HTC Vive Focus VR riceve un importante aggiornamento. Tante le novità

25 Maggio 2018 5

Vive Focus VR è un interessante visore standalone presentato da HTC nel mese di novembre, attualmente disponibile soltanto in Cina ma che, entro la fine di quest'anno, dovrebbe essere commercializzato anche in altri mercati internazionali.

In occasione della conferenza annuale dedicata all'ecosistema Vive, l'Azienda ha annunciato l'arrivo del System Update 2.0, un importante aggiornamento per il visore che porta con sé numerose novità interessanti, prima fra tutte la possibilità di ricevere le chiamate, le notifiche social e i messaggi da uno smartphone associato, direttamente nel vive Focus. Il primo device a supportare tale interazione sarà, ovviamente, il recente U12+.

Tra le altre caratteristiche implementate troviamo la modalità Surround che, sfruttando le telecamere anteriori, consente di vedere il mondo reale e camminare tranquillamente senza dover prima sfilare l'indossabile dalla testa. Tale funzionalità si attiva facendo un doppio clic sul pulsante di accensione e, come dimostrato da Alvin Wang Graylin, presidente di HTC Vive Cina, può essere utilizzata anche mentre si effettua una telefonata.


Presenti, inoltre, il supporto al WiFi a 5 GHz per la trasmissione di contenuti Steam o Viveport VR da PC e la nuova Passenger Mode che disabilità parte dei tracker di movimento (passaggio dalla modalità 6DoF alla 3DoF) in modo da consentire l'utilizzo del visore anche durante i viaggi in aereo, treno o con altro mezzo, senza che la velocità dello stesso influisca negativamente sull'esperienza virtuale. Ciò garantirà un aumento dell'autonomia di circa un ora.

Ultima, ma non per importanza, la possibilità di installare le app VR direttamente nella microSD esterna, eliminando il limite precedente imposto dalla memoria interna al dispositivo.

Oltre a quanto appena descritto, HTC ha anticipato alcune delle funzionalità che verranno rese disponibili a partire dal terzo trimestre del 2018 come il tracking dei movimenti delle mani tramite le fotocamere anteriori, i mirroring del display dello smartphone sul visore e dal Vive Focus ad una TV, oltre alla possibilità di utilizzare l'HTC U12+ come controller.

HTC U12+ mostrato come controller per il vive Focus VR

Noi italiani, come tutti gli occidentali, purtroppo, dovremo aspettare ancora diversi mesi prima di poter provare il Vive Focus VR e tutte le novità appena descritte, ma fa piacere constatare l'impegno di HTC nel voler creare un ecosistema proprietario in cui i loro principali prodotti possono comunicare ed essere utilizzati per differenti scopi.

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, in offerta oggi da Tecnosell a 338 euro oppure da Amazon a 399 euro.

5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabrizio Degni

Si possono installare le apk tramite shell, direttamente no per via del Launcher. Per invocare invece quanto installato sempre da Shell. La base è Nougat.

emmeking

"ma fa piacere constatare l'impegno di HTC nel voler creare un ecosistema proprietario"
Ah.

Fabrizio Degni

Si, ma vado lì spesso.

IlFuAnd91

Ma non è solo per il mercato cinese? O.o

Fabrizio Degni

E da circa 2 settimane che non lo uso... Grazie per la news!!!

Recensione TV Hisense 55U7A, Smart TV HDR con buon rapporto qualità/prezzo

Recensione Logitech G560, speaker 2.1 con LED RGB

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video

Sony Alpha 7 Mark III provata per voi: primi scatti e Video anteprima