Qobuz disponibile in Italia con lo streaming musicale in alta risoluzione

15 Dicembre 2017 39

Qobuz, servizio di streaming musicale nato in Francia, è ora disponibile anche in Italia. I piani offerti sono in tutto quattro. Si parte con Premium: a 9,99 Euro al mese si accede a tutto il catalogo con MP3 a 320 kbps. Il piano successivo è Hi-Fi, dal costo di 19,99 Euro al mese. Insieme al prezzo sale anche il livello qualitativo dei brani: parliamo di file FLAC con qualità CD, ovvero 44,1kHz/16-bit.

I piani successivi sono indirizzati ad un'utenza molto esigente e sicuramente di nicchia. Sublime prevede il pagamento di 219,99 Euro all'anno e offre la stessa qualità del piano Hi-Fi. Viene inoltre garantita la possibilità di acquistare brani in alta risoluzione con la formula del download (che rimangono quindi a disposizione dell'utente senza limiti di tempo). Il prezzo è pari a quello degli MP3 con sconti dal 30% al 60%.


L'ultimo piano è Sublime +, proposto al prezzo di 349,99 Euro l'anno. L'offerta comprende lo streaming di gran parte del catalogo in alta risoluzione, con una qualità fino a 192kHz/24-bit (alcuni brani non sono disponibili in Hi-Res e vengono veicolati in qualità CD). Sono sempre presenti gli sconti per il download delle canzoni.

I piani Premium e Hi-Fi si possono testare gratuitamente per 30 giorni. Qobuz si può utilizzare tramite dispositivi iOS e Android, PC ed è supportato da numerosi prodotti audio (Yamaha, Marantz, Denon, Onkyo, Technics eccetera).

Denis Thébaud, CEO di Xandrie, editore di Qobuz, ha dichiarato:

Con l’apertura di Qobuz in Italia e Spagna entriamo in un nuovo ciclo di sviluppo del nostro servizio. Questo ciclo include dei miglioramenti funzionali ed editoriali che permetteranno a Qobuz di mantenere le sue promesse in termini di eccellenza. Quando pensiamo a Qobuz, pensiamo alla qualità. È il nostro tratto distintivo da più di dieci anni. Storicamente, possiamo affermare che sia stato Qobuz a far affacciare lo streaming musicale a un’esigenza di qualità d’ascolto di livello superiore. Un'esperienza nuova per il cliente, singolare e d'alta gamma sarà al centro della questione. I servizi spagnoli e italiani sono totalmente concentrati, animati e scritti ad un livello di qualità tale, che pensiamo stabiliranno un nuovo standard.

  • Qobuz | Android | Google Play Store, Gratis
  • Qobuz | iOS | iTunes App Store, Gratis
  • Qobuz | Web | Steam, 14.99€
L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 605 euro oppure da ePrice a 653 euro.

39

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Oliver Cervera

Con questo commento hai appena guadagnato un nuovo fan/follower :D

Simone

Di che stai parlando tu?

Alex

E allora di che stiamo parlando

Simone

Se non fosse che utilizzo tutti i giorni un iMac e un iPad Air 2...

Alex

Ma io userei volentieri Spotify o altri servizi di streaming se fossero migliori e mi offrissero qualcosa in più, purtroppo non è così e anzi, dal tuo commento si evince come tu sia il classico utente Che odia la Apple a prescindere senza nemmeno aver provato uno loro prodotto ;)

Simone

Sei il classico utente Apple: non conosce la concorrenza e ha la presunzione di star usando il meglio.

Alex

Con pubblicità e senza la possibilità di scegliere un brano o skippare? Ma neanche lo considero

Simone

Per esempio, perché nella sua versione base per desktop è gratis.

Alex

Da dividere con altri 5 implica che il sesto sei tu... e poi l’immagine che hai postato non fa che confermare quello che ho detto... non c’è una selezione alfabetica laterale per cercare le canzoni e per chi come me ne ha 6000 non è proprio una cosa comodissima. Ahh, ma poi la questione di Spotify che non ti fa salvare offline più di 3333 brani? Cosa dell’altro mondo e inconcepibile

Francesco Gazzotti

1. L'hai detto tu che è da dividere in 5, quindi se ti sei sbagliato tu hai poco da smontare punto per punto dopo..
2. Sicuramente anche su Spotify c'è roba che su Apple Music non c'è
3. Io non ho detto che non funziona, io detto che volevi rimanere in tema Apple
3 bis perché anche contare fino a 4 non è facile. È questione di abitudine, ti potrei dire che non mi trovo nemmeno sul nuovo App Store ma dipende da cosa si utilizza quotidianamente, nessuno è inutilizzabile. Ps. Se con "scorrerebbe l'elenco tramite iniziale dei brani" intendi l'ordinamento della lista ti allego un'immagine che lo mostra
4. Ma è il punto due rimescolato, come le serie s degli iPhone..

https://uploads.disquscdn.c...

Alex

Spotify per quale motivo sarebbe NETTAMENTE migliore? Illuminami

Banjo

Ahahah grande!

albi00

Togetherprice

Simone

La qualità di Apple Music e simili è zero, se il numeratore quindi è zero, non ha importanza quanto sarà il denominatore.

E comunque, nel complesso, Spotify è un servizio nettamente migliore.

Io preferisco pagare di più per un servizio migliore anziché di meno per uno scadente, peccato solo che, come al solito in Italia, lo streaming di Tidal consumi traffico.

Alex

Allora ti smonto punto per punto quello che hai detto.
1: Apple Music costa 14,99 di dividere in 6 quindi sono uguali
2: il catalogo lo stesso? Anche no considerato che spesso ci sono esclusive che solo Apple ha ma anche lì si, son simili
3: ho iPhone ma l’app Android di Apple Music va che è un’anima meraviglia quindi la possono usare benissimo anche utenti Android
3: ma hai mai provato le due app a confronto? Spotify è talmente incasinata rispetto ad Apple Music che non la reggo proprio è nella sezione “miei brani” addirittta non puoi neanche scorrerebbe l’elenco tramite iniziale dei brani ecc ecc...
4: Apple Music ha anche video musicali e interviste inedite cosa che Spotify non ha...
In conclusione ditelo subito che odiate a prescindere Apple perché altrimenti non si spiega questo accanimento verso un’app che sicuramente nemmeno avete provato (se non l’avete fatto scaricatela che avete i primi 3 mesi gratuiti).

Alex

Parlo come rapporto qualità prezzo. Ovvio che Tidal abbia una qualità molto migliore ma quanto ti costa?

IRNBNN

da incorniciare e appendere al muro

Norman Tyler

ah beh senza il folk rock Russo mi sento perso ...scaffale....

Giuseppe B.

C'era un sito per condividere gli abbonamenti in sicurezza. Qualcuno si ricorda il nome?

Simone

...Se sei sordo.

Ma22

Che una volta acquistata la traccia o l’album rimane nella cronologia acquisti per sempre. Quando scarico un brano da Google play (lo preferisco rispetto a iTunes per qualità audio) faccio due copie di backup. Una su one drive, una su gdrive e una su hard disk esterno

Francesco Gazzotti

Se non hai disabilità particolari non vedo dove sia il problema di fruibilità di spotify.. Per non parlare del fatto che il catalogo è lo stesso.. Ah e spotify è da 15 euro ma divisibile in 6. Dillo che hai l'iPhone e vuoi rimanere in tema, senza parlare del fatto che Apple music gli fa concorrenza sleale dato che l'app store prende il 30% degli abbonamenti..

momentarybliss

Strano non ci sia il piano "Supremo Putin"

Alex

Io parlo anche di interfaccia e fruibilità dell’app senza contare il catalogo... Apple Music batte a mani basse Spotify in tutto

Andrea__93

Spotify Family non è la stessa cosa? (ce l'ho tutt'ora)
Io li ho provati tutti tranne apple music, come qualità il migliore è TIDAL ovviamente, però gli altri dovrebbero essere equivalenti come qualità

Alex

Li ho provati davvero tutti e Apple Music è il migliore come qualità prezzo. 15 euro da dividere con altri 5 amici per spendere quasi nulla per un servizio ottimo

Andhaka

Idem.

Spotify gratuito per ascolto casuale e magari scoprire qualcosa di nuovo (raro) e cd fisici sullo stereo per la musica a cui tengo.

Cheers

Giardiniere Willy

Questi abbonamenti hanno senso solo con il pacchetto famiglia. Figurati se spendo 100€ l'anno per ascoltare musica, non lo faccio né con Spotify né con nessun altro. Se poi trovo qualcuno con cui condividere l'abbonamento allora si può fare

delpinsky

Il catalogo è meno completo di Spotify, ad occhio. Io sono andato ancor più all'estremo nelle mie ricerche:

Midnight

Mmh ho dato un'occhiata veloce ad una decina di artisti più o meno conosciuti ma vedo alcune lacune abbastanza consistenti anche se forse mi aspettavo di peggio, paradossalmente manca un album degli Arctic Monkeys (una band internazionale) ma c'è tutta la discografia, compresa quella più vecchia, di Noyz Narcos (rapper dell'underground italiano)...

delpinsky

Sì, credo ti facciano ascoltare i brani sample da 45s in formato mp3 320kbps. Clicca su "download" e ti apre la pagina del loro catalogo/shop dove puoi fare le ricerche per artista o album, brano ecc ecc

Midnight

C'è un qualche modo per controllare il catalogo senza iscriversi?

delpinsky

Il catalogo è migliorabile, comunque sono riuscito a trovare della musica Folk-Metal russa che mi piace.. per ora mi godo il periodo di prova gratuita.
Prova ad usare Fiddler mentre ascolti e sul pacchetto clicca copy URL... :)

@curlymoka

Il concetto però è molto diverso, da una parte paghi la semplicità e l'immediatezza di poter ascoltare qualunque brano quando ne hai voglia e di scoprirne altrettanti, a me non importa di "possedere" i brani ad esempio, amo i consigli, le radio, il poter creare delle playlist e trovarmele sincronizzate su ogni dispositivo. Il concetto è che pago un servizio fin quando ne voglio usufruire e se mai arriverà il giorno che non potro' permettermi 99€ all'anno per ascoltare musica penso che avrò altri problemi per la testa. Ovviamente se uno da peso ai 99€ è perchè questo tipo di servizio non fa al suo caso, io ad esempio non spenderei mai 50€ al mese per Sky ma capisco cosa spinge la gente a sottoscrivere l'abbonamento.

Arslan

La uso da qualche giorno ed a parte la UI migliorabile, va benissimo. Per chi usa Dac e cuffie di qualità é da prendere in considerazione, per la massa Spotify va bene.

-|benzo|-

in che sneso per sempre?? Nel senso di acquistare le singole tracce digitali?

Ma22

È quello che dico e faccio anche io. Spendi ben 100/120 euro l’anno per un servizio che quando smetti di pagare perdi tutto...
Mettiamo caso che io uso spotify a pagamento da 5 anni... in 5 anni ho speso ben 600 euro di musica “virtuale”. Con iTunes, Google Music e servizi simili paghi di più ma almeno la musica è per sempre

Thomas Schietti

E poi per Android esce l'APK "modificato" e salta il piano da 349€ ;)

StriderWhite

Sinceramente preferisco ormai usare Spotify gratuitamente e comprarmi le canzoni che mi piacciono davvero...altro che 200 euro l'anno!

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima

RECENSIONE Dji Mavic AIR: meglio o peggio del Mavic Pro?