming on demand. Abbiamo testato Netflix con vari video sia a risoluzione Full HD sia a risoluzione Ultra HD. L'accesso all'applicazione è piuttosto rapido e l'utilizzo è semplificato dalla possibilità di eseguire ricerche vocali all'interno dell'app. E' inoltre possibile visualizzare i contenuti in HDR, presenti per ora in numero piuttosto esiguo. Al momento il catalogo comprende la prima e la seconda stagione di Marco Polo e lo speciale dedicato a Cento Occhi. La qualità delle immagini è convincente: il quadro, specialmente nelle scene luminose, presenta un buon livello di dettaglio. La compressione si fa sentire maggiormente nelle scene più scure ma non si tratta di un difetto imputabile alla TV, quanto piuttosto ai limiti legati allo streaming. L'utilizzo di HDR messo in mostra da Marco Polo riesce ad evidenziare i benefici dati da questa tecnologia, anche se il titolo Netflix è piuttosto equilibrato e non spinge eccessivamente con i picchi di luminosità. Non abbiamo riscontrato alcuna problematica inerente la connettività o la velocità del buffering: i contenuti a risoluzione Ultra HD partono dopo pochi secondi e proseguono senza alcuna interruzione.

Abbiamo provato anche Infinity, il servizio in streaming di Mediaset. Rispetto a Netflix la qualità è più altalenante. Non tutti i contenuti sono disponibili a risoluzione Full HD. Una parte del catalogo viene offerta con risoluzione 720p e vi sono anche vari titoli a risoluzione SD (Standard Definition). Con i titoli in Full HD la qualità è buona, mentre si nota un calo con quelli a 720p (il dettaglio è inferiore e il quadro tende a risultare meno compatto). Consigliamo di evitare, se possibile, i video a risoluzione standard. Su un pannello Ultra HD i segnali di questo tipo non possono rendere giustizia alla qualità del TV. Anche nel caso di Infinity non abbiamo riscontrato problematiche durante l'utilizzo.


Per valutare la massima qualità offerta dal TV abbiamo proseguito la prova con file demo in HDR e con dischi Ultra HD Blu-ray. Il primo filmato dimostrativo che abbiamo utilizzato è "Sony 4K - Camp HDR". Si tratta di un video particolarmente adatto per valutare la resa dei colori e il rapporto di contrasto. Per quanto riguarda la fedeltà cromatica il TV XD93 ha dimostrato di trovarsi a proprio agio con l'High Dynamic Range. I picchi di luminosità vengono riprodotti in modo convincente grazie alle caratteristiche del pannello. Le scene sono prevalentemente luminose e proprio per questo la retroilluminazione compie il proprio lavoro senza mostrare particolari difficoltà.

Il banco di prova definitivo è ovviamente costituito dagli Ultra HD Blu-ray. Tra i dischi che abbiamo provato citiamo "Maze Runner - Il labirinto" (realizzato da un master a risoluzione 4K) e "Sopravvissuto - The Martian" (realizzato da un master a risoluzione 2K). Il livello di dettaglio è mediamente molto elevato: le uniche eccezioni riguardano film dove è presente all'origine una certa quantità di rumore video o dove vi sono comunque carenze imputabili al materiale originale. A colpire maggiormente non è tanto la risoluzione quanto l'utilizzo di HDR e la riproduzione delle sfumature. Il pannello a 10-bit del TV Sony, pilotato con notevole precisione dall'elettronica, è in grado di restituire una ricca gamma di sfumature caratterizzata da transizioni morbide e uniformi.

Si conferma anche il notevole apporto di HDR in termini di dinamica, resa cromatica e rapporto di contrasto percepito. Le prestazioni non sono però esenti da difetti. Nelle scene più scure la retroilluminazione non si dimostra sempre all'altezza del compito. La modalità HDR impone al TV di operare con una luminosità molto alta. Le 32 zone di local dimming non riescono a garantire prestazioni ottimali in tutte le situazioni. E' evidente che un TV LED Edge non può garantire la totale assenza di effetti come il già citato "blooming". Anche il livello del nero tende ad alzarsi quando a video sono presenti anche molte porzioni luminose e questo comporta una compressione della dinamica. Va comunque specificato che le prestazioni generali non sono scadenti: se si seguono le immagini su schermo e ci si lascia coinvolgere dalla visione si presterà molta meno attenzione alle imperfezioni su schermo, grazie anche al contributo dato dai picchi di luminosità e dalla gestione delle sfumature.

Si può inoltre ridurre la percezione del blooming con la luminosità ambientale: se la visione in ambiente oscurato mette in maggior risalto l'effetto, introdurre fonti di luce permette di ridurre l'impatto sull'occhio dello spettatore. Ovviamente si tratta di scendere a qualche compromesso, ma è evidente che per prestazioni ottimali, su TV LCD, occorre utilizzare una retroilluminazione Full LED evoluta. Prima di concludere vediamo anche gli ultimi elementi rimasti da valutare: l'angolo di visione è nella norma per il tipo di pannello montato sulla serie XD93 (livello del nero buono ma angolo di visione non troppo ampio). L'upscaling è gestito molto bene sulle sorgenti HD e rende abbastanza bene anche con il materiale in standard definition, anche se in quest'ultimo caso non si possono pretendere miracoli (soprattutto quando il segnale è molto compresso, come accade per vari canali presenti sul digitale terrestre). Per i videogiocatori segnaliamo un input lag (il ritardo nella risposta ai comandi) vicino ai 40ms.

Conclusioni

Il livello del nero è molto buonoRapporto di contrasto elevatoSupporto a HDRQualità dell'elettronica e delle immagini in generaleOttime prestazioni in ambienti luminosiGoogle Cast e la ricerca vocale
Uniformità perfettibileLe prestazioni con HDR mostrano a volte qualche limiteAndroid TV deve ancora maturare

Il TV Sony KD-65XD9305 è un prodotto capace di garantire prestazioni molto buone su una grande varietà di sorgenti. La qualità si mantiene elevata quando si guardano i canali televisivi (anche in SD), i Blu-ray, i servizi in streaming o gli Ultra HD Blu-ray. La retroilluminazione Slim Backlight Drive si è dimostrata una soluzione valida. Le 32 zone di local dimming possono sembrare poca cosa rispetto ai migliori LCD Full LED, ma sono comunque sufficienti per offrire una resa quasi sempre soddisfacente.

L'unico vero difetto imputabile a questo esemplare, al di là di qualche imperfezione a livello di uniformità, è la gestione dei video in HDR. Garantire picchi di luminosità tanto elevati e al contempo un basso livello del nero, senza generare aloni intorno agli oggetti luminosi, è un compito gravoso per qualsiasi LCD e non stupisce che XD93 mostri il fianco a critiche in alcuni frangenti. Ripetiamo che nel complesso non si parla comunque di una prestazione insufficiente, ma per ottenere una qualità superiore sembra necessario (almeno per ora) utilizzare una retroilluminazione Full LED.

Qualche appunto si può muovere anche ad Android TV. Fortunatamente Sony è riuscita a garantire una migliore stabilità e una più pronta risposta ai comandi. Permangono però alcune problematiche (come quelle che abbiamo segnalato riguardo il media-player) e anche la tendenza ad andare in difficoltà quando vengono lanciate troppe applicazioni. Probabilmente la piattaforma ha bisogno ancora di qualche messa a punto per poter raggiungere livelli ottimali.

Ottima la costruzione: il TV è molto bello da vedere, trasmette una buona sensazione di solidità ed è anche molto sottile (anche se l'espediente del trasformatore esterno ha sicuramente aiutato).

Un ringraziamento ad Audioquality per il supporto logistico.

Il sogno di molti risparmiando? Apple iPhone X, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 869 euro oppure da Amazon a 980 euro.

135

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giusy P (neverendingxx)

Ciao a tutti! Scusate se scrivo qui ma mi servirebbe un consiglio..sono alla ricerca di una smart tv 40'', fascia piuttosto economica, e sto valutando questi due modelli
Samsung 40" Full HD Flat Serie 5 K5500 UE40K5500AKXZT
Sony KDL40WE665 40''
La Sony mi ha colpito molto per la nitidezza e la brillantezza dei colori. L'unica cosa che non mi convince del Sony è la modalità smart tv, almeno da ciò che ho letto sul web (e anche in questa recensione mi pare di capire che android tv non sia il massimo)
Cosa mi suggerite?
Grazie!

Martello

Prova alla lidl

Juliet Burke

Anche a me piace come tv, ma in rete si legge dappertutto che Android TV è troppo instabile, lento e cose varie, quindi mi frena un po' all'acquisto...

Giovanni Cardia

Non ci sono stati particolari aggiornamenti in questo mese. Piu che di un aggiornamento sarebbe stato necessario un processore più performante. Nonostante tali difetti ne sono sodisfatto. Ho provato il bluray Pelè. Con le giuste regolazioni ti da tante emozioni questo tv. le immagini sono spettacolari. e le regolazioni molteplici. comunque lo consiglio

Juliet Burke

C'è stato qualche aggiornamento che rende un po' più fluido android tv? come ti trovi adesso? Sarei interessato a comprare questo tv.

