Laowa mostra un obiettivo macro molto particolare

24 Settembre 2016 43

L'offerta di obiettivi per fotocamere è ormai tanto vasta da coprire sostanzialmente qualsiasi tipo di utilizzo. Capita però a volte di trovare prodotti davvero peculiari. E' il caso dell'obiettivo Laowa 24mm f/14 Relay 2x Macro realizzato da Venus Optics. L'aspetto molto particolare è dato dalla destinazione d'uso. L'ottica è infatti progettata per scattare foto a soggetti "timidi", che potrebbero quindi allontanarsi nel caso in cui percepissero la presenza del fotografo come troppo incombente.


Il rapporto di ingrandimento è 2:1. L'obiettivo sarà disponibile per fotocamere Full-frame Canon, Nikon e mirrorless Sony (E Mount). Al momento non sono stati annunciati disponibilità (l'uscita è genericamente fissata per il 2017) e il prezzo.


43

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Torto

E dopo l'endoscopio usb ecco "formichiere simulator 2k16"

Z4buz4

DOPPIOLOL

Z4buz4

LOL

Boots Boot

ahia.. ignoranza fotografica?

scrofalo

Non vedi l'ora di provarlo, eh?

the

Solitamente le macro si fanno proprio per questo con il cavalletto, a soggetti fermi. Per fare le foto agli insetti l'unico modo facilmente attuabile è fotografarli di mattina molto presto che se non stanno dormendo sono quantomeno intorpiditi! Di mattina c'è solitamente anche una luce migliore, meno dura. Un altro trucco che viene usato è usare un piccolo spruzzino per l'aqua, quelli con lo spruzzo nebulizzato, e bagnare l'insetto, che raffreddandosi tende a stare fermo! Si fa comunque di mattina per allungare il tempo di intorpidimento. Per quello moltissime foto di insetti hanno le goccioline d'acqua, se non sono naturali il fotografo ha usato il trucco!
Altra tecnica è utilizzare i flash, ma devono essere flash fatti appositamente che si montano davanti all'obiettivo. E' una tecnica che non ho mai utilizzato perchè a mio avviso il flash da una luce poco naturale alla scena.

the

L'unico modo di limitare la diffrazione è imbrogliare sul numero di f/stop, come fa nikon! In realtà non lo fanno per imbrogliare, quando metti a fuoco molto vicino tutti gli obiettivi tendono a scurirsi, e nikon ti "corregge" il valore di f/ così puoi lavorare con un esposimetro esterno (che non sente la perdita di luce dell'obiettivo). Quindi succede che quando sei a rapporto 1:1, ed imposti ad esempio f/22, sei ad f/22 per quanto riguarda la luminosità, ma la pupilla fisicamente è aperta di, che ne so, f/16, e quindi hai una diffrazione da f/16 (ma anche una profondità di campo).
La diffrazione è causata dalla natura ondulatoria della luce, e non è possibile risolverla se non aumentando le dimensioni del diaframma. E' uno dei motivi che limita la risolvenza dei telescopi. Tempo fa avevo letto che per riuscire a vedere la bandiera americana sulla luna sarebbe servita un'ottica con apertura di non so quante centinaia di metri!

Nax

La nuova frontiera della rettoscopia!

the

In realtà no, il mio 15 fisheye va in diffrazione agli stessi diaframmi del 200/2.8... La diffrazione varia più che altro in base alla densità di fotositi sul sensore: su un full frame da 12 mpx non so neanche se la percepisci a f/22, mentre su una compatta già a f/4 potrebbe esserlo. La pellicola adox cms20 che è una delle più risolventi al mondo (che sembra superare i 100 mpx su pellicola 35mm normale) consigliano di non usarla con diaframmi più chiusi di 3.5-4 proprio per la diffrazione. A mio avviso per le macro f/16 va benissimo, più aperto la profondità di campo è talmente poca che potresti avere solo una strisciolina a fuoco!

the

Su una delle foto che ho trovato [F5] si vede che a 2:1 la distanza dal sensore è di 45.8 cm. Adesso basterebbe sapere la dimensione dell'ottica! Dato com'è fatta l'ottica immagino che ad 1:1 saranno 2-3 cm dall'elemento frontale e 1 cm in 2:1. Non credo sia un gran problema data la forma dell'ottica!
https://uploads.disquscdn.com/...

the

Beh, alla fine mediamente gli insetti sono così intelligenti che se metti il dito davanti a dove stanno camminando ci si arrampicano sopra!

the

In realtà è qualcosa di molto diverso dal soffietto, questo tipo di ottica in inglese si chiama relay lens, ed al contrario di un'ottica normale in cui la proiezione ottica converge e diverge una sola volta questa qui lo fa 3 volte (o comunque un numero dispari di volte se vogliono far vedere dritto a mirino) al fine di allungare proprio l'ottica. Questo sistema veniva usato per gli endoscopi, dove con tutta probabilità non era possibile inserire la parte del sensore per una questione di ingombri!
Alla fine questa ottica sembra molto interessante perchè sembrerebbe in grado di riuscire a mantenere un angolo di ripresa molto ampio, anche ad ingrandimenti spinti, cosa non possibile normalmente in quanto le ottiche anche se wide tendono a stringere il campo inquadrato quando si mette a fuoco molto vicino. Le ottiche normali hanno anche un elemento frontale molto ingombrante, mentre questa potrebbe prendere posizioni normalmente non possibili, ad esempio mi viene in mente riprendere un insetto inquadrando dal centro di una foglia. In sostanza potrebbe essere l'unico modo di fare delle foto avendo il punto di vista di un insetto, qualcosa di fatto molto diverso dalla macrofotografia classica!

mds

Come ho scritto si fa con il flash (principalmente esterno e con un diffusore per non bruciare il soggetto) imposti il tempo del "lampo" ad esempio 1/200 ed hai il soggetto immobile... La mancanza di luce nella macro non è quasi mai un problema.

Girmi

Dal punto di vista ottico, questo obiettivo sembra un'evoluzione delle vecchie ottiche bellow, ottiche da soffietto prive di elicoide per la messa a fuoco. Erano ottiche specifiche per le riprese macro con caratteristiche uniche quali decentrabilità e basculaggio.

Qui sembra sia solo cambiato il sistema di messa a fuoco, il soffietto, sostituito immagino con un elicoide parecchio lunga ma a scapito della perdita delle funzioni di decentramento e basculaggio fondamentali per la fotografia macro di alto livello.

Credo che il prezzo sarà determinante per capire se siamo di fronte ad un giocattolino senza pretese o se avesse intenzioni più serie. Ma a quel punto, se un vuol fare della vera fotografia macro, molto meglio un soffiettino anche economico o usato.

Ciao

Girmi

La diffrazione si può limitare eccome.
Bisogna costruire ottiche con lenti ben trattate e gruppi con correzione delle aberrazioni.

Non capisco cosa intendi quando parli di incidenza del fenomeno in relazione alla densità del sensore.

Se intendi diverse densità a parità di dimensioni ed ottica non capisco cosa possa cambiare.

Se invece intendi diverse dimensioni del sensore ed ovviamente diversa lunghezza focale reale, allora si. Le cose in quel caso cambiano.

Ciao

Girmi

Ed un obiettivo con che cosa lavora?

La diffrazione è un fenomeno fisico che riguarda la trasmissione di onde in generale e quando queste sono di tipo luminoso diventa un fenomeno ottico e come tale riguarda eccome gli obiettivi ed in particolare la deviazione che i fasci luminosi subiscono al passaggio alle aperture focali minori.

Ovviamente, queste aperture variano in funzione della lunghezza focale reale di un ottica, per cui sarà molto più soggetto al rischio diffrazione un 24 mm a F1:14 (1,7mm di apertura reale) che un 100mm alla stessa apertura (7,1mm reali).

A parte questa, la costruzione ottica ed il trattamento delle lenti influiscono tantissimo sulla diffrazione ottica.

Ciao

gitantil

In che senso ???

Alex4nder

Se i tempi di scatto diventano lunghi come diavolo si fa a scattare foto Macro a insetti o foglie che si muovono? Non mi sono mai avvicinato alla tecnica Macro anche se mi piacerebbe.

Hateware2

Beh di certo non si spaventano con una specie di punteruolo che ha la forma di una lancia

Alessio Capogrosso

No, non si può "limitare" la diffrazione, a f14 quella è e quella rimane...Poi questa incide in maniera diversa a seconda della densità del sensore...

Lele

Quello che non dicono è la distanza di messa a fuoco... decisamente una importante informazione

Lele

Cos'è che non ti convince? Se è per l'f/14, è ottimale per le foto macro (anzi... se riuscissero a chiuderlo ancora un po' sarebbe ancora meglio)

Lele

Beh, la bontà di un obiettivo macro la si misura anche per la sua capacità di saper limitare la diffrazione... per cui il commento di Daniele è più che sensato. Se risulta ottimizzato ad f/14 e quindi riesce a ridurre al minimo la diffrazione (che con diaframmi così "chiusi" è sempre un gran problema), direi che è quantomeno da tenere in considerazione e seguirne i test.

LaVeraVerità

Il problema è che le case sono sempre più piccole e la gente non sa più dove mettere le cose

Alessio Capogrosso

La diffrazione non è una caratteristica dell'obiettivo, è un fenomeno fisico della luce...

Coca Cola

F14 2x ma schezano?

Ciccio

Mamma mia,non si puo' neanche più scherzare...

Ciccio

' L'ottica è infatti progettata per scattare foto a soggetti "timidi", che potrebbero quindi allontanarsi nel caso in cui percepissero la presenza del fotografo come troppo incombente.' tipo il buco del cul0?

Lorenzo

Che devono uccidere un insetto a pochi mm di distanza da loro stile American Sniper ;)

May I Survive

è macro..

mds

Devi tenere conto che la profondità di campo (pdc) è influenzata anche dalla distanza, più diminuisce e più diminuisce la pdc, nella fotografia macro sei molto vicino al soggetto (qualche cm) e di conseguenza con un diaframma a 2.8 o simile non hai neanche un millimetro di foto a fuoco :|
Si tende a chiudere sempre il più possibile il diaframma (finchè non subentra la difrazione che rovina la foto), i tempi di scatto, che diventerebbero per forza lunghi a causa della poca luce, non sono un problema perchè l'immagine si congela con il flash (anche più di uno).
In breve, f14 è ottimo!

Daniele

Se è f14 già di suo e non ha diffrazione allora è un obiettivo da tenere d'occhio!

tompix

nelle macro quello usi

Danny #Mainagioia

Tu scherzi ma già ci sono.
Nelle mie esplorazioni più estreme ho già trovato robe simili....

Alex4nder

Certo che F/14...

SONICCO

finalmente abbiamo le reflex di precisione!!
Scatti e 360 quickscope a non finire!!

OneR1ng

Può essere considerata come arma

fabrynet

È il nuovo visore VR

LaVeraVerità

Si aprono nuove frontiere, ginecologiche e molto intro-spettive, per il porno.

Pistacchio

Pistacchio

Sembra un clistere

Evidenziatore

Tipo il contario di questo F5 https://uploads.disquscdn.com/...

Giardiniere Willy

Ottimo per cecchini

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?

LG mostra il TV arrotolabile che sparisce all'interno della sua base | Aggiornata