Vinile vs streaming: impronte ecologiche a confronto | Studio

20 Febbraio 2019 54

Inquinano di più vinili, cassette e CD o la musica in streaming? Di primo acchito verrebbe da dire i primi, ma per i ricercatori della Keele University la risposta non sembra essere così scontata. Ma come, il vinile - materiale non riciclabile che ha sostituito nel tempo la gommalacca con cui erano realizzati i primi dischi - ha un'impronta ecologica inferiore rispetto alla musica “virtuale"?

I DISCHI

CD e vinili stanno vivendo una seconda giovinezza: basti pensare che negli USA, nel 2017 hanno registrato numeri migliori rispetto ai download, e dal 2007 ad oggi le vendite di dischi nel Regno Unito sono cresciute di quasi il 1500% (4,1 milioni nel solo 2018). Facciamo un breve calcolo: 

  • peso di un vinile: 135 grammi (circa)
  • sua “carbon footprint”: 0,5kg di anidride carbonica
  • carbon footprint complessiva: 0,5kg * 4,1 milioni = 2.000 tonnellate di CO2 (circa). Tale valore non tiene conto dell’impatto sull’ambiente di altri fattori e fasi della filiera, inclusi il packaging e la logistica.

Le custodie dei dischi sono solitamente fatte in carta, dunque in materiale riciclabile.

I CD

Il policarbonato e l’alluminio con cui sono realizzati i CD impattano leggermente meno rispetto ai dischi, anche se bisogna tenere conto del fatto che questo supporto non è riciclabile in quanto è il risultato di più materiali “mischiati” tra loro. O, meglio, è riciclabile, ma solamente a fronte di elevati costi che spesso non sono economicamente sostenibili da affrontare. Le custodie sono in plastica, quindi potenzialmente riciclabile, anche se non sempre queste prendono la direzione del recupero.

LA MUSICA IN STREAMING/DIGITALE

La qualità è elevata e, soprattutto, non si deteriora nel tempo. In più, se si considera la musica in streaming, non c’è nemmeno il bisogno di scaricarla su supporti fisici. Ma ecco il problema: tutti i file (le canzoni, per intenderci) sono salvati all’interno di enormi server (raffreddati costantemente per mantenere una temperatura costante e controllata). I dati vengono poi inviati ai nostri dispositivi mobili o PC tramite WiFi o rete cellulare. In altre parole, ogni volta che ascoltiamo una canzone consumiamo energia. Certo, anche “mettere su un disco” o un CD richiede energia elettrica, ma decisamente meno rispetto a quella richiesta dalla musica in streaming. Un paio di esempi forniti dai ricercatori:

  • Ascolto della musica da un lettore CD: 34,7KWh/anno, pari a 5£
  • Ascolto della musica in streaming: 107KWh/anno, pari a 15£

 

Si tratta ovviamente di stime (prendiamole dunque come tali), che però rendono l’idea della dimensione dell’impatto per ciascuna opzione. Manca all’appello un parametro: il numero di volte che si ascolta un brano. Se ciò avviene poche volte, allora lo streaming è meno impattante rispetto ai supporti fisici, ma se siamo appassionati con le cuffie sempre nelle orecchie, allora pare che CD, vinili o “musicassette” siano la soluzione (ambientalmente) migliore. Un esempio? Riprodurre in streaming un album per 27 volte è più inquinante della produzione di un CD.

Le soluzioni proposte dal team universitario sono diverse:

  • Se si ascolta poca musica: lo streaming va bene
  • Se si ascolta molta musica: meglio i CD e i vinili
  • Il vinile è la soluzione più sostenibile dal punto di vista ambientale
  • Se proprio non si può fare a meno della musica in formato digitale, è meglio salvarla sul proprio smartphone o PC ed ascoltarla in locale, senza dunque trasmetterla in streaming.

54

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco Seregni

senza contare che la musica in streaming "costa" SOLO l'energia elettrica per farla riprodurre, e più andiamo avanti più energia sarà prodotta da fonti rinnovabili; al contrario produrre fisicamente CD e viniili (produrli fisicamente, trasportarli, gestire la logistica etc...) richiede processi che producono direttamente "agenti inquinanti"

MFTM

Concordo con te ;)

Lost

Le tradizioni nella maggior parte dei casi hanno portato e portano solo danni. Per questo esiste il progresso e le giuste evoluzioni. Ho detto nella maggior parte dei casi, NON sempre. Ci sono tradizioni insormontabili e insostituibili, come un buon vino, un buon tiramisù, insomma delle buone traduzioni. Il vinile, ho molto rispetto per chi li ascolta, ad oggi sono una conseguenza di una cattiva tradizione.

marco

Per questo l'ipod ha ancora un senso

Horatio
Di primo acchito verrebbe da dire i primi, ma per i ricercatori dell'Università della Stradala risposta non sembra essere così scontata.

Meglio

Horatio

Gli inglesi abbondano sempre con qualsiasi alcolico.