Luca

Se compri un 40 dello stesso codice vedi che la spesa sarà di 7-800 euro

Giovanni Cardia

La mia tastiera è una vecchia tastiera logitech per pc riciclata pEr la tv. Funzionano tutte tramite usb. L ho inserita nello slot e funziona bene sia tastiera che mouse separato. Comunque sul web dovendola comprare girano tastiere piccole e molto pratiche. Ne ho ordinata una su aliexpress. Ci sta molto ad arrivare ma costa tutto molto poco in quel sito. Ho anche trovato gli occhiali per il 3d. Sto aspettando che arrivi il tutto. Comunque come sito è affidabile in quanto ho fatto svariati acquisti. Spero di esserti stato utile

Alessandro Valente

Scusami, che tastiera utilizzi per la tv? In famiglia abbiamo acquistato la stessa, ma non so quale tastiera comprare. Ce ne vuole una con l'adattatore bluetooth da collegare in una porta usb?
Grazie per la risposta

Giovanni Cardia

Ho acquistato questi tv dopo aver letto varie recensioni fra cui questa. L'ho preso a rate a 2500 euro da euronics. Un po' più caro dei samsung ma ne sono soddisfatto. La qualità si vede. Come video e impostazioni di regolazione credo sia al top. Peccato per la parte smart. android 5.1 doveva avere almeno un quad core. Nonostante lo abbia subito aggiornato è molto lento. Praticamente scrivo con la tastiera e riceve dopo un paio di secondi...girare fra le app è snervante. Qui questo problema è meno pubblicizzato. Peccato ma come immagini ed impostazioni è incredibile. Il 4k HDR funziona bene e nei bluray rende bene. Per chi cerca quelle dimensioni è un buon tv ad un prezzo più umano rispetto agli oled LG che reputo la vera alternativa superiore a questo.

Progressive

Questa tv ha un pannello VA o IPS? 100 hz o 50hz nativi?

EMIN3M

O.T. Ho un budget di 400/500€ devo comprare un televisore nuovo ma non me ne intendo molto, sapete consigliarmi il meglio a questo prezzo? Grazie in anticipo (sarebbe meglio se la TV non superasse i 90cm di larghezza)

UnDollaro

Appena ho aperto il video pensavo che Diprè avesse preso parte al team del blog! =)

Scherzi a parte recensione con gli attributi.. Per chi ha intenzione di acquistare prodotti del genere una recensione così dettagliata può realmente aiutare a scegliere. Spero che diventino sempre le review di questo tipo. Nulla lasciato al caso e tutto dettagliato. Ottima.
L'ho letta tutta nonostante non mi interessi minimamente una TV del genere =)

Mik

sì, indietro!

IlCinefilo

a me piace di più cosi, gli dà più... carattere(?)

Alessandro

Ma cosa dici?! Vuoi mettere l'epicità di fare una recensione stravaccato sul divano con gli occhiali. Magari era appena tornato a casa da un after

sardanus

e non copiare! >-<

Paolo

Nicola sei bravo e anche fico con gli occhiali da sole, però nelle recensioni sarebbe il caso che tu li togliessi....

Nicola Buriani

Grazie per l'apprezzamento.
Non ho potuto testare i canali satellitari (causa problematiche relative all'antenna) ma su questi nuovi il supporto è certo.

Nicola Buriani

Purtroppo su questo abbiamo un controllo limitato: i vari produttori mettono a disposizione solo alcuni modelli per i test.
Ce ne saranno comunque sempre di più in futuro (sono in arrivo varie altre prove di TV e non solo).

Banjo

Bravissimo. Un piacere sentire e leggere informandosi su tutto.Aspetto tutto il resto, in particolare la soundbar top con atmos! Sarebbe bello anche testare soundbar di fascia media fino a 300€ diciamo e una comparativa tra queste per fare una giusta scelta, sono convinto interesserebbe a molti! Non ricordo se hai parlato di test con canali satellitari per mostrare eventuali compatibilità o no con canali 4k, tieni anche presente questo, se ricordi ti parlai del mio problema con un sony top di qualche anno fa sempre 4k.

Alessandro Puglia

La luminosità del pannello é elevata: si consiglia di usare occhiali da sole

Antonio Exidor

Credo che dopo aver testato approfonditamente questo tv gli occhiali da sole servano a coprire le occhiaie e le borse sotto gli occhi.
O no?

Ghet

inizialmente non ti avevo riconosciuto, comunque recensione sempre al top

Neutron

dicasi BOMBER

Ansem The Seeker Of Darkness

capito grazie :) comunque al momento non ho una smart tv, "rimedierò" con una PS4 pro quando uscirà.
Per le TV aspetto gli Oled 4k a prezzi umani (<2000 almeno)

ossettoue

ma ad oggi il miglior 65" piatto budget non oltre i 3300 euro, qual è?!
grazie

G. Temlo

guarda vai su impostazioni add on e lo trovi sul repository , non l'ho mai provato però ho visto pochi giorni fa che era presente.

