Panasonic mostra le soluzioni per rendere le case autosufficienti

01 Settembre 2017 14

I prodotti portati da Panasonic a IFA non si limitano al segmento audio-video. Il produttore giapponese ha mostrato anche Aquarea All in One H Generation, una soluzione che si prefigge lo scopo di rendere le abitazioni autosufficienti dal punto di vista del riscaldamento, raffreddamento e produzione di acqua calda. Aquarea utilizza una pompa di calore ad alta efficienza e assicura alte prestazioni anche in presenza di rigide temperature esterne (fino a -20°C). Il serbatoio in acciaio inossidabile garantisce un elevato grado di isolamento termico, riducendo significativamente le perdite di energia.

Un'altra soluzione presente è il sistema di controllo remoto Smart Cloud, progettato per offrire, stanza per stanza, una semplice regolazione della temperatura. Le impostazioni si possono regolare su base settimanale. Viene inoltre fornita un’analisi dettagliata dei consumi energetici. La soluzione Aquarea può tagliare i costi di approvvigionamento energetico fino all’80%. Nella sezione "Smart Energy" presso lo stand di Panasonic è infine presente anche la divisione Solar con i pannelli fotovoltaici HIT. Panasonic li considera un ideale complemento dei sistemi Acquarea: l'azione combinata dei rispettivi punti di forza permette di ottimizzare al massimo i consumi.

Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2, compralo al miglior prezzo da Amazon a 349 euro.
Apple Ipad Pro 10,5" Wi-fi 64gb Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 627 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DarkAngel

Ciao, mi dici come posso contattarti che avrei domande sul FV?

Melagodo

3kw a 12.000 euro? 5 anni fa, forse, ora il prezzo è esattamente la metà (per il quasi top di gamma, come ho già detto).
Per 2000 euro/kWp intendo impianto chiavi in mano, comprensivo di burocrazia, costi accessori e monitoraggio della produzione/stato di salute dell'inverter.
Il termine medio di rientro di 6/7 anni include tutti i costi da te elencati, comprensivo di 1 sostituzione di inverter (solaredge - che ho scelto - I monofase li garantisce 12 anni. Puoi estendere la garanzia a 20/25,a pagamento).
Sulla batteria hai perfettamente ragione, come avevo già scritto al momento non conviene.
Per favore: quando parliamo di rinnovabili facciamo un po' di ricerche. Il tuo commento impreciso potrebbe aver fatto decidere a x persone di non valutare il fotovoltaico, e questa terra malandata ne ha un gran bisogno.

Christian

allora non accadrà mai visto che alla fine di notte non esiste la materia prima per cui funziona il fotovoltaico, il tutto forse costerà di meno quando finirà l'era del petrolio, ma li penso avranno problemi

Alessio Rossi

quando il fotovoltaico costerà 1000 euro a kw e produrrà tanta energia di giorno quanta di notte :D allora ne riparliamo

Kent_Carl

ad oggi ci sono seri dubbi che economicamente convenga.
può esserlo solo per chi ha veramente dei grossi consumi nella fascia dei 3kw o sei un azienda che si scarica tutto ,
parti dal presupposto che una pratica edilizia per installarli, a seconda in che zona si trova, ti può costare da 500 a 1000€, 3kw montati da un installatore e messi in funzione ti costano intorno ai 12.000€ (aggiungici i costi di eventuali scaricatori di sovratensione a protezione di fulmini e sbalzi, un eventuale controllo da remoto perchè se hai un malfunzionamento e non te ne rendi conto immediatamente perdi $$$, opere murarie non preventivate), gli sgravi fiscali del 50% sono in 10 anni (600€ all'anno), ma dipende dal tuo reddito e se in questi 10 anni fai altri interventi edilizi al 50% o ti scarichi altre cose dalla dichiarazione dei redditi non è detto che 600€ tu li possa scaricare tutti gli anni.
della bolletta in Italia paghi la quota fissa+spese fisse+iva anche a consumo zero e sono qualche centinaio di Euro all'anno (dipende dai KW impegnati).
quindi tu tiri fuori in colpo solo più di 12.000€, te li ripaghi in 10 anni (se ti va benissimo) ma gli devi fare manutenzione, pulizia (e non è che tutti possono andare sul tetto a pulire da se con la spugna 30mq su una falda, se utilizzi una batteria di accumulo durerà 10 anni?(ma avrà un netto calo di prestazioni) l'inverter durerà 10 anni? perchè se al momento che te lo sei ripagato (e quindi non hai ancora guadagnato nulla e teoricamente ha solo regalato energia elettrica all'Enel)) riparti a spendere soldi per mantenerli in efficienza, ti rendi che che in Italia non è conveniente,

Melagodo

Momento, momento, momento, momento.
Con 2000€ al kWp si compra il quasi top di gamma (sunpower + ottimizzatori + solaredge). Se ci si "accontenta" di soluzioni meno mainstream ma pur sempre performanti (es. pannelli BenQ o LG) si arriva anche a 1700.
Un impianto ben dimensionato - anche a 2000€ al kWp - si ammortizza in 6-7 anni, grazie alla detrazione al 50% e allo scambio sul posto. Quindi non solo si fa bene all'ambiente, ma è anche uno dei migliori investimenti economici che possiate fare.
Con 100 euro l'anno vi puliscono un normale impianto domestico. Io personalmente pulisco un anno sì, uno no, in quanto non noto nessuna variazione nella produzione che segue perfettamente la curva di decadimento del pannello. I controlli vengono fatti a distanza (l'inverter è connesso alla rete) e sotto ai 10kWp il contributo per lo smaltimento è a carico del produttore. Follia pura cambiare dei pannelli dopo 15 anni, se si sta su marchi importanti il decadimento è lineare e contenuto, prima dei 20 non si toccano.

Discorso diverso per la batteria: ho gioito per l'uscita di Powerwall 2, ma conti alla mano non si riesce ad ammortizzare prima del periodo di scadenza della garanzia (meriterebbe un discorso a parte la garanzia Tesla, ahimè....).

Dato che all'argomento ci tengo parecchio e mi sono spulciato forum su forum per mesi e mesi (prima di far installare il mio ;)) se qualcuno avesse domande di qualsiasi tipo mi contatti pure!

R4nd0mH3r0

Il serbatoio in acciaio inossidabile garantisce un elevato grado di isolamento termico,

Da quando in qua l'acciaio inossidabile è un ottimo isolante termico????

IceMatrix

Lo so eccome che c'è la detrazione, nella casa dove abito per 4,5 Kw con accumulo mi hanno chiesto 15mila, ora prima gli devi tirare fuori poi ogni anno ti danno 750 euro, io spendo sui 1000/1200 di corrente non la vedo allettante e che risparmio tutt'altro...
Altro discorso se lo trovi già "gratis" nella casa nuova che compri ma di solito hai 1/1,5 kw senza accumulo

Apocalysse

Senza incentivi è indubbio che non convengano, ma attualmente c'è la detrazione del 50% sul costo dell'impianto che è una cosa molto allettante ^^

IceMatrix

3kW solo di pannelli senza accumulo sei sui 7000 circa (2200 al KW) per qualcosa di buono, parlo di lavoro finito con permessi e tutto, con accumulo ti servono altri 4/5000 euro.
Che i costi si abbattono salvo divenire autosufficienti al 100% sempre la vedo dura...
Vi ricordo che i pannelli devono essere lavati, controllato almeno 1 volta all'anno, dopo 15 anni meglio cambiarli, bisogna smaltirli...

Ho parlato con più di una persona che li monta e visti i costi per i privati anche con gli incentivi al momento non lo consigliano

TheBestGuest

Voglio il telefono autodeficiente

Samu

Microeolico credo sia una cosa veramente inutile, meglio un impianto solare da mixare con le pompe di calore e i costi si abbattono alla lunga...

Daniel Bonfanti

Voglio il telefono autosufficiente

gargamella

Sarei interessato al solare o al microeolico.. Mi piacerebbe capire i costi di un impianto da 3kwh..

LG mostra il TV arrotolabile che sparisce all'interno della sua base | Aggiornata

"Stranger Things" 2 è disponibile su Netflix | 7 COSE DA SAPERE | Video

Recensione TV OLED Panasonic TX-65EZ1000: il Plasma ha trovato il suo erede

Recensione TV LCD Sony KD-55XE9305: Ultra HD e HDR con Android TV 7.0