Hisense, in arrivo il TV Ultra HD con 1.000 zone di local dimming

10 Gennaio 2018 9

Hisense ha svelato la gamma TV europea per il 2018. Al vertice si collocherà la serie U9A (foto in apertura), già presentata al CES sotto forma di prototipo. Parliamo di TV ULED (Ultra LED, la sigla usata da Hisense per i prodotti di fascia alta) con pannello LCD VA Ultra HD, retroilluminazione Full LED, Quantum Dot e una retroilluminazione molto sofisticata. Sono infatti presenti 1.000 zone di controllo per il local dimming, un numero molto alto che permetterà di gestire il livello del nero e i picchi di luminosità con maggiore precisione.

Hisense U7A

Hisense dichiara picchi fino a 2.500 cd/m2 - nits e una frequenza di aggiornamento fissata a 100Hz. La copertura dello spazio colore Rec.2020 (il più ampio in assoluto) raggiunge il 90%. Sono supportati HDR10, HLG e secondo alcune indiscrezioni verrà introdotta la compatibilità anche con HDR10+. I tagli disponibili saranno 65" e 75".

Della gamma ULED farà parte anche la serie U7A, composta da un 50", un 55" e un 65". Parliamo dunque di LCD VA Ultra HD sempre con Quantum Dot. Cambia la retroilluminazione, non più Full LED ma LED Edge. La frequenza di aggiornamento è sempre fissata a 100Hz. Il design prevede una cornice molto sottile.

Hisense U8A

Hisense dovrebbe inoltre lanciare la serie U8A, anch'essa mostrata per la prima volta a IFA 2017 (la potete vedere in video qui). Si tratta di una sorta di versione LCD dei TV OLED Wallpaper. Abbiamo quindi display sottilissimi, circa 6 millimetri di spessore. L'elettronica e la sezione audio sono contenute all'interno di una soundbar esterna collegata tramite un cavo in fibra ottica (quasi invisibile). Ovviamente parliamo sempre di modelli Ultra HD con Quantum Dot. Per ora sembra previsto solo il taglio da 65".

La nuova gamma dovrebbe arrivare nei negozi intorno ad aprile/maggio: per U9A si parla di circa 6.000 euro per il 75" (prezzo da confermare), mentre per U7A il listino dovrebbe partire da 800-1000 euro.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
pollopopo

allora il discorso cambia...io parlo di quello che c'è oggi :P

è isolato troppo poco dal fuori (frusci, il rumore del rotolamento sull'acqua ecc...) inoltre la mia ha parecchi difettucci oltre ai canonici scricchiolii che per avere 18000km non sono nemmeno poi tanto pochi... :/

Nicola Buriani

Sicurissimi, se recuperi la notizia su IFA vedi che addirittura avevano scritto il numero di zone sullo stand dove avevano installato il TV (1.056 per il 65").
Discorso diverso per la copertura del Rec.2020: lì ci andrei con i piedi di piombo, non sarebbe la prima volta che il dato dichiarato da un produttore si rivela troppo ottimistico (non a caso non l'ho evidenziato nell'articolo, secondo me al 90% non ci arriverà).

Samu

Io intendo proprio il qdot inorganico, non solo il filtro. Sulla carta è autoemissivo come l oled ma non è organico, e potenzialmente più luminoso dell oled perché non soffre di burn in e invecchiamento. Quella sarà la prossima tecnologia che potrebbe pareggiare o superare l oled...

Per la clio sul forum ne stanno venendo fuori sempre nuove... Dipende tanto anche da quanto uno ci corre... Però ad occhio non è l'auto che punterei per fare 300mila km. Io per adesso a parte qualche piccolo scricchiolino di plastiche su delle buche mi ci trovo benino, sui fruscii comunque in autostrada uso spesso la radio quindi per me è un problema minore... Se non sbaglio tu ne avevi una edc? Come ti trovi?

Filippo Rossano

Ma siamo sicuri dei dati sul U9A? Sarebbe il tv LED sulla carta migliore mai visto, contando che lo ZD9 sta a circa 700 zone nel taglio da 65" e con luminosità di circa 1800 nits, ma soprattutto la copertura dello spazio colore Rec.2020 al 90% è altissima, tutti i tv del 2017 quando arrivano al 60/65% è già tanto :)

Samu

Samsung via via sostituira (inizialmente nella fascia alta) gli lcd con Qdot led autoemissivi, quindi immagino una bella rivalità tra tecnologie autoemissive, gli lcd saranno sicuramente rilegati in secondo piano per meri motivi di costi produttivi...tra due tre anni un oled stampato costerà molto meno di un fald a 1000 zone a livello industriale, ma pure un Qdot autoemissivo... Ed entrambi saranno sempre superiori in tanti aspetti cruciali della qualità video... Quindi gli lcd non scompariranno sicuramente ancora per un bel po, tranne che nelle fasce top di mercato.
Ot: come mai non vedo più commenti nel forum della clio? Venduta? :D

pollopopo

semplicemente i due colossi sono lg e sammy e sammy non produce oled per tv e certamente non li compra da lg...

inoltre non ci sono poi chi sa quali innovazioni... semplicemente i costi di produzione si stanno abbassando. Ho un sammy UE55D8000 del 2011 con micro-dimming ecc... e lo trovo migliore di molti TV da 55 pollici. Ovviamente era quasi il top per i suoi tempi.

Guido Dal Bo'

Per anni i produttori di TV hanno sofferto di letargia. Ora si sono svegliati. Eccome!!!

GTX88

gne gne gne

Svasatore

Qualche macrocefalo diceva che il led era morto e l'oled avrebbe avuto moltissimi anni di sviluppo.
Ragionamenti da bambini di 7 anni.
Solo perché una tecnologia è nuova non vuol dire che sia portata ad avere un grosso sviluppo.

Canon PowerShot G7 X Mark III: come va la compattina per gli YouTuber | Recensione

Canon EOS RP: la mirrorless full frame si fa leggera (anche nel prezzo) | Recensione

Recensione TV LG OLED55B8PLA: il campione del rapporto qualità/prezzo

Recensione TV Sony KD-65AF9: OLED e Android TV ai massimi livelli