"It" a gennaio su Ultra HD Blu-ray con Dolby Vision

16 Novembre 2017 53

Warner Bros ha annunciato un nuovo titolo in arrivo su Ultra HD Blu-ray con Dolby Vision. "It", in uscita negli Stati Uniti il 9 gennaio 2018, supporterà il formato Dolby per la gestione di HDR (ovviamente è sempre presente HDR10, il formato di base). La traccia audio in lingua originale è in Dolby Atmos. Il film è tratto da un DI (Digital Intermediate) a risoluzione 2K.


Ricordiamo che gli altri film disponibili o in arrivo su Ultra HD Blu-ray con Dolby Vision sono i seguenti (verificate che il supporto al formato Dolby sia presente nell'edizione che intendete acquistare):

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone 8 Plus, in offerta oggi da Tigershopit a 695 euro oppure da Amazon a 775 euro.

53

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabio Pelliciari

non capisco perche gli uhd non li fan in versione steelbook

David Lo Pan

Mi hai incuriosito. Lo guarderò sicuramente, grazie! Il libro non l'ho mai letto, probabilmente è il motivo per cui il film del 1990 l'ho sempre "digerito" bene.

Francesco

Che sia stato bravo non lo mette in dubbio praticamente nessuno, ma non c'entra nulla con il pagliaccio del libro. La vecchia miniserie la si ricorda solo grazie a lui; se poi si prende in esame la seconda parte nella quale loro sono adulti... pessima.
Skarsgard è pazzesco (soprattutto se visto in lingua originale), oltre ad essere più fedele al libro.

Francesco

È stata una mossa azzeccata cambiare alcuni elementi e ambientare il film in anni più "moderni" come ti ha già detto Dr Xeno. Sarebbe stato uno sbaglio ambientarlo negli anni 50.

Francesco

Concordo in pieno su tutto. Io ho letto il libro e ho apprezzato molto questo film. Sicuramente più della vecchia miniserie che ricordiamo solo per l'interpretazione di Curry.

Francesco

Mah non credo. Ci sono doppiaggi in italiano che sono addirittura meglio dell'originale, ma non è questo il caso. Non è nemmeno sufficiente il doppiaggio in questo film...

Francesco

Concordo. In lingua originale è tutt'altra cosa.... Skarsgard è pazzesco...

Francesco

Dovresti leggere il libro

David Lo Pan

Non metto in dubbio che potrebbe essere come dici tu, d'altronde la versione 2017 non l'ho ancora vista. Ma io sono troppo attaccato alla magnifica intepretazione del vecchio Tim...

Walter

è soggettivo

carlo994

Me l'ha servita su un piatto d'argento

franky29

Di film horror preferisco quelli con gli zombie

Dr Xeno

Il cambio di anni è dovuto al renderlo attuale.
Cosi come l'eliminazione della mummia, del lupo mannaro e di altri mostri che ad oggi non farebbero grande paura.
Il rituale di chud sai benissimo che non poteva essere messo o sarebbe stato vm18.
La verità è che il film perfetto per voi sarebbe stata l'esatta trasposizione che il vostro cervello ha fatto durante la lettura. Invece è un buon film, e chi non ha letto ha apprezzato.

Vermillion

Ahahhahhahahaha

Antonio Guacci

Casomai uscisse una versione integrale o anche solo con le scene tagliate negli "extra" del disco, sarò pronto a rivalutare il prodotto.
Per ora la mia resta una bocciatura secca: un film che ha sprecato una grandissima potenza visiva messa in scena da un validissimo regista.

Fabian Mas

Esatto ma credo che questa fosse una scelta piuttosto telefonata. Se anche il libro, tirando fuori percentuali fantasiose, fosse stato 10% horror non mi è parso in questo film si volesse altro che spaventare.
Posso concordare che certi aspetti siano un po trattati superficialmente ma era un rischio tirar più dalla parte del rapporto tra i ragazzi che da certe azzeccatissime scene.

Spero sia una buona occasione per una buona director's cut perchè io, ora che so come è stata fatta la versione cine, anche a 3 ore di film ci arriverei volentieri per sapere di più e, per inciso, non solo per vedere più pagliaccio coi denti da squalo.

Antonio Guacci

Alt.
Che Muschietti abbia messo l'anima si vede: la fotografia è sontuosa e ineccepibile, è evidente come abbia dato fondo a tutte le sue capacità.

L'anima a cui io mi riferisco è invece quel sentimento che dovrebbe passare attraverso lo schermo dal contenuto allo spettatore, nel processo di "catarsi" tanto spesso decantato dai drammaturghi greci e romani.

...E qui invece il prodotto defice: come ho scritto a un altro utente, la sceneggiatura di Palmer, Fukunaga e Dauberman è sì coerente e ritmicamente ben orchestrata, ma vuota.

...Alla fine è un "semi-horror" tratto da un libro che parlava di ben altro.

Antonio Guacci

Ormai: poteva pure inserire quella scena, visto che con tutto il resto del film ha praticamente fatto la stessa cosa, è come se avesse portato quel passaggio mostrandolo solo come se fosse stata un'allegra orgetta tra ragazzini.

carlo994

e ti giuro pensavo che avesse già 18 anni quella ragazza

Fabian Mas

E se l'anima il regista ce l avesse messa anche in questo IT ? Ma come si fa dico io a sapere quanta 'anima' ci ha messo? E' un processo alle intenzioni quindi. Per me il risultato su pennywise è semplicemente stupendo...quello della serie tv ridicolo ma nel contesto si salvava.

Qui tu vedevi l amicizia del gruppo nell america anni 50....io un pagliaccio che stacca il braccio di un bambino di 5 anni a morsi e lo fa pure strisciare un po'...

Moveon0783 (rhak)

Guarda che io non sto togliendo valore al rapporto s3ssuale di Beverly con gli altri Perdenti, un passaggio del libro carico di significato, forse tra i più importanti. Stai fraintendendo il mio punto di vista.
Sto soltanto dicendo che Muschietti avrebbe potuto strumentalizzarlo, specie se consideri il pubblico a cui è rivolto questo film (e forse tutto il genere horror in generale: non a caso negli horror una spruzzata di porn0gr4fia non manca mai). Eppure non lo ha fatto.
King a proposito dell'0rgia di Beverly disse: "“Intuitively, the Losers knew they had to be together again. The sexual act connected childhood and adulthood".
A me sembra inequivocabile. Per questo ho scritto: "i registi non hanno voluto “sporcare” quell’aura di amicizia e di innocenza preadolescenziale che aleggia per tutto il libro, e che lo stesso King alla fine annienta". Non penso di aver frainteso King.
Per il resto, de gustibus ;)

Antonio Guacci

Non capisco dove tu abbia tirato fuori l'equazione "prodotto con l'anima = prodotto aggratiss": è semplicemente assurdo tanto è fuori da ogni logica.

"Commerciale" e "con l'anima" non sono termini che si elidono a vicenda: prendendo un altro film "revivalizzato" ultimamente, anche Blade Runner (quello del 1982) è un film commerciale, rivoltato come un calzino in tutte le salse per continuare a farci soldi in questi 35 anni, eppure ha sempre avuto un'anima magnifica (in ogni sua edizione e revisione), ed è sempre riuscito a trasmettere un messaggio potente sull'andare oltre la superficie e la discriminazione razziale, nascosti dietro al debole pretesto di raccontare una storiella sci-fi.
...Eppure non è mai apparso né come un episodio di Peppa Pig, né come un Manifesto di un partito di sinistra.

Fabian Mas

no credo sia un lavoro senz anima ma semplicemente un opera commerciale, come lo era il libro e come lo era la miniserie tv e come lo è una cosa che paghi. Se no il libro king lo metteva in pdf e condivideva cl mondo.

Che il film debba perdere rispetto al libro nei contenuti ci sta, ricordo che il libro era un discreto malloppo e ricordo che questo film non è partito con chissà quale sicurezza tant'è che il capitolo 2 è stato confermato solo dopo l accoglienza calorosa che ha avuto questo IT.

Personalmente credo volessero far un film Horror e quindi han attinto dal libro la parte che più 'serviva', per amicizia e rapporti forse ci sarà più spazio poi (o nella extended).. Se l avesse fatto troppo soft e più sul loro rapporto avrebbero ottenuto solo una sequenza impressionate di critiche che lo paragonava a peppa pig. i Tempi son cambiati parecchio da quelli del libro e della serie TV (che lo ribadisco a livello thrilling faceva davvero ridere anche per colpa del budget è per carità).

Fabian Mas

non per esser blasfemo ma ricorda il clown triste di toy story 3 visto adesso. Quello 2017 , specie nei momenti 'concitati' e, diciamolo, con l aiuto della CG va decisamente un altro effetto

Antonio Guacci

Vedere solo la mancanza del rapporto di Beverly con ognuno dei Perdenti, e vederlo in questa ottica, è davvero riduttivo oltreché disarmante: nel libro ha il suo significato, che è pure profondo ed importante se visto dagli occhi di Beverly.

...Potrei pure porre l'accento sulla totale mancanza nel film 2017 di qualsiasi accenno al significato di Silver per Bill, e l'importante ruolo ricoperto da essa negli eventi (cose invece trattate nella miniserie 1990), allora.

L'amicizia assolutamente no: non trasmette neppure una briciola né di quella comunicata dal libro, né di quella presente nella miniserie, e visto che è il tema portante del libro, è come se avessero tirato su un gigante senza colonna vertebrale.

...Mi spiace, ma non riesco a condividere il tuo entusiasmo per questo prodotto cinematografico: hanno fatto sì un gran lavoro, ma in conclusione è un lavoro senz'anima.
Un po' come se a teatro avessero tirato su una messinscena meravigliosa, ricchissima e fedelissima ai luoghi e all'epoca di riferimento, per poi recitarvi sopra un "Il Mercante di Venezia" senza fare il minimo accenno al profondo amore che Antonio prova per Bassanio (che è invece il motore di tutto).

Fabian Mas

Non ho letto il libro, ho visto N volte la miniserie e devo dire che l ho apprezzata ma...ha una pochezza di mezzi che è davvero avvilente. Non so quanto il libro non sia horror ma alla fine IT è 'anche' uno squartatore di bambini suvvia.

La serie TV l ho apprezzata per l idea di base, del paglaiccio, del gruppo di bamini che lo afforntano e anche dell amicizia etc. Però dopo aver visto questo la serie TV fa davvero tenerezza.

Sono uno di quelli convinti che la trasposizione tv/cinema non debba aver un debito di fedeltà al libro poi in questo caso non avendolo letto direi che il problema non mi si pone. Giudicando quindi le due opere credo che il film anche per una quetione di mezzi ben più 'affilati' sia una cosa di un altro pianeta.

P.s. Concordo sulla voce del clown, l ho trovata non all altezza.

Jhon Thali

Le senti le sirene che suonano? Beh, sai perché u.u

Jhon Thali

Raga avevo sentito parlare tanto di sto film, l'ho visto giusto 2 giorni fa. Sinceramente non mi ha colpito così tanto, a detta degli altri pensavo fosse un grande film, invece niente di speciale a parer mio

Moveon0783 (rhak)

Se ci pensi manca anche la parte in cui Beverly ha un rapporto con ognuno di loro dopo aver sconfitto It. E questo manca sia nella miniserie che nel film. Forse paradossalmente sia nel 1990 che nel 2017 i registi non hanno voluto “sporcare” quell’aura di amicizia e di innocenza preadolescenziale che aleggia per tutto il libro, e che lo stesso King alla fine annienta (non credo lo abbiano fatto per motivi di censura, almeno non nel 2017. Sappiamo bene quanto i registi horror abbiano una malsana propensione al “pruriginoso”, specie nei teen-horror: King li ha invitati a nozze, ma hanno resistito).
Beh, la visione “filosofico-intellettuale” dello scrittore non può essere messa in secondo piano, a maggior ragione se King insiste con certe tematiche in molte sue opere, esattamente come non può essere messa in secondo piano la totale sfiducia e diffidenza verso il progresso tecnologico-industriale in un riadattamento cinematografico di un libro di Mary Shelley o di letteratura gotica in generale.
Il concetto di amicia pura e disinteressata trasmessa dal libro, personalmente anche il film è riuscito a trasmettertelo. Davvero, posso rimproverare ben poco a questa pellicola.
Senza considerare il lavoraccio di riadattare negli anni ‘80 un libro ambientato degli anni ‘50... nel 2017!!! Un bel casin0

Antonio Guacci

L'ho riletto giusto il mese scorso.

Moveon0783 (rhak)

Il libro di King io lo lessi anni fa. Non so se tu lo hai letto, ma se lo hai fatto ti sarai accorto che più che un horror-fantasy può essere definito un libro di saggistica puro.
Gli scenari da “deep America”, la provincia americana con le sue bassezze, le sue grettezze, padri alcolizzati che abusano delle figlie adolescenti (tipico stereotipo “white trash”), bulli e “losers”, madri bigotte e ipocondriache. L’horror è puro contorno. E tutto ciò è stato ripreso più fedelmente nel film che nella miniserie del 1990.
A me è piaciuto più il film. Non credevo che potesse capitare ad un revival di essere superiore all’originale.

SONICCO

patrimonio dell'umanità

Antonio Guacci

Questo film si è preso tante licenze quante se ne era prese la miniserie dell'epoca.

La vera grossa differenza è che la miniserie riusciva a trasmettere il senso del libro (il legame tra tutti i membri del gruppo dei Perdenti, la forza della loro collaborazione reciproca, l'empatia che il lettore/spettatore prova con ognuno di loro), mentre il nuovo film no: tra i personaggi e gli attori che li interpretano non so chi abbia maggiori manie di protagonismo, il senso del "gruppo" non è mai recepibile dallo spettatore, l'empatia è inesistente, direttamente soppiantata da un forte sentimento di antipatia.

La miniserie vince a mani basse, il film è migliore solo per una sceneggiatura più solida (ma in sostanza e comunicazione la "vecchia" ha solo da insegnare) e una potenza visiva superiore (e ci credo, vista la differenza dei budget!).

dicolamiasisi

è vero che il nuovo è piu fedele al libro xò gli attori della miniserie (i ragazzini) secondo me erano decisamente piu bravi

SpiritoInquieto

Vogliamo parlare del doppiaggio della voce del pagliaccio?
Ascoltate l'originale e poi quella da bimbo scemo/dispettoso che hanno dato alla versione italiana... TERRIBILE!

BoORD_L

ho appena stampato e incorniciato il post e appeso sopra il letto...

carlo994

prego spero che questa testimonianza arricchirà la tua vita

BoORD_L

grazie di averci resi partecipi

Anal Natrak

fedele al libro. Vaneggi?
il libro è ambientato negli anni 50, questa schifezza negli anni 80
il rituale di chud non esiste
come il lupo mannaro
nessuna traccia delle luci della morte
nulla viene detto del perché vengono bullizzati, nessuna backstory, i personaggi sono 2d.

carlo994

per me la data di uscita del bluray corrisponde con la data di uscita del torrent che si vede perfetto xD

last_of_us

Hai la sensazione che "manchi l'anima" se hai letto il libro divorandolo pagina per pagina cogliendone l'essenza e la paura che trasmetteva.
E' proprio la mancanza di paura (sempre da ricondurre al fatto che il libro faceva veramente venire i brividi) che rende questo un buon film, non il miglior horror dell'anno.

Johan

E chi ha detto il contrario :D?
Con originale si intende la prima versione, H.

BoORD_L

quotone pazzesco

Dr Xeno

Leggo di originale e mi viene da ridere. "L'originale" è una miniserie fatta per la tv, a basso budget, che si discosta pesantemente dai temi e dalle scene del libro. L'unica cosa decente era Tim. Nell'immaginario ci si ricorda di un buon film perchè lo si è visti da piccoli. Questo invece è un buon film, abbastanza fedele al libro.

David Lo Pan

Quello del 2017 non l'ho ancora visto (daje de stream!!!) ma ti upvoto lo stesso. In quello originale c'è LUI. E ciò basta ed avanza. https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

1...2....3....pausa!

David Lo Pan

Certo che questo polit.....pagliaccio mette 'na paura addosso che te dico fèrmete!!!

Ma come saranno riusciti a renderlo così comic......terrificante???

Voglio un preser......palloncino, devo proteggere il mio ca.......il mio ca.....!!!!.......il mio gran kazoo. https://uploads.disquscdn.c...

Anal Natrak

spoiler alert: non è stato fatto perché l'originale non fosse sufficente, ma per fare un sacco di soldi. Manca l'anima.

punk3r

A me questo IT è piaciuto molto e molto più della versione originale del film.

Mattia Cognolato

Ovvio, altrimenti avrebbero fatto altro

Johan

Devi farlo con conto corrente indipendentemente dal circuito che usi.

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?