Lily Next-Gen, torna il drone dopo il fallimento del crowdfunding

04 Settembre 2017 14

Forse non tutti si ricordano di Lily, il drone sviluppato attraverso una campagna crowdfunding il cui progetto è fallito miseramente a inizio 2017 nonostante i 34 milioni di dollari raccolti, lasciando i clienti finanziatori senza prodotto e (quasi tutti) senza rimborso.

Ebbene, dopo alcuni mesi il drone è tornato: in realtà non si tratta esattamente dello stesso prodotto, considerando il fatto che la società Mota Group ha acquisito il brand realizzando Lily Next-Gen, drone che richiama pressoché tutte le caratteristiche tecniche del dispositivo precedente. Il pressoché riguarda purtroppo la perdita di alcune delle specifiche che avevano reso interessante il prodotto finanziato tramite crowdfunding: niente volo del drone tramite lancio, niente impermeabilità, il tutto alla modica cifra di 699 dollari. Per fortuna gli “early backers” potranno acquistarlo a 200 dollari in meno (499$).


La perdita delle caratteristiche che avevano reso particolare il Lily di prima generazione sono purtroppo dovute al fatto che i brevetti più innovativi non hanno seguito lo stesso percorso del brand, essendo stati acquisiti da una società terza denominata LR Acquisition.

Lily Next-Gen offre una cam 4K che permette di scattare immagini a 13MP, mentre la funzionalità One-touch permette di far decollare e atterrare il drone tramite un semplice pulsante. La tecnologia Smart Hover mantiene invece il drone stabilizzato in volo (con autonomia fino a 18 minuti, ma la seconda batteria inclusa nel box consente di arrivare a 36 minuti) per ottenere riprese - sulla carta - eccellenti, e tramite l’app Lily-3D Converter è possibile controllare i principali parametri e riguardare i video registrati.

Insomma, chi è rimasto vittima del fallimento del crowdfunding del Lily originale potrà rifarsi acquistando la nuova versione, magari approfittando del prezzo scontato e della spedizione gratuita.

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, in offerta oggi da Clicksmart a 279 euro oppure da ePrice a 320 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giup2p

Almeno le basi si piegano, così diventa piatto e un po' più facile da trasportare.

Maurizio Mugelli

ma non e' un crowfunding, il lavoro pagato con il crowfunding adesso lo vende un'azienda "vera".

ice.man

come no, chissa quanti dopo l'incul8 della prima LILY saranno desiderosi di questo nuovo corwfunding/presale

Ciorius

il problema del midrone è che pesa parecchio, non si può piegare ed è abbastanza grande (non è come lo spark). E poi ci sono tutti i casini del fatto che sia cinese, per cui impossibile da omologare in UE

stiga holmen

techcrunch. com /2014/12/01/indiegogo-is-testing-optional-insurance-fees-for-crowdfunded-products/

Hanno testato le alternative, almeno nel 2014...ma evidentemente non gli conveniva... tra l'altro se un progetto dichiara il fallimento la piattaforma non prende nemmeno la percentuale... boh sono fiducioso nel genere umano, ma ci sono sempre quelli che se ne approfittano..

Maurizio Mugelli

forse prima di dire come vorresti tu il tuo crowdfunding ideale dovresti andare a leggere i regolamenti che le piattaforme di crowdfunding pubblicano...
da nessuna parte sta scritto che avrai qualcosa in cambio dei soldi dati, e' soltanto una promessa informale che se riescono a produrre allora ti daranno quello promesso, non un contratto vincolante.

stiga holmen

Vero se loro stessi non dicessero di commercializzare l'oggetto entro una certa data. Il modo che dici tu mi sembra totalmente sbagliato, quella si chiama ricerca, che appunto non sa mai quando arriverà al risultato....

Il crowdfunding dovrebbe servire a garantire SOLO la produzione di massa di un oggetto, raccogliendo una cifra tale da garantire appunto gli accordi con i produttori e la logistica.

Altrimenti mi metto anch'io a fare crowdfunding per creare le sfere del drago ... -_- che arriveranno nel 2000credici

Maurizio Mugelli

e' sinonimo di non aver da spendere 34m in ricerca e sviluppo visto che qualche milione di cog7ioni l'ha fatto per te.

ice.man

ma io mi cheido una cosa:
che senso ha rilevare un brand che è sinonimo di truffa da 34M di $ ?!?!?!

jo

Xiaomi drone 4k Costa come una quota di crowdfunding

Ciorius

Infatti ho capito che su quelle piattaforme le uniche cose che finanzio se mi interessano tanto so quelle da 10€/£/$. Oltre il rischio che non riceva mai l'oggetto sembra quasi al 100%. Per un pebble che ce la fa 1000 rimangono al palo. Quello che mi pare di aver capito è che si trovano tante persone capaci dal punto di vista ingegneristico/informatico, ma non hanno idea di come si pianifica

Repox Ray

E' il bello del crowdfunding.
Negli articoli non lo dicono mai, ma non è così raro che finisca così.

Maurizio Mugelli

devi prima di tutto capire il concetto di crowdfunding, non stai comprando un bene, stai finanziando speculativamente qualcuno ad inventarlo.
in altre parole non c'e' bisogno di sistemi di sicurezza perche' all'atto pratico stai effettivamente regalando soldi di tua spontanea volonta'.

stiga holmen

" nonostante i 34 milioni di dollari raccolti, lasciando i clienti finanziatori senza prodotto e (quasi tutti) senza rimborso"

Ma quei 34 milioni dove sono spariti? Ma possibile che le piattaforme di crowdfunding non abbiano dei sistemi di sicurezza per evitare episodi del genere?

Recensione TV OLED Sony KD-55AF8, alta qualità audio-video e Dolby Vision

Recensione QLED TV Samsung QE65Q9FN, nero profondo e ideale per i videogiochi

Recensione TV Hisense 55U7A, Smart TV HDR con buon rapporto qualità/prezzo

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB