Bowers & Wilkins presenta i diffusori acustici Serie 700 S2 | Prezzi Italia

19 Settembre 2017 36

Aggiornamento 19 settembre 2017:

Il distributore italiano Audiogamma ha reso noti tutti i prezzi di listino che pubblichiamo qui sotto:

  • 702 S2: 2.000 Euro cadauno
  • 703 S2: 1.500 Euro cadauno
  • 704 S2: 1.200 Euro cadauno
  • 705 S2: 1.100 Euro cadauno
  • 706 S2: 700 Euro cadauno
  • 707 S2: 500 Euro cadauno
  • HTM71 S2: 1.150 Euro
  • HTM72 S2: 750 Euro
  • DB4S: 1.600 Euro
  • Stand FS700 S2: 450 Euro la coppia

Post originale - 7 settembre 2017

Bowers & Wilkins ha annunciato i diffusori acustici Serie 700 S2. A comporre la gamma sono nove modelli, tre da scaffale, tre da pavimento, due centrali e un subwoofer. La costruzione è in gran parte derivata dalla Serie 800. Il tweeter è provvisto di una cupola in carbonio Carbon Dome, un elemento che permette di arrivare fino a 47 kHz senza distorsioni. Dalla Serie 800 derivano le membrane Continuum, utilizzate per i midrange in luogo del Kevlar. Il particolare rivestimento con cui sono realizzate permette di riprodurre un suono più aperto e neutro. I woofer Aerofoil hanno uno spessore variabile in grado di assicurare solidità e rigidità a tutto il sistema, in modo da offrire bassi profondi e dinamici.

B&W S705 S2

La Serie 700 si apre con i 707 S2, diffusori da scaffale a due vie con un tweeter da 25 mm, un midrange da 13 cm e accordo bass reflex sul retro. Le specifiche tecniche riportano una sensibilità di 84dB, una risposta in frequenza compresa tra 50Hz e 28kHz e un'impedenza di 8 Ohm.

Seguono i 706 S2, sempre diffusori da scaffale a due vie con un tweeter da 25 mm, un midrange da 16,5 cm e accordo bass reflex sul retro. Cambia la sensibilità che qui si attesta a 88dB.

A completare il trittico dei modelli da scaffale sono i 705 S2, diffusori a due vie con un tweeter da 25 mm collocato esternamente al cabinet, un midrange da 16,5 cm e accordo bass reflex sul retro. Le specifiche tecniche sono identiche a quelle di S706 S2.

B&W S702 S2

S704 S2 è il primo modello da pavimento. Parliamo di un diffusore a tre vie con tweeter da 25 mm, un midrange da 13 cm, un doppio woofer da 13 cm e accordo bass reflex posteriore. Le specifiche tecniche confermano una sensibilità di 89dB, una risposta in frequenza compresa tra 48Hz e 28kHz e un'impedenza di 8 Ohm.

Il secondo modello da pavimento è S703 S2, sempre a tre vie con tweeter da 25 mm, midrange da 15 cm, doppio woofer da 16,5 cm e accordo bass reflex posteriore. La risposta in frequenza è compresa tra 46Hz e 28kHz.

Al vertice della gamma si posiziona S702 S2, un diffusore a tre vie con tweeter da 25 mm collocato esternamente al cabinet, un midrange da 15 cm, un triplo woofer da 16,5 cm e accordo bass reflex sul retro. Cambia nuovamente la risposta in frequenza, compresa tra 45Hz e 28kHz, mentre la sensibilità si attesta a 90dB.

B&W HTM71

Con HTM72 si passa ai canali centrali. Il diffusore è a due vie con tweeter da 25 mm e doppio midrange da 13 cm. Le specifiche tecniche riportano una sensibilità di 87dB, una risposta in frequenza compresa tra 70Hz e 28kHz e un'impedenza di 8 Ohm.

Nella fascia superiore si colloca HTM71, un diffusore a tre vie con tweeter da 25 mm, midrange da 10 cm e doppio woofer da 16,5 cm. Queste caratteristiche si traducono in una sensibilità di 89dB e in una risposta in frequenza compresa tra 50Hz e 28kHz.

B&W DB4S

Completa la gamma il subwoofer DB4S, dotato di un amplificatore in Classe D da 1.000 W e di un woofer Aerofoil da 25 cm. La risposta in frequenza è compresa tra 10 e 350Hz.

I prezzi della gamma italiana saranno comunicati a breve.

Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30 è in offerta oggi su a 596 euro.
Dji Mavic Pro Fly More Drone (bundle) è disponibile da puntocomshop.it a 1,180 euro.

36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
dodicix

Non saprei valutare in quella scala, a quanto io stia col mio impianto, nel mio ambiente. Presumo valga un 6, nel senso che ritengo sufficiente il mio risultato come "Hi-Fi in scala ridotta". Ci spesi un tot., e il mio 6 vale più della sufficienza come la intende la massa (Mp3 e un paio di cuffiette). Diciamo che, sempre secondo me, l'Hi-Fi "medio" che potevi ascoltare al mai dimenticato Top Audio, valeva 7 per le componenti "più economiche" e 8 per le top assoluto. Oltre, credo che non abbia senso andare, perchè la differenza con un vero spettacolo Live è troppa. In pratica do' un 4 alle cuffiette, un 5 agli impianti casalinghi economici da un tanto al chilo, 6 al mio che era già abbastanza ricercato pur fra componenti "ancora comperabili", 7 a un Hi-Fi tendente all'Hi-End, e 8 all'Hi-End vero e proprio. 10 al Live e solo al Live. Il 9 serve solo a tenere distante la migliore finzione possibile (Hi-End) dalla Realtà (Live).

AntoM

I problemi di watt/db/rapporno S/N sono tutti "facilmente" risolvibili. Quanto alla stanza e le pareti, è lì che servirebbe il famoso progettista. Comunque anche accettando l'hifi come menzogna, come penso sempre, quanto menzogna deve essere? Se da 1 a 10 posso avere 8 rispetto alla riproduzione dal vivo perchè fermarmi a 2 solo perchè so che non arriverò a 10?

dodicix

Non c'entrano più i progettisti; è la Fisica che ci richiede Watt, dB/m, m^3, S/R, eccetera per restituirci il segnale originale. E in casa non si può. Il suono di un Contrabbasso, è restituibile solo da un Contrabbasso identico, se non accetti il discorso dell'Hi-Fi come "scala" del segnale originale. E chi si porta a casa una band o un'orchestra, per riavere quel segnale originale? Un impianto non riesca a riprodurre tutto in scala 1:1, e nemmeno tu offri l'ambiente di ascolto del segnale originale (teatro? stadio? piazza?). Hai una stanza, una sala, 4 pareti che distruggono con la loro ambienza, tanti equilibri già precari incisi nella sorgente. Sempre se non sono dischi creati in studio di registrazione, invece di una configurazione bimonoaurale di microfoni ad ampio spettro, posti in un teatro o in una sala d'incisione. Insomma, l'Hi-Fi è una menzogna per definizione, cerchiamo solo di accettarlo e ci godremo la nostra illusione per quanto sarà possibile, e senza troppi pensieri negativi. :-)

AntoM

1) perchè non si può? L'unico componente ingombrante sarebbe la sezione basse frequenze. Quanto occuperebbero questi subwoofer in un angolo della stanza? Forse anche meno delle classiche torrette o diffusori da scaffale su trespoli messi lontani dalle pareti.
2) la loudness war, i minidiffusori hanno contribuito pure loro. Se il mercato considera grosse delle torrette con i woofer da 18 come si fa a diffondere il concetto di hi-fi? E' proprio il mercato che ha il tumore, accetta cellulari da 1200 euro ma non impianti audio sopra le poche centinaia, o accetta dei portatili apple da 3000 euro ma non un fisso da 1500, che rimane una nicchia.
3) è proprio per questo che ci dovrebbero essere dei progettisti decenti in grado di installare la tromba giusta, con il giusto angolo e la giusta dispersione

AntoM

Nah, non è un cono da basso elettrico, è più da canna d'organo, hai anche quello?

Babi

Certo che uno dev'essere proprio pirla per comprare un diffusore che la stessa casa produttrice considera da scaffale!!

dodicix

Posso venire da te a fare un po' di Slap col mio Basso elettrico? ;-)

dodicix

1) Devi accettare che in casa si ottiene un Hi-Fi "in scala inferiore". Non è uccidere il concetto di Hi-Fi, è renderlo realistico. 80-100 orchestrali producono un livello sonoro e una mole di informazioni tale, che non c'è impianto casalingo che possa restituirtele. Fattene una ragione. Non posso mettermi in casa un impianto PA, idem un impianto PA in scala. Solo due case e un ampli. E una sorgente, anch'essa "in scala". Se riusciamo a "sintonizzarci" su questa premessa, bene, se no è inutile parlarci, non ci capiremo mai.

2) L'Hi-Fi è stato ucciso dall'avvento dell'MP3. Il modo, il tempo e il luogo di ascolto di tale pessima sorgente sonora, è il riflesso dei tempi che cambiano. Anche qui si può solo rassegnarsi, è andata così e basta. Accettarlo non è uccidere l'Hi-Fi, è essere realisti. Chiedo scusa se in pratica sto ripetendo il punto 1).

3) Il PA sfrutta componenti che in casa creerebbero problemi insormontabili. Per questo esistono ben pochi costruttori che usano, ad esempio, diffusori con tweeter a tromba. Non è questione di non voler spendere in R&D piuttosto che in pubblicità, è che non puoi sparare 120 dB/m di soli acuti in un appartamento di un condominio, e sperare di cavartela facilmente! Per tacer dei bassi, che dovrebbero essere circa 10 volte più potenti! ;-)

AntoM

Secondo me partire da presupposti come questi, come accettare l'impossibilita di una riproduzione fedele, è già il primo punto per mettere una pietra tombale sull'hi-fi. Non dovrebbe stupire perchè è andata a farsi benedire negli anni. Al posto di migliorare davvero ci si è fatti abbindolare da riti magici da guru e cavetti da 5000 euro su casse che montano woofer da 30 euro.
In realtà è possibile riprodurre il pieno orchestrale, il PA non usa oggetti magici ma trasduttori che non sarebbero neanche così assurdi in casa. Poi ci sono i sistemi a tromba, ma probabilmente si contano sulle dita di una mano i progettisti davvero in gamba. Per le aziende è più facile pagare la pubblicità che non un progettista con i baffi.

AntoM

Eh sì, torrette. Per la musica non sono ben attrezzato per il momento, uso l'impianto più per l'HT. Ti faccio presente che il sub monta un cono da 54 centimetri in bass reflex.

V4N0

Torrette?!?!? Alla faccia, se per te sono così scrause sono curioso di vedere il tuo impianto :D

dodicix

Ma un Pieno orchestrale non è riproducibile da un impianto Hi-Fi! Potrebbe farcela un impianto per PA, ma di certo non uno casalingo. E' chiaro che in casa viene tutto "downscaled"... Ciò non toglie che anche in casa si possano ottenere livelli di pressione sonora ragguardevoli, e altresì di dinamica se ci si isola bene dai rumori esterni. Per la realtà c'è il Teatro, per l'Hi-Fi serve qualche pretesa di realismo in meno (e ciò nonostante, molti più soldi da spendervi). ;-)

UP82

Se ci mettiamo pure a sentenziare sulla qualità b&w siamo apposto

AntoM

No ma quale ambiente!? Quelle torrette non ce la fanno neanche a un metro!

V4N0

Non capisco il tuo ragionamento... se parli di decibel, di "pressione sonora", va tutto rapportato all'ambiente, se invece intendi gamma dinamica allora è un'altra cosa...

Enzo Uccelli

Da possessore 602.5 s3 Made in ENGLAND.....(pilotate da Marantz).. Se proprio dovessi spendere soldi andrei sulle 800 d3.... Ma dipende sempre da che motore gli metti dietro.... Altrimenti spendi a vanvera un sacco di soldi....

AntoM

Ma qui non si parla di campanellini, cavetti, riti magici, "qualità", timbrica che manco un guru sentirebbe. Prima di arrivare a quello pensiamo alla cosa più banale... i dB, la POTEEEENZA, quella cosa che è NECESSARIA per riprodurre il pieno orchestrale non compresso e non solo la versione in scala ridotta. Risolto questo gravissimo problema poi pensiamo al resto. E son convinto che già così si farebbe molto.

Simone

Ma dei modelli HT - DB - S705 se ne trovano di altre marche???
Per esempio JBL etc..?

Simone

Economici cavolo!!!

limada

Quello che ascolti dal vivo non lo potrà mai, e poi mai riprodurre un qualsiasi strumento atto alla riproduzione musicale, detto questo, ci sono strumenti da cestone e sono il 90 per non dire il 99%, e ci sono strumenti che riproducono al meglio secondo i costi la musica che ascoltiamo, godiamoci la buona riproduzione, e tutto il resto nel cestone, nel mio caso se ti può far piacere non so, ho un giradischi anni 70, un ampli a valvole Audio Note, pre autocostruito a valvole non da me, casse anni 70 Kef RS104 che non cambierò mai.

AntoM

Io sono quell'1% che le critica perché sa che non possono fisicamente riprodurre quello che ascolto io, dal vivo

Valery Mashenko

Muori di cancro, muori di cancro, bravo c......e.

Luca

Trolla, trolla, bravo c......e.

Valery Mashenko

Sonno sanno senno sunno sinno

Luca

Motivo?
Per dire questo tu le avrai già ascoltate, vero?

Luca

Motivo?
Per dire questo tu le avrai già ascoltate, vero?
"Sonno" intendi che dormono? Correggi va....

limada

Il 99% critica perché non può, non perché ne sa qualcosa.

Valery Mashenko

Cosa cosa?

Alla ricerca del tempo perduto

c'è gente che critica per partito preso
non ti curar di loro...

Francesco

Cosa?

utente

Sicuramente suoneranno benissimo.

Cekkoloco

ho la serie 600 da 10 anni e sono ottime.... prima di dire da scaffale le avete ascoltate?

Valery Mashenko

Sonno tutto e nove da scaffale, altroché.
Ma intendiamoci.
Da lasciare sullo scaffale.

camillo777

Scaffale (da)

Simone

Come sono i diffusori?

Michele Lapina

Esteticamente sono ORRIBILI

LG mostra il TV arrotolabile che sparisce all'interno della sua base | Aggiornata

"Stranger Things" 2 è disponibile su Netflix | 7 COSE DA SAPERE | Video

Recensione TV OLED Panasonic TX-65EZ1000: il Plasma ha trovato il suo erede

Recensione TV LCD Sony KD-55XE9305: Ultra HD e HDR con Android TV 7.0