Musul

Perché gangnam style usa gli occhiali da sole?

Rachmaninoff

Scusate se ve lo dico ma non so quanta gente sia interessata all'acquisto di un televisore da 3.000 €, dovreste recensire prodotti più "popolari".

F3NN3clol

non offenderti nicola ma mi ricordi lui ;D (f5 https://uploads.disquscdn.com/... )

Renato ®

"Gimme some lovin'
Gimme some lovin'
Gimme some lovin' everyday."

Ngamer

si l ho pensato anchio è lui :D

beedme -DamQ-

Certo che da "cantante" a recensore di HDBlog ne ha fatta di strada!

L'acchiappafantasmi

https://uploads.disquscdn.com/... gangnam review

Sparda

recensione molto dettagliata ed esaustiva. questa tv mi convince molto, peccato solo per l'imput lag elevato; samsung in questo caso ha lavorato meglio.

Nicola Buriani

Un po' per volta si fa tutto, occorre del tempo per implementare tutto nel miglior modo possibile :).

Ansem The Seeker Of Darkness

non ne avevo idea. Come si dovrebbe fare?

sardanus

vi chiamate HD blog, finalmente iniziamo a dare un senso al titolo del vostro sito xD
un po come whatsapp che fino a un anno fa aveva l'icona della cornetta senza un reale motivo visto che non si potevano fare chiamare

Damiano Galasso

pensa che il ks8000 lo davano ad agosto a 999€ da Yeppon..fatto scappare l'offerta..sono un genio!!

sardanus

opa gangnam style!
bravo ottima rece!

G. Temlo

in caso vvvvid lo puoi vedere tramite kodi

Epicuro

adesso che la rai trasmette in hd è un best buy.
davvero ottima recensione PSY!

Madfranck

full hd???prendi innanzi tutto un 4k visto che normalmente una tv si tiene una decina d'anni.Almeno sfrutterai i contenuti in quel formato se ti abboni ai servizi tipo netflix o quando usciranno i canali free 4k.In ogni caso male non fai ad averlo.

magicblack

Ottima recensione, davvero molto dettagliata, fa piacere la menzione anche alle prove di servizi streaming come Netflix e Infinity. Quando recensirete Smart TV in una fascia di prezzo un tantino più economica? xD

Daniele Dano Andreoli

Ragazzi voi che siete più esperti ho assolutamente necessità di comprare una TV entro 10gg massimo, distanza di visione 3,3mt; sarei orientato su un 65" ma non un top di fascia come questo Sony, converrebbe prendere un W80 full HD oppure tentare la fortuna con un hisense K700x (upscaler com'é?). Dalla mia distanza di visione un 55" sarebbe piccolo?

Luca Zonarelli

Nicola Buriani Ottima recensione, molto dettagliata ed esaustiva. Come altri ti consiglierei di aggiungere qualche confronto con altre tv di pari qualità per capire meglio le differenze senza dover leggere troppe recensioni.

Inoltre volevo chiederti un consiglio: sto valutando l'acquisto di un 49" poiché purtroppo deve entrare in un mobile di dimensioni precise (sto ancora escogitando un modo per metterci un 55" visto che mancano veramente un paio di centimetri ma la vedo molto difficile) però non ho idea di quale sia il migliore e se in un immediato futuro (entro fine anno) ci saranno nuovi modelli interessanti. Aspettavo questi modelli Sony ma purtroppo si fermano al 55".

I modelli 49" (o 50") che ho visto in giro non hanno mai una qualità paragonabile a dei 55" poiché tolgono delle features importanti dei modelli da 55" in su (i vecchi Sony 49" mi pare non avessero il Triluminos ad esempio).

Tu cosa mi consiglieresti per queste dimensioni?

Nicola Buriani

E' un ottimo modello, complessivamente parlando.
Il KS8000 non l'ho testato ma dovrebbe essere praticamente identico al KS9000 (ne leggerete a breve).
Le differenze riguardano la luminosità massima in HDR (il Samsung va oltre il Sony) e i controlli relativi alla calibrazione, che sul Samsung sono di più.

Antonio Montenegro

Quindi lo consigli come tv o c'e di meglio???in offerta da euronics 2.900 euro o meglio un samsung ks 8000 dato che i pannelli curvi non mi piacciono?

Nicola Buriani

Ti ringrazio per il supporto.

Nicola Buriani

L'input lag è già citato :).
Se non ho capito male ritieni utile una tabelle riepilogativa?

Recensione TV OLED Sony KD-55AF8, alta qualità audio-video e Dolby Vision

Recensione QLED TV Samsung QE65Q9FN, nero profondo e ideale per i videogiochi

Recensione TV Hisense 55U7A, Smart TV HDR con buon rapporto qualità/prezzo

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB