Home Entertainment: un mercato da 340 milioni di euro nel 2017, cresce il digitale

26 Giugno 2018 44

Il mercato dell'Home Entertainment ha registrato un fatturato di 340,2 milioni di euro nel 2017, derivati soprattutto dalle vendite di supporti fisici, in particolare DVD, rivolgendosi a 5 milioni di acquirenti. Sono questi i dati emersi oggi dall'indagine annuale commissionata a Gfk da Univideo, l'associazione di categoria che rappresenta gli editori audiovisivi su media digitali (DVD, Blu-ray e 4K Ultra HD) e online (piattaforme di distribuzione digitale).

Il report (disponibile per il download su E-Duesse) dimostra che, nonostante il fatturato complessivo sia in calo (-10,8% rispetto al 2016), gli acquirenti rimangono fedeli a DVD e Blu-ray, che nel 2017 hanno fruttato 255 milioni di euro - di cui 180 milioni tramite canali tradizionali, 50 milioni tramite le edicole e 25 milioni tramite il noleggio - confermando il proprio predominio sul mercato; cresce il digitale che, con 85,2 milioni di euro di fatturato, arriva ad occupare un quarto dell'intero comparto grazie all'incremento delle transazioni digitali.


Tra i supporti, il DVD risulta ancora il formato più venduto (72,1% del valore totale) e presenta un prezzo medio di 10,28 euro, stabile rispetto al 2016; ridotto invece il comparto del Blu-ray (27,9%), nonostante forti attività promozionali che hanno contribuito ad abbassarne il prezzo medio, che si attesta sui 13,72 euro.

Per quanto riguarda i contenuti, i titoli da catalogo occupano l'82,8% delle vendite totali, con una predominanza nel settore dell'e-commerce, mentre i titoli-novità (17,2%) vanno forte soprattutto nei negozi specializzati in tecnologia e consumo. Il 2017 ha segnato un andamento positivo per le edizioni da collezione (prezzo medio sopra i 25 euro), che sono cresciute del 13,7% grazie a cofanetti/edizioni speciali e serie tv.


I film si confermano il genere più amato , con il 56,3% del fatturato home video, seguiti al secondo posto dall'animazione con il 21,5% e al terzo dalle serie tv con il 14,1%. A conferma di quanto detto, i titoli più venduti nel 2017 sono Oceania, Animali Fantastici e dove trovarli, Rogue One, Alla ricerca di Dory, Harry Potter - New collection, La bella e la bestia, Pets, Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar, Sing e infine Cinquanta sfumature di nero.

Il principale canale di vendita per i supporti fisici sono i negozi specializzati in tecnologia (40,8%), a cui segue l'e-commerce con il 27,3%, i negozi specializzati in intrattenimento con il 17,9% e la grande distribuzione con il 14,1%. Una sorpresa, forse, deriva dai dati sul noleggio: anche se in calo rispetto al 2016, sono un milione le persone che noleggiano DVD e Blu-ray con regolarità, generando un fatturato di 25 milioni di euro.


Il mercato digitale, in crescita del 10%, ha totalizzato 15 milioni di transazioni per un fatturato totale di 66 milioni di euro; anche in questo caso c'è chi preferisce acquistare i titoli (622mila persone) e chi noleggiarli (1,8 milioni di persone), mentre diminuisce chi utilizza altre modalità di fruizione dei contenuti digitali come Chili Tv, Google Play e Itunes.

E gli acquirenti? Secondo i dati riportati, nel 2017 sono stati 5 milioni, di cui 3,5 milioni hanno acquistato un contenuto su supporto fisico e 2 milioni un contenuto digitale; solo il 10% del totale ha acquistato entrambi i tipi di prodotto e la spesa media pro-capite è di 68,40 euro, stabile rispetto al 2016. Gli utilizzatori finali però, sono 7,4 milioni, perché i contenuti vengono fruiti in maniera condivisa.

A fronte di un calo di acquirenti occasionali, rimane stabile lo zoccolo duro di clienti fedeli che acquistano regolarmente prodotti audiovisivi. In generale chi acquista materiale home video manifesta anche una decisa apertura verso altri mercati di intrattenimento: il 62,8% va anche al Cinema, oltre il 50% acquista libri, il 31,1% musica e il 30,4% giochi.

Giorgio tacchia, cofondatore e ceo di Chili, Gianmaria Donà Dalle Rose, presidente International Video Federation, Mauro Pezzali, vp Univideo e direttore area home entertainment Rai Cinema/O1 distribution, Roberto Paris, managing director Universal Pictures Italia He e Alessandro Caccamo, vp Univideo e ad 20th Century Fox He. Credits: PrimaOnline

Ma soprattutto, perché si compra? Chi predilige il supporto fisico è guidato dalla passione per il contenuto e vuole collezionarlo, mentre chi si rivolge al digitale cerca un intrattenimento mordi e fuggi: ne deriva che il supporto fisico resta un catalizzatore emozionale in grado di riunire le persone davanti allo schermo casalingo, decretandone anche le scelte in termini di catalogo e modalità di fruizione.

Secondo quanto affermato in conferenza stampa e riportato dal Corriere della Sera, i comportamenti si distinguono anche geograficamente, come dimostrano le due città campione di Milano e Roma: "nel capoluogo lombardo si registra un consumo maggiore di dvd e Blu-ray, anche tra i giovani: l’euforia digitale si è in parte normalizzata e si ritorna ad apprezzare qualità e durabilità del prodotto fisico. Nella Capitale, invece, c’è una maggiore propensione alla visione digitale di film e audiovisivi e l’acquisto online è considerato un’opportunità da cogliere al volo".

Il miglior Xiaomi ad oggi? Xiaomi MI 9 è in offerta oggi su a 319 euro oppure da Amazon a 369 euro.

44

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Manuel Bianchi

Effetivamente come proporzione fa impressione, ma incideranno i dvd venduti un tanto al kilo

limada

…...e allora, non li comprare, fai streaming, io li compro, tutto qui.

limada

Io continuo a comprare, ora Blu-Ray, e continuerò quello che per me è più importante, liberi di fare, anche di non avere TV.

Squak9000
Francesco

questioni di lana caprina

OlioDiCozza

ti rimane finché tu e loro siete online

OlioDiCozza

tu hai le capacità intellettive in comodato d'uso

OlioDiCozza

la tua donna non è tua perché non è un oggetto ne una proprietà, anzi se consideri così le donne meriti di rimanere solo

Francesco

sono comunque pochi soldi in confronto alla vendita dei supporti

Aster

per fare un esempio banale enciclopedie,collezioni di appassionati dove li trovi in streaming?

Squak9000

ma sti caxxi... cioè sono dischetti e spazzatura che fará polvere in casa.

La maggior parte di ‘sta roba la butto o la regalo.

Preferisco possedere la mia casa, la mia donna, la mia dignità ecc...

i dischetti li lascio a chi si crea falsi miti.

Squak9000
Francesco

scusa ma un conto è una piattaforma come netflix dove paghi un abbonamento e hai accesso a tutto un catalogo, se tu compri un singolo contenuto, come su timvision, ti rimane

anche perché netflix ti costa come un supporto fisico al mese (per non parlare di abbonamenti condivisi)

OlioDiCozza

ci sono un sacco di B e C movies che trovi solo su DVD

OlioDiCozza

si ma il problema è che non saranno mai davvero tuoi e sarai schiavo delle case di tenere o meno i loro contenuti su una determinata piattaforma.

OlioDiCozza

"Ma soprattutto, perché si compra? Chi predilige il supporto fisico è guidato dalla passione per il contenuto e vuole collezionarlo, mentre chi si rivolge al digitale cerca un intrattenimento mordi e fuggi: ne deriva che il supporto fisico resta un catalizzatore emozionale in grado di riunire le persone davanti allo schermo casalingo, decretandone anche le scelte in termini di catalogo e modalità di fruizione."

NO

Chi compra vuole la sicurezza che il contenuto sia disponibile SEMPRE E PER SEMPRE, che non abbia problemi a guardarlo quando non c'è connessione, che rimanga sempre disponibile invece che essere rimosso per scadenza dei diritti o altri motivi economici (un'esempio è la Disney che rimuoverà tutti i suoi contenuti da Netflix dopo il lancio della sua piattaforma online)

Leox91

Ho smesso di comprare DVD dal....2010? Non ho più un PC con lettore. Il vecchio lettore DVD da salotto svenduto ad un prezzo osceno.
Come diavolo fa la gente a conservare quelle scatole di plastica attirapolovere non lo so.

Comunque, mi sarei aspettato un fatturato maggiore.

Maselli Luca

Veramente non capisco questi degenerati possessori di diritti cosa hanno per la testa. Invece di riversare in streaming tutti i loro cataloghi in un unico sito, con un piccolo contributo che ne so, 9 euro al mese ma all'inizio di ogni film una piccola pubblicità mirata in base ai gusti dell'utente tramite profilizzazione, non farebbero più soldi?

Utente9000

Certo, io sono la nicchia.

7 persone su 10 se ne fregano della qualità e pensano a risparmiare. Alla fine sui TV 720p il DVD fa un figurone, per apprezzare il Blu Ray ti serve un 1080p decente. E il cestone del Conad ha DVD 5€ pigli 3 paghi 1.

Felix

Per riprendere i tuoi esempio i Blu-Ray di Kenji Mizoguchi e Mario Bava esistono, forse non tutta la filmografia completa, ma comunque c’è ne sono:
http://www.blu-ray.com/Kenji-Mizoguchi/99701/
http://www.blu-ray.com/Mario-Bava/126878/

Il problema semmai, e non per colpa del formato, è che non sono disponibili Italia... problema che conosco bene, dato che collezionando Blu-Ray ho dovuto importare diverse edizioni non commercializzate in Italia.

Per gli altri due problemi vale il discorso di sopra, edizione di qualità ne esistono anche in Blu-Ray, il fatto è che l’Italia è stranamente bistrattata sotto questo aspetto.

In ogni caso, tutto ciò non giustifica un rapporto di 7 su 10 a favore dei DVD

Utente9000

Molti comprano in DVD per avere un film migliore. Tante volte le edizioni sono fatte a c***o di cane, e sono talmente scarse da farti preferire i DVD.

Che me ne faccio della qualità video se poi mi tocca vedere scene tagliate, color correction non originale o addirittura doppiaggio "aggiornato" (magari con Rovazzi al posto di Oreste Lionello)?

Per non parlare poi dei contenuti extra. A volte rinunciando alla qualità del Blu-Ray si guadagna molto di più.

Utente9000

Pensa te io a volte uso ancora i laserdisc.

Utente9000

Io sono uno di quelli, la situazione e semplice.

1) In Blu Ray oltre ai titoli contemporanei e quelli famosissimi non esiste nulla. Il catalogo è ridicolo. Se vuoi comprarti i film di Kenji Mizoguchi, o chessò, tutta la filmografia di Mario Bava dove vai?

2) Alcune edizioni sono migliori in DVD. No, ovviamente non parlo della definizione. Contenuti extra: Un determinato documentario allegato, il commento del regista...

3) A volte su DVD trovi un miglior film punto. Può essere la color correction originale, può essere una variazione nel minutaggio, può essere una tale scena non censurata.

I motivi sono molti.

Utente9000

Tante belle edizioni si trovano solo in DVD.
In Blu Ray oltre ai titoli famosi c'e il nulla.

Felix

Salvo qualche raro titolo di interesse solo a qualche collezionista si, ormai è praticamente tutto su Blu-Ray, a partire dai vecchi film classici rimasterizzati in digitale... difficilmente quando cerco qualcosa non lo trovo in Blu-Ray.

In ogni caso, non spiega come sia possibile che su ogni 10 supporti fisici venduti 7 siano DVD

Utente9000

320 milioni tutto il mercato di un anno.

E c'era uno qua nei commenti che diceva che Solo: A SW Story si sarebbe salvato coi DVD.

Manuel Bianchi

Bhe mica tutto è su BR...

Ansem The Seeker Of Darkness

Quella classe povera ha i soldi per DVD? Semmai mi aspetto che siano quelli che piratano e basta .

Felix

Ho comprato il mio primo film in Blu-Ray nel relativamente lontano 2009... mi domando come possa esistere qualcuno che ancora acquista e soprattutto guarda DVD

Carlo

Allora di sicuro faccio confusione con i nomi degli allestimenti, una cosa è certa cioè che è la non plus ultra. Mi pare che i sensori di parcheggio non si potessero proprio avere in og i caso

Pip

Guarda che l'allestimento lounge costa di base 13.700 euro e quello trend blue edition che ho fatto prendere io, di base costa 17.850. Entrambe dando indietro un auto da rottamare, cosa che noi non abbiamo fatto, quindi DI BASE, ci sono da aggiungere 4500 euro per entrambe
Anzi, ti dico di più, quell'auto ci è costata 18750 euro, compresa di sensori di parcheggio come optional (che ormai dovrebbero essere uno standard, ma vabbè), solo perché era in pronta consegna, altrimenti sarebbe costata molto di più.
E il modello è lo stesso, visto che la nuova versione della Yaris è uscita circa un anno fa

saccovr

Ma chi compra ancora i DVD con la loro pietosa qualità?

Carlo

Pagare una yaris hybrid 8 mesi fa 19k euro, beh, fossi in te eviterei di dare consigli sulle auto, mia sorella ha immatricolato prime dell'inizio delle scuole una lounge (la top) dove se non sbaglio l'unico optional è il tettuccio apribile, a 15k euro. E stiamo parlando già del modello con il nuovo stemmino blu

SONICCO

la parola pericolosa è stata "r1dicoli"

Dr. Home

E capitato anche a me.
Per risolvere —> Cancella i cookies e i dati del tuo browser nonché la cronologia!

Pip

Il 99% delle persone non riconosce la differenza tra il canali normali e quelli dopo il 500, gli sembrano uguali...
Poi ci sono io che quando mi ritrovo davanti una televisione che visualizza canali in SD mi strapperei gli occhi, si vedono peggio di un video su YouTube a 240p

Pip

Non è che esce un formato nuovo dei buttare tutto...
Io ho una cinquantina di videocassette con tanto di videoregistratore per vederle, da quello che so non hanno preso fuoco da sole dopo che sono usciti i dvd e i blu Ray...

Pip

Ragazzi, ma che cacchio di filtri avete impostato? Questo mio commento scritto nella prova della Smart electric prima è stato inviato correttamente, dopo un ora, per chissà quale motivo e dopo che qualcuno mi aveva già risposto, è andato in moderazione.
Adesso disqus mi segnala, con una bella scritta rossa sul profilo, che il commento è stato identificato come spam... https://uploads.disquscdn.c...

Squak9000

Ionestamente non mi va di spendere per il supporto fisico che a breve sarà obsolescente...

Ti compri una libreria di 100 film che dopo 10 anni devi cestinare perchè è uscito il formato nuovo.

Quando la rete incomincerá a volare e sarà possibile fare streaming di contenuti ad altissimi bitrate tutta stabroba fisica sparirá...

Squak9000

Come detto sopra.. considera anche la classe povera... che non ha neanche i soldi per prendere una TV FHD e sta ancora con il tubo.

Ansem The Seeker Of Darkness

Se devo spendere 5€ per una cosa che vedo male, allora non la compro.

Squak9000

a 4/5€ nei supermercati vanno a gogo... tanto lo vedono e poi lo mettono a far polvere.

Ci sono realtá che sono ben differenti da quelle nostre...

ci sono anche i veri poveri

Squak9000
Ansem The Seeker Of Darkness

In tutto ciò la cosa che più mi stupisce è che ci sia chi compra dei DVD!

Canon PowerShot G7 X Mark III: come va la compattina per gli YouTuber | Recensione

Canon EOS RP: la mirrorless full frame si fa leggera (anche nel prezzo) | Recensione

Recensione TV LG OLED55B8PLA: il campione del rapporto qualità/prezzo

Recensione TV Sony KD-65AF9: OLED e Android TV ai massimi livelli