Horatio

Non urlarlo, che dopo il compenso per la copia privata ormai non mi meraviglierei se lo facessero.

MasterBlatter

dipende con quale codec, con mp3 gogo-no-coda o aac del 1998 no, con aac e opus del 2018, ma anche volendo ogg vorbis e mp3 odienri ci può stare
oltre al fatto che prima 128kbps erano cbr, oggi praticamente si usa solo vbr il quale fornisce una qualità nettamente superiore

MasterBlatter

qualcuno ci sta prendendo un nobel fittizio per un errore del genere

MasterBlatter

Certo, anche “mettere su un disco” o un CD richiede energia elettrica,
ma decisamente meno rispetto a quella richiesta dalla musica in
streaming.


quindi la musica digitale non inquina, visto che non ha supporto, non richiede trasporto dal produttore al venditore, i dischi in vinile consumano molta più corrente per essere riprodotti di quanta ne consumi un lettore cd o uno mp3.
la musica streaming, consumerebbe più solo perchè deve essere ogni volta scaricata?
cosa per altro falsa visto che tutti i client salvano in locale le tracce scaricate la prima volta, ergo risulta una sovrastima elevatissima.
inoltre la musica liquida può essere anche acquistata e poi scaricata come flac o altro una singola volta, rappresentando un footprint nettamente inferiore rispetto ai cd e sopratutto rispetto al vinile.

ale

Ma anche il vinile vecchio non ha senso dal punto di vista della qualità, un file digitale ad alta risoluzione ha maggiore qualità e zero imperfezioni, al contrario dei vinile che ha un sacco di rumore dentro il segnale.

Poi uno può preferire il vinile per mille motivi, vuoi per il fatto di avere un supporto fisico da toccare con mano, vuoi per collezionare dischi, vuoi per l'esperienza del mettere su il disco e sentirlo, ma dal punto di vista della qualità della traccia, no il vinile non è migliore, questo è appurato da teoremi matematici che ci dicono che il digitale è migliore.

Fra l'altro anche il dire che i vinili vecchi erano meglio, è stato appurato che non è affatto così, ma se ci pensi è logico che al giorno d'oggi abbiamo macchinari più sofisticati per produrre dischi con tolleranze più basse. E soprattutto il fatto che i vinili siano prodotti da un master digitale è un vantaggio, piuttosto che i vinili siano prodotti da un nastro che è stato copiato N volte (ed ad ogni copia c'è una perdita di qualità).

ctretre

Con tutte quelle luci dubito siano meno problematici, quelli dei Rammstein con gli spettacoli pirotecnici saranno degli ecomostri!

Zeronegativo

Giusto un filo..

asd555

Sì ma il digitale di trent'anni fa non è quello di oggi.
Nessuna polemica, figurati, io non sono in toto contro il vinile, ma sono contro il vinile moderno che non ha senso a mio parere.
I suoni sono troppo freddi, artificiali, computerizzati, la produzione odierna non è quella di trent'anni fa, è questo che intendo.
Un digitale passato in vinile di quell'epoca suona bene... Un digitale passato in vinile di oggi suona... Inutile.

Talos

O quello dei cannoni di jovanotti

Querela!

Non ha specificato però l'impatto ambientale del suonarsi tutte le canzoni alla pianola con gli animali.

Slartibartfast

Meno male che ci sono certe mode allora...

Talos
MFTM

Io da appassionato (ho iniziato un anno fa circa con gli LP, a 19 anni, un po' tardi forse ma fa nulla) non compro nessuna ristampa, ho 9 LP tutti degli anni originali: 1993-1991-1988-1987-1986-1985-1978-1975-1971 (i nomi non li scrivo perché non mi va, se volete saperlo ve lo scrivo lol)

Comunque anche come qualità, sono poche le ristampe fatte bene: normalmente sono quelle ristampate dalle etichette discografiche che prendono i master originali e li riversano senza fare modifiche o comunque risolvono giusto qualche difettuccio. E costano, molto.
Per il resto, senza polemica ovviamente asd555, la registrazione in digitale è nata negli anni 80, pensa che i Dire Straits registrarono un loro disco del 1980 - Private Investigation se non erro - in digitale!
Comunque se una registrazione è fatta bene ma anche il master, produzione, mixaggio e stampaggio, a prescindere dal formato con cui si ascolta, si ascolterà bene (Impianto Hi-Fi permettendo)!

Io per non fare torto a nessuno farò un impianto Hi-Fi con giradischi, amplificatore, cassette e lettore CD! :)

Un saluto

sudo apt-get install humor ®

Informati su cosa sputano in atmosfera le navi e gli aerei.
Comunque, se volevi ridurre ulteriormente la tua impronta ecologica potevi evitare di rispondere.
La verità è che oggi quella “green” è una moda, e spesso chi abbraccia questa filosofia è tutt’altro che verde.
Non mi stupirei se questo studio fosse stato commissionato per un qualche motivo commerciale

Slartibartfast

Tecnicamente su YouTube è a 160kbps in opus. Solo per video HD però, credo.

Slartibartfast

Il tuo commento ha 0 (zero) senso.
Il numero di persone che va in crociera o prende l'aereo in un giorno è piccolissimo rispetto a chi ascolta musica.
È anche se così non fosse, io in crociera non ci vado e quindi mi interessa sapere come ridurre la mia impronta ecologica in base a quello che faccio io, quotidianamente. Chissenefrega di quello che fanno gli altri.

AndreaP

Secondo me cantare le canzoni anziché ascoltarle ha un impatto ambientale ancora più basso.

asd555

No ero sarcastico, motivato per niente! Che, ti bannano per aver fatto una battuta su un possibile errore che poi alla fine errore non era? Un'esagerazione senza senso.

Scemo 2.0

Motivato si ma motivo del c#zzo lol, ti auguro una buona serata :)

Ikaro

Scusate ma del vinile non si tiene dei costi elettrici dell'impianto ma solo della produzione e, per stessa ammissione dell'articolo, del packaging e soprattutto della logistica, della musica in streaming
Non si tiene conto che si può scaricare in locale e che esiste una cache che dura parecchie ore, non è che riscarica il brano ogni volta...a me sembra un po' di parte lo studio...

asd555

Un ban motivato insomma... Mah.
Io ho lanciato i peggio insulti agli utenti, mai un intervento! AHAHAH! Da un estremo all'altro, boh! Mi dispiace!

deepdark

Tra l'altro dicono solo i watt e non la co2 consumata. E ormai moltissime farm server utilizzano energia verde.

asd555

Ma infatti in certi contesti il vinile ha senso, per carità.
Ma come ho detto, il vinile moderno non ha senso.
Come quando una band tira fuori un disco, la versione in vinile costa 40 € e chiaramente hanno tutto registrato in digitale riversato poi su vinile in analogico.
Nonsense totale.

Scemo 2.0

Ho un profilo pubblico ora, cerca il mio primo commento nel mio profilo :)

asd555

Come hai fatto a farti bannare?

sudo apt-get install humor ®
Riccardo

lo stesso io, anche se mi manca nannucci :) ho comprato quasi tutta la mia libreria li.

Luca Lindholm

lol

Account Anniversario

Quanto costa portarsi dietro il grammofono? LoL.

Federico Dina

Il vinile ha un suo fascino, non
Quando appoggi la puntina e frigge prima di iniziare la traccia......mi manca, oggi

sudo apt-get install humor ®
Luca Lindholm

Ah, ovvio.

Io spesso vado su Discogs a comprare qualcosa che non è stato ristampato in CD/online.

;D

Luca Lindholm

Usare gli LP è obbligatorio nei confronti di tutti quei dischi che non sono mai stati nemmeno ristampati come CD negli anni ‘90.

Io ne so qualcosa, visto che, per avere la versione in alta fedeltà delle canzoni degli anni ‘70-‘80 di molti artisti, devo andare spesso su Discogs... perché i produttori pensano solo ai rapper falliti di oggi.

Scemo 2.0

Io ho ancora la mia collezione di CD, ogni tanto ne compro ancora e me ne sbatto altamente di questi studi

sudo apt-get install humor ®

Non c’è solo quella prodotta oggi... io ho una stanza piena di vinili e di CD

sudo apt-get install humor ®

... e meno male non hanno studiato l’impatto dei tour live...
Mi meraviglio che un’università pubblica sovvenzioni ‘ste str0nzate

Luca Lindholm

Tanto, con la “musica” che viene prodotta oggi...

sudo apt-get install humor ®

Ma basta!
C’è gente che prende l’aereo tutte le settimane e chi si fa almeno due crociere all’anno e questi si fanno le seghe su quale tipo di ascolto “inquina” di più???
Metteteci la tassa ecologica pure sulla musica così ci spariamo subito e non ne parliamo più...

Mongomeri

In più, evitando accuratamente di conteggiare il trasporto dei supporti fisici xD

Sterium

va be le custodie dei cd le poi riciclare per stendere la bamba!

OlioDiCozza

Che bella la vita nelle università, venire pagati bene per fare studi completamente inutili e poi viaggiare per il mondo a presentarli.

deepdark

Mettere tutto il consumo di un server per ascoltare un singolo brano la dice lunga sulla serietà della ricerca.

Scemo 2.0

Scaricare la musica a 128kbps è la scelta più ecologica, lo garantiscono gli audiofili di YouTube

Norman Tyler

non se ne pò pppiù de ste vaccate

Recensione TV Sony KD-65AF9: OLED e Android TV ai massimi livelli

Recensione TV Ultra HD Sony KD-65ZF9 Dolby Vision: Android TV finalmente vola

LG UltraWide e UltraGear: nuovi monitor per produttività e gaming | Video Anteprima

Recensione proiettore BenQ TK800, Ultra HD e HDR luminoso per l'intrattenimento