Mattel cancella Aristotle, speaker smart stile Echo pensato per i bambini

06 Ottobre 2017 11

Aggiornamento 06/10

Il Washington Post segnala che la società ha deciso di cancellare il progetto. A quanto pare, la motivazione della scelta sono state le preoccupazioni sulla privacy e sul ruolo generale della tecnologia nella crescita dei bambini. Contattata per chiarimenti, Mattel ha fornito la seguente dichiarazione ufficiale:

Dopo che il nostro nuovo CTO [(Chief Technology Officer)] Sven Gerjets è entrato a far parte della società a luglio, ha studiato a fondo il progetto ed è giunto alla conclusione che Aristotle non si allineava completamente con la nuova strategia tecnologica di Mattel. Di conseguenza si è deciso di non commercializzare Aristotle, nel tentativo di fornire ai consumatori la miglior esperienza possibile di fruizione dei prodotti connessi.

Post originale - 12:55

In questa vigilia di CES 2017, anche il celebre produttore di giocattoli Mattel ha presentato la propria idea di speaker intelligente, Aristotle. Si differenzia da prodotti come Amazon Echo e Google Home perché è realizzato a misura di bambino.

Oltre alla solita Alexa, sfruttabile dai genitori il device incorporerà anche un secondo assistente digitale, chiamato appunto Aristotle, che avrà il compito di intrattenere i bambini, raccontando per esempio storie della buonanotte, giocando a giochi educativi come quello di individuare il verso di un animale e rispondendo alle loro domande. Quest'ultimo punto è cruciale, perché implica la capacità di comprendere le parole dei bambini - un'area in cui sia Alexa che Google Home fanno molta fatica.

Il dispositivo includerà anche una videocamera, che potrà essere sfruttata come baby monitor e permetterà allo speaker di riconoscere oggetti e interagire con l'ambiente circostante - e con gli altri giochi Mattel. Tra le altre funzionalità troviamo la possibilità di illuminarsi in vari colori, riprodurre ninnananne e rumore di fondo che conciliano il sonno.

Aristotle dovrebbe arrivare sul mercato verso l'inizio dell'estate. Il suo costo dovrebbe essere di 300 dollari; per ora si è parlato solo di commercializzazione negli Stati Uniti.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ramones1985

....ammetto che può "rompere" leggere per 1 mese di fila le 2 solite storie di frozen.... sdraiato,semi al buio alle 21.30, dopo una giornata di lavoro... Ma poi quando la bimba mi da il bacio della buona notte capisco che sono cose che non rivivrò mai più....

E c'è chi le farebbe leggere a un "robot" ... bah. A sto punto non fateli i figli...

takaya todoroki

Con i pad a 16 direzioni erano avanti di 10 anni ;)

matteventu

Infatti quella intendevo io nella prima parte del mio commento.

Federico

La considerazione era riferita alla comprensione del linguaggio, non all'interfacciamento con i giochi.

matteventu

Concordo, farle leggere ad una voce robotica è la cosa più deprimente che io abbia mai sentito.

wjolol

Aristotele non Aristotle

ramones1985

...ma leggerle i genitori le storie della buona notte ai propri bimbi, che è rimasto quasi l'unico momento della giornata che abbiamo disponibile da passare con loro??

Hateware2

Spassolo

billkillusconi2014

Ripresentassero l'intellevision in forma riveduta e corretta piuttosto!!

FuckingIdUser

Spiare i bambini per acquisire una mole di dati non indifferente e poter sviluppare nuove e più penetranti forme di marketing.
Geni del male.

matteventu

"Quest'ultimo punto è cruciale, perché implica la capacità di comprendere le parole dei bambini - un'area in cui sia Alexa che Google Home fanno molta fatica."

Alexa e GHome fanno fatica, e sarebbe dovuta riuscirci Mattel?

Recensione TV Hisense 55U7A, Smart TV HDR con buon rapporto qualità/prezzo

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima