La AI Technology di Samsung migliorerà le immagini sui TV 8K e anche l'audio

15 Febbraio 2018 5

Samsung ha fornito qualche dettaglio aggiuntivo sulla AI Technology, l'elaborazione audio e video integrata sui TV QN85Q9S 8K (7680 x 4320 pixel) mostrati al CES 2018. Il funzionamento è basato sul cosiddetto "Machine Learning". Normalmente i processori video si operano tramite una serie di direttive impartite dalle persone che hanno eseguito la programmazione. Tramite il Machine Learning è possibile sfruttare un'intelligenza artificiale in grado di apprendere determinati modelli e di applicare le relative ottimizzazioni.


La AI Technology Samsung utilizza il Machine Learning per applicare il filtro Super Resolution (Machine Learning Super Resolution, MLSR). L'intelligenza artificiale compara versioni dello stesso contenuto in alta e bassa qualità, in modo da apprendere come rilevare le differenze e formare così un vasto archivio. La tecnologia analizza milioni di contenuti video e trova le correlazioni tra immagini simili. L'analisi effettuata porta la AI Technology a poter identificare il filtro più opportuno da utilizzare per qualsiasi contenuto a video, ottenendo una resa migliore in 8K.


Questo trattamento video si applica a tre elementi. Il primo è il "Detail Creation", che identifica le aree in cui il livello di dettaglio deve essere incrementato. La "Edge Restoration" si occupa invece di migliorare i contorni di testi e soggetti. Il segnale viene ottimizzato per favorite la visibilità degli elementi più fini e per incrementare la leggibilità. "Noise Reduction", infine, riduce il rumore video che si genera durante la compressione dei filmati.

I miglioramenti non riguardano solo il video. Anche i suoni subiscono un analogo processo di ottimizzazione. La AI Tecnhology è in grado di analizzare il suono scena per scena, intervenendo ad esempio per amplificare l'impatto dei cori ad un evento sportivo o enfatizzando le basse frequenze durante un concerto. Gli ingegneri Samsung stanno inoltre lavorando per ottenere una resa personalizzata in accordo alle preferenze di ciascun utente. Gli aggiustamenti apportati potrebbero quindi giungere a tenere in considerazione il livello del volume, l'ambiente circostante e anche l'ora in cui il TV viene utilizzato.

La AI Technology può essere applicata a segnali con risoluzione SD (Standard Definition), HD o Ultra HD e può migliorare anche la gestione del local dimming. I primi TV QLED 8K con AI Technology arriveranno nella seconda metà del 2018.


5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Babi

Bo certi movimenti mi danno la sensazione che il 4K lo vogliano quasi saltare a piedi pari, è così?

Antonio63333

Un tv praticamente inutile, visto che di 8k non esiste nulla (Giappone a parte). Quando ci sarà qualcosa in 8k questo tv sarà da museo in quanto saranno nel frattempo usciti nuovi codec e nuovi standard a cui questo tv non sarà compatibile, quindi sono soldi assolutamente buttati.

diego

Io aspetto il 24k a 180 pollici cosi' con un televisore solo se lo vede anche mio padre al paese..

Scottyy Wiz

prima si sviluppa la tecnologia poi i contenuti...avere dei contenuti 8k senza uno schermo 8k sul mercato sarebbe un po' imbarazzante...certo lo si potrebbe pensare anche al contrario ma su uno schermo 8k puoi cmq vedere il 4k o quei pochissimi contenuti che ci sono adesso in 8k poi col tempo si aggiungeranno degli altri...il problema non è dei produttori ma delle reti di telecomunicazioni che sono pessime e le emittenti almeno in italia devono trasmettere in neanche hd

momentarybliss

Mi domando quale mercato possa avere l'8K da giustificare una produzione industriale

Recensione proiettore BenQ TK800, Ultra HD e HDR luminoso per l'intrattenimento

Recensione Sony KD-55XF9005, Android TV UHD con Dolby Vision ed elettronica top

RECENSIONE GoPro Hero 7 Black Edition, la stabilizzazione è il punto di forza

Recensione Sony Alpha 7 III: provate a prenderla!